11° Rally Campagnolo Michelin Historic Rally Cup 2015

0
Download PDF

All’11° Rally Campagnolo Michelin Historic Rally Cup Grandi numeri e grandi prestazioni.

La Serie proposta dalla Michelin ha raggiunto quota 38 iscritti, 23 dei quali al Campagnolo. Il migliore dei gommati Michelin è ancora una volta Nicholas Montini. Grandi prestazioni di Tiziano Nerobutto e Federico Ormezzano. Spettacolo e delusione da Sergio Mano e “l’ospite speciale” Mario Cravero. Prossimo appuntamento a metà maggio al Memorial Conrero.

GS07_MichelinCupCampagnolo2015Rovere002ISOLA VICENTINA (VI) – Cresce a passo di corsa l’edizione 2015 della Michelin Historic Rally Cup che, al traguardo del Rally Campagnolo, ha raggiunto il ragguardevole traguardo dei 38 iscritti, non tutti presenti alla gara vicentina. Sono infatti 23 i concorrenti iscritti alla coppa indetta dal Costruttore francese di pneumatici, oltre all’ospite d’onore Mario Cravero, responsabile di Area Gomme, l’azienda che distribuisce gli pneumatici Michelin per le competizioni storiche e gestisce la Michelin Historic Rally Cup.

GS07_MichelinCupCampagnolo2015Rovere003Il migliore dei concorrenti della Michelin Historic Rally Cup a Isola Vicentina è stato Nicholas Montini, affiancato da Romano Belfiore, Porsche 911, quarto assoluto, ma sempre in lotta per tutta la durata della gara per un posto sul podio, mancato per appena 10”, ed autore del miglior tempo nella prova in discesa Recoaro 1000-2. “Il giovane Montini è stato protagonista di una delle sue classiche gare; veloce e costante fin dalle prime battute, sempre concentrato e senza la minima sbavatura, nonostante la gara vicentina presentasse notevoli insidie per il fondo viscido e la nebbia che ha stazionato sulle prove speciali per tutto il rally”, commenta Cravero. Seconda piazza nella Michelin Historic Rally Cup per Federico “tramezzino” Ormezzano e Betty Tognana, che hanno conquistato il sesto posto assoluto ed il primato nel Terzo Raggruppamento con una gara fantastica. “È doveroso sottolineare che Ormezzano dispone di una Talbot Sunbeam Lotus, una vettura che paga un pesante debito di cavalli e di assetto nei confronti delle Porsche e della Lancia Rally. La grandissima prestazione di Ormezzano, quarto assoluto, nella prova di Recoaro in discesa, speciale in cui conta più la guida della potenza del motore, dimostra le qualità del grande campione che è stato ed è tutt’ora Federico Ormezzano”, sottolinea Cravero. Immediatamente dietro, a soli 5”4 da Ormezzano, ci sono Roberto Montini-Erika Zoanni, Porsche 911 SC, che hanno pagato pegno nella prova di Torreselle del venerdì sera (38° tempo assoluto), disputata alla luce dei fari e gravata da una fitta nebbia. Il sabato Montini senior si è rimboccato le maniche e rimonta posizioni fino a lottare porta a porta con Ormezzano e Tiziano Nerobutto, chiudendo al settimo posto nella graduatoria finale del rally.

GS07_MichelinCupCampagnolo2015Rovere004E proprio Tiziano Nerobutto, con alle note il novarese Luigi Cavagnetto, è stato uno dei grandi protagonisti dell’11° Rally Campagnolo. Il portacolori del Team Bassano si è presentato al via dell’ultima prova speciale, Valle-2, in sesta posizione assoluta davanti ad Ormezzano e Roberto Montini. In questa prova, affrontando un tornante, il freno a mano della sua Golf GTI ha fatto cilecca, costringendo Nerobutto ad allungare la traiettoria e fare manovra per riprendere il giusto verso della speciale. Questa manovra è costata al pilota trentino due posizioni nella classifica assoluta, dove ha chiuso ottavo assoluto, terzo Terzo Raggruppamento (che avrebbe vinto senza la disavventura finale) e primo della sua classe, ad un soffio dai due concorrenti che lo precedono: 5”5 da Ormezzano ed appena 1/10 da Roberto Montini, molto meno di quanto perso nel “dritto” della speciale di Valle. E a riconoscere il valore di Nerobutto è proprio lo sportivissimo Federico Ormezzano, che sul palco delle premiazioni ha ceduto al pilota della Golf la coppa del vincitore del Terzo Raggruppamento. Chapeau.

GS07_MichelinCupCampagnolo2015Rovere005Puntavano a migliorare il quarto posto della scorsa edizione del Campagnolo i vicentini di Gambugliano Paolo e Giulio Nodari, quinti nella Michelin Historic Rally Cup, fermati nella loro cavalcata da una foratura, provocata da un’escursione in un “taglio” con conseguente rottura di una sospensione posteriore della loro Porsche 911 SC sulla Passo Xomo-2, e dal problema ai freni nei due passaggi in discesa a Recoaro. Peccato, perché i due vicentini si erano presentati con un ottimo terzo tempo assoluto sulla Torreselle notturna del venerdì sera. Sesta posizione nella serie Michelin Historic Rally Cup per Marco Savioli-Alessandro Failla, che hanno conquistato il successo nel Primo Raggruppamento con la loro BMW 2002 Ti. Dopo una partenza difficile venerdì sera (51esimi assoluti ed ultimi di raggruppamento) nella prova di Torreselle, su fondo estremamente viscido immerso nella nebbia, l’equipaggio siciliano nelle prove del sabato riprende di buon ritmo, senza forzare troppo per assicurarsi il successo di raggruppamento, che gli vale l’en plein di categoria nel primo girone della Michelin Historic Rally Cup, bissando la vittoria del Vallate Aretine. A seguire un altro equipaggio siciliano, quello formato da Francesco Ospedale-Giorgio Genovese, protagonisti di una gara accorta con la loro Volkswagen Golf GTI, che consente ai portacolori della Scaligera Rallye di mantenere il comando di Terzo Raggruppamento della Michelin Historic Rally Cup. Ad appena 5”3 da Ospedale-Genovese chiude il sempre verde Rino Righi, con Mauro Iacolutti sul sedile di destra della sua Ford Escort RS 2000, che vede il traguardo di Isola Vicentina riscattando la delusione del ritiro per guasto meccanico ad Arezzo, vincendo la classe M3 della Michelin Historic Rally Cup. Seguono Luigi Alberti-Margherita Gregori, all’esordio stagionale nella Michelin Historic Rally Cup, di cui sono stati protagonisti lo scorso anno, quindi il gentleman driver Giovanni Recordati, navigato da Marco Di Marco, divertiti e soddisfatti della loro gara. La necessità di raccogliere punti per la Michelin Historic Rally Cup dopo il successo di classe di Arezzo ha spinto Massimo Giudicelli e Laura Cragnaz ad una gara tattica che consente al pilota della Golf GTI di mantenere la seconda piazza in Classe M2. Chiude la striscia dei classificati la Fiat 124 Abarth di Claudio Arena-Carlo D’Agostino, afflitti da problemi meccanici per tutta la gara e gravati da una pesante penalizzazione di oltre 2 minuti. Nonostante ciò, i portacolori della Scaligera Rallye hanno stretto i denti e portato la loro Fiat 124 Abarth sul palco finale di Isola Vicentina.

GS07_MichelinCupCampagnolo2015Rovere006Una menzione particolare per Sergio Mano, affiancato da Matteo Barbero, la cui 131 Abarth ha sofferto di noie elettriche per tutto il corso della gara, al punto che l’equipaggio albese era ultimo assoluto, ma ancora in gara, fino al Controllo Orario alla fine dell’ultima prova speciale, dove la 131 Abarth si è definitamente spenta, costringendo Mano-Barbero ad un rabbioso abbandono. Ritiro anche per la guest star Mario Cravero, affiancato da Oddino Ricca con la piccola Fiat 128 Coupé, che si è presentato con uno strepitoso decimo tempo assoluto nella prova del venerdì sera su asfalto bagnato ed insidioso per la pesante nebbia. Sabato ancora un paio di ottime prestazioni prima della rottura della pompa dei freni, che ha consigliato al “baffo” Cravero un ritiro anticipato. “Affrontare Recoaro in discesa con il solo freno a mano sarebbe stata una pazzia. Nonostante il ritiro, sono molto più soddisfatto dello scorso anno. Finalmente sono stato competitivo e mi sono divertito molto di più del 2014, quando ho visto il traguardo, ma soffrendo per tutta la gara.

Fermi tutti gli altri equipaggi iscritti alla Michelin Historic Rally Cup presenti al Rally Campagnolo. Per tutti l’appuntamento è con il Memorial Conrero, a Quincinetto (TO), il 15-16 maggio.

La classifica della Michelin Historic Rally Cup comincia ad assumere una fisionomia precisa. Alla seconda gara Marco Savioli e Nicholas Montini hanno fatto l’en plein nel Primo e Secondo Raggruppamento (il regolamento della Coppa prevede due risultati utili su tre per ognuno dei due gironi), mentre nel Terzo Raggruppamento Francesco Ospedale mantiene il comando seppur avvicinato da Federico Ormezzano.

La classifica della Michelin Historic Rally Cup (dopo due delle sei gare)

1° Raggruppamento: 1. Alberto Savioli, 50 punti; 2. Antonio Parisi, 18.

2° Raggruppamento: 1. Nicholas Montini, 50 punti; 3. Riccardo De Bellis e Rino Righi, 18; 5. Adriano Salvi e Claudio Arena, 15; 7. Gigi Capsoni, Giampaolo Basso, Agostino Iccolti, Luca Prina Mello, Ermanno Caporale, 0.

3° Raggruppamento: Francesco Ospedale, 35 punti; 2. Federico Ormezzano, 25; 3. Massimo Giudicelli, 22; 4. Giovanni Recordati, 21; 5. Roberto Montini, 18; 6. Tiziano Nerobutto, 15; 7. Paolo Nodari, 12; 8. Luigi Alberti, 8; Piergiorgio Barsanti, Sergio Mano, Pietro Tirone, Fulvio Astesana, Vinicio Bertocco, Alessandro Fontana, Nicola Benetton, 0.

Classe M1: 1 Nicola Benetton, 0  punti.

Classe M2: 1 Francesco Ospedale, 43 punti; 2. Massimo Giudicelli, 33; 3. Tiziano Nerobutto, 25; 4. Luigi Capsoni, Vinicio Bertocco, Ermanno Caporale, 0.
Classe M3: 1. Adriano Salvi e Rino Righi, 25 punti; 3. Claudio Arena 18; 4. Piergiorgio Barsanti, Luca Prina Mello, 0.
Classe M4: 1 Federico Ormezzano, 25 punti; 2. Sergio Mano e Fulvio Astesana, 0.
Classe M5: Nicholas Montini, 50 punti: 2. Riccardo De Bellis, 18; 3. Giampaolo Basso e Agostino Iccolti, 0.
Classe M6: Gianni Recordati, 37 punti; 2. Roberto Montini, 25; 3. Paolo Nodari; 18; 4. Luigi Alberti, 15; 5. Pietro Tirone e Alessandro Fontana, 0.

Per rendere più interessante ed avvincente la Michelin Historic Rally Cup la serie è stata divisa in due gironi e per stilare le classifiche saranno presi i due migliori risultati del Girone di Andata ed i due del Girone di Ritorno, cosicché ogni gara può diventare determinante per il successo finale.

Le sei gare della Michelin Historic Rally Cup sono divise in due gironi:

Girone andata:

2 marzo: Vallate Aretine (Arezzo)
2 maggio: Rally Campagnolo (Isola Vicentina; Vicenza)
16 maggio: Memorial Conrero (Quincinetto; Torino

Girone di Ritorno

20 giugno: Rally Lana Storico (Biella)
20 settembre: Rally Elba Storico (Marina di Campo, Livorno)
17 ottobre: Rally Valsugana (Borgo Valsugana, Trento)

La Michelin Historic Rally Cup è dotata di un montepremi di oltre 20.000 €; ai vincitori del Secondo e Terzo Raggruppamento spetterà un premio di 5000€; al vincitore del Primo Raggruppamento (costituito in classe unica) e delle sei classi in cui è suddivisa la Michelin Historic Rally Cup spetterà un premio di 1.000€; 500€ andranno al secondo classificato. I premi non sono cumulabili.

Tutte le informazioni e le immagini della Michelin Historic Rally Cup sono reperibili sul sito www.mcups.it

[su_divider top=”no” divider_color=”#d9d9d9″ link_color=”#d9d9d9″ size=”1″ margin=”40″]

ISABELLA ROVERE:

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.