Inno “Nazionale” per il Rally di Vesime 2018

Per poter avere le storiche gli organizzatori sono stati “obbligati” a cambiare la titolazione della gara che passa da Rally Day a Rally Nazionale. Fatto che permetterà di sviluppare un percorso di maggior respiro che avrà dai 60 agli 80 km cronometrati e vedrà al via anche le vetture top come le R5, R4 e S2000 assenti, per regolamento, nella scorsa edizione. Confermata la sede di partenza di Vesime, la gara si svolgerà fra sabato 19 (verifiche e Shake Down) e domenica 20 maggio (gara). Confermato il Memorial Piero Lavazza per le storiche e i Memorial Giuseppe Bertonasco e Gianni Biglino per le moderne. Anche per l’edizione 2018 saranno le storiche a scattare per prime

 

 

 

VESIME (AT) – “Non era proprio nei nostri programmi, ma ben venga il salto di qualità”. Paola Bocchino e Luca Meneghetti che guidano BMG Motor Events che per la seconda volta organizza la gara, accolgono con un sorriso il cambio di titolazione della gara della Valle Belbo e si rimboccano le maniche per organizzare nel migliore dei modi la 26esima edizione del Rally delle Valli Vesimesi, affiancata dalla seconda edizione dell’omonimo rally storico.

Avevamo messo a calendario la gara come Rally Day, ma proprio pochi giorni prima della definizione dei calendari è uscita una norma federale che prevede che i rally storici abbiano un chilometraggio di almeno 60 chilometri cronometrati; così era impossibile abbinarlo a un Rally Day che prevede un massimo di 40 km di prove speciali” spiegano gli organizzatori dell’evento.

Lo scorso anno abbiamo messo come punto fisso che la gara avrebbe avuto una sezione moderna e una storica, per tanto abbiamo cambiato seduta stante la titolazione della gara che è passata da Rally Day a Rally Nazionale Non Titolato” precisano ancora Bocchino e Meneghetti, che aggiungono: “Ogni medaglia ha il suo rovescio. Il cambio di titolazione prevede un maggiore impegno da parte nostra, ma presenta diverse facce sorridenti. Innanzi tutto avremo al via anche le vetture top come quelle della Classe R5, R4 e S2000, esclude dai Rally Day. La Titolazione Nazionale ci obbliga a ridisegnare parzialmente il format della gara che avrà il suo centro sempre a Vesime, con le verifiche e lo shake down il sabato e la gara la domenica” dice Paola Bocchino.

“Il percorso sarà ovviamente diverso, ma stiamo già esaminando i tratti di strada dei primi Rally di Vesime. Queste strade sono bellissime e c’è solo l’imbarazzo della scelta. Inoltre abbiamo già individuato una nuova area in cui ospitare il parco assistenza. Insomma questo cambio di titolazione è stato un incentivo ad anticipare quel salto di qualità che pensavamo di fare nel prossimo futuro. Insomma, è stato semplicemente uno stimolo a crescere più rapidamente, nel migliore dei modi” conclude con ottimismo Luca Meneghetti.

La 26esima edizione del Rally delle Valli Vesimesi è un Rally Nazionale non titolato che si svolgerà sabato 19 maggio (verifiche e Shake Down) e domenica 20 maggio (gara); assegnerà il secondo Memorial Giuseppe Bertonasco (sindaco di Vesime dal 1985 al 2000) e secondo Memorial Gianni Biglino (indimenticato pilota langarolo). Il secondo Valli Vesimesi Historic Rally assegnerà il Memorial Piero Lavazza (preparatore) e si svolgerà precedendo il rally moderno sulle stesse prove speciali. Il chilometraggio delle prove speciali sarà compreso fra i 60 e gli 80 km cronometrate. Le vetture storiche saranno le prime a partire. Le iscrizioni apriranno giovedì 19 aprile.

A Los Angeles Jaguar presenta la berlina più veloce al mondo

La Jaguar XE SV Project 8 ferma il cronometro a 7 minuti e 21,2 secondi, facendo registrare il miglior tempo per una berlina quattro porte sul leggendario circuito tedesco del Nürburgring. La vettura del record in mostra nello stand Jaguar Land Rover al Los Angeles International Auto Show. La Jaguar stradale più estrema di sempre è equipaggiata con un motore 5.0 V8 sovralimentato da 600 CV che le consente di accelerare da 0 a 100 km/h in 3”7 secondi e di raggiungere una velocità massima di oltre 320 km/h. Jaguar presenta il Rahal Letterman Lanigan Racing, il primo team dell’I-PACE eTROPHY. A Los Angeles fa il suo debutto statunitense la E-PACE, il nuovo compact SUV Jaguar ad alte prestazioni. Debutto anche per la nuova e potente ammiraglia XJR575 e per la spaziosa e affascinante XF Sportbrake

 

LOS ANGELES (California, USA), 29 novembre 2017 – La più veloce vettura quattro porte del mondo è passata dai libri dei record allo stand Jaguar Land Rover del LA Auto Show. La Jaguar XE SV Project 8 ha stabilito un nuovo record per una berlina quattro porte di produzione sul tracciato del Nürburgring Nordschleife. Il tempo di 7 minuti e 21,2 secondi ottenuto dal pilota Vincent Radermecker, è di 11 secondi inferiore rispetto a quello fatto registrare da altre berline sul leggendario circuito tedesco, lungo oltre 20 chilometri. La Project 8 è la Jaguar stradale più estrema mai costruita. Il suo motore 5.0 litri V8 sovralimentato che sviluppa 600 CV, le consente di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi e di raggiungere una velocità massima stimata di oltre 320 km/h.

John Edwards, Managing Director della Divisione Jaguar Land Rover Special Operations, ha dichiarato: “La divisione SVO è stata creata per spingersi al limite in termini di prestazioni, lusso e capacità all-terrain. La XE SV Project 8, che viene assemblata a mano, porta questo principio al massimo livello, grazie alle sue incredibili prestazioni. Il record al Nürburgring Nordschleife sottolinea la nostra volontà di consegnare ai clienti Project 8 la Jaguar più estrema di sempre e presto potranno provare  di persona questa sensazionale berlina”. L’incredibile tempo sul giro posiziona la Jaguar XE SV Project 8 davanti ad alcune delle più veloci coupé e supercar che hanno percorso questo famoso circuito, noto anche con il soprannome di “The Green Hell”, l’inferno verde.

Con la versione più elaborata del propulsore 5,0 litri V8 sovralimentato di Jaguar Land Rover sotto il suo cofano ventilato in fibra di carbonio, la Project 8 è la seconda vettura Collectors Edition della divisione SVO. L’assemblaggio manuale di queste auto destinate ai clienti di tutto il mondo, inizierà presso il Technical Centre SVO di Coventry, nel Regno Unito, all’inizio del 2018. Verranno realizzati solamente 300 esemplari, disponibili nella versione quattro posti o nella variante Track Pack due posti opzionale.

In questa occasione, Jaguar Racing ha anche presentato il primo team ufficiale dell’I-PACE eTROPHY. Il Rahal Letterman Lanigan Racing, guidato dal Team Principal Bobby Rahal, tre volte campione delle IndyCar e vincitore della 500 Miglia di Indianapolis, entrerà a far parte del primo campionato riservato alle auto elettriche di serie che partirà a dicembre 2018.  Il Jaguar I-PACE eTROPHY è un trofeo che affiancherà il Campionato FIA Formula E e sarà il primo costituito da veicoli elettrici di serie alimentati a batteria. Le gare si svolgeranno lo stesso weekend e sugli stessi circuiti cittadini della Formula E, per tutta la stagione 2018 – 2019. Il trofeo sarà riservato esclusivamente a 20 Jaguar I-PACE eTROPHY da corsa e consentirà ai team di mostrare il proprio talento e le proprie performance di guida, gareggiando a livello mondiale in una serie di competizioni a zero emissioni.

Al LA Auto Show faranno il loro debutto nordamericano anche la E-PACE, il nuovo compact SUV di Jaguar, la potente ammiraglia XJR575 e l’affascinante quanto spaziosa XF Sportbrake.

La nuova E-PACE è una vera auto del 21° secolo: connessa, moderna, pratica e assolutamente coinvolgente da guidare. In vendita fin da subito, è una vettura bella da vedere, divertente da conoscere, con un’anima e un’integrità tipicamente Jaguar. Il suo lancio ufficiale, avvenuto all’inizio di quest’anno, è stato caratterizzato da uno spettacolare record mondiale, con il più lungo avvitamento mai effettuato da una vettura di produzione.

La XF Sportbrake consente a Jaguar di ritornare nel segmento delle premium wagon, grazie alla sua combinazione tra stile, dinamicità di guida e avanzate tecnologie, che la rendono una protagonista assoluta: la compagna ideale per tutti quei clienti dallo stile di vita attivo. Entrambi i modelli sono disponibili con i nuovi, puliti ed efficienti motori Ingenium, sia diesel e sia benzina.

La XJR575 è la nuova ammiraglia ad alte prestazioni, dotata di ben 575 CV di potenza che le consentono di arrivare a 100 km/h in soli 4,4 secondi. Il suo propulsore Jaguar Land Rover 5.0 litri V8 sovralimentato eroga una coppia di 700 Nm, in grado di assicurare potenti e lineari accelerazioni.

Queste vetture, caratterizzate da tecnologie di prossima generazione e dal meglio del design britannico, erano in esposizione presso il LA Convention Center dall’1 a 10 dicembre.

Jaguar. Per 80 anni lo stile elegante e le prestazioni mozzafiato delle vetture Jaguar hanno entusiasmato e deliziato tutto il mondo. L’attuale famiglia di vetture Jaguar incarna la filosofia The Art of Performance e nel 2018 crescerà ancora con l’I-PACE, il SUV elettrico ad alte prestazioni, che si affiancherà alle pluripremiate berline XE, XF e XJ, alla spettacolare sportiva F-TYPE, al performante SUV F-PACE, la Jaguar venduta più velocemente di sempre e alla nuova E-PACE, il SUV compatto ad alte prestazioni.

Giro record al Nürburgring Nordschleife della Jaguar XE SV Project 8: la berlina quattro porte più veloce al mondo

La Jaguar XE SV Project 8 da 600 CV ha girato al Nürburgring Nordschleife in 7minuti e 21,2 secondi, il giro in assoluto più veloce mai effettuato da una berlina quattro porte di produzione. La Jaguar più estrema di sempre, progettata, ingegnerizzata e assemblata a mano dalla divisione SVO, è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi e di raggiungere una velocità massima di oltre 320 km/h. Il video del giro record effettuato dalla XE SV Project 8 in 7 minuti e 21, 2 secondi al Nürburgring Nordschleife è disponibile a questo link: https://youtu.be/YliARg8GQ8w. Solo 300 gli esemplari disponibili in tutto il mondo, con un prezzo di circa 170.000 €. Sul sito www.jaguar.com/about-jaguar/special-vehicle-operations/project-8.html è possibile manifestare il proprio interesse per la vettura

ADENAU (Germania) 29 novembre 2017 – Grazie a un giro da record effettuato al Nürburgring Nordschleife, la Jaguar XE SV Project 8, sviluppata dalla divisione SVO, è ora la vettura quattro porte più veloce del mondo. L’incredibile tempo registrato di 7 minuti e 21,2 secondi è di quasi 11 secondi inferiore rispetto al precedente record effettuato sul leggendario circuito tedesco, lungo oltre 20 chilometri. La XE SV Project 8 da 600 CV ha girato più velocemente di alcune delle coupé e delle supercar più veloci  al  mondo.

Mark Stanton, SVO Director, ha dichiarato: “La missione dei progettisti e degli ingegneri della SVO era di creare la Jaguar stradale più orientata alla pista di sempre, non solo in termini di velocità ma anche di agilità. Per questo, solo il rivestimento del tetto e delle portiere è rimasto inalterato rispetto alla XE di serie mentre il 75% della sua meccanica è completamente nuovo. Questo incredibile record al Nürburgring Nordschleife convalida il successo di tali estesi  cambiamenti.”

John Edwards, Jaguar Land Rover Special Operations Managing Director, ha aggiunto: “La divisione SVO è stata creata per spingersi al limite in termini di prestazioni, lusso e capacità all-terrain. La XE SV Project 8, che viene assemblata a mano, porta questo principio al massimo livello, grazie alle prestazioni raggiunte da questa compatta berlina quattro porte. Il record al Nürburgring Nordschleife sottolinea la nostra volontà di consegnare ai clienti Project 8 la Jaguar più estrema di sempre e presto potranno provare questa sensazionale berlina in prima persona.”

Special Vehicle Operations – SVO. La divisione Special Vehicle Operations (SVO) è un team specializzato di progettisti, ingegneri e tecnici Jaguar Land Rover specializzati nel miglioramento delle prestazioni, del lusso e delle capacità dei veicoli Jaguar e Land Rover.

 

 

 

 

 

Trofeo Franci Milano e Circuito della Superba per il Veteran Car Club Ligure

GENOVA – Massiccia partecipazione nell’arco dell’anno alle manifestazioni organizzate, con passione e sapienza dal Veteran Car Club Ligure. Ad almeno una manifestazione hanno preso parte ben 136 equipaggi rispetto agli 84 dello scorso anno. E tutto questo fa ben sperare per il futuro del club genovese. Come sempre per stilare la classifica del Trofeo Franci Milano, in ricordo del presidente scomparso improvvisamente una decina di anni fa, sono stati presi in considerazione tutti gli appuntamenti del 2017.  Quest’anno sì è aggiudicato il prestigioso Trofeo Edoardo Venturoli, nuovo socio del club ligure e presente a tutti gli eventi al volante della sua Ardea del 1952. Al secondo posto si sono piazzati Gian Paolo Billi, Carlo Guastavigna e Marcello Spina; terzo Ermanno Meletti.  La premiazione si è svolta durante la cena di Natale ospitata il 18 dicembre alla Motonautica di Genova.

L’occasione è stata propizia anche per presentare la stagione 2018 il cui fiore all’occhiello è la 15° edizione del Circuito della Superba. La manifestazione riservata alle auto storiche ASI ante guerra si svolgerà l’11 – 12 e 13 maggio 2018. Vi potranno partecipare un massimo di cinquanta vetture, tutte selezionate dagli esperti del club genovese. Ricco e spettacolare il programma che prenderà avvio il venerdì con l’arrivo a Genova delle old cars. Nel pomeriggio la carovana storica si dirigerà nel ponente alla scoperta delle bellezze e delle tradizioni liguri.  Per la giornata di sabato è prevista una sorpresa nel cuore del capoluogo ligure mentre alla sera la cena sarà ospitata presso la spettacolare ed elegante Terrazza Colombo sita sul grattacielo più alto di Genova. Domenica appuntamento in Corso Italia, la strada a mare da sempre amata dai genovesi, che per l’occasione farà un tuffo nel passato ospitando il carosello ricco di fascino e amarcord a quattro ruote. Con strada chiusa al traffico veicolare, le auto storiche si affronteranno su quel circuito cittadino un tempo spettacolare palcoscenico di memorabili sfide a quattro ruote. La manifestazione si concluderà con il pranzo e la premiazione ospitati al Park Hotel di Corso Italia.

Info e iscrizioni tel. 345 2120980 www.vccligure.com

La Jaguar E-Pace ottiene le cinque stelle nei test Euro NCAP

La nuova Jaguar E-PACE offre ai propri clienti una sicurezza certificata dalle cinque stelle ottenute nei test Euro NCAP. I punteggi più elevati sono stati raggiunti nella protezione di occupanti adulti e bambini così come dei pedoni. Il primo compact SUV di Jaguar vanta un’avanzata tecnologia di assistenza alla guida che comprende l’Emergency Braking con Pedestrian Detection, il Lane Keep Assist e il Driver Condition Monitor. La valutazione cinque stelle sulla sicurezza si combina con eccellenti valori residui e prezzo di partenza di 36.800 Euro che rendono la nuova Jaguar ancora più accattivante.

BRUXELLES (Belgio), 29 novembre 2017 – La nuova Jaguar E-PACE ha ottenuto le cinque stelle nei test Euro NCAP, confermando che questa vettura tanto attesa è anche tra le più sicure del mercato. Il primo compact SUV di Jaguar ha fatto registrare un elevato punteggio per quanto riguarda la protezione interna, con l’86% per gli adulti e l’87% per i bambini. Ottimo anche il punteggio di 77% raggiunto nella protezione per i pedoni. La E-PACE ha ottenuto la massima valutazione nella protezione laterale così come nei test frontali e laterali per la sicurezza dei bambini. Nei test per i pedoni, la E-PACE ha ottenuto un punteggio molto alto soprattutto nella protezione della testa in caso di collisione. La E-PACE è equipaggiata di serie con una completa suite di sistemi di sicurezza che comprendono anche l’Emergency Braking con Pedestrian Detection. Questa avanzata tecnologia è in grado di rilevare anticipatamente il rischio di collisione con una vettura o un pedone e frenare automaticamente l’auto.

“La sicurezza è uno dei nostri principi fondamentali e siamo molto felici che Jaguar E-PACE abbia ottenuto le cinque stelle nei test Euro NCAP. Questa vettura porterà nuovi clienti al marchio Jaguar, in modo particolare giovani famiglie e quindi la sicurezza deve essere per noi una priorità assoluta. Il suo fantastico design e le sue eccellenti dinamiche di guida la rendono una Jaguar decisamente moderna.”

Nick Rogers, Director Group Engineering, Jaguar Land Rover

Grazie ai sistemi di sicurezza attivi e passivi, la E-PACE aiuta a prevenire gli incidenti garantendo al contempo la massima sicurezza per gli occupanti in caso di collisione.

Gli avanzati sistemi di assistenza alla guida della Jaguar E-PACE comprendono:

  • Autonomous Emergency Braking con Pedestrian Detection: emette un avvertimento sonoro e se il guidatore non agisce, innesca la frenata per ridurre l’entità della collisione o per evitarla del tutto
  • Fari LED a Matrice Laser: utilizza l’Intelligent High Beam Assist (IHBA) e l’Adaptive Front Lighting (AFL) per dividere il fascio principale in impercettibili fasce verticali che massimizzano la luce e proiettano un’ombra sui veicoli in avvicinamento per evitarne l’abbagliamento
  • Lane Keep Assist: rileva l’involontario abbandono della corsia e applica contromisure correttive per mantenere la vettura in carreggiata
  • Driver Condition Monitor: rileva l’affaticamento del guidatore monitorando gli input dello sterzo, dei freni e dell’acceleratore ed emettendo avvisi in caso di stanchezza rilevata
  • Adaptive Cruise Control con Queue Assist: riduce automaticamente la velocità in caso di rallentamento del veicolo che precede e, una volta terminata la coda, ripristina automaticamente la velocità impostata
  • Pedestrian Airbag: apre un airbag esterno in caso di collisione per proteggere i pedoni e i ciclisti dal contatto con il cofano e il parabrezza
  • Reverse Traffic Monitor: avvisa il guidatore di veicoli, pedoni o altri potenziali pericoli in avvicinamento ai lati della vettura, emettendo segnali visivi e acustici
  • Blind Spot Assist: avvisa il guidatore con una spia lampeggiante di veicoli presenti o in avvicinamento nel punto cieco e guida la vettura in modo sicuro in caso di cambio di carreggiata

Per Eurocargo Rally Raid Team la prima prova africana fa già selezione all’Africa Eco Race

Bivacco di Dar Kaoura 02/01/2018 ore 20.35 ora locale. Nella tappa odierna di 639 km, con 92 km di tratto cronometrato, l’Eurocargo Rally Raid Team ha potuto mettere alla prova il piccolo Eurocargo  140E24WS che non ha avuto particolari problemi tecnici portando a conclusione la prova speciale. Prova di fatto molto veloce che ha visto il nostro equipaggio concludere in 29^ posizione assoluta nella classifica Auto e Camion,  un ottimo risultato visti gli avversari presenti in gara con veicoli molto adatti a prove veloci come questa. Al bivacco Beppe Simonato ci ha detto che, tranne un piccolo problema all’impianto frenate prontamente risolto dopo il tratto cronometrato, verso la fine della  prova speciale abbiamo raggiunto i due equipaggi davanti a noi e nell’insieme delle cose siamo soddisfatti.

La tappa di domani, anche se nell’insieme è più corta con soli 478 km complessivi, ci porterà su una speciale di 443 km con i primi passaggi sulle dune e dove si noteranno le differenze tecniche tra i mezzi in gara.

  • Mercoledì 3 gennaio 2018 Tappa 2: Dar Kaoura-Agdal: 478 km
  • Trasferimento : Dar Kaoura / Merzouga: 28 km
  • Prova Speciale: Merzouga-Foum Zguid: 443 km
  • Trasferimento: Foum Zguid / Agdal: 7 km
  • La partenza di questa prima vera prova speciale è un vero palcoscenico africano, ai piedi dell’Erg Chebbi, meglio conosciuto con il nome di “Dune di Merzouga”.

Una traversata ben nota in Marocco e piuttosto facile. Eppure ogni anno alcuni concorrenti si trovano in situazioni critiche. Questa speciale rifletterà tutte le sfaccettature del Marocco, dai fuori pista agli  attraversamenti delle dune e con belle piste veloci . Da non dimenticare i pendii molto ripidi, alcuni dei quali sono vietati al turismo. In totale, i partecipanti avranno non meno di sette attraversamenti di zone con delle dune da effettuare, l’ultimo dei quali comprende una zona di circa trenta chilometri. Alla fine della seconda tappa piuttosto ricca e piena di emozioni , c’è una pista rocciosa che li porterà a Foum Zguid per un meritato riposo. I due punti chiave che segneranno questa tappa sono le zone di Draa Oued e di Chegaga Erg che in questo periodo dell’anno sono particolarmente difficili.

Nel 2018 aumento del costo RC per quasi 1,6 milioni di automobilisti

A dicembre i prezzi RC sono scesi del 2,8%. Il 4,22% degli automobilisti è stato responsabile di un incidente con colpa che farà scattare l’aumento dell’assicurazione. In Umbria, Liguria e Toscana le percentuali più alte

MILANO, gennaio 2018. Nell’ultimo mese il costo medio dei premi RC auto in Italia si è ridotto del 2,8% arrivando a 562.87 euro, ma secondo le stime di Facile.it sono circa 1,6 milioni gli automobilisti che, a causa di uno o più sinistri con colpa, vedranno comunque peggiorare nel 2018 la loro classe di merito, con relativo aumento del costo dell’RC auto. Il dato è stato calcolato da Facile.it (https://www.facile.it/assicurazioni.html) che, analizzando oltre 500.000 preventivi di rinnovo della copertura RC richiesti a dicembre 2017 tramite il sito, ha evidenziato come il 4,22% degli utenti abbia dichiarato di essere stato responsabile di un sinistro nel corso del 2017.

Le differenze territoriali. Analizzando il campione di riferimento su base geografica, emergono importanti differenze lungo lo Stivale e ben 11 regioni hanno un valore più alto della media nazionale. A guidare la classifica è l’Umbria che, con il 6,22%, ha registrato la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro che farà scattare l’aumento delle tariffe RC auto. Seguono la Liguria, con il 5,67% e la Toscana, con il 5,48%. Guardando la graduatoria nel senso opposto, è il Molise a registrare il valore più basso, solo l’1,53%, seguita dalla Calabria, 1,66% e dalla Puglia 2,45%. Se si confrontano i dati attuali con quelli registrati lo scorso anno si nota come in alcune aree del Paese sia diminuita drasticamente la percentuale di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione incidenti con responsabilità unica o principale. La riduzione più importante ha riguardato la Valle d’Aosta, dove il valore è passato da 5,13% di fine 2016 al 2,70% di fine 2017 (-2,43 punti percentuali), seguita dalla Calabria, che ha visto una riduzione di 1,05 punti percentuali. Risulta essere proprio l’Umbria, invece, l’area che ha visto il maggiore aumento della percentuale di automobilisti che hanno presentato denunce; + 1,59 punti rispetto alla precedente rilevazione.

Le professioni. Analizzando più da vicino il campione preso in esame, la prima differenza che emerge è legata al sesso dell’automobilista; sarà il 4,77% delle guidatrici a vedere un aumento della propria classe di merito, mentre per gli uomini la percentuale si ferma al 3,89%.

Dati interessanti emergono anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo; medici, infermieri e operatori sanitari si confermano la categorie professionali che in percentuale maggiore denunciano sinistri con colpa e, tra i camici bianchi, il 5,03% vedrà un peggioramento della classe di merito. Situazione solo di poco migliore per i pensionati (4,99%) e per gli insegnanti (4,98%). Sul versante opposto, sono ecclesiastici e appartenenti alle forze dell’ordine ad aver fatto meno spesso ricorso alla compagnia assicurativa; rispettivamente solo il 2,58% ed il 2,79% ha denunciato un incidente con colpa.

 

Oltre 7.200 visitatori al Museo Nazionale dell’Automobile tra domenica 24 e domenica 31 dicembre 2017

TORINO – Ottima affluenza al Museo Nazionale dell’Automobile di Torino nei giorni di festa: da domenica 24 dicembre a domenica 31 dicembre 2017 i visitatori sono stati 7.200, con un piccolo incremento rispetto allo scorso anno in cui i visitatori furono 5.400. Molti turisti stranieri e tantissimi dalle Langhe hanno visitato la splendida collezione permanente del museo, con un buon riscontro per HIT PARADE 2016/2017, la seconda edizione della mostra organizzata in collaborazione con Paratissima, aperta al pubblico fino a domenica 21 gennaio 2018.  

Con questo dato si chiude un anno positivo per il MAUTO che ha accolto nel 2017 un totale di 200.000 visitatori. Sabato 6 gennaio il museo sarà aperto al dalle 10.00 alle 21.00.

Cambia il numero telefonico per festeggiare la Befana all’ospedale Gaslini

GENOVA – Per un errore di battuta ieri abbiamo pubblicato in modo errato il numero del referente alla manifestazione del Fiat 500 Club Italia che porterà un poi di gioia con le sue “befane” ai ricoverati dell’ospedale pediatrico Gaslini di Genova, manifestazione in programma sabato 6 gennaio.

Chi volesse partecipare o avere maggiori notizie può contattare Alessandro Scarpa (331 6263880), presidente onorario del Fiat 500 Club Italia.