Rally Day “Il Grappolo” Classe R3C solitaria per Giordano-Grosso

L’equipaggio cuneese sfrutta ogni possibilità per portarsi al vertice della classifica assoluta ed è battuto solo dalla muscolosità della Mitsubishi Lancer. Solitario in classe, la vittoria è scontata. Di Tommaso M. Valinotti. Foto ActionRace e Marco Ferrero

 SAN DAMIANO D’ASTI (AT), 10 dicembre – L’obiettivo era vincere la gara. O per lo meno ben figurare. Obiettivo raggiunto “Su queste prove velocissime e con queste condizioni non abbiamo speranze contro le Mitsubishi. Ma noi ce la metteremo tutta”.

Con questa filosofia Matteo Giordano ha affrontato il secondo Rally Day del Grappolo, affiancato da Vilma Grosso sulla Clio R3C curata dalla FR New Motors ottenendo il secondo podio assoluto in poche settimane affiancato dalla navigatrice saluzzese. Non lo rallenta nemmeno un piccolo contrattempo nella tornata centrale della gara, quando è costretto a montare la ruota di scorta, senza però perdere di vista il suo obiettivo o terreno dai suoi avversari. Grazie ad una gara costantemente all’attacco in cui vince una prova speciale, stacca quattro volte il secondo tempo e una volta il terzo, staccando in classifica assoluta due mostri sacri del rallismo come Sandro Sottile e Luca Cantamessa. Un bel regalo di natale.  

  • Iscritti 1, verificati 1, classificati 1, ritirati 0.
  • Vincitori Prove speciali: 6 Matteo Giordano-Vilma Grosso (1, 2, 3, 4, 5, 6)
  • Leader di classifica: 1-6 Matteo Giordano-Vilma Grosso

Rally Day “Il Grappolo Classe R3T: Davide Nicelli solitario pensa al futuro

Gara test probante per il giovane pilota di Stradella che studia quale programma imbastire per la prossima stagione. Di Tommaso M. Valinotti. Foto ActionRace e Marco Ferrero

 SAN DAMIANO D’ASTI (AT), 10 dicembre – Nessun obiettivo particolare, ma solo studiare la vettura che potrebbe essere il suo cavallo di battaglia del 2018. Il pavese Davide Nicelli si presenta al via con la Renault R3T affiancato da Riccardo Imerito per farsi delle idee in merito al suo prossimo futuro. Una scelta di set-up sbagliato nel primo giro sulle speciali, un piccolo problema all’inversione alla Revigliasco-2 non compromettono la sua gara che ha un acuto nel terzo passaggio a Revigliasco e si conclude con il nono tempo assoluto, quarto di Gruppo R e mille informazione per fare la futura scelta.  

 

  • Iscritti 1, verificati 1, classificati 1, ritirati 0.
  • Vincitori Prove speciali: 6 Davide Nicelli-Riccardo Imerito (1, 2, 3, 4, 5, 6)
  • Leader di classifica: 1-6 Davide Nicelli-Riccardo Imerito

Rally Day “Il Grappolo” Classe R2B: Luca Cantamessa e Augusto Franco eroi di giornata

I due astigiani sono i protagonisti della categoria. Il pilota di Maretto lotta per il podio assoluto, quello di San Damiano stupisce per la padronanza con cui domina la Peugeot R2. Di Tommaso M. Valinotti. Foto ActionRace e Marco Ferrero

 

SAN DAMIANO D’ASTI (AT), 10 dicembre – Un Luca Cantamessa in formato stellare, prende sempre più confidenza con la Opel Adam che ha usato poche settimane prima al Castiglione e si invola in classifica, andando a lottare per il podio assoluto, su cui è fortemente concentrato anche perché si ritrova a lottare con uno stimolante Sandro Sottile. Affiancato da Lisa Bollito, il pilota di Maretto è perfetto in ogni fase della gara lasciando una sola speciale, la Ronchesio del mattino per 8/10 ad un velocissimo Augusto Franco affiancato da Maurizio Bodda.

Ed è proprio l’ex organizzatore del rally una delle maggiori sorprese della gara, riuscendo a chiudere ad appena 32”1 da Cantamessa staccando alcuni tempi impressionanti, come il terzo assoluto a Ronchesio-1 e resti costantemente fra i primi sei dell’assoluta nella seconda parte della gara chiudendo alla fine al quinto porto assoluto. Non male per un pilota che era alla seconda esperienza con la professionale Peugeot 208 R2B in una gara difficile e impegnativa come il Grappolo.

Terza piazza per Alessandro Ferro per la prima volta con Luca Rabino che compie il grande salto dalla Classe A5 in cui il pilota astigiano ha militato per una decina di anni e oltre quaranta gare; Ferro-Rabino staccano il terzo tempo di categoria, concedendo al loro diretto avversario Alberto Porello solo il primo e l’ultimo passaggio a Ronchesio chiudendo in una confortante decima posizione assoluta, una posizione davanti al pilota albese che alterna sul sedile di destra la sorella Elisa con Anna Adriano, con cui ha corso a San Damiano, pagando alcuni piccoli errori nella prima prova mattutina che gli sono costati una decina di secondi.

Quinta piazza di Classe R2B per l’equipaggio rosa formato da Monica Caramellino e Giulia Patrone che procedono veloci per tutta la gara prendendosi la soddisfazione di un bel salto al dosso in prova con una bella progressione nelle ultime due prove dove staccano un ottimo 14° tempo assoluto nelle ultime due speciali. Fanalino di coda è Davide Montagna, alla quarta gara in carriera, seconda con Cristiano Giovo, che perde gran parte del tempo nella Ronchesio mattutina quando si gira, fa spegnere la Peugeot R2B e perde 1’30”.

 

  • Iscritti 6, verificati 6, classificati 6, ritirati 0.
  • Vincitori Prove speciali: 5 Luca Cantamessa-Lisa Bollito (1, 3, 4 ,5, 6); 1 Augusto Franco-Maurizio Bodda (2)
  • Leader di classifica: 1-6 Luca Cantamessa-Lisa Bollito
  •  

Monica Caramellino si scalda sulle speciali del Rally Day del Grappolo

Ultima positiva gara della stagione per la pilotessa di Nole Canavese, affiancata per la terza volta dalla navigatrice genovese Giulia Patrone, che vince il femminile e chiude quinta di classe nella difficile gara astigiana con la Peugeot 208 R2B curata dalla Friul Motors. Ora l’aspetta un periodo di riposo agonistico, ma non lontana dalla guida. Il ghiaccio l’attende

SAN DAMIANO D’ASTI (AT) – Sta quasi diventando una tradizione. Chiudere la stagione rallistica sulle strade astigiane gelate del Rally Day del Grappolo, andato in scena domenica 10 dicembre. Per Monica Caramellino la bandiera a scacchi dell’intensa annata agonistica 2017 è sventolata sulla piazza principale della cittadina collinare dopo una gara combattuta, divertente, conclusa in buona posizione, senza errori.

Affiancata per la terza volta dalla giovane navigatrice genovese Giulia Patrone, la pilotessa di Nole Canavese ha portato la sua Peugeot 208 R2B curata dalla Friul Motors al quindicesimo posto assoluto, settimo di Gruppo R e quinto di Classe R2B conquistando il successo nella classifica femminile. “Mi spiace che questo rally di fine stagione raccolga meno iscritti di quanto meriterebbe il percorso e l’organizzazione dell’evento. Bisogna però subito precisare che chi si iscrive ad una gara invernale come questa ha il senso dell’avventura ed è un pilota vero. Per questo motivo l’elenco iscritti vede al via gente come Matteo Giordano, Sandro Sottile, Luca Cantamessa, o il re del villaggio Emanuele Franco, imbattibile sulle strade di casa sua. Ed anche nelle classi minori si sono iscritti dei veri missili velocissimi. Uno stimolo per chi come me ama la competizione, la sfida e vuole costantemente migliorarsi” commenta a fine gara Monica Caramellino.

La gara dell’equipaggio portacolori dell’Eurospeed è stata di costante crescita, prova dopo prova.  “Si è corso in una bella giornata di sole, ma la temperatura era decisamente fredda e non è mai salita molto sopra lo zero termico. Nel primo passaggio sulle prove del mattino bisognava fare attenzione alle placche di ghiaccio, che potevano nascondersi nelle zone in ombra. Specialmente la seconda prova, la Ronchesio, presentava dei tratti in sottobosco particolarmente insidiosi. Ma nella stessa prova gli organizzatori hanno scovato un dosso in cui si staccano le ruote da terra e si volava in alto per un tempo che sembra infinito. Mentre planavamo ho pregato di mettere le ruote al posto giusto per non schizzare fuori strada e finire lì la nostra gara. Il manuale del perfetto rallista dice che bisogna evitare i salti troppo lunghi, perché in volo si perde tempo, ma tale è l’adrenalina che i dossi mettono in circolo che nessuno rinuncia. E nemmeno noi lo abbiamo fatto” sottolinea soddisfatta la pink lady canavesana.

Con Giulia funziona tutto benissimo” prosegue a raccontare Monica Caramellino; “siamo un equipaggio consolidato e il feeling è stato perfetto fin dalle prime battute della nostra prima gara insieme. Nonostante l’apparenza di una ragazzina dolce e tranquilla Giulia è una navigatrice tosta, che sa quello che vuole e sa stimolare e dare il ritmo a chi guida. Non mi ha permesso di avere quel calo che di solito manifesto nella parte centrale della gara. Infatti abbiamo migliorato in entrambe le prove in tutti i passaggi, e questo è enormemente significativo”. Chiusa con soddisfazione la stagione 2017 Monica Caramellino nei prossimi mesi non abbandona certo il volante. “Queste nevicate sono una benedizione. Nel periodo invernale mi alleno nella guida su ghiaccio per migliorare il controllo della vettura nelle situazioni difficili. In realtà questa è una scusa bella e buona. Guidare su ghiaccio mi diverte un mondo e non scenderei più dalla vettura. Questa è la verità” conclude Monica Caramellino, dando appuntamento a tutti alle prove speciali dei rally della stagione 2018.

 

Rally Day “Il Grappolo” Classe R1B: il solitario Borrelli fa l’apprendistato

Il 22enne di Refrancore si affida all’esperto Luca Bassignana per entrare nel mondo dei rally. Di Tommaso M. Valinotti. Foto ActionRace e Marco Ferrero

SAN DAMIANO D’ASTI (AT), 10 dicembre – Gara solitaria in Classe R1 con la Twingo per Luca Borrelli che si affida all’esperienza di Luca Bassignana per affacciarsi nel mondo dei rally. e lo fa nel migliore dei modi approcciando i mille segreti della specialità crescendo nella grinta e abbassando i tempi prova dopo prova. Alla fine chiude 34esimo assoluto, ma alla classifica si comincerà a pensare dalla prossima gara…. 

  • Iscritti 1, verificati 1, classificati 1, ritirati 1.
  • Vincitori Prove speciali: 6 Luca Borrelli-Luca Bassignana (1, 2, 3, 4, 5, 6)
  • Leader di classifica: 1-6 Luca Borrelli-Luca Bassignana

Quattro Renault 5 Alpine Gruppo 2 al Montecarlo Storico 2018

Quattro Renault 5 Alpine Gruppo 2 partecipano  alla 21a edizione del Rally Montecarlo Storico. Gli equipaggi Renault Classic partiranno da Reims venerdì 2 febbraio per arrivare a Monaco mercoledì 7 febbraio

PARIGI (Francia), 23 gennaio 2018 – Renault annuncia la sua partecipazione alla 21a edizione del Rally Montecarlo Storico con quattro equipaggi al volante di Renault 5 Alpine Gruppo 2:

  • Equipaggio n°5: Guy Fréquelin-Laurent Perquin
  • Equipaggio n°6: Emmanuel Guigou-Michel Duvernay
  • Equipaggio n°7: Christian Chambord-Patrick Fourestié
  • Equipaggio n°8: Patrick Henry / Jean Pierre Prévot

Jean Ragnotti farà parte del team e seguirà il rally nel ruolo di Ambasciatore Renault fino alla mattina del 6 febbraio.

Successo per la “skateboard”! Nonostante una potenza limitata, la Renault 5 Alpine Gruppo 2 ha dominato la categoria dal 1978 al 1980, ottenendo eccellenti risultati in occasione delle prove del campionato del mondo di Rally.Nel 1978, Renault Sport decise di tentare una scommessa facendo difendere i suoi colori da una piccola auto a trazione anteriore: la Renault 5 Alpine. Il Rally di Montecarlo del 1978 vide Jean Ragnotti guidare l’auto sportiva arrivando al secondo posto nella classifica generale e al primo nel Gruppo 2. Anche Guy Fréquelin conquistò il podio, arrivando al terzo posto nella classifica generale. È da questo doppio podio che nasce l’affettuoso nomignolo di “skateboard” attribuito alla macchina. La sua carriera di successo proseguì nella stagione successiva con un secondo posto nel Tour de Corse e alla fine la Renault 5 Alpine concluse con stile dopo aver vinto il campionato di Rally francese nel 1980 con Jean Ragnotti alla guida e Jean-Marc Andrié come co-pilota.

Il 1980 vide Renault 5 Alpine a capo del Gruppo 2 quasi sempre. Vinse anche i Rally del Monte Bianco, della Lorena e del Lione-Charbonnières. Inoltre, si impose nella classifica generale in eventi come: il Critérium Alpin-Jean Behra (4° con una potenza fino a 140cv e limitati problemi di slittamento differenziale) e il Rally d’Antibes (4°). Fuori dalla Francia, l’auto è arrivata seconda al Rajd Polski. Dopo questa brillante conclusione, il Gruppo 2 Renault 5 Alpine lascerà il posto a una futura leggenda: la Renault 5 Turbo.

Hyundai inizia il Mondiale WRC 2018 al Rallye Monte Carlo

Hyundai Motorsport punta a partire forte nel Campionato Mondiale Rally (WRC) 2018 con l’obiettivo di conquistare una vittoria nell’inaugurale Rally di Monte Carlo. All’esordio stagionale, tre Hyundai i20 Coupe WRC prenderanno parte alla battaglia – guidate da Mikkelsen, Neuville e Sordo. Gareggiando sotto il team Hyundai Shell Mobis, la squadra riparte dopo il secondo posto nel campionato 2017 per il suo quinto anno nel World Rally Championship

ADENAU (Germania), 23 gennaio 2018 – Il Mondiale Rally WRC 2018 prenderà il via questo fine settimana con l’inaugurale Rally di Monte Carlo, il primo dei 13 eventi nel calendario WRC di quest’anno. Hyundai Motorsport ha delineato la chiara ambizione di puntare sia al titolo piloti sia a quello costruttori in questa edizione del FIA World Rally Championship, dopo essere stata fortemente competitiva per tutto il 2017. Nonostante ciò, sarà inevitabile una feroce battaglia per la conquista del titolo, con gli altri costruttori che punteranno allo stesso obiettivo.

La vettura che competerà nel campionato 2018 – una versione aggiornata della vincente Hyundai i20 Coupe WRC 2017 – ha fatto il suo debutto al pubblico la scorsa settimana durante il lancio ufficiale della stagione all’Autosport International a Birmingham, nel Regno Unito.

Gareggiando sotto la bandiera del team Hyundai Shell Mobis, un trio di equipaggi rappresenterà Hyundai Motorsport al Rallye Monte-Carlo 2018: Mikkelsen-Jæger affronteranno le 17 prove speciali sulla vettura numero 4, Neuville-Gilsoul punteranno a vincere sulla numero 5, mentre Sordo-Del Barrio correranno sulla numero 6.

Uno sviluppo collaudato nei test. La Hyundai i20 Coupe WRC 2018 è stata sottoposta a un programma approfondito di test durante l’inverno. Tre giorni di prove si sono svolti a dicembre a nord di Nizza, seguiti da tre giorni a Gap – ancora in Francia – a inizio 2018. Il team si è poi recato in Spagna per una giornata di test in condizioni diverse. I tre gli equipaggi in gara a Monte Carlo hanno avuto la possibilità di testare l’auto su asfalto, sia asciutto sia bagnato, oltre che su neve e ghiaccio, replicando i diversi scenari che potrebbero verificarsi nelle varie fasi dell’imminente Rallye di Monte Carlo.

“Ci siamo preparati al meglio per questa nuova stagione in modo da poter rinnovare le nostre ambizioni per il campionato” – ha commentato il Team Principal, Michel Nandan. “Le prestazioni della nostra Hyundai i20 Coupe WRC negli ultimi appuntamenti della scorsa stagione, in particolare con la vittoria ottenuta in Australia, hanno fatto da trampolino di lancio per lo sviluppo invernale della vettura. Il mese scorso abbiamo portato la macchina e gli equipaggi in Francia e Spagna per sette giorni di test, con l’impegno di replicare le condizioni di guida che ci aspettiamo di dover affrontare a Monte Carlo. Il fascino di questa gara d’apertura è proprio la sua imprevedibilità e quindi dobbiamo essere preparati a tutto”.

“L’adrenalina è al massimo per l’inizio di questa nuova stagione WRC” – ha dichiarato il pilota belga Thierry Neuville. “L’evento inaugurale a Birmingham ci ha messo tutti in uno stato d’animo molto positivo, carichi per cominciare l’anno a venire. Il Rally di Monte Carlo è un evento davvero speciale, una gara molto dura, una di quelle in cui ogni minimo errore può costarti il ritiro. Per questo punteremo a mettere a frutto tutto ciò che abbiamo appreso dalla nostra partecipazione alle recenti edizioni”.

“Iniziare il mio primo Mondiale WRC insieme a Hyundai Motorsport è un’emozione straordinaria” – ha aggiunto Andreas Mikkelsen. “La scorsa stagione è stata un po’ frustrante, per questo ora sono pronto per un anno più continuo e ricco di appuntamenti in cui punto a lottare per il titolo. Cominciare con il Rallye Monte Carlo rappresenta una sfida molto impegnativa che ci porterà ad affrontare condizioni molto variabili, inclusa la guida notturna in cui diventa difficile individuare il ghiaccio. A fianco di Anders, non vedo l’ora di cominciare”.

Pininfarina e Tech Mahindra partner del team di Formula E di Mahindra Racing

Grazie a questa strategica collaborazione, Mahindra Racing potrà contare su design di alto livello ed esperienza digitale

CAMBIANO (TO), 23 gennaio 2018 – Mahindra Racing, l’unico team indiano a competere nel campionato mondiale di Formula E, ha annunciato oggi di aver stretto una partnership strategica con Pininfarina e Tech Mahindra. Questo accordo permetterà a Mahindra Racing di accedere all’esperienza globalmente riconosciuta di Pininfarina nel design e alla competenza di Tech Mahindra nella tecnologia digitale. Pininfarina diventerà anche sponsor del team di Formula E di Mahindra Racing. Il team potrà quindi contare sull’esperienza di Pininfarina nel design e nella ricerca per migliorare le prestazioni della sua auto da corsa M5Electro, attualmente in fase di sviluppo per la quinta stagione del campionato di Formula E che inizierà a dicembre 2018. Il campionato ABB FIA Formula E è una serie di competizioni automobilistiche con veicoli elettrici e il primo campionato mondiale di automobilismo dedicato alle monoposto completamente elettriche.

La partnership si concentrerà anche su altre aree del design e della ricerca, compresa l’attività di Computational Fluid Dynamics (CFD), e aiuterà Mahindra nella sua strategia ‘Race to Road’ che prevede di applicare l’esperienza accumulata in pista allo sviluppo, a tempo debito, di nuovi veicoli stradali elettrici. Mahindra Racing avrà anche accesso alla Galleria del Vento Pininfarina in Italia, che aiuterà il team a migliorare l’efficienza aerodinamica della sua auto da corsa.

Il team Formula E di Mahindra Racing ha avuto un inizio della quarta stagione molto positivo, andando al comando dei Campionati Squadre e Piloti dopo le prime tre gare. Siamo ora lieti di dare il benvenuto a Pininfarina e Tech Mahindra come partner del team mentre ci prepariamo ad affrontare le sfide di questa nuova stagione. La combinazione delle loro esperienze in fatto di design, tecnologia e digitale aumenteranno significativamente le attuali capacità di Mahindra Racing e aumenteranno il livello delle nostre prestazioni. Questa partnership strategica è anche in linea con la visione FUTURise di Mahindra, un’espressione creativa di come stiamo guidando la nostra crescita attraverso l’innovazione di alto livello in tutte le nostre attività“, ha affermato Ruzbeh Irani, Presidente (Group Communications & Ethics) e Chief Brand Officer, Mahindra Group .

Siamo molto orgogliosi di far parte del team di Formula E e di contribuire con il nostro know how e le nostre competenze alle prestazioni delle vetture di Mahindra Racing. Questa partnership sottolinea la passione di Pininfarina per le corse e per prestazioni automobilistiche eccezionali ed ecocompatibili. Abbiamo sviluppato una profonda conoscenza nell’aerodinamica: si dice delle nostre auto che sono disegnate dal vento. Possediamo una delle più avanzate Gallerie del Vento del mondo, un centro di eccellenza per la ricerca e lo sviluppo nel campo dell’aerodinamica e dell’aeroacustica dal 1972. Nel corso degli anni nella nostra Galleria del Vento sono stati effettuati numerosi test aerodinamici per autovetture, per la Formula 1, per il motociclismo e per le attrezzature sportive di atleti di livello mondiale “, ha dichiarato Silvio Pietro Angori, AD Pininfarina.

Con l’unione tra il design di Pininfarina e l’esperienza digitale di Tech Mahindra stiamo dimostrando come i prodotti del futuro dovranno essere adattati per un mondo convergente“, ha dichiarato Jagdish Mitra, Chief Strategy & Marketing Officer, Tech Mahindra.

Pininfarina è una casa di design di fama internazionale ed un simbolo globale dello stile italiano. Con un’eredità che risale a 88 anni fa, ha costruito la propria reputazione sui valori della purezza, dell’eleganza e dell’innovazione. Pininfarina offre la propria esperienza nelle aree del design, dei servizi di ingegneria e nella concezione e produzione di concept car ed è riconosciuta in tutto il mondo come uno dei grandi atelier del design.

Mahindra Racing. Mahindra Racing è una delle dieci squadre fondatrici – e l’unico team indiano – a competere nel campionato ABB FIA Formula E, il primo al mondo dedicato interamente alle monoposto elettriche. L’auto da corsa M3Electro, lanciata per la stagione 3, che si è conclusa a luglio 2017, si è rivelata molto competitiva ottenendo la prima vittoria della squadra, un totale di dieci podi, tre pole position e due “fastest lap awards”. Con questi importanti risultati, Mahindra Racing si è assicurata il terzo posto nel Campionato Squadre e il debuttante Felix Rosenqvist ha conquistato il terzo posto nel Campionato Piloti. Per la quarta stagione il team ha sviluppato la nuova auto da corsa M4Electro, che si è esibita con forza nelle gare di apertura di Hong Kong a dicembre 2017, ottenendo una vittoria e un podio.

Pininfarina. La storia del design si riflette in quella delle linee Pininfarina, della loro bellezza ed eleganza, nella capacità di dare vita ad un concetto estetico. La sua caratteristica distintiva, un emblema del Made in Italy, si è fatta strada attraverso 88 anni di storia ed emozioni, per delineare le forme del futuro. Fondata nel 1930, Pininfarina si è evoluta da carrozzeria artigianale a gruppo internazionale e partner globale per l’industria automobilistica. Si concentra su design, servizi di ingegneria, concezione e produzione di prodotti che migliorino la nostra vita. Quotata in Borsa dal 1986, Pininfarina – una società di Tech Mahindra – ha uffici in Italia, Germania, Cina e Stati Uniti. I clienti automobilistici dell’azienda includono marchi prestigiosi come Ferrari, Alfa Romeo, BMW, Toyota, tra gli altri. Fin dagli anni ’80, Pininfarina progetta interni ed esterni di treni ad alta velocità, autobus, yacht, aerei, jet privati. Attraverso Pininfarina Extra, fondata nel 1986, Pininfarina rappresenta anche oggi uno dei marchi più prestigiosi nel campo dell’Architettura e Interiors e dell’Industrial Design con oltre 600 progetti all’attivo.

Renault Sport consegna quattro Mégane R.S. all’Automobile Club di Monaco           

Renault Sport prosegue la storica partnership di oltre trent’anni con l’Automobile Club di Monaco, organizzatore di tutte le competizioni di motorsport del Principato. Nuova Mégane R.S., la nuova sportiva della Marca che coniuga agilità, prestazioni e versatilità, sarà visibile in eventi sportivi di portata internazionale, come il Gran Premio di Monaco di Formula 1. Appuntamento il 24 gennaio sulle strade dell’86° Rally Automobilistico di Montecarlo, dove le quattro auto saranno utilizzate come veicoli apripista e safety car.

Monaco, 17 gennaio 2018 – È presso la sede dell’Automobile Club de Monaco (ACM) che Patrice Ratti, Direttore generale di Renault Sport Cars, ha consegnato a Michel Boeri, Presidente dell’ACM, le chiavi di quattro Nuova Mégane R.S., che saranno utilizzate nei numerosi eventi sportivi organizzati dall’ACM nel Principato di Monaco. Fin dalla prima partecipazione di Renault al Rally di Montecarlo, le strade di Renault e dell’ACM non hanno mai smesso di incrociarsi. L’ACM ha ospitato per 10 anni il campionato Formula Renault 3.5 Series in apertura del Gran Premio di F1 e, dal 2016, il campionato Eurocup Formula Renault, in cui le giovani leve si allenano con l’obiettivo di conquistare un sedile di pilota nella disciplina più prestigiosa del motorsport.

Renault Sport ha spesso scelto Monaco per svelare le sue novità, come la concept car Clio R.S. 16 nel 2017, o Nuova Mégane R.S. nel 2017. Molte edizioni limitate dei modelli Renault Sport hanno reso omaggio all’impegno del Principato nel motorsport: Laguna GT, Clio R.S. e Mégane R.S. hanno fieramente esibito la firma Monaco GP. “Fin dagli inizi della storia dell’automobile, Renault Sport e l’Automobile Club de Monaco condividono una passione comune: la competizione e le performance. Siamo orgogliosi che la nostra Nuova Mégane R.S., a cui abbiamo trasmesso tutta la nostra passione, possa schierarsi con l’ACM e i suoi eventi, tra i più prestigiosi del mondo automobilistico”. Patrice Ratti, Direttore generale di Renault Sport Cars.

“La partnership tra Renault e l’Automobile Club de Monaco, che si può realmente definire storica, si basa su valori condivisi e su una passione rimasta immutata da oltre 30 anni. Ricevere oggi le chiavi di quattro Nuova Renault Mégane R.S. – veicoli che vengono a rafforzare la nostra flotta di Safety car per Rally e Gran Premi – conferma ancora una volta le basi della nostra alleanza…» – Michel Boeri, Presidente dell’Automobile Club di Monaco

 

Nuova Mégane R.S., performance allo stato puro per gli appassionati di guida sportiva. La terza generazione di Mégane R.S. concentra in sé tutto il know-how e la passione di Renault Sport, con l’ambizione di diventare, come i modelli che l’hanno preceduta, una referenza sul mercato delle sportive. Mégane R.S. beneficia di numerosi sviluppi e tecnologie derivate dal know-how di Renault Sport Racing nella competizione automobilistica. Le sue carte vincenti:

  • Design orientato alle performance;
  • Sistema 4CONTROL, anteprima mondiale sul segmento, che conferisce stabilità e agilità ai telai Sport e Cup;
  • Motore 1.8 l turbo di ultima generazione, che eroga 280 cv e 390 Nm grazie allo sviluppo realizzato congiuntamente dagli ingegneri di Renault Sport Cars e Renault Sport Racing;
  • Quattro versioni adatte a tutti gli utilizzi, con una duplice proposta di trasmissioni (manuale o EDC) e telai (Sport o Cup);
  • Equipaggiamenti tecnologici avanzati, tra cui R.S. Vision, MULTI-SENSE e la nuova versione di R.S. Monitor;
  • Funzioni Launch Control per ottimizzare le partenze da fermo e Multi Change Down per scalare più rapidamente di rapporto in modalità manuale durante le fasi di forte frenata.

Carlos Sainz fa il suo debutto al Rallye di Montecarlo

BOULOGNE-BILLANCOURT (Francia), 18 gennaio Carlos Sainz, pilota Renault Sport Formula One Team, segue le orme del padre, due volte Campione del Mondo di Rally, affrontando l’ultima speciale del Rallye di Montecarlo 2018. A 23 anni, lo spagnolo scoprirà il Rallye di Montecarlo domenica, al volante di Nuova Renault MEGANE R. S., nella speciale La Cabanette-Col de Braus (13,58 km).

Carlos si cimenterà nella speciale con l’auto apripista VIP che verifica le condizioni della strada prima del passaggio dei concorrenti al Campionato del mondo dei Rally. La prova prenderà il via da un’altitudine di 1.400 metri, nelle Alpi Marittime che si affacciano a strapiombo sul Principato di Monaco. Il percorso seguirà una serie di curve a gomito, prima di ritornare in alta montagna e terminare al Col de Braus.

Per Carlos sarà l’occasione per esordire nei rally, seguendo le orme del padre, tre volte vincitore del Rally di Montecarlo (1991, 1995 e 1998).

Carlos Sainz:Sono davvero impaziente di vivere la mia prima esperienza al Rally di Montecarlo. Ho sentito così spesso mio padre parlarne: quanto sono difficili le speciali, come possono cambiare le condizioni meteorologiche, da neve a pioggia o sole in un istante, senza dimenticare la necessità di avere dei nervi d’acciaio per affrontare certi colli e certe curve a gomito! Sarà un vero piacere partecipare ad una gara così leggendaria al volante di Nuova Renault Mégane R. S., che sarà equipaggiata con pneumatici da neve chiodati, per farmi percepire con precisione ancora maggiore le sensazioni del rally su queste strade”.

I fan potranno seguire quest’ultima speciale in diretta televisiva, come qualsiasi altra Power Stage. La partenza del Rally di Monte-Carlo è prevista giovedì 25 gennaio nella Place du Casino di Monaco. Dopo due speciali notturne nelle Alpi per ritrovarsi nei pressi di Gap, i concorrenti si affronteranno venerdì e sabato prima dell’ultima tappa domenicale sulle montagne del Principato.