33° Rally Lana, Under 25: Davide Tiziani, vincente alla luce del giorno

0
Download PDF

Grande battaglia fra i baby drivers con in evidenza lo sfortunato Gabriel Di Pietro che nell’ultima prova speciale, mentre è al comando, incoccia una pietra sul percorso ed esce di strada. Davide Tiziani legittima la vittoria risultando il più veloce nelle tre prove della domenica, oltre che in quella inziale, conquistando il successo davanti a un veloce e attento Matteo Ceriali. Di Tommaso M. Valinotti. Foto Elio Magnano

BIELLA, 12 luglio – Successo fra gli Under 25 di Davide Tiziani, navigato dal padre Paolo, che segna il miglior tempo in quattro prove speciali (la Rosazza di apertura, e i tre passaggi domenica sulla Curino). È però costretto a inseguire un grintosissimo Gabriel Di Pietro, che vola nella parte centrale della tappa di sabato, poi resta incollato al pilota della Clio S1600 per due delle tre speciali di domenica, tenendo il comando della graduatoria, prima di uscire di strada proprio nella prova finale. Al secondo posto sale allora Matteo Ceriali, unico che riesce a inserirsi nella lotta di vertice, vincendo pure la prova di Tracciolino-2 quando le ombre della notte sono più profonde, concedendo il minimo margine nelle prove di domenica. Il ritiro di Gabriel Di Pietro porta sul podio Filippo Serena, molto costante nelle sue prestazioni in gara che chiude davanti al dominatore della Classe R1 Igor Iani con la piccola Suzuki Swift. Dei 14 partenti sabato pomeriggio dieci Under 25 vedono il traguardo.

Si parte con la Rosazza e subito Tiziani fa valere, nonostante il percorso particolarmente tortuoso, con tornanti stretti, i cavalli della sua Clio S1600, vincendo la prova nonostante una foratura nel finale, lasciando a 5”5 Ceriali, che fatica a trovare la concentrazione e a scaldare le gomme, che guida un trittico di Peugeot 208 R2B con Di Pietro a 9”2, dovendo manovrare nell’ultimo tornante e Serena che affronta la prova in trasferimento. Iani è settimo fra gli Under a 57”4 con piccoli problemi di cambio. La successiva Tracciolino, nonostante sia più fluida vede emergere Gabriel Di Pietro, alla sua prima gara su strada, che recupera 5”8 a Tiziani, che non si fida troppo dopo la foratura nella prova precedente, quindi Ceriali a 6”6 e il funambolico Cristian Cavalli che porta la sua Seicento in quarta posizione fra gli Under, a 40”5 da Di Pietro, precedendo di 1”6 Iani e che fa meglio per 2/10 su Serena.

A meta della prima tappa Tiziani conduce con 3”4 su Di Pietro e 6”3 su Ceriali. È chiara che la lotta per il successo è ristretta a questi tre piloti essendo Serena a 53”8, Iani quinto a 1’33”7, Cavalli sesto a 1’54”0 che precede la Clio RS di Alessio Gandolfi di 1”7.

Si riparte a notte fonda per il secondo giro sulle prove speciali ed è Di Pietro a dettare legge a Rosazza-2 che supera di 4”6 Tiziani che si difende nella notte, e di 13”3 Ceriali, che fa meglio per 3/10 di Serena. La Tracciolino-2 che segna la fine della giornata di sabato, ormai siamo ampiamente nella giornata di domenica, vede il colpo di reni di Ceriali che fa sua la prova con 4”8 su Di Pietro, 12” su Tiziani e 36”7 su Cavalli che dimostra quanto sia a suo agio con la piccola Seicento in questa speciale e fa meglio di Serena che lascia 50”4 al primatista di categoria non essendosi fidato del fondo sporco.

La prima tappa si chiude con Gabriel Di Pietro, ventesimo assoluto, che precede Tiziani di 9”3, Ceriali di 11”4. I distacchi si fanno poi pesanti e Serena paga 1’49”6, quindi Cavalli a 3’09’9.

La ripartenza alla luce del sole innesca un gran duello fra Davide Tiziani, che vince immediatamente la Curino-1, con appena 1”5 su Gabriel Di Pietro, inseguito alla stessa distanza, 1”5 da Matteo Ceriali. La lotta per il podio fra i baby driver si ferma qui in quanto la BMW di Edoardo De Antoni è a 36”1 in piena bagarre con la Suzuki Swift di Igor Iani. Si ferma Cristian Cavalli che fino a quel momento aveva fatto volare la Seicento. La classifica vede ancora Gabriel Di Pietro, 18esimo assoluto, comandare le danze, con 7”8 su Davide Tiziani e 12”9 su Matteo Ceriali.

Nella Curino di mezzogiorno Davide Tiziani spreme ancora i cavalli della sua Clio S1600, segnando il 19° tempo assoluto, recuperando 1”7 a Gabriel Di Pietro, allungando di 2”6 su Matteo Ceriali, con Igor Iani che questa volta fa meglio di De Antoni per 4”7.

A una prova dal termine c’è curiosità di sapere se Davide Tiziani riuscirà a recuperare i 6”1 che lo separano da Gabriel Di Pietro, visto che nelle prove precedenti non è mai riuscito a rosicchiare oltre 1”7 all’ex kartista. Matteo Ceriali non pare in grado di ribaltare a suo favore la situazione, visto che accusa un ritardo di 13”8, ma il suo posto sul podio è al sicuro, poiché gode di un vantaggio di quasi tre minuti su Filippo Serena, che viaggia tranquillo per la sua strada non essendo la sua posizione minacciata da Igor Iani su cui gode di un vantaggio che sfiora i due minuti.

L’uscita di strada di Gabriel Di Pietro scioglie l’amletico dubbio e consegna il successo fra gli Under 25 a Davide Tiziani, navigato dal padre Paolo, che vince la prova con 1”2 su Matteo Ceriali e 32”8 su Igor Iani che brucia per 3/10 Filippo Serena.

Sul traguardo di Biella Davide Tiziani festeggia la vittoria fra gli Under 25 con un vantaggio di 6”9 su Matteo Ceriali, mentre Filippo Serena sale sul podio in terza posizione soddisfatto e contento.

  • Iscritti 14, verificati 14, classificati 10, ritirati 4.
  • Vincitori Prove speciali: Tiziani-Tiziani (1, 5, 6, 7); Di Pietro-Esposito (2, 3); Ceriali-Gulfi (4)
  • Leader di classifica: 1-2 Tiziani-Tiziani; 3-6 Di Pietro-Esposito; 7 Tiziani-Tiziani
Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.