Aeffe Sport, non solo organizzatrice al 4° rally dei Colli Scaligeri

0
Download PDF

La scuderia torinese Aeffe Sport e comunicazione è tornata in campo organizzando la 4° edizione del rally dei colli Scaligeri corsosi quest’ultimo week end tra le colline veronesi, con un palco partenti di tutto rispetto che ha sfiorato i 100 concorrenti. Un rally all’insegna del divertimento, della sicurezza ma anche della solidarietà e dell’amicizia. Non sono infatti mancate le iniziative tra cui un premio speciale con rimborso del 50% dell’iscrizione al miglior equipaggio in classe…. ; la donazione del 20% dei proventi delle iscrizioni dei 6 equipaggi femminili al centro Petra di Verona che si occupa di dare supporto alle donne vittime di violenza, nonché il premio per il trofeo Pit Onlus a ricordo di Pietro Casagrande che ha premiato sempre con il rimborso dell’iscrizione il miglior equipaggio under 23.

Non potevano ovviamente mancare gli equipaggi portacolori del team organizzativo, che in totale sono stati 7.

5° POSTO ASSOLUTO PER GASPARI E FALEZZA. Valentino Gaspari navigato da Michele Falezza ha corso la 4° edizione del rally dei colli Scaligeri sulla Clio Super 1600 in una classe combattutissima, dove a darsi battaglia sono state ben 11 vetture. Per loro un 4° posto di classe ed un 5° assoluto di tutto rispetto.

GROBBERIO – VALBUSA: PODIO DI CLASSE. Andrea Grobberio con alle note Nicola Valbusa hanno affrontato le speciali veronesi per la prima volta su Citroën DS3 e dopo un gara tutt’altro che facile, viste le difficoltà nel gestirla, essendo il pilota abituato a quelle aspirate, sono comunque riusciti a conquistare il podio in classe R3T. Per loro questa è stata una gara test per imparare regolazioni della vettura e come guidarla. A causa di un piccolo problema meccanico al turbo, sull’ultima speciale, hanno dovuto rallentare il passo, facendo l’ultimo tempo e perdendo così diverse posizioni sull’assoluta, che li ha visti 54° assoluti. Le parole del navigatore: “per me questa è la 4° volta a cui partecipo agli Scaligeri ed è la terza con Andrea. Bellissima gara e buona organizzazione e ci siamo divertiti moltissimo.”

MARZARI – ZERBATO VINCONO LA CLASSE SULLA MINI. Massimo Marzari ed il suo copilota Gianmaria Zerbato, dopo la delusione del Due Valli, hanno deciso di rifarsi correndo questa volta sulla Mini Racing Start Plus, auto tutta nuova per loro e da scoprire.

Ottimo comunque il risultato che li ha visti esultare sul primo gradino del podio di classe e posizionarsi a metà classifica dell’assoluta, con un 46° posto. Le parole del navigatore: “ la gara è andata molto bene. Ci serviva per rifarci della botta del  Due Valli scorso. Le prove erano bellissime e insidiose. L’auto per noi era nuova e l’abbiamo praticamente scoperta in gara. Qualche buon tempo è uscito e noi ci siamo divertiti come bambini, portando a casa la vittoria di classe e di gruppo in Racing Start Plus. Ci riteniamo molto soddisfatti della giornata”.

FORMOLLI – DUICO: VITTORIA IN RICORDO DI PAOLO E FEDERICA. Giordano Formolli navigato da Debora Duico si sono dati battaglia nella combattutissima classe RS16, correndo su Peugeot 106, dove dopo aver lottato per tutta la giornata, si sono aggiudicati il primo posto, oltre alla 27° posizione nella classifica assoluta. Per loro il rimborso del 50% del costo dell’iscrizione della gara, premio offerto dall’organizzazione in ricordo di Paolo e Federica, scomparsi prematuramente lo scorso anno. Le parole del pilota: “sono felicissimo di aver partecipato al rally dei colli Scaligeri, le prove speciali erano fantastiche, ma soprattutto un plauso va all’organizzazione per l’ottimo lavoro! Sicuramente saremo presenti anche per la prossima edizione. Un ringraziamento alla scuderia Aeffe Sport e Comunicazione”.

ZOCCATELLA – PASETTO: VINCONO IL TROFEO PIT ONLUS. Matteo Zoccatella navigato da Riccardo Pasetto su Rover MG hanno tenuto alti i colori della loro scuderia salendo sul primo gradino del podio di classe e, essendo under 23, hanno vinto anche il trofeo Pit Onlus: un rimborso dell’iscrizione in ricordo di Pietro Casagrande. La loro prima gara insieme + stata il mese scorso al Benacus ed hanno da subito avuto feeling. Le parole del pilota: “bellissime prove anche se abbastanza impegnative. E’ andata subito benissimo, già sulla prima speciale eravamo primi con un notevole distacco. Abbiamo poi vinto tutte le altre, amministrando. Vorrei ringraziare moltissimo l’organizzazione, molto competente. Contiamo di tornare a correre sulle colline veronesi il prossimo anno”.

RITIRO PER L’EQUIPAGGIO IN ROSA. Per questo 2019 la scuderia Aeffe vanta anche un equipaggio tutto al femminile composto da Elisa Morini e Francesca Donadini su Peugeot 106 che purtroppo nella gara organizzata dalla loro scuderia sono state costrette al ritiro a causa di un errore privo di conseguenze. Le parole della pilotessa: “purtroppo siamo uscite di strada fortunatamente senza danni sulla seconda prova a causa di un errore nella stesura delle note. Per noi è già la seconda gara insieme, dopo il Castiglione Torinese dello scorso anno. Ottimo feeling con la mia navigatrice, peccato sarà per la prossima volta. Bellissima gara, molto impegnativa. Un plauso all’ottima organizzazione!“. Per loro comunque la soddisfazione di esibire tra gli adesivi della loro vettura anche quello dell’associazione Lady Rally di Verona.

AMARO RITIRO PER CELEBRON E COGO. Anche l’equipaggio composto da Mattia Celebron e Arianna Cogo, su Rover MG, è stato costretto al ritiro in questo rally dei colli Scaligeri per una rottura meccanica, probabilmente il cambio. Le parole del pilota: “gara stupenda, con speciali divertenti ma veloci e impegnative, dove conta molto l’esperienza. I miei complimenti all’organizzazione che ha saputo coinvolgere tutti gli equipaggi con diverse iniziative. Un ringraziamento particolare a Valentino Gaspari.”

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy