Al 5° RallyDay di Pomarance record di iscritti stagionale in Toscana: 118 adesioni

0
Download PDF

In programma per il 17 e 18 novembre, la gara ha riconfermato il trend positivo che si trascina sino dalla prima edizione del 2008, quando era una Ronde. I concorrenti iscritti abbracciano tutta la penisola, con arrivi dal Veneto, al centro Italia, alla Sicilia, confermando l’evento vero ambasciatore del territorio. Riproporrà lo stesso percorso dei quattro anni passati, con due prove speciali da ripetere tre volte. Tra i tanti “nomi” al via anche Alfonso De Nicola, il medico ufficiale del Napoli Calcio di serie A, grande appassionato di rallies.

PISA, 14 novembre 2018  Sfiorato di due sole unità il tetto massimo di iscrizioni accettabili (120), al Rally Day di Pomarance, in programma per questo fine settimana, organizzato da Laserprom 015. La quart’ultima gara della lunga stagione di rally in Toscana, non ha tradito dunque le attese e si insedia al primo posto, per adesso, in Toscana, come record di iscritti, arrivato a 118 equipaggi, un dato importante considerando anche il fatto che la gara ha la sola titolarità per le vetture “moderne”, non avendo previsto le “storiche” e tanto meno altre iniziative collaterali non competitivi. Altro dato importante è la provenienza dei concorrenti, che abbraccia praticamente tutta la penisola, dal veneto alla Sicilia andando a ribadire, per la gara, il proprio ruolo di grande veicolo di immagine e promozione del territorio della Valdicecina, oltre che motore di ricaduta economica con il turismo emozionale, legato direttamente all’evento stesso. C’è dunque grande soddisfazione, da parte dell’organizzazione, che ha visto confermata la forte stima di chi corre verso la gara, che proporrà, come nei quattro anni passati, due prove speciali diverse da ripetere per tre occasioni. Saranno la “Valle della Trossa”, di Km. 7,000, percorso usato sino dalla prima edizione della Ronde nel 2008, e la prova di Montecatini Valdicecina, introdotta nel 2014, lunga 4,920 Km. In totale, la gara misura 211 chilometri, dei quali 35,760 di distanza competitiva.

Tutti contro il tentativo del tris di Runfola. Non sarà facile fare pronostici a Pomarance, questo fine settimana, sono in diversi a cercare il successo assoluto. A partire dal siciliano Marco Runfola, vincitore delle due edizioni passate, il quale cerca il tris, ovviamente. Affiancato dalla compagna, anche lei rallista, Corinne Federighi (pilota pure lei, fresca Campionessa Italiana Rally) arriva da Cefalù per trovare nuove e vibranti sensazioni, ma sulla sua strada troverà diversi competitor che pure loro hanno voglia di firmare il proprio nome sull’albo d’oro della gara. A partire dal livornese Roberto Tucci (Renault Clio S1600), deciso a rinverdire i fasti in questa gara che gli piace assai oltre che per ritrovare il sorriso dopo l’amaro ritiro al recente “Trofeo Maremma” e con la stessa macchina ed anche con la stessa voglia di vittoria partirà certamente il maremmano Manuel Forieri, pure lui con una Renault Clio S1600.

Anche il lucchese, ex kartista, Alessio Della Maggiora sarà della partita, con una Clio S1600,  cercando l’inserimento nei quartieri alti della classifica, cosa che cercherà di fare anche il reggiano Luciano D’Arcio, uno che con la sua Renault Clio Williams in Toscana ha già trovato ampie soddisfazioni. Torna, con una Mitsubishi Lancer Evo IX, il pratese Fabio Bolognesi, opposto al livornese Giancarlo Bubola (stessa vettura) ed a Morelli, con una Lancer Evolution e promettono battaglia anche i varii Braccini (Peugeot 206) Adami (Renault Clio R3), Galullo (Renault Clio R3), Volpi (Renault Clio R3), Borghi e Santini (entrambi con una più datata Renault Clio Williams), oltre al lucchese “ex Re” dei rally sprint anni novanta Paolo Lenci, con la Peugeot 306 rally, deciso di rifarsi dalla recente delusione sofferta a settembre a Casciana Terme, gara terminata anzitempo per un guasto meccanico.

 

Si annuncia scintillante e ricca di argomenti quella che sarà una vera e propria battaglia, in classe R2, con ben 11 iscritti, tutti di elevato livello. Dal forte lucchese Nicola Paolinelli al giovane locale Lorenzo Sardelli, dal pistoiese Alessandro Ciardi al fiorentino Lorenzo Ancillotti, a Federico Feti, sino al senese Francesco Cancelli  (tutti con una Peugeot 208) si prevede uno spettacolo di prim’ordine, con possibilità di vederne diversi in alto nella classifica assoluta. Tra loro cercherà di inserirsi il veronese Andrea Stizzoli, con una Citroën C2 R2, deciso anche in questo caso a dimenticare il recente ritiro al “2 Valli”, la sua gara di casa. Un “tocco” di blasone sarà poi dato dalla presenza in gara di Alfonso De Nicola, il medico ufficiale del Napoli Calcio, grande appassionato di rally. Approfittando della pausa del Campionato di Serie A, affiancato dal frusinate Emiddio De Santis, sarà al via con una Citroën C2 “Racing Start”.

Interessante anche la versione “Gruppo N” del valdinievolino Paolo Moricci, uno abituato a vetture da assoluto, che si rimette in discussione con una Renault Clio RS, con la quale non sarà difficile vederlo nei quartieri alti della classifica e Pomarance saluta anche il ritorno del versiliese Michele Pardini, anche lui con una Clio RS, stessa vettura dell’emiliano Paolo Cassarini. Entrambi pensano pure loro in grande, non sarà difficile vederli in evidenza. Donne al volante, un volante da corsa: a Pomarance si sfideranno di nuovo la lucchese Luciana Bandini e la pratese Susanna Mazzetti, oramai prossima al titolo “rosa” regionale. Entrambe avranno una Renault Clio Williams, mentre la terza al via, Maila Cammilli disporrà di una Peugeot 106.

Vi saranno alcune novità sulla logistica, rispetto alla passata edizione: il test con le vetture da gara, lo “shakedown” è previsto sulla strada comunale “del Palagetto” che termina proprio di fronte al Parco Assistenza, allestito nella zona artigianale, come nel passato, luogo quindi agevole per il lavoro sulle vetture.  Cambierà anche la location per le verifiche sportive, quest’anno previste al teatro “De Larderel”, mentre verrà tolto il parco chiuso notturno, i concorrenti partiranno direttamente dal Parco Assistenza.

Montecatini Valdicecina e Pomarance veri comuni “da rally”. La gara, sino dalla sua prima edizione del 2008 favorisce un’importante ricaduta economica all’indotto turistico/ricettivo grazie all’incoming emozionale legato all’evento stesso in un periodo destagionalizzato. E’ intesa anche come importante veicolo di immagine per il territorio, due fattori di successo, uniti al convinto il sostegno degli Enti locali, con le Amministrazione Comunale di Montecatini Valdicecina e di Pomarance che lavorano a braccetto degli organizzatori proprio per l’amore del territorio.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy