Al Baja Adriatico-Marche successo di Andrea Luchini nel Suzuki Challenge

0
Download PDF

Grande prestazione per il toscano insieme a Piero Bosco tra le Grand Vitara DDiS 1.9 T2 davanti a Bordonaro-Bono, ancora leader del trofeo; Ottimo round e terzo posto anche per Marco ed Alessandro Trivini Bellini; Out di Codecà-Toffoli con la Grand Vitara ufficiale nelle prime battute della gara marchigiana.

La Terra delle Marche ha ospitato il Baja Adriatico-Marche, terzo round stagionale per i protagonisti del Campionato Italiano Cross Country e gli sfidanti della 21^edizione del Suzuki Challenge, in scena in provincia di Macerata, nella giornata di domenica 27 settembre. Una gara che si è rivelata sfortunata per il più atteso della corsa al titolo tricolore Cross Country: Lorenzo Codecà. Vincitore dei primi due round, al Valtiberina e al San Marino, il pilota brianzolo e la sua Suzuki Gran Vitara ufficiale sono usciti di scena anticipatamente. Il pilota ufficiale di casa Suzuki con Mauro Toffoli sulla prova numero 2 è infatti rimasto coinvolto in un cappottamento che non gli ha permesso di proseguire la lotta per il Cross Country.

Una bella lotta tra i sei equipaggi presenti per il Suzuki Challenge. L’arrivo della pioggia già pronosticata alla vigilia della gara non ha comunque limitato le corse delle NEW Grand Vitara in versione DDiS 1.9 di Gruppo T2, tutte dotate di pneumatici BFGoodrich.

A dominare e quindi vincere l’appuntamento dell’Adriatico è stato Andrea Luchini, insieme a Piero Bosco. Il toscano ha corso una bella gara ottenendo lo scratch sulla prova finale, la vittoria in gara nel Suzuki Challenge e il massimo dei punti per la classifica di Campionato Italiano Veicoli di serie T2-T2N. Sotto i riflettori della gara marchigiana è stato Alfio Bordonaro, che resta leader del monomarca Suzuki per un solo punto, insieme a Marcello Bono. Il catanese, alla guida della NEW Grand Vitara Gruppo T2, ha accumulato un gap pesante ad inizio gara per la rottura del manicotto del turbo sulla prima prova della giornata, ma è poi riuscito a risalire fino alle spalle di Luchini nel Challenge e sul terzo gradino del podio del Campionato. Soddisfazione anche per Alessandro Trivini Bellini, con Marco alla destra. Ai piedi del podio all’Adriatico, ottiene i punti del terzo nel trofeo, consolidando la sua terza posizione nella classifica di trofeo.

Sugli sterrati marchigiani, una bella prova anche per il messinese Chinti Marino Gambazza affiancato da Paolo Manfredin, che questo risultato sorpassa l’avversario Mirko Emanuele affiancato da Sandra Castellani nella classifica del Suzuki Challenge. Chiude la classifica di gara tra gli sfidanti delle T2 il veneto Mauro Cantarello navigato da Francesco Facile ora dietro a Marino di un solo punto.

Dopo aver archiviato questo terzo round per i giganti del fuoristrada, non sono cambiati gli equilibri della classifica riservata alla serie tricolore “Costruttori”, dove Suzuki è ancora nettamente leader.

 

CLASSIFICA FINALE SUZUKI CHALLENGE BAJA ADRIATICO-MARCHE:

  1. Luchini-Bosco (Suzuki New Grand Vitarat2/T2) in 55’26.2; 2. Bordonaro – Bono (Suzuki New Grand Vitarat2/T2) +15.3; 3. Trivini Bellini -M. Trivini Bellini (Suzuki New Grand Vitarat2/T2) +1’11.1; 4. Marino – Manfredini (Suzuki New Grand Vitarat2/T2) +1’49.3; 5. Emanuele – Castellani (Suzuki New Grand Vitarat2/T2) +3’29.0; 6. Cantarello – Facile (Suzuki New Grand Vitarat2/T2) +5’05.3.

 

CLASSIFICA SUZUKI CHALLENGE DOPO ROUND 3:

Bordonaro Alfio 77; Luchini Andrea 76; Trivini Bellini Alessandro 37; Emanuele Mirko 27; Marino Gambazza Chinti 18; Cantarello Mauro 17; Ciancio Carmelo 4.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.