Alla 7^ Ronde delle Miniere vittoria Per Bondioni-Ungaro (Škoda Fabia R5)

0
Download PDF

L’equipaggio bresciano ha preso il comando dalla prima occasione cronometrata cercando poi progressivamente l’allungo. Ai posti d’onore i locali Bossalini (Citroën C4 WRC) e Carella (Peugeot 208 R2). Sfortuna per gli attesi Riolo, pesantemente attardato da una foratura durante la terza prova, Scattolon, fermato da una panne elettrica e Leoni, ritirato per una “toccata”. Il sodalizio organizzatore non fermerà il proprio lavoro, avendo alle porte, tra poco più di un mese, il rinato Rally “Valli Piacentine”, in programma per il 16 e 17 aprile. Foto Diessefoto

LOGO MINIERE_2016_LOW (Custom)ROVELETO DI CADEO (PC) – Vittoria per Ilario Bondioni ed Elia Ungaro su una Škoda Fabia R5, alla 7^ Ronde delle Miniere, organizzato dalla Scuderia Invicta, gara di apertura della Lombardia Ronde Cup e secondo atto del Campionato ERMS. Corsa ieri, domenica 6 marzo, sui quattro passaggi della celebre prova “Velleia” lunga circa 15 chilometri, la gara ha esaltato l’equipaggio bresciano alla guida dell’ultima “arma” da rally della Casa boema, che ha preso il comando della classifica già dal primo tratto cronometrato, grazie ad una scelta di gomme ottimale, quella che ha permesso di prodursi immediatamente in una progressione difficile da riprendere per gli avversari.

Dietro a sé, Bondioni si è lasciato un’accesa bagarre, dalla quale è emerso alla fine il locale Elia Bossalini, in coppia con Sara Gerevini su una Citroën C4 WRC. Una gara punteggiata da diverse difficoltà, quella di Bossalini, prima con problemi di visibilità causa il parabrezza danneggiato dal cofano motore apertosi durante il primo trasferimento (mentre stava portandosi allo start della PS1), poi per un oggetto incastratosi nella pedaliera (durante la PS 2) ed infine con la scelta di gomme su un fondo comunque indecifrabile per tutti. Al pilota di Vigolzone va comunque il merito di avere tenuto i nervi saldi sino alla bandiera a scacchi, sotto la quale ha salutato il secondo posto finale consecutivo dopo quello della passata edizione. Terzo gradino del podio per un altro piacentino di alto livello, Andrea Carella, con una Peugeot 208 R2, affiancato da Taufer. In allenamento per la sua seconda stagione in Francia, Carella ha sfruttato al meglio la tecnicità del percorso per svolgere un utile training ed alla fine i suoi riscontri cronometrici hanno argomentato una prestazione di alto livello. Carella ha rilevato il gradino più basso del podio dalla terza prova speciale, quando cioè chi lo aveva occupato sino ad allora, il siciliano Salvatore “Totò” Riolo, con la Peugeot 208 T16 R5 è incappato in una foratura scivolando in retrovia.

Quarta posizione finale per il reggiano Ivan Ferrarotti, in coppia con Bizzocchi, sulla Renault Clio R3. In allenamento per la sua nuova partecipazione al tricolore, il pilota di Carpineti ha cercato soprattutto di registrare al meglio il set-up della vettura in una strada spesso difficile da interpretare. Buone le sensazioni avute da altri due driver che sono arrivati al “Miniere” per testare e testarsi in vista del primo via tricolore del Ciocco (Lucca) tra due settimane: il comasco Kevin Gilardoni (Renault Clio R3T) ha finito l’esperienza in sesta posizione assoluta dietro alla Ford Fiesta R5 di Alessandro Ghezzi ed il cuneese Giorgio Bernardi, ottavo con una Peugeot 208 R2.

Rilevante è stata anche l’undicesima piazza finale del 18enne toscano di Lucca Mattia Vita, figlio d’arte, qui al suo primo rally, disputato al volante con una Peugeot 208 R2. Arrivato da una buona esperienza in kart ed in circuito con le ruote scoperte ha saputo trarre il massimo da una vettura performante e da una strada non certo facile. La trasferta in terra piacentina ha invece avuto esito negativo per il giovane pavese Giacomo Scattolon, appiedato da una panne elettrica alla sua Mitsubishi Lancer Evolution Gruppo N ancor prima di tuffarsi nella sfida e pure all’evergreen Franco Leoni non è andata meglio, avendo dovuto alzare bandiera bianca durante la prima prova per una “toccata”.

Andato in archivio questo evento, per la Scuderia Invicta non vi saranno soste: alle porte vi è il Rally delle Valli Piacentine, che il sodalizio andrà a riproporre dopo che l’ultima edizione si è svolta nel 2012. La data programmata per la “rinascita”, sarà la 26^ edizione, è quella del 16-17 aprile, dando quindi continuità ad una tradizione avvalorata da un albo d’oro di prestigio, nel quale compaiono “nomi” che hanno fatto la storia delle corse su strada italiane.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.