Antonio Forato stringe i denti, a Como punta al titolo

0
Download PDF

Il pilota di Castelfranco, nonostante la non perfetta forma fisica, tenta l’assalto decisivo al Campionato Italiano WRC, per i colori del sodalizio tra Xmotors e Jteam.

Montebelluna (Tv), 17 Ottobre 2018 – Alla vigilia del Rally San Martino di Castrozza, dello scorso mese di Settembre, i sogni di gloria di Antonio Forato, uniti a quelli della sinergia tra Xmotors e Jteam, sembravano definitivamente destinati a dissolversi nel nulla.

Invece la tenacia del pilota di Castelfranco Veneto, propria dei grandi campioni, lo ha portato ad un tanto rapido quanto inaspettato recupero ed ecco che il titolo nel Campionato Italiano WRC, tra le vetture di classe R5, non è più solo un miraggio.

Nell’imminente weekend andrà in scena l’ultimo atto della serie cadetta, sulle prove speciali dell’edizione numero trentasette del Trofeo ACI Como, con un Forato che, nonostante le disavventure patite, si presenterà ancora da leader provvisorio della Coppa ACI Sport R5.

Le assenze in Friuli ed in Trentino hanno permesso il rientro della concorrenza con il trevigiano che, Venerdì prossimo, scenderà dalla pedana di partenza con due punti di vantaggio su Erbetta e sei sulla coppia composta da Perico e Bianco.

Complice un improrogabile impegno di lavoro, ad occupare il sedile di destra della Škoda Fabia griffata PA Racing e gommata Pirelli, non ci sarà Ivan Gasparotto.

Al suo posto, a dettare le note al portacolori di Xmotors e Jteam, troveremo Pietro Ometto, fresco vincitore assoluto del Rally Città di Bassano, al fianco di Luca Rossetti.

“Non sono al cento per cento della condizione fisica” – racconta Forato – “ma la posta in palio è talmente importante che dobbiamo almeno provarci. Sono in fase di recupero ma è molto dura. Abbiamo investito tutti, tanto, su questo progetto. Ringrazio di cuore i presidenti Stefan, di Xmotors, e Battaglia, di Jteam, unitamente ai partner che ci hanno sostenuto, perché siamo qui, a giocarci il titolo, grazie all’unione di tutte queste forze, per un unico obiettivo. Dal mio canto si tratta di un grosso sacrificio, viste le condizioni fisiche non al massimo. Abbiamo iniziato in salita il campionato ma puntiamo ad invertire la rotta nel momento chiave. Saremo per la prima volta con la Škoda del team PA Racing, occasione ideale per conoscerci. Esordio anche con Pietro ma sono certo che sarà all’altezza, data l’esperienza che ha maturato in queste ultime stagioni. Vogliamo finire in bellezza e ci metteremo il massimo dell’impegno.”

La prima frazione di gara, prevista per Venerdì 19 Ottobre, si articolerà sulle due tornate delle speciali di “Nesso – Veleso – Zelbio” (4,70 km) e “Ghisallo” (10,94 km) mentre al Sabato andranno in scena i tratti cronometrati di “Alpe Grande” (8,86 km) e di “Val Cavargna” (29,72 km), il primo previsto per tre passaggi mentre il secondo per due.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy