Aste Bolaffi, top lot Alfa Romeo 8C Pandion: 575 mila €

0
Download PDF

Protagonisti Stile Bertone e… il Ministero Dei Beni Culturali

MILANO, 23 maggio 2018 – Alla Pista di Arese davanti a oltre trecento spettatori, è andata in scena oggi la prima asta di “Auto e moto classiche” firmata Aste Bolaffi: un vero e proprio evento dedicato ai motori a cui hanno partecipato, con grande entusiasmo, collezionisti da tutto il mondo. Premiata la scelta, ben mirata, di proporre sia auto uniche o rare sia modelli più abbordabili: lo stesso applauso ha infatti accomunato la vendita della minuscola Isetta (lotto 47), aggiudicata a 38 mila euro, e quella dell’Alfa Romeo 8C Pandion 2010. La spettacolare concept car disegnata per celebrare i 100 anni di Alfa Romeo (lotto 64) è volata fino a 575 mila € (inclusi diritti), acquistata in sala da un famoso collezionista dopo una lunga e accanita battaglia. È il top lot dell’asta. Al secondo posto la Bertone Nuccio 2012 con meccanica Ferrari 430F1 (lotto 65), aggiudicata a 330 mila €, sotto agli occhi del designer di Bertone, Mike Robinson, che ha commentato soddisfatto: “Con queste aggiudicazioni queste mie creature potranno presentare al mondo la magia del design italiano”.

Decine di rilanci anche per i disegni di stile provenienti dal Fallimento Bertone, testimonianza della lunga storia della carrozzeria torinese, acquistati a 62 mila € come lotto unico – per un totale di cinquemila pezzi – a causa dell’avvio da parte della sovrintendenza del procedimento di dichiarazione di interesse culturale che ne ha impedito  la vendita in singoli lotti.

Filippo Bolaffi, amministratore delegato Aste Bolaffi ha commentato: “Quest’asta ha avuto due vincitori, Bertone e il ministero dei Beni culturali che, a poche ore dalla vendita, ha avviato sette procedimenti notificando un milione e mezzo di valore di vetture. Una scelta difficilmente comprensibile che ha impedito l’acquisto all’estero di numerose auto e, allo stesso tempo, mortificante per il Made in Italy che così perde l’opportunità di essere mostrato al mondo degli appassionati. Dato l’importantissimo valore storico-culturale delle stesse, sono sicuro che a questo punto il ministero concluderà il procedimento ed eserciterà pure il diritto di prelazione, visto che questo ingente patrimonio economico non poteva proprio mancare nei musei italiani… sicuramente era indispensabile bloccare, tra le altre, un’auto carrozzata svizzera, la Gangloff, e una immatricolata in Inghilterra, la Isotta Fraschini 8B”.

Altri lotti molto combattuti dell’asta sono stati la Renault R5 Turbo del 1981, una delle opere d’arte di Marcello Gandini (lotto 83, 80 mila €), la Peugeot Break 4×4 Dangel del 1985 (lotto 45, 27 mila €), la deliziosa Mini Morris verde oliva (lotto 40, 10.350 €) e, tra le moto, la Norton Manx del 1960 (lotto 13, 37 mila €) e la Aermacchi Ala D’Oro 250 del 1928 (lotto 9, 21 mila €). “Il realizzo complessivo dell’asta – ha concluso Filippo Bolaffi – è stato di 1,6 milioni a cui contiamo di aggiungere oltre 1,5 milioni da parte dello Stato”.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi