Automotoretrò 2020: grande successo e Scuderia del Portello protagonista a Lingotto Fiere, Torino, dal 30 gennaio al 2 febbraio

0
Download PDF

La Scuderia del Portello è stata ospite della 38^ edizione di AUTOMOTORETRÒ, svoltasi dal 30 gennaio al 2 febbraio 2020 presso il Lingotto Fiere a Torino.

Durante la kermesse dedicata al settore auto e moto d’epoca, il team di Arese, per celebrare i 110 anni del “Biscione”, ha schierato all’ingresso del padiglione principale uno dei suoi bilici ufficiali con prestigiose vetture del “Museo Dinamico Scuderia del Portello Alfa Romeo storiche da competizione”: la De Tomaso F1 Alfa Romeo del 1961, la 1900 Corto Gara del 1952, la GTAm ex Autodelta del 1970, la 75 Super Turismo ex Alfa Corse del 1988 e la Giulia Giardinetta carrozzata Giorgetti del 1974.

L’esposizione delle vetture è stata accompagnata da un allestimento iconografico che ha illustrato la storia dell’Alfa Romeo nelle corse di cui la Scuderia del Portello è portabandiera in tutto il mondo dal 1982.

Presso l’affiliato stand Alfa Romeo Racing Club – Scuderia del Portello, presieduto da Fulvio Ballabio ed Ennio Mosca (presenti con una Giulietta ECO Racing e il prototipo Alfa Romeo Montecarlo), molto toccante è stato il momento di commemorazione per Nanni Galli, storico pilota Alfa Romeo scomparso nel 2019, durante il quale i due sodalizi, insieme ad Arturo Merzario e al Presidente Marco Cajani, hanno conferito alla compagna Lori il trofeo celebrativo dei 50 anni della vettura Tipo 33/2 Periscopica, condotta dal pilota nelle competizioni alla fine degli anni ’60.

Ospiti del Portello anche Vladimir Pajevic e Gian Luigi Picchi per la presentazione del libro sull’Alfa Romeo GTA.

Quattro padiglioni, oltre 1000 espositori, decine di piloti coinvolti, 3000 esemplari esposti tra auto e moto e più di un chilometro di pista per emozionare i visitatori nei quattro giorni di fiera. Più di 73.000 spettatori sono accorsi all’evento per ammirare pregiate vetture d’epoca e bolidi da rally, le supercar più performanti e moto per ogni tipo di terreno e tracciato. L’appuntamento, che unisce il collezionismo vintage e l’anima racing, ha dimostrato ancora una volta la sua forte capacità attrattiva, non solo per gli addetti ai lavori ma anche per una platea sempre più variegata e proveniente da tutto il mondo.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy