Bilancio positivo per la Scuderia Project Team

0
Download PDF

I selettivi asfalti del messinese, teatro del Rally del Tirreno sorridono a Germanà-Ardiri (Peugeot 106) e Milici-Masotto (Peugeot 106 Rally). I rientranti di Lorenzo-Cardella (Porsche 911/SC) concludono sul podio del Tirreno Historic Rally

Saponara (Me), 11 agosto 2019 – Tutto sommato, la scuderia Project Team ha archiviato positivamente l’impegno al 16° Rally del Tirreno, andato in scena nella notte tra il 10 e l’11 agosto nel Messinese. La competizione, valida per la Coppa Aci Sport 8^ zona e per il Trofeo Rally Sicilia (TRS), ha indubbiamente sorriso ai portacolori Ivan Germanà e Antonio Ardiri, su Peugeot 106. L’equipaggio pattese, infatti, si è imposto in volata in una combattuta classe A5 (ben 10 i partenti) disputando una gara tutta in crescendo. Altrettanto bene hanno fatto i compagni di squadra Antonio Milici e Davide Masotto, su Peugeot 106 Rally, leader della “N1”. Salvatore Sfogliano e Nunzio Longo, su Fiat Uno Turbo, invece, hanno concluso quarti nella “A7”. Da registrare, infine, i ritiri di  Stefano Saja (Renault Clio 16V) con Salvatore Portera, tra le Racing Start, e di Massimo Lisa (Citroen Saxo) con Angelo Impollonia, nella “K10”.

 

L’altra parentesi agonistica ma riservata ai modelli d’antan, ovvero il 3° Tirreno Historic Rally, appuntamento del Trofeo 4^ zona (Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia, Sardegna) e della serie regionale di specialità ha salutato l’ottima prima uscita stagionale degli esperti Antonio Di Lorenzo e Franco Cardella, su Porsche 911/Sc curata dalla Barbaccia Motorsport. L’affiatato binomio corleonese, già vincitore dell’edizione 2017, infatti,  è salito sul secondo gradino del podio tanto di un’ideale classifica assoluta quanto della graduatoria di un competitivo 3° Raggruppamento. Trasferta sfortunata, invece, per Francesco Ospedale (Opel Kadett Gsi) che, in coppia con Pietro Gennaro, è stato costretto a issare bandiera bianca per la rottura delle colonnette della ruota anteriore sinistra ma quando, fortunatamente, si trovava ancora al parco assistenza.

 

 

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy