Bilancio positivo per la Scuderia Project Team

0
Download PDF

I selettivi asfalti del messinese, teatro del Rally del Tirreno sorridono a Germanà-Ardiri (Peugeot 106) e Milici-Masotto (Peugeot 106 Rally). I rientranti di Lorenzo-Cardella (Porsche 911/SC) concludono sul podio del Tirreno Historic Rally

Saponara (Me), 11 agosto 2019 – Tutto sommato, la scuderia Project Team ha archiviato positivamente l’impegno al 16° Rally del Tirreno, andato in scena nella notte tra il 10 e l’11 agosto nel Messinese. La competizione, valida per la Coppa Aci Sport 8^ zona e per il Trofeo Rally Sicilia (TRS), ha indubbiamente sorriso ai portacolori Ivan Germanà e Antonio Ardiri, su Peugeot 106. L’equipaggio pattese, infatti, si è imposto in volata in una combattuta classe A5 (ben 10 i partenti) disputando una gara tutta in crescendo. Altrettanto bene hanno fatto i compagni di squadra Antonio Milici e Davide Masotto, su Peugeot 106 Rally, leader della “N1”. Salvatore Sfogliano e Nunzio Longo, su Fiat Uno Turbo, invece, hanno concluso quarti nella “A7”. Da registrare, infine, i ritiri di  Stefano Saja (Renault Clio 16V) con Salvatore Portera, tra le Racing Start, e di Massimo Lisa (Citroen Saxo) con Angelo Impollonia, nella “K10”.

 

L’altra parentesi agonistica ma riservata ai modelli d’antan, ovvero il 3° Tirreno Historic Rally, appuntamento del Trofeo 4^ zona (Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia, Sardegna) e della serie regionale di specialità ha salutato l’ottima prima uscita stagionale degli esperti Antonio Di Lorenzo e Franco Cardella, su Porsche 911/Sc curata dalla Barbaccia Motorsport. L’affiatato binomio corleonese, già vincitore dell’edizione 2017, infatti,  è salito sul secondo gradino del podio tanto di un’ideale classifica assoluta quanto della graduatoria di un competitivo 3° Raggruppamento. Trasferta sfortunata, invece, per Francesco Ospedale (Opel Kadett Gsi) che, in coppia con Pietro Gennaro, è stato costretto a issare bandiera bianca per la rottura delle colonnette della ruota anteriore sinistra ma quando, fortunatamente, si trovava ancora al parco assistenza.

 

 

Download PDF
Condividi

Rispondi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy