Buon compleanno Pietro Bordino, “Diavolo Rosso”

0
Download PDF

TORINO, 22 novembrePietro Bordino nacque a Torino, il 22 novembre 1887, e morì ad Alessandria, il 15 aprile 1928 nella preparazione di una corsa automobilistica, nel rettilineo che porta Valmadonna.

Negli anni Venti Pietro Bordino con Felice Nazzaro e Antonio Ascari (padre di Alberto) fu uno dei piloti italiani più famosi. Insieme a Nazzaro, il suo nome è associato alle vittorie a bordo delle FIAT da Grand Prix. Nel 1911, guida sul circuito di Brooklands e sulla spiaggia di Saltburn una Fiat S76 Record sulla quale tocca i 200 km/h, per il record di velocità sul miglio. Una delle vittorie più importanti di Pietro Bordino fu il successo al Gran Premio d’Italia del 1922, e nel corso della sua carriera corse la 500 Miglia di Indianapolis del 1925 arrivando decimo, e prese parte a dieci corse dell’American Championship Car Racing organizzato dalla AAA negli Stati Uniti d’America.

Nel 1927 portò in gara la nuova ed innovativa FIAT 806 al Gran Premio di Milano, disputato a Monza. Bordino vinse, siglando anche il giro più veloce. Dopo la corsa, la FIAT si ritirò per sempre dai Gran Premi. Morì nel 1928 ad Alessandria mentre stava provando una Bugatti prima di una gara. Improvvisamente un cane gli attraversò la strada e si incastrò sotto la vettura tra le barre dello sterzo, rendendo la vettura ingovernabile. Bordino finì in un fosso e morì annegato. Il suo copilota, Giovanni Lasagne, subì una grave frattura al cranio e spirò poco dopo. Bordino è sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.

Download PDF
Condividi

Rispondi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.