Cresce l’attesa per il 23° rally delle Valli Cuneesi

0
Download PDF

 

Valli Cuneesi_2015_Gino-Ravera al Valli Cun 2015 archivio Srt (Custom)DRONERO (CN) – Sta per scattare il 23esimo Rally delle Valli Cuneesi: oltre un centinaio di equipaggi impegnati il 15-16 settembre nel Saluzzese. La gara, organizzata dallo Sport Rally Team presieduto da Piero Capello, richiamerà migliaia di appassionati a Dronero (CN) e valli occitane dei dintorni.

Valli Cuneesi_2016 Chentre - Florean vincitori 2016 foto Briano (Custom)Competizione di profilo internazionale per via della validità anche come prova del Campionato Svizzero Rally – una quindicina gli equipaggi targati CH che qui si giocheranno il titolo – il Valli Cuneesi 17 sarà contestualmente valido per la Coppa Italia Rally Aci Sport, campionato federale articolato su 16 gare in 4 distinte zone nazionali. Terza tappa stagionale in Prima Zona (dopo i rally di Alba e Lanterna, prima del Carron-Revaz al Valli Cuneesi 2014 foto Elio Magnano (Custom)Rubinetto), sarà arena di sfida anche per un significativo montepremi in denaro. Infatti, grazie a un’inedita collaborazione fra i quattro organizzatori tesa ad accrescere l’appeal della serie, cui si è associata la casa Michelin, quest’anno per la prima volta sono globalmente in palio circa 40mila euro. Occhi quindi puntati sull’attuale leader, il cuneese Alessandro Gino, navigato da Marco Ravera su Fiesta WRC, che guida la classifica (30 punti), e sul diretto inseguitore, il valenzano Davide Riccio (18 punti), in coppia con lo svizzero Marco Menchini su Ford Fiesta R5 (scuderia Turismotors), attualmente pure al comando del 2° raggruppamento ai fini del Montepremi Organizzatori, diviso in 5 scaglioni. Nelle ultimissime ore si è però iscritto il vincitore assoluto 2016, il valdostano Elwis Chentre, stavolta in coppia con Elena Giovenale su Hyundai I 20 (Winner’s Rally Team), che partirà col numero 1 sulla vettura. L’anno scorso, in tandem con Fulvio Florean su Fiesta WRC, ebbe la meglio su Gino, secondo nel 2016, così come nel 2015 su Mini Cooper WRC. Da seguire anche Mauro Miele e Luca Beltrame su Fiesta WRC (Top Rally), Piergiacomo Riva e Remi Rudino su Citroën DS3 WRC (Eurospeed), Augustino Pettenuzzo e Elio Tirone, su un’altra WRC, ma Ford Focus (Meteco Corse).

Un drappello di svizzeri presidia i numeri di partenza “alti”. Infatti al Valli Cuneesi, dopo 4 prove ultimo appuntamento del Championnat Suisse des Rallyes prima della finalissima (Rallye du Valais 26-28 ottobre), gli equipaggi targati CH al vertice della classifica provvisoria si giocheranno il tutto per tutto, a caccia di punti preziosi. A partire dall’attuale leader Sebastien Carron, in coppia con Vincent Landais su Ford Fiesta R5 (Dmax Swiss), che guida il vertice provvisorio con 133 punti, al via col numero 2, seguito in classifica e in pedana (numero 3) dal ticinese Ivan Ballinari (118 punti), qui navigato da Giusva Pagani su Ford Fiesta R5 (Lugano Racing), nonché da Nicolas Althaus e Alain Ioset (Lugano Racing), su Škoda Fabia R5 (quarti, con 52 punti), prioritari al via col numero 4.

Ulteriore profilo agonistico da seguire sarà la lotta fra i giovani svizzeri del Campionato Svizzero Junior, che a Dronero recupereranno l’annullato rally del Gottardo. Al vertice provvisorio con 39 punti, Nicolas Lathion e Gaetan Lathion (Atelier de la Tzoumaz) su Peugeot 208 R2B, contemporaneamente quinti (48 punti) nell’attuale assoluta del Campionato.  Fra gli Junior alle spalle dei primi, in una manciata di punti, e tutti in gara a Dronero: Thomas Schmid e Cornel Frigoli su Renault Twingo R1B (Team Rally Top) secondi con 23 punti; Jean-Marie Renaud e Yannick Schriber su Peugeot 208 R2B (Dmax Swiss), terzi con 22 punti; Jonathan Michellod e Stéphane Fellay su Peugeot 208 R2B (At.de la Tzoumaz), quarti con 21 punti. In palio, poi, una serie di altri riconoscimenti, a partire da diversi Trofei monomarca (Michelin, Peugeot, Renault) per premiare specifiche performance, oltre a tre premi alla memoria (Trofeo Gianfranco Giorsetti, Trofeo GianPiero Turletti, Memorial Johnny Cornaglia).

A Dronero avrà luogo pure il contestuale 10° Rally storico del Cuneese, svolto sulle stesse strade ma con un percorso ridotto. Una decina gli iscritti.

Questa 23esima edizione del Valli Cuneesi sarà articolata su 6 prove speciali (Montemale, Madonna del Colletto, Valmala, ognuna da ripetere), con 96 km di tratti cronometrati, su un percorso globale di 300 km.

Si partirà dal binomio donne e motori. Giovedì 14 settembre, dopo una giornata dedicata per gli equipaggi alle ultime ricognizioni del percorso (ore 10-18),  in serata festa e musica in piazza a Dronero, con “Le Mondine” in concerto, e l’esibizione della Scuola Danza Valle Maira. Venerdì 15 altre ricognizioni (ore 7-12), verifiche tecnico-sportive (ore 13,30-18,30), test pregara a Roccabruna (ore 14,30-18,30) e passerella di presentazione degli equipaggi a partire dalle 20 in piazza Manuel, con successivo ingresso delle vetture in riordino, a Dronero. Sabato 16, gara vera e propria, con partenza da piazza Martiri alle 7,30 e arrivo previsto verso le 19. Assistenza a Villar San Costanzo e riordini a Dronero e Rossana (dove fra il primo e il secondo giro l’Amministrazione ha predisposto un momento di ristoro e accoglienza per gli equipaggi).

Download PDF
Condividi