A Dalmazzini-Ciucci (Ford Fiesta R5) il “Nido dell’aquila 2017”

0
Download PDF

Nido dell'Aquila_2017_BULACIA-FOTO BETTIOL (Custom)È stata una gara avvincente quanto resa dura dalla pioggia, la quarta prova del tricolore rally terra, corsa oggi su sei prove speciali intorno a Nocera Umbra. Il resto del podio è andato al giovane sedicenne Bulacia, secondo, e al veneto Costenaro. (Foto Zini, Bettiol, Magnano)

 

Nido dell'Aquila_2017_COSTENARO-FOTO MAGNANO (Custom)NOCERA UMBRA (Perugia), 10 settembre 2017 – Sono stati Andrea Dalmazzini e Giacomo Ciucci, su una Ford Fiesta R5 della GB Motors Racing, a vincere oggi il Nido dell’Aquila 2017, proposto a Nocera Umbra (Perugia), da PRS Group, insieme all’Amministrazione Comunale e a Radio Subasio. La quarta prova del Campionato Italiano Rally Terra, si è disputata con le insidie del maltempo, che hanno reso ancor più ostico, ma comunque anche appassionante, il confronto sul campo, punteggiato da sei prove speciali in totale, due da ripetere.

Il Campionato Italiano Rally Terra era arrivato in Umbria con una situazione di classifica estremamente corta e ne riparte con alcune certezze in più per Dalmazzini che, partendo per primo sulla strada sapeva di poter avere l’handicap di aprire la strada agli avversari. Il pilota modenese, ha attaccato sin dai primi metri di gara spiazzando tutti e allungando in modo concreto, inseguito da vicino solamente dal giovane sedicenne boliviano Marco Bulacia (Ford Fiesta R5), alla fine arrivato secondo assoluto, affiancato dall’esperto copilota argentino Fernando Mussano. Proprio Bulacia, la grande rivelazione della stagione sterrata nazionale, è stato quello che più ha impensierito il vincitore, costringendolo a forzare sino all’ultima prova speciale, segno di una gara rivelatasi anche spettacolare oltre che tirata. Il giovane sudamericano, tre volte Campione Nazionale rally di Bolivia, ha messo pepe alla sfida dalla parte centrale del confronto, ha siglato la miglior prestazione cronometrica in tre prove e sotto la bandiera a scacchi Dalmazzini ha primeggiato con l’inezia di 1”6.

Dietro ai due è emerso con ampio merito Giacomo Costenaro, con Bardini, su una Peugeot 208 T16 R5. Partito in sordina, duellando con forza con il Campione in carica Daniele Ceccoli, in coppia con Capolongo (Ford Fiesta R5), il driver vicentino ha poi finito in tranquillità al terzo posto, visto che a due prove dal termine il sammarinese si è fermato per noie elettriche. “Nido” sfortunato anche per i padovani Nicolò Marchioro/Marco Marchetti, traditi dalla trasmissione della loro Peugeot 208 T16 R5 dopo tre prove quando occupava il gradino più basso del podio provvisorio.

Dalmazzini dunque ha preso leggero margine in classifica di Campionato quando mancano due prove al termine (Rally Costa Smeralda e Rally Val d’Orcia) e Costenaro rimane bene in corsa per il rush finale, mentre dai loro mancati arrivi sono stati certamente penalizzati sia Ceccoli sia Marchioro.

Quarta piazza assoluta per i veronesi Luca Hoelbling/Mauro Grassi, con la Škoda Fabia R5, sempre rimasto a ridosso del podio nonostante un avvio stentato per problemi di set-up, mentre l’acceso confronto per il Gruppo N è andato al trevigiano Alessandro Bruschetta, con Zortea alle note, su una Subaru Impreza N4. Le prime due prove erano state appannaggio dello sloveno Aljosa Novak, con una Mitsubishi Lancer Evo IX poi, dal secondo giro di prove, il pilota di Montebelluna è salito in cattedra, andando a chiudere vittorioso in Piazza Vittorio Umberto I a Nocera Umbra nonostante abbia corso debilitato dai postumi di una colica renale avuta nell’immediato pre-gara. Con questa nuova pregevole prestazione Bruschetta consolida il primato nel Trofeo Yokohama, riservato ai clienti del costruttore di gomme giapponese. Prestazioni di rilievo anche per Facca (Ford Fiesta R5), sempre molto spettacolare, per Rigo (al debutto con una trazione integrale, Mitsubishi Lancer Evo IX) e per Codato (Mitsubishi Lancer Evo IX).

Il migliore tra le due ruote motrici è risultato il toscano di Pistoia Daniele Pellegrineschi, insieme a Tondini, su una Citroën DS3 R3, anche buon decimo assoluto al termine di una prestazione decisamente maiuscola, spesso anche davanti a vetture a trazione integrale.

La gara “Baja”, anch’essa quarto atto del Campionato Italiano Cross Country Rally, dopo sette settori selettivi su dieci, per adesso vede al comando il veneto Elvis Borsoi con una Toyota Toyodell davanti ad Amerigo Ventura (Yamaha Quaddy).

Download PDF
Condividi