DS Automobiles all’origine dell’avanguardia: una DS 19 con il tetto in plexiglass per John e Jacqueline Kennedy

0
Download PDF

Massima visibilità all’’insegna del comfort e della sicurezza. Un altro obiettivo raggiunto con una creazione inedita e unica ad opera di Flaminio Bertoni, sulla base di una DS 19.

PARIGI – Nel lontano 1938, quando fu redatto il capitolato che avrebbe portato alla creazione della DS19, poi presentata nel 1955, il responsabile del Centro Stile, l’italiano Flaminio Bertoniebbe carta bianca da parte degli ingegneri che chiesero due sole cose: una forma aerodinamica e tanta visibilità.

La visibilità equivale a due cose: comfort e sicurezza. Sicurezza per il conducente e comfort per i passeggeri che hanno una migliore percezione di ciò che li circonda.

L’ingegnere capo André Lefebvre aveva sempre trovato “claustrofobica” la Traction Avant e chiese che la nuova ammiraglia avesse molto più vetro. Bertoni lo accontentò: montanti anteriori e centrali sottilissimi, vetri panoramici (realizzati con speciali procedure dalla Saint-Gobain espressamente per la DS) ed una luminosità a bordo unica al mondo, merito di oltre due metri quadri di superfici trasparenti attorno all’abitacolo.

Quando il presidente John Fitzgerald Kennedy e sua moglie Jacqueline decisero di visitare Parigi, arrivando nella Ville Lumière il 31 maggio del ‘61 per trascorrervi qualche giorno, l’Eliseo e la casa automobilistica francese ebbero l’idea di mettere a disposizione della coppia una speciale DS19 che permettesse agli illustri ospiti una visione ancor più spettacolare della capitale francese, grazie ad un tetto perfettamente trasparente, realizzato in un solo pezzo di plexiglas azzurrato che si sommava alla panoramicità unica al mondo della DS di serie!

Dopo la parata che portò il Presidente americano e sua moglie dall’aeroporto del Bourget sino all’Eliseo a bordo di un’altra Citroën presidenziale (la cabriolet su base 15Six realizzata da Henri Chapron), i Kennedy ebbero modo di apprezzare Parigi dall’interno della DS19 che Jacqueline usò anche da sola, durante gli impegni ufficiali del marito, per esplorare i quartieri ed i monumenti della città.

La carriera di quella speciale DS non finì il giorno in cui riportò John e Jacqueline all’aeroporto di Le Bourget: qualche anno dopo nel 1965, quando il grande regista italiano Elio Petri chiese una vettura per girare un film ambientato in una Roma futuristica, gli venne consegnata la stessa DS19 panoramica con tetto in plexiglas usata dai Kennedy a Parigi.

Perfettamente a suo agio nella Storia, la DS19 ha attraversato il tempo senza invecchiare, come una vera Dea delle automobili.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.