Erreffe Rally Team con tutte e tre le vetture al traguardo a Castelletto Di Branduzzo

0
Download PDF

 

Andrea Chiesa sale sul gradino più basso del podio, Paul Alerini entra nella top ten

Branduzzo_Alerini (Custom)CASTELNUOVO SCRIVIA (AL) – Il team non si è fermato neanche per le festività pasquali. La prima edizione della gara svoltasi sul Circuito di Castelletto di Branduzzo dista pochi chilometri dalla sede della Erreffe Rally Team. Per l’occasione sono state schierate tre vetture. La Peugeot 207 S.2000 griffata Bardahl, partner del team alessandrino, nelle sapienti mani di Andrea Chiesa e dall’esperto Fabio Berisonzi (nell’immagine di apertura). I due hanno colto un risultato che andava oltre le aspettative data la nutrita concorrenza con auto di categoria superiore. Da segnalare che per il pilota pavese questa è la sua seconda volta al volante di una vettura a quattro ruote motrici dopo l’esordio al Monza Rally Show.

Branduzzo_Di stefano (Custom)All’ottavo posto assoluto il corso Paul Alerini con alla destra Xavier Nanni (foto sopra) hanno “assaggiato” il nuovo propulsore evoluto della Fiesta R5 Evo. Una prima presa di contatto importante in vista delle prossime gare del pilota di Bastia. Prima gara stagionale per Ronny Di Stefano che ottiene il primo posto di classe al volante della Renault Clio S.1600 coadiuvato dalla sua compagna Gloria Santini (foto a sinistra). I tre equipaggi hanno permesso inoltre di far ottenere alla Giesse Promotion il primo posto tra le scuderie. Tutte e tre le vetture erano equipaggiate con pneumatici Pirelli e lubrificanti Bardahl.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.