L’Aurelia B10 del 1950, protagonista di Lancia Aurelia 1950 – 2020 mito senza tempo nei padiglioni (chiusi al pubblico) del Museo dell’Auto di Torino

Il museo è temporaneamente chiuso per l’emergenza Coronavirus, ma visitiamo idealmente la mostra attraverso le immagini realizzate per Kaleidosweb. Servizio di Tommaso M Valinotti

AURELIA B10, telaio 2126 (1950) La nuova berlina Lancia viene presentata al Salone dell’Auto di Torino nella primavera del 1950. Si chiama Aurelia, unito alla sigla B10 che si riferisce al numero di progetto costruttivo. Verrà prodotta in 5.451 esemplari tra il 1950 e il 1953. (Motore 6 cilindri a V di 60°. Cilindrata 1750 cc. 56 CV)

TORINO – Vincenzo Lancia aveva una predilezione per i nomi latini. Anche dopo la sua morte la casa torinese continuò per un certo periodo questa tradizione. Fu così che nacque “Aurelia” bellissimo nome che deriva da oro. Aurelia era il nome della madre di Giulio Cesare. Aurelia è il nome di una splendida vettura prodotta dalla Lancia dal 1950 al 1958. È stata la vettura protagonista del road-movie “Il sorpasso” del 1962 di Dino Risi con Vittorio Gassman e Jean Louis Trintignant, palcoscenico di un memorabile bacio sul suo cofano della conturbante Brigitte Bardot a Jean Louis Trintignat nel film “E Dio creò la donna” di Roger Vadim del 1956. Fu l’auto amata da Ernest Hemingway, Fausto Coppi e addirittura dal campionissimo Manuel Fangio. Carrozzata dai migliori stilisti dell’epoca come Pinin Farina, Bertone, Balbo e Viotti. Che portò a teatro la bella gente dell’Italia che rinasceva e ottenne risultati sportivi eclatanti, come il secondo posto di Giovanni Bracco alla Mille Miglia del 1951. Ai settant’anni dell’Aurelia è dedicata una stupenda mostra al Museo dell’Auto in programma sino al 30 maggio (orario 10-19, lunedì 10-14; biglietto 12€) per ora chiusa a causa del Coronavirus. Quando riaprirà sarà da vedere in ogni suo dettaglio.

Lancia Aurelia 1950 – 2020 mito senza tempo nei padiglioni (chiusi) del Museo dell’Auto di Torino

Il museo è temporaneamente chiuso per l’emergenza Coronavirus, ma visitiamo idealmente la mostra attraverso le immagini realizzate per Kaleidosweb. Servizio di Tommaso M Valinotti

TORINO – Vincenzo Lancia aveva una predilezione per i nomi latini. Anche dopo la sua morte la casa torinese continuò per un certo periodo questa tradizione. Fu così che nacque “Aurelia” bellissimo nome che deriva da oro. Aurelia era il nome della madre di Giulio Cesare. Aurelia è il nome di una splendida vettura prodotta dalla Lancia dal 1950 al 1958. È stata la vettura protagonista del road-movie “Il sorpasso” del 1962 di Dino Risi con Vittorio Gassman e Jean Louis Trintignant, palcoscenico di un memorabile bacio sul suo cofano della conturbante Brigitte Bardot a Jean Louis Trintignat nel film “E Dio creò la donna” di Roger Vadim del 1956. Fu l’auto amata da Ernest Hemingway, Fausto Coppi e addirittura dal campionissimo Manuel Fangio. Carrozzata dai migliori stilisti dell’epoca come Pinin Farina, Bertone, Balbo e Viotti.

Che portò a teatro la bella gente dell’Italia che rinasceva e ottenne risultati sportivi eclatanti, come il secondo posto di Giovanni Bracco alla Mille Miglia del 1951. Ai settant’anni dell’Aurelia è dedicata una stupenda mostra al Museo dell’Auto in programma sino al 30 maggio (orario 10-19, lunedì 10-14; biglietto 12€) per ora chiusa a causa del Coronavirus. Quando riaprirà sarà da vedere in ogni suo dettaglio.

Torna il Gran Premio Parco Valentino delle supercar

La 6a edizione della parata tra gli eventi di Milano Monza Motor Show

Torino, 7 febbraio 2020 Domenica 21 giugno 2020 tornerà il Gran Premio Parco Valentino, la sfilata riservata ai collezionisti di supercar e auto storiche di prestigio che, nella sua 6a edizione, entrerà a far parte del calendario eventi di Milano Monza Motor Show. Il Gran Premio Parco Valentino è stato presentato presso il Palazzo della Regione Piemonte a Torino, alla presenza di Alberto Cirio, Presidente Regione Piemonte, Andrea Tronzano, Assessore al Bilancio della Regione Piemonte, Matteo Marnati, Assessore all’Ambiente Regione Piemonte, Alessandro Canelli, Sindaco di Novara, Alberto Gusmeroli, Sindaco di Arona, Piergiorgio Re, Presidente Comitato ACI Piemonte, Gianmarco Giorda, Direttore ANFIA, e Andrea Levy, Presidente Milano Monza Motor Show. Una parata dinamica di quella che è la storia dell’automobile, rappresentata dai modelli più iconici che ne hanno rappresentato l’evoluzione e i passaggi chiave, sia in ambito ingegneristico che in quello di design. Supercar, prototipi dei più grandi carrozzieri e centri stile, auto classiche e moderne dotate delle tecnologie più all’avanguardia sfileranno tra le strade più belle di Piemonte e Lombardia, in un evento dinamico di caratura internazionale in grado di unire le due regioni, realizzato anche grazie alla collaborazione di ACI Torino e ACI Novara. I collezionisti si daranno appuntamento ad Arona, sponda piemontese del Lago Maggiore, da dove partiranno per arrivare e pranzare al Castello Visconteo Sforzesco di Novara, che si affaccia su Piazza Martiri, nel pieno centro della città. Una visita al Castello e poi le auto si muoveranno in parata alla volta di Monza e dell’Autodromo, traguardo del Gran Premio Parco Valentino: i collezionisti festeggeranno l’arrivo con un giro sulla pista di Formula 1 dell’Autodromo di Monza, visitando e vivendo il Milano Monza Motor Show da veri protagonisti. Tornerà anche la Supercar Night Parade: giovedì 18 giugno andrà in scena il Tribute ACI Torino Monza Supercar Night Parade, uno speciale road to organizzato da ACI Torino che porterà le più belle auto sportive dal centro storico di Torino fino al Monza Eni Circuit, dove si uniranno alle ore 20 alla Monza Supercar Night Parade, la parata di hypercar e supercar che chiuderà la giornata inaugurale del Milano Monza Motor Show con una grande festa sulle antiche sopraelevate e sul rettilineo dell’Autodromo di Monza. Sul sito www.milanomonza.com è possibile candidare la propria vettura per partecipare alla 6a edizione del Gran Premio Parco Valentino e alla Monza Supercar Night Parade.

Andrea Levy – Presidente Milano Monza Motor Show “Il Gran Premio Parco Valentino da sempre ha rappresentato l’anima dinamica, glamour e culturale in grado di raccontare la storia dell’automobile attraverso i modelli scelti dagli equipaggi partecipanti. Sono molto felice che la sua 6a edizione entri nel calendario di Milano Monza Motor Show unendo Arona e Novara, città splendide e ricche di storia e di monumenti, naturalmente collegate alla vicina Lombardia da una strada suggestiva che costeggia la zona dei laghi e che arriva a Monza, perla della Brianza, e al suo Autodromo, Tempio della Velocità e sede di Milano Monza Motor Show. Ringrazio la Regione Piemonte e tutte le istituzioni che hanno fortemente voluto la realizzazione di questa parata di collezionisti, collaborando in sinergia affinché potesse organizzarsi e realizzarsi”.

Alberto Cirio – Presidente Regione Piemonte “Siamo felici di poter ospitare il Gran Premio Parco Valentino perché per noi è fondamentale innanzitutto mantenere il legame con un evento che è nato nella nostra regione e che vede in questo territorio la capitale italiana dell’automobile. Sarà una occasione per attrarre migliaia di appassionati lungo un percorso di grande bellezza e suggestione che valorizza e racconta luoghi come Arona e Novara, città incastonate in un patrimonio di eccellenza ambientale, paesaggistica, storica e culturale.”

Milano-Monza Open Air Motor Show, si chiamerà così l’evoluzione di Parco Valentino

La 6ª edizione di Parco Valentino si svolgerà dal 18 al 21 giugno 2020 e si chiamerà Milano-Monza Open Air Motor Show. La manifestazione, che avrà una forte anima dinamica e che punterà a coinvolgere un pubblico di appassionati italiano e internazionale, verrà presentata ufficialmente ai media e agli addetti ai lavori giovedì 19 settembre 2019, a Milano, in una conferenza stampa che racconterà il progetto e il concept di Milano-Monza Open Air Motor Show.

ASI al Parco Valentino Motor Show 2019 per celebrare la storia dell’auto e del design

Torino, 24 giugno 2019 – Dal 19 al 23 giugno Torino è stata la capitale dell’automobile grazie alla quinta edizione di Parco Valentino Motor Show, salone dell’auto all’aperto con ingresso al pubblico completamente gratuito. Uno spettacolo diffuso in tutta la città, con il fulcro nel grande Parco Valentino che fino agli anni Cinquanta del 1900 ha ospitato il Circuito di Torino con i suoi Gran Premi per auto da competizione, in particolare le monoposto di Formula 1.
L’Automotoclub Storico Italiano è stato protagonista di questa kermesse unica in Europa in qualità di ente patrocinatore di due importanti eventi: il concorso d’eleganza per auto d’epoca “Parco Valentino Classic” e la rievocazione della “Torino-Asti-Torino”, la più antica corsa italiana per veicoli a motore con la sua prima edizione datata 1895.
“La partecipazione di ASI al Parco Valentino Motor Show– ha sottolineato Alberto Scuro, presidente dell’Automotoclub Storico Italiano – ha evidenziato ancora una volta il ruolo di Torino come capitale dell’automobile e culla del motorismo storico: qui, infatti, oltre ad essere ben radicate le origini dell’industria e del design a quattroruote, sono presenti le sedi di ASI e di FIVA, la federazione internazionale dei veicoli storici. Su Torino, quindi, gravita tutto il know how legato al comparto, e grazie ad eventi come Parco Valentino ha l’opportunità di mostrarsi al grande pubblico”.
Nell’ambito del concorso “Parco Valentino Classic” – organizzato da Auto Classic e Between – ASI ha anche schierato tre esemplari della Collezione Bertone, vere icone di design automobilistico degli anni ’70 e ’80: la Ferrari 308 GT Rainbow del 1976, la Chevrolet Ramarro del 1984 e la Lamborghini Countach del 1987. Quest’ultima, inoltre, è stata utilizzata nella “President Parade” di mercoledì 19 giugno, alla quale ha preso parte il neo-presidente dell’Automotoclub Storico Italiano Alberto Scuro: un’affascinante sfilata nel centro di Torino per inaugurare ufficialmente il salone Parco Valentino 2019.
Il concorso d’eleganza ha visto la partecipazione di oltre 30 auto d’epoca suddivise in sei categorie: Questione di stile, Arte in movimento, Pilota e gentiluomo, Carrozze a motore, Italiane purosangue e La dolce vita. La giuria – presieduta da Andrea Levy (patron di Parco Valentino Motor Show) e Paolo Tuminelli, e composta da Paolo Pininfarina (vice presidente ASI), David Giudici, Luciano Bertolero, Alberto Vassallo, Sandro Binelli, Enrico Renaldini e Shayan Bokaie – ha eletto Best of Show la Fiat 8V Berlinetta Speciale Pininfarina di Max Stancari. Lo speciale Trofeo ASI “Per la Storia” è stato assegnato alla Dino 246 GT di Piermario Cornaglia: hanno consegnato il riconoscimento i due vice presidenti dell’Automotoclub Storico Italiano Paolo Pininfarina e Antonio Verzera. I consiglieri ASI Francesco Battista e Antonio Traversa hanno invece ritirato il premio speciale per l’interno più bello vinto dalla Ferrari 308 GT Rainbow Bertone.

Molto interessante anche il programma della “Torino-Asti-Torino”, che quest’anno ha celebrato la sua 124^ edizione. L’iniziativa, firmata da ASI e RACI (Registro Ancetre Club Italia), era riservata alle vetture costruite entro il 1918: dopo essere rimaste in esposizione in Piazza Vittorio Veneto nel pomeriggio di venerdì 21 giugno, le 15 selezionate “ancetre” sono partite per la loro avventura sabato 22, prima sfilando nel centro di Torino, poi raggiungendo Asti. Da qui sono rientrate la domenica concludendo il tour nel cortile del Castello del Valentino. Di particolare interesse, tra le auto al via, una Peugeot Bebé del 1905, una Lancia Alpha del 1908, una Hupmobile Runabout del 1909, una elegantissima Wolseley Siddeley Limousine del 1911 e una Locomobile Roadster del 1915.

  • Le vincitrici del concorso d’eleganza “Parco Valentino Classic”
    Best Of Show: Fiat 8V Berlinetta Speciale Pininfarina (Max Stancari)
    Trofeo Parco Valentino: Fiat Dedica Stola (Paola Stola Ariusso)
    Trofeo ASI: Dino 246 GT (Piermario Cornaglia)
    Trofeo Foglizzo per l’interno più bello: Ferrari 308 GT Rainbow Bertone (Collezione ASI Bertone)
    Classe “Questione Di Stile” Chevrolet Corvair Testudo (Giorgetto Giugiaro)
    Classe “Arte In Movimento” Cisitalia 202 Berlinetta (Gino Coen)
    Classe “Carrozze A Motore” Alfa Romeo 6C 2500 Cabriolet Pinin Farina (Nino Manzoni)
    Classe “Italiane Purosangue” Lancia Stratos (Marcello Delfini)
    Classe “Pilota E Gentiluomo” OSCA MT4 1450 (Hidetomo Kimura)
    Classe “La Dolce Vita” Lancia Aurelia B24 Convertibile America (Maximilian Kappa)

Nissan partecipa alla quinta edizione del Parco Valentino

Al Salone dell’Auto di Torino, per la prima volta in Italia la Nissan LEAF NISMO RC, l’unica race car 100% elettrica presente alla manifestazione, e le novità della Nissan Intelligent Mobility

Torino (19 giugno 2019) – Nissan LEAF NISMO RC fa il suo debutto in Italia alla quinta edizione del Parco Valentino, a Torino dal 19 al 23 giugno, con l’obiettivo di consolidare il ruolo pionieristico di Nissan nell’ambito della mobilità sostenibile.

LEAF NISMO RC. L’auto da corsa 100% elettrica, sviluppata da NISMO, acronimo di Nissan Motorsport, coniuga la filosofia Nissan Intelligent Mobility per la sostenibilità e l’evoluzione della mobilità con le performance allo stato puro garantite della divisione NISMO.

In virtù dell’assetto sportivo, della trazione integrale e dei due motori elettrici, con un’erogazione complessiva di 240KW di potenza massima per 640 Nm di coppia, la LEAF NISMO RC scatta silenziosamente da 0 a 100 km/h in soli 3,4 secondi, evolvendo il concetto di performance nell’ambito della guida 100% elettrica.

Dalla pista alla strada. Oltre ad alcuni aspetti del design, l’auto da corsa riprende la tecnologia della batteria agli ioni di litio ad alta capacità e l’inverter dalla Nissan LEAF di serie, il veicolo 100% elettrico più venduto al mondo con oltre 410.000 unità. Al Parco Valentino i visitatori potranno provare su strada la Nissan LEAF per sperimentare le performance e il comfort della guida elettrica e le esclusive tecnologie della Nissan Intelligent Mobility tra cui l’e-Pedal, il sistema che permette di accelerare, frenare e fermare il veicolo utilizzando un singolo pedale.

Le novità della Nissan Intelligent Mobility. Nissan partecipa al Parco del Valentino per raccontare le ultime evoluzioni tecnologiche nell’ambito della mobilità elettrica. Tra queste la tecnologia Vehicle to Grid (V2G), attraverso la quale l’auto diventa capace non solo di assorbire energia dalla rete in fase di ricarica ma anche di restituirla, aiutando concretamente a bilanciare la rete elettrica nazionale, ad ottimizzare il consumo di energia prodotta attraverso fonti rinnovabili discontinue (solare ed eolico) e offrendo un beneficio economico ai proprietari di auto elettriche.

A tal proposito Nissan per prima ha siglato lo scorso maggio una partnership con RSE ed Enel X per la sperimentazione e lo sviluppo in Italia della tecnologia V2G tramite l’impiego di due Nissan LEAF e due colonnine bidirezionali Enel Juice2Grid per la durata di 18 mesi.

La partecipazione al Salone dell’Auto di Torino sottolinea l’impegno di Nissan nel promuovere l’innovazione della mobilità elettrica in Italia anche attraverso iniziative ed eventi locali rivolti al grande pubblico. Ma non è tutto. Nissan è da sempre alfiere di partnership e collaborazioni che abbracciano aziende, istituti di ricerca e altre realtà dislocate su tutto il territorio nazionale, per diffondere i benefici della Nissan Intelligent Mobility, la visione strategica che ridefinisce l’offerta dei prodotti e servizi energetici, ovvero come i veicoli sono alimentati, guidati e connessi.

La Nissan LEAF NISMO RC, l’elettrico raddoppia e diventa integrale. La nuova Nissan LEAF NISMO RC è alimentata da due motori elettrici collocati alle estremità opposte del telaio. Insieme generano una potenza combinata di 240 kilowatt (120 kW ciascuno) e forniscono alle ruote una coppia istantanea pari a 640 Nm. La potenza massima e l’erogazione di coppia risultano più che raddoppiate rispetto alla versione precedente di LEAF NISMO RC, lanciata nel 2011. Le eccezionali prestazioni in curva offerte da LEAF NISMO RC derivano dal sistema a trazione integrale. La forza motrice viene indirizzata autonomamente a ciascun asse, fornendo istantaneamente coppia alla ruota e garantendo maggiore aderenza all’asfalto. La distribuzione del peso del telaio è ottimizzata grazie al posizionamento della batteria in posizione centrale, mentre i motori elettrici e gli inverter sono montati in corrispondenza delle ruote anteriori e posteriori.

LEAF NISMO RC presenta una serie di componenti alleggeriti e una struttura monoscocca sportiva interamente in fibra di carbonio, per un peso complessivo di 1.220 chili. Il rapporto potenza-peso consente un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,4 secondi, con un incremento di velocità del 50% rispetto al modello precedente.

Estetica e aerodinamica da gara. Se gli interni della nuova Nissan LEAF NISMO RC sono basati sulla versione originaria, gli esterni presentano un look decisamente più grintoso. Il cofano dalle linee allungate e l’inconfondibile griglia V-motion di Nissan evidenziano il design sportivo dell’anteriore. Il caratteristico schema cromatico argento e nero con accenti rossi in puro stile NISMO – simile alla vettura Nissan di Formula E – crea una sensazione di costante dinamismo, anche quando l’auto è ferma sulla linea di partenza. La carrozzeria tripartita di LEAF NISMO RC comprende sezione anteriore e posteriore rimovibili, finestrini fissi, fari e luci di coda a LED e alettone posteriore regolabile, per una deportanza ottimale. Il modello è leggermente più lungo rispetto alla versione precedente, con una lunghezza complessiva di 4.546 millimetri e un passo di 2.750 millimetri. Oltre al profilo aerodinamico, Nissan LEAF NISMO RC presenta un assetto ampio e ribassato, con il tetto della vettura ad appena 1.212 millimetri da terra: rispetto alla Nissan LEAF attualmente in produzione sono oltre 300 millimetri in meno.

Hyundai Kona Electric e IONIQ protagoniste green nel weekend al Salone di Torino

  • Hyundai partecipa a Parco Valentino con Kona Electric, il primo SUV compatto a zero emissioni, e IONIQ, unica auto a offrire tre alimentazioni elettrificate sulla stessa

    created by dji camera

    carrozzeria

  • I due modelli saranno a disposizione del pubblico per sessioni di test drive su strada sabato 23 e domenica 24 giugno dalle 10 alle 24 presso l’area Focus Auto Elettriche
  • Le prove di Kona Electric e IONIQ ibrida plug-in sono prenotabili direttamente presso la zona situata all’interno del Parco Valentino, accanto all’ingresso Nuvolari

21 giugno 2019 – Hyundai partecipa al Salone dell’Auto di Torino a Parco Valentino, in programma fino a domenica 24 giugno nel capoluogo piemontese. Durante la quinta edizione del motor show, Hyundai offrirà al pubblico la possibilità di provare la nuova Kona Electric: il primo SUV compatto completamente elettrico, che rafforza la leadership del brand nel segmento delle auto green. Il modello offre un’autonomia di 449 km (ciclo WLTP), un’efficienza di 15 kWh/100 km e un’abitabilità tra le migliori del segmento. A conferma dell’impegno nello sviluppo di una mobilità sostenibile, Hyundai completa la partecipazione al Parco Valentino con la versione ibrida plug-in di IONIQ, unica auto di serie al mondo che permette di scegliere fra tre alimentazioni elettrificate sulla medesima carrozzeria.

I due modelli – che accedono entrambi agli incentivi dell’Ecobonus – saranno a disposizione del pubblico per sessioni di test drive in programma sabato 23 e domenica 24 giugno dalle 10 alle 24 presso l’area Focus Auto Elettriche. Le prove di Kona Electric e IONIQ saranno prenotabili direttamente presso la zona all’interno del Parco Valentino, gestita da Enel X e Motor1, e situata accanto all’ingresso Nuvolari (Arco di Trionfo, Corso Vittorio Emanuele II angolo Viale Virgilio).

Nuova Kona Electric. Kona Electric by Hyundai è l’ultimo modello di una gamma di successo che rafforza la leadership del brand nel segmento delle auto green. La vettura unisce i punti di forza dei SUV con la potenza dei propulsori elettrici e Hyundai è il primo brand automobilistico in Europa a rendere accessibile a tutti un SUV compatto completamente elettrico. Kona Electric rispecchia lo stile di vita del consumatore moderno, che ricerca il massimo piacere di guida senza trascurare l’impatto ambientale grazie a una vettura a emissioni zero. Il modello è proposto con due diversi sistemi elettrici, offrendo così ai clienti la più ampia scelta disponibile sul mercato EV.

La versione base, con batteria da 39,2 kWh e motore da 136 CV garantisce un’autonomia di guida di 312 km* con una singola carica. Ancor più performante è la versione long-range grazie a una batteria da 64 kWh e un motore da 204 CV, che consente un’autonomia di 449 km (ciclo WLTP) e un’efficienza di 15 kWh/100 km. Con 395 Nm di coppia istantanea erogata e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,6 secondi, Nuova Kona Electric offre un’esperienza di guida davvero entusiasmante. Un’altra caratteristica particolare di Nuova Kona Electric è il cambio “shift-by-wire”, che consente un funzionamento intuitivo del powertrain elettrico. Il sistema di frenata rigenerativa permette infatti di massimizzare il recupero dell’energia in fase di frenata, con intensità regolabile tramite le palette al volante. Il guidatore può contare anche sull’ampio quadro strumenti con schermo da 7”, che fornisce i dati principali sulle prestazioni di guida, senza contare l’Head-up display che proietta le informazioni principali al livello dello sguardo del guidatore.

Nuova Kona Electric offre anche un pacchetto di sistemi di connettività all’avanguardia: il sistema di infotainment integra tutte le funzioni di navigazione e telefoniche supportando sia Apple CarPlay che Android Auto, oltre a offrire la ricarica wireless per smartphone. Il nuovo modello a zero emissioni di Hyundai è equipaggiato con i più recenti sistemi di sicurezza attiva della famiglia Hyundai SmartSense: Cruise control adattivo con funzione Stop & Go, Frenata Automatica con Rilevamento di Veicoli e Pedoni, Mantenimento attivo della Corsia, Sistema di monitoraggio degli angoli ciechi con Avviso di possibili urti posteriori, Rilevamento della stanchezza del conducente e Rilevatore dei limiti di velocità. Grazie all’ecobonus statale fino a 6.000 euro (in caso di rottamazione di un veicolo Euro 1, Euro 2, Euro 3 o Euro 4), Kona Electric 39 kWh XPrime è disponibile a un prezzo di 31.500 euro oppure con un anticipo di 19.789 euro (o eventuale permuta) che comprende polizza Furto e Incendio, e di un finanziamento di due anni a zero rate e interessi zero (TAN 0,00% – TAEG 1,04%).

Hyundai IONIQ. Hyundai IONIQ rappresenta la prima auto di serie al mondo che consente di scegliere fra tre differenti motorizzazioni a zero o basse emissioni: si declina infatti in una gamma composta da IONIQ Hybrid, IONIQ Electric e IONIQ Plug-in Hybrid, rendendo accessibile a chiunque la tecnologia green. La gamma IONIQ offre, fin dagli allestimenti base, una vasta serie di equipaggiamenti all’avanguardia – che ne incrementano ulteriormente il piacere di guida e la sicurezza – come Frenata Autonoma di Emergenza con Rilevamento di Veicoli e Pedoni (FCA), Sistema di Mantenimento della Corsia (LKA), Cruise Control Adattivo Avanzato (SCC), Climatizzatore automatico bi-zona e retrocamera posteriore. A completamento, disponibili anche il Controllo dell’Angolo Cieco e l’Avviso di Possibili Urti Posteriori.

Efficienza e tecnologia sono i due pilastri su cui si fonda la gamma IONIQ e che si riflettono già nel design della vettura, dando vita ad una proposta unica e dall’appeal futuristico, con linee e proporzioni equilibrate che racchiudono un mix di efficienza energetica e performance. IONIQ Plug-in Hybrid è equipaggiata con il propulsore “Kappa”, un 1.6 benzina GDI 4 cilindri ad iniezione diretta che vanta un rendimento termico al vertice della categoria (40%), in grado di erogare 105 CV e 147 Nm di coppia massima. Si tratta di un motore appositamente sviluppato per abbinarsi alla propulsione ibrida, collegato a un cambio a sei rapporti a doppia frizione (DCT), dal funzionamento estremamente fluido e che differenzia significativamente la IONIQ dalla miglior concorrenza – grazie a un’esperienza di guida ben più dinamica.

In virtù di un bonus Hyundai che vale 4.150 euro, IONIQ Plug-In Hybrid 141 CV Comfort è disponibile al prezzo di 31.850 euro a cui vanno sottratti fino a 2.500 euro di ecobonus in caso di rottamazione di un veicolo Euro 1, Euro 2, Euro 3 o Euro 4. Aderendo all’Operazione Doppio Zero, la vettura è offerta con un anticipo di 16.592 euro (o eventuale permuta) comprensivo di polizza Furto e Incendio e di un finanziamento di due anni a zero rate e interessi zero (TAN 0,00% – TAEG 1,19%).

Tutte le Hyundai IONIQ distribuite in Italia usufruiscono del miglior “pacchetto” di servizi oggi disponibile sul mercato: 5 anni di garanzia a chilometraggio illimitato, oltre ad una garanzia di otto anni/200.000 km sulle batterie ad alto voltaggio.

Parco Valentino: migliaia di appassionati per le sfilate in città

Show di Formula 1, Hyperecar, Prototipi e Classiche

Torino, 20 giugno 2019 Uno spettacolo dinamico indimenticabile quello che ha incantato Torino mercoledì sera, una sfilata di 400 auto che ha colorato le strade del centro della città, salutati da migliaia di visitatori che hanno affollato il percorso della sfilata. Tra due ali di folla la mitica Ferrari Formula 1 di Michele Alboreto ha fatto da capofila delle altre monoposto di Formula 1 degli anni ‘70 e ’80 presenti nel Motorsport Paddock, Surtees, March e Tecno, che hanno rievocato le emozioni dell’antico Gran Premio del Valentino, fatte partire da Davide Valsecchi, arrivato di corsa da Sky Sport, e Savina Confaloni. Le race car hanno ceduto poi il palcoscenico a tutti i presidenti delle case automobilistiche che hanno sfilato nel circuito cittadino, tra il salotto buono di piazza San Carlo e via Roma. Il primo Stephan Winkelmann, a bordo di una Bugatti Chiron 110 Ans, e poi occhi spalancati per i grandi designer Giorgetto Giugiaro, Paolo Pininfarina e Leonardo Fioravanti sui loro prototipi futuristici Non sono mancate le celebrities, come la pattinatrice Carolina Kostner a bordo di Suzuki e gli ospiti internazionali, tra cui la pilota professionista Marta Suria sulla Nissan Leaf Nismo, e la giapponese Yomo Otsuka del team Toyota Gazoo Racing, Marcel Yoshida con Italdesign e due designer Anthony Jannarelly e Ralph Debbas. Il futuro in parata, con due anteprime nazionali dinamiche, lungo le strade assiepate di pubblico. Il primo veicolo con trazione elettrica Jeep Renegade Hybrid Plug-In e la nuova Renault Clio. E il passato, con i passaggi di Chevrolet Ramarro con Alberto Scuro, neo presidente Asi, Cisitalia 202 con il presidente del Museo dell’Auto di Torino, Benedetto Camerana, la Citroën Type A e la Mercedes 300 SL ali di gabbiano con i rispettivi presidenti. Il pubblico ha accolto con entusiasmo il programma della giornata inaugurale, riversandosi lungo il percorso delle parade serali e lungo i viali del Parco del Valentino, passeggiando e curiosando tra gli stand dei 54 brand presenti. Nella giornata di giovedì i possessori del biglietto elettronico potranno vedere nel Cortile del Castello, oltre alle hypercar tra cui le Zonda della Pagani Collection e le Ferrari F40, F50, Enzo e la Ferrari FXX-K, appena arrivata dal Giappone, anche le Alfa Romeo del club dei Biscioni e i festeggiamenti del 70° anniversario Abarth in piazza Vittorio Veneto. Domani, venerdì 21 giugno, a Parco Valentino spazio alle vetture centenarie RACI chiamate alla rievocazione della competizione Torino-Asti-Torino, allo spettacolo della Fanfara Taurinense e al raduno delle più belle Lancia della storia del marchio, oltre agli altri eventi presenti su www.parcovalentino.com, come il Raduno di Stile dei car designer dei centri stile italiani che si incontrano con le loro auto moderne e d’epoca al Cortile del Castello

Le meraviglie del Cortile del Castello del Valentino

Lo spettacolo comincia dal Cortile del Castello del Valentino, cuore pulsante della manifestazione dove per 5 giorni saranno esposti modelli speciali visibili al pubblico in possesso del biglietto elettronico gratuito scaricabile su www.parcovalentino.com: le 5 Pagani della Zonda Collection che celebra i 20 anni del modello, alcuni tra i 12 cilindri Ferrari più esclusivi, come la Ferrari F40, F50, Enzo e FXX K, due tra i modelli più iconici di Lamborghini, una Miura e la Countach appartenuta a Nuccio Bertone, e la serie completa delle Porsche 911 dal 1963 a oggi, alle one-off Pininfarina Ferrari Sergio, alla Zerouno di Italdesign, Sybilla e Kangaroo di Giorgetto e Fabrizio Giugiaro, la Fiat Abarth 750 Record, la Bizzarrini P538, la Delta Futurista di Amos, Cisitalia 202, Bugatti Chiron 110 ans, Studiotorino Porsche Moncenisio, Ferrari Daytona Plaxiglass, Fenyr di W Motors, Chevrolet Ramarro e Ferrari Rainbow della collezione ASI-Bertone, Dallara Stradale, Giannini 350GP4, Bac Mono, New Stratos, Osca MT4 1450, Lancia Rally 037 EVO2, Jannarelly Design 1. Motorsport Paddock Formula 1 e Focus Auto Elettriche

Un posto speciale nell’esposizione lungo i viali del parco lo avranno l’anima racing e quella green di Parco Valentino 2019. Davanti al Cortile del Castello troverà spazio la pit lane riservata alle regine del motorsport che apriranno la President Parade di mercoledì 19 giugno alle ore 20: Ferrari Formula 1 126 C del 1984, March 761 del 1976, Tecno PA 123/3 del 1972 e Tecno PA 123B del 1973, CooperBRM del 1968, Surtees F5000 del 1971, Lamborghini Huracan GT3. Menzione speciale per un’altra monoposto, quella ospitata nello stand di Autoppassionati: la Formula 1 Alfa Romeo Racing di Giovinazzi e Raikkonen.

Il momento del Gran Premio Parco Valentino Domenica 23 giugno sarà tempo del Gran Premio Parco Valentino, l’evento dinamico fiore all’occhiello di Parco Valentino, organizzato insieme all’Automobile Club Torino. I collezionisti partiranno da piazza Vittorio Veneto per il percorso di 40 chilometri che attraverserà Via Roma e Piazza San Carlo e che li porterà fino alla Reggia di Venaria, lungo i tornanti della collina torinese, ammirando la vista da Superga e salutando la splendida via Mensa, accolti dalle istituzioni della Città di Venaria Reale, che ha patrocinato l’evento, e dal Corpo musicale “Giuseppe Verdi” della città.

Torneranno anche il Tesla Club Italy, i cui collezionisti sfileranno lungo le strade del circuito dinamico cittadino, fino ad arrivare al Parco del Valentino, e i muscle appassionati dell’USA Cars Meeting che si daranno appuntamento a Parco Dora e percorreranno le vie della città, attraversando diversi quartieri torinesi portando il rombo a stelle e strisce.

Il Politecnico di Torino al Salone dell’Auto 2019

I Team studenteschi Squadra Corse, H2politO e Policumbent partecipano in rappresentanza dell’Ateneo alla 5° edizione dell’evento, ospitato al Castello del Valentino, sede storica politecnica

 Torino, 19 giugno 2019 – Alla sua 5ª edizione il Salone dell’Auto 2019 ha tagliato oggi il nastro di inaugurazione al Castello del Valentino, sede aulica e storica dell’Ateneo: fino al 23 giugno sarà possibile visitare 54 diversi stand che spaziano tra scocche di design e linee innovative fino alle ultime tecnologie in fatto di motorizzazione, con auto elettriche e ibride plug-in, ma senza dimenticare i modelli iconici e classici dei brand.

E tra questi stand tre sono dedicati ai prototipi dei Team studenteschi in rappresentanza dell’Ateneo:

–      Squadra Corse Nata nel 2005 dalla passione per le competizioni automobilistiche di alcuni studenti di ingegneria, espone la vettura SC18 Integrale interamente progettata e prodotta dagli studenti: 100% elettrica, è arrivata a pesare solamente 200kg, un peso inferiore del 15% rispetto a quello dell’anno precedente. Ha una monoscocca in fibra di carbonio completamente nuova e un pacchetto aerodinamico altrettanto rinnovato. Il pacco batteria è formato da celle cilindriche al litio, che permettono di ridurre il peso di 10 kg ed aumentare la capacità a 7.8kWh. Un ingranaggio epicicloidale, dal peso di 1.5kg, è incorporato nel montante. Il veicolo possiede una telemetria attiva che permette di controllare in tempo reale tutti i parametri dell’elettronica e dinamica della vettura. Torque vectoring, traction control e launch control sono implementati nel software di controllo del veicolo.

–      Team H2politO Il Team nasce nel 2007 e i suoi veicoli sono progettati interamente dagli studenti per essere altamente performanti sul consumo del “carburante”: sulla pedana è esposto XAM – eXtreme Automotive Mobility, un UrbanConcept ibrido alimentato a bio-etanolo, il cui miglior consumo è stato di 150 km/L. Dal 2008 il Team partecipa alla Shell Eco-marathon Europe: è una competizione in cui le migliori Università europee e circa 200 Team si sfidano in una gara di consumi e vince chi consuma meno e non chi arriva primo.

–      Team Policumbent Da dieci anni il Team è attivo nel settore delle biciclette reclinate e carenate, ha creato il prototipo Taurus, a propulsione umana, che adotta per la prima volta un sistema di visione a doppia telecamera ed un innovativo sistema di trasmissione flottante. Nel 2018 Taurus ha conquistato il primo posto al WHPSC in Nevada, stabilendo il nuovo record italiano pari a 133.26 km/h , sfiorando il primato europeo: il ciclista Andrea Gallo risulta il 4° uomo più veloce al mondo, a soli 0.02 km/h dal 3° e 0.5 km/h dal record Europeo.

Oltre all’esposizione dei prototipi, sarà possibile anche vederli in movimento: con “MoveTo – mobilità tra presente e futuro”, uno spettacolo dinamico, durante il quale i veicoli del Team H2politO del Politecnico di Torino – XAM e IDRAkronos, prototipo con fuel cell a idrogeno, vincitore nel 2016 della competizione con un consumo di più di 3000 km/L – si moveranno giovedì 20 per via Roma dalle 16 alle 19 come dimostrazione concreta della mobilità del futuro.