La Ferrari FXX K conquista l’Hungaroring

0
Download PDF

Budapest_Vettel_0628_151410_ccl_buda-xx-programme-009 (Custom)BUDAPEST (Ungheria, 27 giugno) – Sono in svolgimento a Budapest i Ferrari Racing Days, che oggi hanno vissuto la prima giornata di gare con migliaia di spettatori accorsi all’Hungaroring per assistere agli emozionanti duelli del Ferrari Challenge Europe ma anche per vedere la gamma delle vetture stradali e le Formula 1 Clienti. La protagonista assoluta del sabato, tuttavia, è stata la FXX K, l’ultima vettura dei Programmi XX che qui per la prima volta ha girato in pista nelle mani dei clienti.

Budapest_FXX_K_0628_151408_ccl_buda-xx-programme-007 (Custom)Regina assoluta. La FXX K ha letteralmente incantato il pubblico, migliaia di persone sugli spalti, così come gli invitati nel paddock, molti nei quali ospiti di Shell, storico partner della Ferrari che a Budapest ha portato anche il tracklab, il laboratorio di ricerca di altissima precisione che è presente a tutti i Gran Premi di Formula 1 per assistere nel migliore dei modi la Scuderia Ferrari. La FXX K, con i suoi 1050 cavalli, 860 dei quali provenienti dal motore termico V12, con 190 sviluppati dal sistema ibrido di derivazione Formula 1, ha girato durante due sessioni di 40 minuti stupendo per le sue performance così come per la sua bellezza e le sua tecnologia. Domani (domenica 28 giugno n.d.r.) questa vettura senza compromessi, che viene messa a disposizione solamente di una cerchia ristretta di Clienti Ferrari che sono anche tester in pista per la Casa di Maranello, avrà a disposizione altre due sessioni in pista.

Budapest_FXX_K_0628_151385_ccl_buda-f1-clienti-004 (Custom)F1 Clienti. Se la FXX K è stata la massima attrazione, essendo la novità assoluta dell’evento, la gente sugli spalti non è certo rimasta indifferente al fascino delle Formula 1 Clienti, vetture che hanno fatto la storia della categoria e che tornano a rombare grazie agli specialissimi clienti che hanno avuto da Ferrari l’opportunità di poterle acquistare. Il pubblico, ma anche gli appassionati nel paddock, hanno riscoperto con grande piacere il suono del motore 056 aspirato, così come quello del 10 cilindri, che su vetture come F2002 ed F2004 hanno segnato anni memorabili nella storia della Scuderia. Per questi speciali clienti, a Budapest è presente anche il pilota della Scuderia e di AF Corse nel World Endurance Championship (WEC), Davide Rigon, che li consiglia e li aiuta a tirare fuori dalle vetture il massimo delle prestazioni e del piacere di guida.

Primo amore. In garage, con le monoposto dei clienti, ci sono due F2012, sono la vettura titolare e il muletto che domani saranno protagonisti dell’esibizione che vedrà protagonista Sebastian Vettel, alla prima esibizione con la Scuderia Ferrari. La vettura è la stessa che il tedesco aveva avuto modo di guidare a Fiorano appena dopo aver firmato il contratto con il team di Formula 1. Si tratta dunque di un nuovo incontro per Sebastian con quella vettura. Vettel sarà protagonista poco dopo le 13 di 20 minuti ad alto tasso di adrenalina, con accelerazioni da brivido, giri velocissimi, prove di pit stop e, ovviamente, con le tradizionali donuts, quasi una firma inconfondibile per il quattro volte iridato.

Gamma e Challenge. I visitatori del paddock sono stati attratti anche dalle Ferrari di ogni epoca che hanno girato nell’ambito dell’iniziativa Passione Ferrari, mentre fuori dall’hospitality di Corse Clienti facevano bella mostra di sé tutte le vetture della attuale gamma, compresa la 488 GTB, la nuovissima V8 sportiva che segna il ritorno di Ferrari alla motorizzazione turbo dai tempi della F40.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.