La storia degli autocarri Opel. Terza generazione per un veicolo commerciale di successo – Opel Vivaro

0
Download PDF

Opel Vivaro C

Opel Vivaro-e

RÜSSELSHEIM (Germania), 20 maggio. Dal 2001, Opel Vivaro ha costruito una solida reputazione come veicolo per trasporto di merci o ufficio su ruote, con circa un milione di unità uscite dalla catena di montaggio. Con dimensioni adattate alle diverse esigenze e numerose

Opel Vivaro A (2001)

Opel Vivaro B

tecnologie innovative, il nuovo Opel Vivaro è in grado di eseguire ogni lavoro al meglio. Offre una gamma su misura per le esigenze del cliente: un furgone da carico, un doppia cabina per accogliere fino a sei passeggeri più il carico, pianale cabinato per gli allestimenti e un Combi per trasporto persone, oltre a – per la prima volta – tre anziché due lunghezze (4,60 metri, 4,95 m e 5,30 m). Con una capacità di carico massima di 6,6 metri cubi, il nuovo Opel Vivaro ha un carico utile fino a 1.400 chilogrammi – 200 kg in più rispetto al suo predecessore. Lo stesso vale per il rimorchio: il peso massimo del rimorchio di 2.500 kg è superiore di mezzo tonnellata rispetto a prima. Solo l’altezza è modesta, con la maggior parte delle configurazioni che misurano circa 1,90 m. Il nuovo Vivaro può quindi accedere al parcheggio in scantinati o centri commerciali con tetti bassi, facilitando il carico e lo scarico. A partire da quest’anno, ci sarà un Opel Vivaro-e completamente elettrico per consegne in città a zero emissioni. A seconda della batteria, nel ciclo di test WLTP, sono possibili autonomie fino a 230 e 330 km.

Download PDF
Condividi

Rispondi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.