L’International Rally Cup ha premiato i suoi campioni 2015

0
Download PDF

All’Autodromo di Monza, consegnando ai vincitori il ricco montepremi in palio. Presentato l’IRC Pirelli 2016, una sfida concentrata in tre gare.

i tre organizzatori Irc 2016 (Custom)MONZA – È stata una giornata di festa dei rally quella che, nella prestigiosa cornice dell’Autodromo di Monza, ha visto la premiazione della stagione 2015 dell’International Rally Cup, insieme a quella dei Trofei Renault e al tradizionale pranzo annuale di Rallylink. Tutti i campioni IRC, i vincitori dei monomarca Renault, i premiati di Rallylink sono stati festeggiati da un folto pubblico di appassionati. Nell’occasione è stato presentato da Loriano Norcini, affiancato da Michele Tedaldi e Piero Capello, il calendario dell’International Rally Cup 2016, con la novità di una serie concentrata in tre gare. A Monza è stato svelato l’International Rally Cup 2016. Che si presenta come una sfida su tre gare, come ha spiegato Loriano Norcini, Coordinatore della serie. “Abbiamo avuto vari contatti con Organizzatori intenzionati a far parte della nostra serie. Ma dopo una riflessione approfondita, abbiamo deciso di proporre l’International Rally Cup 2016 su tre gare: rally del Taro, rally del Casentino e rally Valli Cuneesi. Una scelta controcorrente, ma che va incontro ai budget sempre meno consistenti a disposizione di molti piloti. E soprattutto faremo ogni sforzo per confermare il ricco montepremi del 2015: sicuramente uno stimolo in più per fare parte della sfida IRC 2016. Un mini-campionato, diciamo così, ma con maxi-gare. Perché dove possibile incrementeremo ancora il chilometraggio delle prove speciali, che già abbiamo aumentato lo scorso anno, fino a portarlo vicino ai 150 km cronometrati per ogni rally. Gare non solo “sprint” dunque, ma dove contano anche durata e resistenza. Altro obiettivo è quello di confermare il montepremi sui livelli del 2015, per rendere ancor più accattivante la nostra serie. Comunque renderemo noti regolamento e montepremi dell’IRC 2016 entro la fine di febbraio”.

casentino_2015_arrivo generale (1) (Custom)Un bilancio dell’International Rally Cup 2015: cosa ti è piaciuto di più e cosa invece pensi che lo staff IRC dovrà correggere per il 2016. “Quello che maggiormente mi soddisfa della nostra serie è vedere la costante evoluzione del livello organizzativo, sotto tutti gli aspetti, delle gare IRC. Ognuno dei nostri appuntamenti vanta ormai una lunga tradizione ed una qualità generale che li può fare competere con le migliori gare non solo italiane, ma anche internazionali. Sono contento poi che la scelta di un calendario con solo quattro rally, ma di chilometraggio più consistente per le prove speciali si stato capito e apprezzato, anche da chi inizialmente era perplesso. Da correggere sostanzialmente non c’è granché. Magari, ma non è sempre semplice, cercare di capire quando certi Organizzatori prendono l’IRC come fosse un autobus per raggiungere altri e diversi obiettivi. Senza poi neanche una parola di gratitudine e di riconoscenza verso il nostro campionato, che li ha riportati ad alti livelli quantitativi e qualitativi, soprattutto di immagine e come presenza di equipaggi al via”. 

  • Il Calendario IRC Pirelli 2016
  • 30 aprile – 1 maggio 23° Rally del Taro
  • 15-16 luglio 36° Rally del Casentino
  • 2-3 settembre 22° rally Valli Cuneesi
  •  

Tutti i campioni IRC Pirelli 2015

Podio_fontana_DSCN2564 (Copia) (Custom)Assoluta: Corrado Fontana è il campione assoluto IRC 2015 con la Hyundai i20 WRC del team HMI. Quattro vittorie, certo non ottenute con grande facilità, su quatto gare in calendario consegnano al pilota comasco il quinto titolo International Rally Cup e alla Hyundai i20 il primo titolo importante. A Nicola Arena è andato invece l’ambito Trofeo Flavio Guglielmini, che premia il navigatore primo classificato nell’IRC. Al secondo posto il frusinate Tonino Di Cosimo e la sua Ford Focus WRC R.P. Motorsport, con il podio completato da Rudy Michelini, che chiude eccellente terzo assoluto e primo della classe S2000/RRC/R5/K11. Luca Betti conclude la sua prima stagione IRC al quarto posto assoluto, davanti all’esperto e veloce Federico Gasperetti, quinto assoluto nella serie IRC e primo nel Trofeo Renault Clio R3C e nella classe IRC. Il sestetto di testa della Assoluta finale IRC Pirelli è chiuso da Gabriele Cogni con la Peugeot 207 S2000.

 

I campioni delle Classi IRC

Pistoia_2015_ProcarMotorsport-RallyCittàdiPistoia-Michelini (Custom)Rudy Michelini, come già accennato, si è aggiudicato il primato nella classe S2000/RRC/R5/K11. Nella classe Super 1600, regno della Renault Clio, alla fine l’ha spuntata Luca Balbo, vincitore al Taro e in Casentino con la vettura Balbosca e nonostante una foratura al Valli Cuneesi che poteva costagli il titolo. Nella classe R3C/R3T e nel Trofeo Renault Clio R3C, la vittoria finale è andata a Federico Gasperetti, con la macchina “colorata” Gima Autosport, vincitore nella gara di apertura di stagione, in Casentino e al Valli Cuneesi. Secondo titolo nel Trofeo Twingo R2B e nella classe R2B IRC per Michele Rovatti, campione in anticipo nel Trofeo con la “francesina” del team SMD. Nella classe N3/R2C il giovane Mirco Straffi, vincitore di classe in Casentino e al Valli Cuneesi con la Renault Clio RS Duemme Autosport si è aggiudicato il titolo. Leonardo Pucci si consola, con la vittoria nell’affollato Trofeo Corri con Clio, che ha vinto con la vettura Jolly Racing Team. Nella classe R4/N4/R3D, Marco Belli, vincitore al rally Casentino e al Valli Cuneesi porta a casa il titolo con la Mitsubishi Lancer Evo X della PromoRacingTeam. Nel campionato riservato alle Forze di Polizia, vittoria per Giovanni Giaquinto. Nella classe A5/A6/A0 è l’altoatesino Lorenz Tschoell ad aggiudicarsi il titolo con la Peugeot 106 Rally. Classifica sub judice per due reclami quella della classe N2/N1/N0/R1/R1Nazionale. Congelata per ora dunque la situazione, in attesa delle decisioni del Giudice Sportivo, con Paolo Iraldi, con la Peugeot 106, primo davanti di soli quattro punti a Stefano Sinibaldi. Già campioni in anticipo, senza troppa fatica, nella classe A8/RGT/A7 Brunero Guarducci e nella classe Racing Start Francesco Babboni.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.