L’ultima sfida tricolore è in arrivo al 10° Tuscan Rewind

0
Download PDF

Giandomenico Basso, Lorenzo Granai (Skoda Fabia R5 #1)

La gara toscana sta per scrivere le sorti del Campionato Italiano Rally 2019. Basso, Campedelli, Crugnola e Rossetti si giocheranno lo scudetto in quattro. Sfida Ford-Citroen per il titolo Costruttori. Gran finale anche per il CIR Terra, CIR Junior e CIR Due Ruote Motrici, con i titoli già assegnati.
Roma, 19 novembre 2019 – In arrivo il round finale della stagione rallistica firmata ACI Sport al 10° Tuscan Rewind, gara che deciderà la “lotta scudetto” del Campionato Italiano Rally 2019 e chiuderà anche il Campionato Italiano Rally Terra 2019. La corsa organizzata da Eventstyle srl si svolgerà il prossimo week end, venerdì 22 e sabato 23 novembre, a Montalcino e assegnerà un punteggio a coefficiente 1,5 per entrambe le serie tricolore. Sicuramente non mancherà lo spettacolo considerate le 123 vetture attese sugli sterrati senesi. 85 per il rally moderno che proporrà nuovamente l’affiancamento sperimentale all’Italiano delle vetture Side by Side. 38 le auto storiche, impegnate nell’ultima sfida del Trofeo Terra Rally Storici e nella Regolarità Sport.

CAMPIONATO ITALIANO RALLY | I fari saranno puntati soprattutto sui quattro piloti del CIR chiamati a giocarsi il titolo assoluto. Un poker che, al netto dei 7 risultati utili su 9 disponibili, si trova attualmente raccolto in testa alla classifica generale. Il confronto al Tuscan potrebbe essere destinato anche dalla performance dei terraioli. I piloti del CIRT infatti potranno inserirsi nelle posizioni che contano in gara e “togliere punti” per la battaglia del CIR.

Primo tra i quattro, si presenta nuovamente da leader della classifica di Campionato Giandomenico Basso a quota 84,50 punti. Sarà sempre con il navigatore Lorenzo Granai sulla Skoda Fabia R5 di Metior Sport gommata Michelin. Il trevigiano si trova in una posizione di vantaggio nonostante la necessità di dover già “scartare” uno degli 8 risultati collezionati finora. I suoi tre rivali invece contano tutti uno 0, per ritiro, sulla tabella di marcia. A quota 68,75 punti c’è Simone Campedelli. Anche il romagnolo, come Basso sarà padrone del suo destino. Se vince si aggiudica il titolo. Correrà con Tania Canton sulla Fiesta R5 ufficiale di M-Sport gommata Pirelli anche in chiave tricolore Costruttori per Ford (75,50 pt), ora in vantaggio sulla rivale Citroen (68,25 pt). Tra le curiosità Campedelli – Campione Terra 2007 – ha già partecipato al Tuscan un anno fa, tra le storiche, al volante di Ford Escort RS MK II. Da terzo in classifica si candida al titolo anche Andrea Crugnola con 67,25 punti. Il varesino se la giocherà insieme a Pietro Ometto con la Volkswagen Polo R5 di HK Racing gommata Pirelli che guiderà per la prima volta sulla terra in Campionato. Quindi completa il quartetto Luca Rossetti con 65,50 punti. Il friulano, come Crugnola, per vincere il Campionato dovrà chiudere al primo posto in gara e mettere almeno una vettura fra sé e i rivali. Ci proverà sempre sulla Citroen C3 R5 ufficiale gommata Pirelli insieme ad Eleonora Mori. A sommarsi ai big del CIR su R5 c’è anche il giovane siciliano Alessio Profeta, insieme a Sergio Raccuia su Skoda Fabia R5, già matematicamente fuori dalla battaglia tricolore.

CAMPIONATO ITALIANO RALLY TERRA | Sarà quindi interessante seguire anche la performance dei piloti del CIRT che, di certo, non si faranno da parte. Su tutti il nuovo Campione Italiano Terra Stephane Consani. Fresco della conquista del titolo nel precedente round stagionale, il francese sarà ancora in coppia con Thibault De La Haye sulla Fabia R5 a caccia dell’en plain con la quinta vittoria su cinque round di Campionato. Con lui gli altri top driver del Terra come Nicolò Marchioro, secondo in classifica su altra Fabia R5, Umberto Scandola da terzo con la Hyundai i20 R5 e Paolo Andreucci su Peugeot 208 R5. Da tenere d’occhio anche gli altri polverosi, sempre veloci sulle strade bianche come Andrea Dalmazzini al debutto con la nuova Ford Fiesta R5 di GB Motors, Massimo Squarcialupi anche lui sulla R5 dell’ovale blu, Luca Hoelbling con la seconda i20 di Hyundai Rally Team Italia e due veterani come Luciano Cobbe e Tullio Luigi Versace entrambi su Fabia R5. Rientra tra le fila del Terra per l’ultimo round anche Giacomo Costenaro, che proverà a dare fastidio lì davanti al volante della R5 ceca.

OUTSIDERS | Nomi d’eccezione anche tra gli outsider sulle vetture R5, che al Tuscan saranno ben 30. Attesissimo Tony Cairoli, 9 volte campione mondiale di motocross, al debutto assoluto in un rally di Campionato su Fabia R5 navigato dalla campionessa del CIWRC Anna Tomasi. Diversi i volti noti del CIRT che rientrano per questo rally, come Renato Travaglia Campione Italiano (2002) ed Europeo (2002-2005) vincitore del Trofeo Rally Terra 2014, stavolta al volante di Fabia R5, come Edoardo Bresolin lo scorso anno secondo assoluto e Alessandro Taddei su i20 recordman con 4 vittorie al Tuscan. Sotto osservazione anche il giovane talento del CIR Auto Storiche Alberto Battistolli su Fabia R5. Attesi allo start anche due driver stranieri come l’habitué Ioannis Papadimitriou e Robert Consani, fratello di Stephane, anche loro su Fabia.

CIR JUNIOR e CIR 2RM | Il Tuscan Rewind sarà l’occasione per festeggiare la vittoria del Campionato Italiano Rally Junior per Marco Pollara e del Campionato Italiano Due Ruote Motrici per Tommaso Ciuffi. Il giovane siciliano si è portato a casa il tricolore bis (il primo nel 2017) in anticipo, in quanto l’unico rivale ancora in grado di correre per il primo posto assoluto, Giuseppe Testa, non si è iscritto alla gara. Pollara risulta quindi il migliore tra i 7 piloti di ACI Team Italia sulle Ford Fiesta R2 ancor prima dello start. Altra storia per il giovane toscano nuovo campione tra le 2 RM. Ciuffi avrà la sua passerella sterrata con la Peugeot 208 dopo il successo anticipato al Rally Due Valli. In ballo c’è anche il titolo Costruttori Due Ruote Motrici, che vede proprio Peugeot (141pt) in leggero vantaggio rispetto a Ford (137 pt).

STORICHE | Quindi le storiche, con il focus spostato soprattutto sul TTRS. Sarà l’ultimo appuntamento del Trofeo che, dal prossimo anno, darà vita ad un nuovo Campionato Italiano Rally Terra Auto Storiche. Non poteva mancare all’appuntamento il campione italiano ed europeo “Lucky” sulla sua Delta Integrale, vincitore a Montalcino già un anno fa. Si confronterà con i big del TTRS nel IV Raggruppamento come Mauro Sipsz su Lancia Delta 037 e Simone Romagna su altra Delta.

PROVA TELEVISIVA | Il Tuscan Rewind partirà da Montalcino in Piazza del Popolo nel pomeriggio di venerdì alle ore 14,30. Da non perdere la prima prova televisiva indetta da ACI Sport che aprirà la corsa alle ore 15,12. La SPS1 andrà in diretta su Rai Sport, sul canale raisport.rai.it e su Rai Play del digitale terrestre e, sul sito ufficiale di ACI Sport e canali social annessi. La speciale “San Giovanni d’Asso” verrà ripresa con otto telecamere e un drone che copriranno l’intero percorso (2,05 km). I verdetti poi sono rimandati alla giornata di sabato, quando il rally si lancerà verso gli altri 7 tratti cronometrati. La cerimonia di premiazione finale è prevista a partire dalle ore 16.00 sempre nel cuore di Montalcino.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy