MM Motorsport vince il Rally Città di Pistoia con Thomas Paperini e Simone Fruini

0
Download PDF

La struttura lucchese centra il massimo obiettivo portando sul gradino più alto del podio assoluto la propria Skoda Fabia R5 “gommata” Pirelli, affidata a Thomas Paperini. Un vero e proprio monopolio, quello di MM Motorsport nella “top three”, con la seconda posizione assoluta conquistata da Stefano Gaddini. Foto AmicoRally

Porcari, 7 settembre 2020. E’ con un’esaltante vittoria che MM Motorsport si è congedata dal terzo appuntamento della Coppa Rally di Zona VI. La struttura di Porcari, protagonista sulle strade del Rally Città di Pistoia con nove vetture al “via”, si è elevata nella classifica assoluta dell’appuntamento regionale portando alla vittoria la Skoda Fabia R5 “gommata” Pirelli affidata a Thomas Paperini e Simone Fruini, equipaggio alla prima affermazione in carriera.

 

Una condotta esemplare, quella del giovane portacolori della scuderia Maranello Corse, costruita prendendo il comando della classifica dalla seconda prova speciale e concretizzata all’arrivo della gara, a conclusione di tre passaggi sulle prove speciali “Montevettolini” e “Casore”.

“Siamo felicissimi per questa vittoria – il commento di Manuela Martinelli, team manager di MM Motorsport – Thomas ha dimostrato una grande costanza nelle prestazioni, non commettendo alcun errore nonostante la condizione delle prove speciali, chilometri che hanno causato molti ritiri. Adesso, l’impegno di tutti sarà quello di permettere all’equipaggio di presentarsi alla finale di Como con un’altra gara sulle spalle, faremo il possibile affinché i ragazzi abbiano la possibilità di presentarsi al via del Rallye Elba”.

 

Alla soddisfazione della vittoria di Thomas Paperini, alla terza esperienza al volante della vettura boema, quella di aver mandato in archivio l’appuntamento posizionando tre vetture nelle prime dieci posizioni assolute. Alle spalle del vincitore Thomas Paperini si è infatti insediato Stefano Gaddini, affiancato da Iacopo Innocenti sulla Skoda Fabia R5 ed al centro di una performance crescente, dopo aver ben impressionato sulle strade della “Coppa Città di Lucca”, gara che lo ha visto debuttare sulla “errecinque” di MM Motorsport. Fondamentale il lavoro svolto dai tecnici del team nel mettere in pratica le sensazioni espresse dal pilota durante la prima metà di gara, particolari che hanno garantito una condizione di setup ideale sui chilometri successivi.

 

Nona posizione per Giorgio Sgadò e Cristian Panzani, sui sedili della Peugeot 207 S2000. Un livello di feeling – quello espresso al volante della “aspirata” a trazione integrale – che ha evidenziato ottimi riscontri nella fase decisiva di un confronto che ha garantito al pilota massese il miglior piazzamento in carriera in un format “nazionale”. Decima piazza assoluta per Luca Fagni ed Alessandro Massaro, tornati sui sedili della Renault Clio S1600. Una prestazione concreta, quella del pilota valdinievolino, valsa la vittoria di classe su un fondo che si è rivelato di alta selettività, ad un anno di distanza dall’ultimo utilizzo della vettura.

 

Sfortunata, la parentesi “pistoiese” di Alessio Della Maggiora e Valerio Favali, attardati sul primo passaggio di Casore dalla rottura di un semiasse alla Renault Clio S1600. Una variabile che ha relegato il driver pisano nelle retrovie della classifica, compromettendo definitivamente prerogative rivolte al confronto di classe. Un particolare che non ha tuttavia negato al pilota le buone sensazioni destate nel passaggio inaugurale.

Agonismo e qualità, questi gli elementi che hanno caratterizzato la classe R2B, categoria che ha visto all’arrivo Davide Giovannetti e Alessio Rossi, sesti all’esordio sulla Peugeot 208 R2B e Giuseppe Perna, affiancato da Alessio Magnani in quello che si è rivelato il terzo arrivo stagionale, dopo le esperienze vissute sull’asfalto del “Città di Lucca” e del “Ciocco”.

 

Ad abbandonare anzitempo il confronto, la Skoda Fabia R5 portata in gara da Paolo Moricci e Paolo Garavaldi. Per il pilota montecatinese, l’amarezza di aver visto compromettere – dall’avvio – ogni prerogativa rivolta all’alta classifica, a causa di una foratura accusata nella prima ripetizione di “Casore”. Una variabile che, in virtù di una fase centrale di gara ancora contraddistinta da un testacoda ed una ulteriore foratura, hanno portato il driver termale alla decisione di ritirarsi dalla competizione. Una foratura è costata il ritiro anche a Luca Pierotti e Manuela Milli, tornati al volante della Skoda Fabia R5 ma messi fuori causa dai chilometri della penultima prova speciale. Positiva, la prestazione espressa da Vittorio Ceccato e Rudy Tessaro sull’asfalto del Rally San Martino di Castrozza, appuntamento inaugurale del Campionato Italiano WRC. Per il pilota bassanese, la soddisfazione di aver concluso la gara vedendo crescere il feeling con la Peugeot 208 T16, vettura utilizzata al Rally Lana e, solo per pochi chilometri, sulle strade del Rally Il Ciocco.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.