Movisport e Zelindo Melegari “argento europeo”

0
Download PDF

Melegari/Barone, pur con un ritiro, sono riusciti a conquistare il secondo posto continentale del Gruppo N. Vincolante per l’esito finale della stagione il ritiro forzato di Roma, che ha precluso ogni possibilità di salire sul primo gradino del podio. foto di J. Petru

Reggio Emilia, 10 ottobre 2017Movisport è medaglia d’argento nel Campionato Europeo Rally. Lo scorso fine settimana il sodalizio era al via dell’ultimo atto della stagione continentale, in Lettonia, al Rally Liepaja, dove Zelindo Melegari e Maurizio Barone hanno suggellato una stagione di alto livello conquistando il secondo posto assoluto nel Gruppo N (ERC 2).

È stato l’atto finale di una stagione corsa sempre al vertice, per Melegari e Barone, di nuovo a bordo della Mitsubishi Lancer Evo IX della GCar Sport, “macchiata”  all’ultima gara che, purtroppo, ha coinciso con il ritiro per un’uscita di strada, il primo errore commesso nella lunga “campagna europea”. Una stagione anche disputata sempre al comando della classifica contro avversari di alto livello, come il neo-Campione, l’ungherese Tibor Erdi, con il quale si è instaurata una grande amicizia e stima reciproche, ed il russo Remmenik.

Per Melegari e Barone, arrivati alla soglia dell’ultima gara in terra lettone con un vantaggio risicato per via soprattutto del forzato forfait di Roma per un lutto familiare il cammino per l’eventuale successo continentale si era dunque fatto molto duro e, ciò non ha tolto comunque l’aver dimostrato un valore assoluto.

“Sapevamo – dice Melegari – che non sarebbe stata facile, il gioco degli scarti, pur se eravamo al comando prima dell’ultima gara, non ci sorrideva. Se poi ci mettiamo anche che il nostro avversario Erdi, è anche molto bravo, diciamo che la missione era quasi impossibile. Da parte nostra non abbiamo nulla da rimproverarci o da recriminare, sicuramente l’assenza di Roma, dovuta ad un mio lutto familiare, ci ha certamente fatto perdere le chance più concrete per trionfare. Crediamo comunque di aver disputato un bel campionato e di aver lasciato più di una volta il segno. Non escludo di volerci riprovare nel 2018, la stagione è stata molto bella, si fanno grandi esperienze, si conoscono nuovi luoghi e nuove persone, questi sono i valori aggiunti. Un grazie alle squadre che ci hanno supportati in questa avventura, ai partner che hanno creduto in questo progetto ed ovviamente un grazie anche al mio copilota Maurizio Barone, grande compagno di avventura”.

Download PDF
Condividi