Rally del Tartufo senza fortuna per Due Gi Sport

0
Download PDF

ASTI, 13 e 14 ottobre 2018 – Lo scorso week end tra i vigneti astigiani colorati d’autunno, oltre 60 iscritti hanno preso parte alla 30° edizione del Rally del Tartufo. Manifestazione molto sentita nella provincia piemontese che quest’anno ha visto ancor più spettatori, soprattutto in occasione dei festeggiamenti delle premiazioni, grazie anche alla fiera d’autunno che ha richiamato diversi curiosi oltre agli appassionati. Emozionante il rombo dei motori nella zona pedonale di Corso Alfieri, dove le vetture si sono incolonnate a passo d’uomo, inchinandosi al cospetto degli storici palazzi, sfilando maestose tra la folla sia a passeggio che seduta ai tavolini dei bar, grazie alla deliziosa temperatura che questo ottobre ci ha ancora regalato. In questa cornice surreale, anche due equipaggi della scuderia torinese DueGi Sport.

Montanaro–Pagliero: replica del Tartufo 2017 meno fortunata. L’equipaggio composto da Alessandro Montanaro e Federica Pagliero si è ripresentato quest’anno al rally del Tartufo, sperando di bissare l’ottimo risultato del 2017. Gara meno fortunata però, poiché i portacolori della DueGi Sport, sulla speciale 4, il primo passaggio della “Mombercelli”, sono andati a sbattere con la loro Peugeot 206. Nonostante tutto non hanno però fermato la loro corsa, arrivando così a fine prova, ma il danno era comunque importante, una ruota storta e il radiatore che perdeva. Alessandro e Federica non si sono fatti scoraggiare ed hanno tentato di arrivare dapprima al riordino, continuando ad aggiungere acqua, poi all’assistenza. Ma i loro sforzi sono stati vani; purtroppo il guasto non era riparabile nell’immediato, nonostante la squadra di meccanici al seguito. Hanno così dovuto consegnare la tabella.

Giordanino–Meroni: un dritto costato il ritiro. Marco Giordanino navigato da Renato Meroni, sul primo passaggio della “Mombercelli” sono arrivati lunghi su una staccata, andando a sbattere prima su una recinzione e poi su un paletto. Nonostante la botta, dopo un veloce controllo, sono subito ripartiti, ma nella loro corsa contro il cronometro qualcosa sembrava non andare. Un rumore sordo proveniente da sotto la loro Peugeot 106, li ha preoccupati tanto da farli nuovamente arrestare la loro corsa contro il cronometro per capire la gravità del problema. Anche se apparentemente non vi erano danni, la macchina sembrava avere qualcosa che non andava e l’equipaggio, avendo ormai già perso diverso tempo, ha preso l’amara decisone di ritirarsi.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy