Rally San Martino di Castrozza: un equipaggio su due insegue la Michelin Rally Cup

0
Download PDF
Stefano Albertini, Danilo Fappani (Ford Fiesta WRC

Stefano Albertini, Danilo Fappani (Ford Fiesta WRC

Il quinto appuntamento del Campionato Italiano Rally WRC vede i protagonisti della Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand in grande evidenza, occupando numericamente metà dello schieramento. Si prevedono grandi sfide in tutti i raggruppamenti e nella classifica assoluta, nella quale tutti daranno la caccia al finora invincibile Stefano Albertini.

 

Marco Signor, Patrick Bernardi (Ford Fiesta WRC #5, Sama Racing)

SAN MARTINO DI CASTROZZA (TN) – Nemmeno il tempo di respirare e la Michelin Rally Cup richiama all’appello i suoi protagonisti. A due settimane dal Rally del Friuli Venezia Giulia i piloti della Serie indetta dalla Casa francese di pneumatici tornano a confrontarsi sulle prove dolomitiche del San Martino di Castrozza. Nonostante un calendario con gare molto ravvicinate, sono ben 42 i concorrenti della Michelin Rally Cup Paolo Porro, Paolo Cargnelutti (Ford Focus WRC #3, Bluthunder Racing Italy)al via della corsa trentina, ovvero più della metà degli iscritti alla gara stessa (83). Con il numero 1 partirà Stefano Albertini, Ford Fiesta WRC, mattatore della stagione con quattro vittorie assolute in quattro gare, che in Trentino può chiudere i conti anche nella Michelin Rally Cup, dopo essersi appuntato sulla tuta lo scudetto tricolore del Campionato Italiano Rally WRC. Ovviamente cercheranno di mantenere i giochi aperti con una

Giuseppe Testa, Massimo Bizzocchi (Ford Fiesta WRC #6)

vittoria i suoi immediati inseguitori, a cominciare da Marco Signor e Paolo Porro, Ford Fiesta WRC per entrambi, mentre Giuseppe Testa, Ford Fiesta WRC, prosegue nel suo fruttuoso apprendistato sulle strade del Campionato Italiano WRC, cercando nel contempo di assicurarsi il titolo nella Michelin Rally Cup fra gli Under 25. Gara che vale la stagione per Manuel Sossella, Ford Fiesta WRC, che ha finora registrato due ritiri nelle due gare in cui ha preso il via. Un successo darebbe un significato alla stagione del vicentino fin qui avara di soddisfazioni. Nel Raggruppamento che ha per protagoniste le R5, R4 A8, Efrem Bianco, Škoda Fabia R5, cercherà di continuare la sua cavalcata trionfale che in Friuli gli ha dato il titolo di categoria nella Michelin Rally Cup, mentre Giuseppe Bergantino, Ford Fiesta R5, e Paolo Oriella, Škoda Fabia R5, inizieranno le manovre di spareggio per il secondo posto.

Tutta da risolvere la situazione in Raggruppamento S2000 con Federico Santini, Grande Punto Abarth, Matteo Daprà, Škoda Fabia S2000, e Domenico Erbetta, Peugeot 207 S2000, divisi da appena sei punti, a caccia di una vittoria che significherebbe presentarsi a Como per il rally finale con i galloni di capoclassifica. Un successo rimetterebbe in corsa per la vittoria finale anche Stefano Liburdi, Peugeot 207 S2000, ed Ezio Soppa, Mitsubishi Lancer EVO IX. Mentre Paolo Comini, Peugeot 207 S2000, alla sua seconda gara stagionale avrebbe la soddisfazione di essere il giudice della Michelin Rally Cup. Nel Raggruppamento S1600, che vede per protagoniste tre Renault Clio, Paolo Menegatti cerca i pochi punti necessari per andare a Como da campione, mentre Vittorio Ceccato e Luigi Alberti puntano a salire sul gradino più alto di categoria per soddisfazione personale.  Da non sottovalutare le prestazioni delle due vetture K10 portate in gara da Matteo Merzari, Citroën Saxo, e Nicola Pizzolato, Punto Abarth. Nel Raggruppamento dedicato alle R3 monopolizzato dalle Renault Clio, confronto ravvicinato fra Paolo Benvenuti e Federico Bottoni, divisi da 14 punti in classifica, con Luca Ghegin che non ha perso le speranze di tornare in lizza per il successo finale grazie a una vittoria. In gara anche Matteo Bearzi, che potrebbe rappresentare il quarto incomodo.

Diciassette punti di vantaggio non bastano ad Andrea Carella per dormire sonni tranquilli nel Raggruppamento delle R2B, vista la pressione dell’Under Lorenzo Grani e i colpi di coda che possono arrivare da Gianluca Saresera, William Zanotto, Michele Bigon e Francesco Gonzo con le loro Peugeot 208 R2B. Potranno inserirsi molto in alto in classifica anche la Citroën Saxo di Classe A6 di Michele Monin, oltre alle tre Clio RS N3 di Ivan Stival, Alessandro Boschetti e Paolo Reccagni, che a quel punto diventerebbero gli arbitri dei destini della categoria. L’ultimo Raggruppamento vede per l’ennesima volta Nicola Angilletta, Peugeot 106 Rallye, confrontarsi con lo stormo delle dieci Suzuki Swift che si contendono la classifica dell’omonimo trofeo. A guidare l’assalto sarà Giorgio Cogni, inseguito da Simone Rivia, Corrado Peloso, Roberto Pellé, Massimo Cenedese, Andrea Pollarolo, Nicolas Parolaro Lorenzo Coppe e Paolo Strabello. Per la prima volta la categoria vedrà in gara una Seicento di Classe A0 che sarà nelle mani di Alex Pagnan.

Il 37° Rallye San Martino di Castrozza è la quinta gara della Michelin Rally Cup, oltre che del Campionato Italiano Rally WRC. L’appuntamento è per venerdì 8 settembre a San Martino di Castrozza con le verifiche e lo shake down e la prova spettacolo “San Martino Cittadina” (2.97 km), alle ore 20.10. Sabato la gara riparte alle ore 8.00 per affrontare sei prove speciali da disputare sulle classiche “Manghen” (22.01 km), “Val Malene” (26.46 km) e “Gobbera” (9.03 km), da percorrere due volte per un totale di 117, 97 km cronometrati. L’arrivo e la cerimonia finale nuovamente a San Martino di Castrozza dalle ore 19.00.

 

Download PDF
Condividi