Rally Valli Cuneesi, Classe A5: Gobbin-Fraschia, prima ballano, poi vincono

0
Download PDF

Triplo testacoda nella prima prova speciale per l’equipaggio pinerolese, che poi prende il ritmo e vince. Sfortunata l’esperienza di Gianluca Pavone come navigatore due volte a muro. Di Tommaso M. Valinotti. Foto ActionRace e Marco Ferrero

DRONERO (CN), 28 aprile – Gara dai due volti per Roberto Gobbin-Renzo Fraschia che rischiano l’impossibile nel primo passaggio mattutino a Montemale finendo per ben tre volte in testacoda nella discesa della speciale. Balletto che costa ben 21”3 all’equipaggio pinerolese che dopo il parco assistenza di Villar San Costanzo resetta Panda e cervelli cominciando a staccare tempi che gli sono consoni, recuperando la leadership della classifica di categoria a Valmala-1; segnando poi il miglior tempo di Classe A5 in tutte le restanti sei prove speciali, riuscendo addirittura a farsi piacere i successivi passaggi a Montemale e staccando un 42° tempo assoluto nella Valmala del pomeriggio che la dice lunga su quanto abbiano pedalato in gara chiudendo la loro giornata rallistica in 43esima posizione assoluta, quindicesimi di Gruppo A.

Grande inizio di gara per Igor Rosano e Marika Guerra che siglano il miglior tempo di classe a Montemale, finendo secondi a Brondello per poi fermarsi definitivamente a Valmala, mentre si preparavano a rintuzzare gli attacchi di Gobbin-Fraschia. La seconda piazza viene così ereditata dal giovane astigiano doppio figlio d’arte Erwin Amerio, con Raffaele Pizzato alle note, che è il più rapido a rimanere in scia a Gobbin e Rosano, siglando il terzo tempo nelle prime due speciali, diventando seconda forza in tutte le prove successive. Terzo gradino del podio per Marco Pasquali-Ornella Malerba Bianco, che dopo un inizio difficile sulla Montemale mattutina (sesto tempo di classe), sciolgono dubbi e paure sulle successive speciali risalendo fino a conquistare il podio controllando il ritorno di Elio Martinod-Massimiliano Corsini che perdono il podio solo a causa dei 10” di penalità che pagano subito ad inizio gara per ritardo in uscita dal parco assistenza per mettere nelle migliori condizioni la loro Peugeot 106 e una ruggine accumulata dal pilota valdostano in dodici anni di lontananza dai rally. Ma dalla Valmala del mattino trovano ritmo e concentrazione facendone un equipaggio protagonista della classe. Buona prova per l’equipaggio rosa formato da Laura Galliano-Elisa Servetti, cha pagano soprattutto il fatto di essere al via con una Peugeot 205 Rallye certamente meno prestazionale rispetto alle più giovani 106 e alla Panda con le quali si confrontano in classe. Ma le due pink ladies non si scoraggiano per questo e pedalano forte per tutti gli 85 chilometri di gara chiudendo quinte di classe e anche 61esime assolute. Chiude la serie degli arrivati in Classe A5 Franco Giai Via affiancato da Giampiero Gamba, premio alla simpatia che dichiara: “Dopo aver fatto paura ad Alessandro Gino con i miei tempi, l’ho lasciato andare”. Ma al traguardo c’è anche lui.

Quattro i ritirati in Classe A5. Oltre a Rosano-Guerra fermi a Valmala, si ritirano Ivan Demichelis-Diego Sacco che sbattono duramente contro un muro già nella Montemale del mattino. Nella stessa prova gran botta per Alex Quattrocchio-Gianluca Pavone, che bissano l’uscita di strada nella successiva Brondello, decidendo perciò di ritrarsi onde evitare di sfidare ancora la sorte. Non arriva al parco assistenza dopo la Valmala del mattino Marco Jannon affiancato da Alberto Bobba, quando occupava la quarta posizione di Classe A5.

  • Iscritti 10, verificati 10, classificati 6, ritirati 4.
  • Vincitori Prove speciali: Roberto Gobbin-Renzo Fraschia (2; 3, 4, 5, 6, 7); 1 Igor Rosano-Marika Guerra (1);
  • Leader di classifica: 1-2 Igor Rosano-Marika Guerra; 3-7 Roberto Gobbin-Renzo Fraschia (2)

 

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy