Si accende il semaforo del Rally Cefalù Corse

0
Download PDF

Tutto pronto nella cittadina “Perla del Tirreno” patrimonio UNESCO che insieme a Pollina sono i due comuni al fianco degli organizzatori. Pronta anche 2Gem alla entusiasmante due giorni che inaugurerà il Trofeo Rally Sicilia. Sabato 16 ricognizioni e verifiche, domenica 17 le 6 “PS” con start e traguardo sul Lungomare Giardina. Tra gli 82 iscritti Lo Cascio, vincitore nel 2018, Runfola, Profeta, Molica, Morreale, Gandolfo e Vara

CEFALÙ (PA) 14 marzo 2019. La prima luce del semaforo dello start si è accesa per il 3° Rally Cefalù Corse, la gara che inaugurerà il 16 e 17 marzo il Trofeo Rally Sicilia. Cresce l’attesa ed anche il fermento nella cittadina “Perla del Tirreno” che attende i protagonisti ed il grande pubblico della gara che ha registrato ottimi riscontri nelle sue prime due edizioni. Gli organizzatori della Cefalù Corse proseguono instancabili il lavoro di ottimizzazione dei particolari in vista delle due giorni a tutto spettacolo dei motori. L’attesa cresce in tutto il territorio ed in particolare nella vicina Pollina, comune che come Cefalù, ha confermato tutto l’appoggio alla gara, che sempre più si dimostra ottimo ed efficace volano per un territorio unico per i suoi tesori di storia, arte, architettura, natura e tradizione, con la proverbiale vocazione all’ospitalità. Il 3° Rally Cefalù Corse ancora una volta sarà occasione per scoprire delle zone incantevoli e sentire il desiderio di farvi ritorno.

Anche 2Gem è pronta all’evento motoristico, il marchio toscano leader negli schermi a led, addirittura rilancia la condivisione diretta dell’impresa sportiva. Infatti, con i colori dell’azienda toscana sarà in gara la Renault Clio Super 1600 dell’esperto driver Riccardo Arceri che sarà navigato dal co-driver di casa Massimiliano Glorioso.

Un elenco iscritti che garantisce alto agonismo per la caccia ai primi punti dell’anno del Trofeo Rally Sicilia, la serie ideata e promossa dalla Delegazione ACI Sport Sicilia. Tra i certi protagonisti della vigilia, mentre l’elenco degli 82 iscritti è al vaglio della Federazione, figurano i Campioni siciliani del Trofeo Rally Sicilia Paolo Celi e Graziella Rappazzo, i bravi coniugi messinesi saranno sempre sulla Peugeot 106. Torna sulle strade che lo hanno visto vincitore nel 2018 il giovanissimo nisseno di CST Sport Salvatore Lo Cascio e rilancia la sfida al volante della Citroën Saxo in versione kit, sulla quale tornerà a leggere le note un altro giovane nisseno, Michele Castelli. Anche gli agrigentini Domenico Gabriele Morreale e Giuseppe Scolaro sono pronti a rilanciare la sfida dopo il terzo gradino del podio del 2018 con la Peugeot 106 di classe N2, sempre con i colori della FR Motorsport. Tra le sette  energiche Super 1600 iscritte anche il palermitano di Island Motorsport Alessio Profeta che navigato da Sergio Raccuja farà gara d’allenamento in vista dell’apertura del campionato Italiano la prossima settimana al Rally del Ciocco dove sarà al via con la Škoda. Su Renault Clio S1600 torna anche il messinese di Gioiosa Marea Franco Molica che condividerà la sua Clio con Roberto Longo, stesse vetture per il temibile agrigentino Pietro Gandolfo e per l’esperto messinese Alessandro Casella. A caccia di riscatto dopo due edizioni da sfortunato protagonista, il pilota di casa neo portacolori Project Team Marco Runfola, sulla Renault New Clio R3C con la brava toscana Corinne Federighi alle note, la pilota e co-driver reduce dal successo nella classifica tricolore femminile nel Campionato Italiano Rally 2018. Esordio su Renault New Clio in versione R3C per il giovane cerdese Sport Ernesto Riolo affiancato da Gianfranco Rappa, il co-driver palermitano che abitualmente naviga papà Totò Riolo. Molto agguerrita si presenta la classe R3C, dove oltre Riolo e Runfola ci sono i nomi di altri esperti dei rally: il madonita di Collesano Filippo Vara per l’occasione affiancato dal peloritano e due volte tricolore Maurizio Messina;  l’alcamese Mauro Cacioppo, che lascia temporaneamente le 4 ruote motrici per salire sulla Renault Clio navigato come sempre dall’agrigentino Gerlando Montana Lampo; torna nella sua gara di casa Salvatore Marino, come nel 2017 sarà affiancato dal nisseno Marcello Certisi sulla Renault Clio portacolori della Real Cefalù. In gruppo A svettano alcuni nomi come quello del palermitano Antonio Mazzola su Peugeot 306, l’alcamese Mariano Bruno su Opel Astra e quello del pilota di casa Giuseppe Serio che esordirà su una Renault Clio dopo una lunga militanza con la Peugeot 106 di gruppo N, stessa classe dove tornano i nisseni Gaspare Corbetto e Salvatore Cancemi sulla Peugeot, reduci dal podio TRS 2018, mentre un altro nisseno, Salvatore Farina, farà allenamento navigato dal locale Giuseppe Guercio, in vista dell’impegno tricolore che si inizierà la prossima settimana.

Vincenza Allotta, mentre si gode il successo nella classifica tricolore femminile slalom, disputerà il Rally Cefalù Corse con la Peugeot 208 R2B affiancata dal nisseno Francesco la Rosa. Tutte e tre le scuderie che hanno formato il podio TRS 2018 si ripresentano così al via della prima gara 2019: CST Sport, Project Team e FR Motorsport.

Sabato 16 marzo sono previste le operazioni preliminari, con le ricognizioni del tracciato nella mattinata, poi nel pomeriggio dalle 14.30 alle 18.30 le verifiche tecniche e sportive presso il Porto Presidiana. Domenica 17 marzo alle 8.30 lo start dal Lungomare Giuseppe Giardina di Cefalù alla volta della 6 prove speciali, “Cefalù 2Gem” e “Pollina 2Gem” , rispettivamente 6,40 e 6,70 Km. Il traguardo alle 17.45 ancora sullo splendido lungomare cefaludese con premiazione sul palco. Il centro servizi e la direzione gara saranno ubicati presso l’Hotel Riva del Sole nei pressi del palco partenza ed arrivo. In totale saranno 39,30 i Km di prove speciali sui 215,15 dell’intero percorso.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy