Team Bassano…firma il Città di Bassano!

0
Download PDF

Vittoria per la Porsche 911 di Iccolti e Ferrarelli nella gara di casa e nuovo successo nella classifica scuderie

teambassano_nuovo (Custom)ROMANO D’EZZELINO (VI) – Ed è ancora un equipaggio del Team Bassano ad aggiudicarsi il Rally Storico Città di Bassano, giunto alla decima edizione e corso nel recente fine settimana. Ad aver la meglio, firmando il primo successo personale in un rally storico, sono stati Agostino Iccolti e Giuseppe Ferrarelli doppiamente felici per aver trionfato in casa con la Porsche 911 RS Gruppo 4 con la quale si sono aggiudicati anche la classe e la vittoria di 2° Raggruppamento. A tentare di contrastarli ci hanno provato Claudio Zanon e Maurizio Crivellaro, anch’essi su Porsche 911 RS, ma un errore nella scelta delle gomme a metà gara li ha penalizzati e si sono consolati con una comunque onorevole terza posizione assoluta e di categoria.

Cercavano il tris di vittorie Dino Tolfo ed Alberto Bordin, ma un problema di pescaggio benzina della Porsche 911 SC Gruppo B che utilizzavano, li ha spinti in fondo alla classifica; non si sono però arresi e firmando sei scratch consecutivi sono risaliti sino alla quarta posizione che ha valso loro la consolazione della vittoria nel 4° Raggruppamento. Rientro positivo per Nereo Bonollo in coppia con Alberto Ferracin: per loro la seconda posizione di classe e la sesta assoluta con la Fiat 131 Racing Gruppo 2 dietro ai velocissimi austriaci Openauer e Nadles; subito dietro a Bonollo si piazzano Corrado e Leonardo Sulsente, regolari ed efficaci con l’Opel Kadett GT/E. Anche per Roberto Bordignon il Città di Bassano è stata la gara del rientro dopo una lunga pausa; ha ritrovato Thomas Ceron sul sedile di destra della sua Porsche 911 S 2.4 con la quale ha concluso quarto di classe dietro alle più performanti 3.0. Grande prestazione per Nicola e Davide Benetton che hanno finalmente trovato l’affidabilità della Fiat 127 Sport con la quale hanno stravinto la classe 2-1150 rilanciandosi anche nel Campionato Triveneto di classe. All’arrivo anche l’Opel Ascona SR Gruppo 2 di Massimo Vallotto e Cristian Cracco, quinti di classe, la Fiat Uno Turbo Gruppo A di Lorenzo Scaffidi e Daniele Cazzador, secondi di classe e terzi nel 4° Raggruppamento; gara conclusa con la vittoria di classe per Stefano Segnana e Mirco Santacaterina con la Volkswagen Golf Gti Gruppo 2, mentre per Mirco Urbani e Giovanni Brunaporto con la Simca Rally 2, la gara è stata alquanto difficile con qualche problema di troppo che li ha relegati nelle parti basse della classifica; si sono comunque aggiudicati la coppa per i secondi di classe.

All’appello mancano la Fiat Ritmo 130 TC di Marco Stragliotto ed Elisa Dal Dosso ferma per problemi di alimentazione, l’Autobianchi A112 Abarth di Diego Tarlao e Mauro Menestrina appiedata dalla rottura del cambio, la Porsche 911 RS di Giampaolo Basso e Francesco Zannoni messa ko sulla prima speciale dalla frizione e la BMW 2002 Ti di Guido Vettore e Michele Bizzotto ammutolitasi a dopo che si è tranciato il cavo della batteria. La Lancia Stratos di Giorgio Costenaro e Sergio Marchi e la Lancia Rally 037 di Valter Gentilini ed Enrico Gastaldello non hanno preso il via a seguito dell’improvvisa scomparsa del meccanico ed amico “Max” mentre stava mettendo a punto le due vetture prima della partenza.

Nel prossimo fine settimana Carlo Falcone e Pietro Ometto saranno impegnati con la Lancia Delta Integrale Gruppo A nel tredicesimo appuntamento del Campionato Europeo FIA che si correrà in Spagna al Rally de Asturias Storico.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.