Tobia Cavallini torna al “Valdinievole”: in cerca del bis con la Fabia R5

0
Download PDF

Il pilota di Cerreto Guidi dopo sette mesi di pausa torna alle gare nel rally “di casa”, che vinse lo scorso anno. Stessa vettura, la Škoda Fabia R5, e stesso copilota, Giuliano Manfredi, per tentare un nuovo alloro.

14 maggio 2019 – Stessa gara, stessa vettura, stesso copilota. E stessa voglia di agonismo ed anche di vittoria. Sono questi, gli ingredienti buoni per Tobia Cavallini in questo fine settimana, in cui parteciperà al 35. Rally della Valdinievole, al volante della Škoda Fabia R5 di PA Racing gommata Pirelli e con al fianco Giuliano Manfredi a leggergli le note.

Tutto uguale allo scorso anno, dunque, nella gara di Larciano (Pistoia), che lo scorso anno il pilota di Cerreto Guidi vinse per la prima volta, la molla ideale di ricordi per cercare di nuovo il successo.

 

Sarà come al solito una competizione avvincente, quella organizzata dalla Laserprom 015, per il portacolori della Jolly Racing Team, fermo da sette mesi, da quel “Trofeo Maremma” concluso al terzo posto in ottobre dell’anno passato ed in prima battuta ci sarà da ritrovare gli equilibri mentali, fisici e tecnici per affrontare al meglio la sfida con la vettura boema, trovandosi a duellare con avversari qualificati.

Correre in casa è sempre molto bello – commenta Cavallini – e quando mi è stata presentata questa opportunità ho cercato di coglierla. Tornerò in gara dopo sette mesi di pausa che non sono pochi, soprattutto se poi torni al volante di una vettura estremamente professionale come una R5. Se poi ci si mette anche il fatto che troveremo avversari forti ed agguerriti, ecco che all’orizzonte vediamo una gara non certo facile. Noi cercheremo di dare il meglio ed onorare la nostra presenza, puntando a fare bene ed a divertirci. Se da una parte ci sarà un poco di  . . . “ruggine”, dall’altra so che posso contare su un pacchetto macchina-gomme-squadra che darà la possibilità a me ed al mio copilota Manfredi di puntare in alto. Ci siamo e ci proviamo!”.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy