Trio DueGi Sport a La grande Corsa

0
Download PDF

Chieri, 8 e 9 novembre 2019. Non poteva mancare la scuderia torinese DueGi Sport alla 6° edizione de La Grande Corsa, dove è stata rappresentata da due equipaggi nel rally e uno nella regolarità sport.

Tedesco in pista dopo 9 anni. Marco Tedesco scende in pista dopo nove anni di stop. Una sfida, la sua, che ricomincia dalla regolarità sport ma che il prossimo anno lo annovererà nuovamente tra i piloti del rally.

Il pilota piemontese navigato per la prima volta dal suo compagno di scuderia e grande amico Marco Massaro, ha preso parte a questa sesta edizione de La Grande Corsa con una Lancia Delta 4WD sulla quale ha lavorato per otto lunghi anni.

Non avendo avuto modo di poterla testare prima di questa manifestazione, avendo terminato i lavori solo un paio di mesi fa, ha cautamente deciso di ricominciare con tranquillità, per poter prendere confidenza con la sua creazione. “Prima di sabato non avevo ancora mai provato la macchina; ci sono salito per la prima volta quando siamo andati sulla pedana di partenza a Chieri. Il giorno dopo, sulle prime prove speciali, complice l’umidità, si scivolava abbastanza ma nel pomeriggio il tempo è migliorato e le strade si sono asciugate ed ho preso così familiarità con la Delta. Ci siamo divertiti moltissimo ed è stata per me una bella esperienza ed una grande emozione. E’ stato fondamentale il supporto di Marco, mio copilota ma soprattutto grande amico.”

Basso – Damiano: prima volta a La Grande Corsa. Fabio Basso e Christian Damiano hanno preso parte per la prima volta a La Grande Corsa. Un equipaggio ormai collaudato che si diverte a scambiarsi i ruoli a seconda della tipologia di gara, ha dato ancora una volta prova del suo affiatamento, portando a casa un 1° posto di classe e un 31° assoluto.

Sull’ Autobianchi A112 con cui hanno gareggiato, durante l’estate sono stati fatti diversi lavori per poterla sistemare al meglio dopo le problematiche emerse in occasione del rally di Vesime. Tutto sembrava perfetto, ma purtroppo, da metà gara in poi, si è presentata una noia meccanica relativa alla temperatura del motore. Grazie ai vari rabbocchi tra una speciale e l’altra e alla tenacia dei due concorrenti, sono riusciti a tagliare il traguardo. Il commento del pilota: “ le prove erano molto belle e mi sono divertito alla grande! Fortunatamente il meteo è stato dalla nostra parte le strade erano asciutte, tranne in qualche tratto nel sottobosco. Nonostante ci sia stato qualche problema alla 112, siamo arrivati in fondo. Christian come sempre è stato impeccabile in tutto e per tutto! Vorrei ringraziare ancora una volta coloro che ci permettono di correre: la mia compagna e la mia famiglia, che ci hanno seguito da casa, i ragazzi in assistenza e la DueGi Sport!

Ritiro per Girotto – Meroni. Gianfranco Girotto navigato da Renato Meroni su BMW 2002 TI dopo le prime due speciali in cui tutto è andato bene, purtroppo sul terzo passaggio, in un’inversione, si è trovato senza freni. Fortunatamente c’era una via di fuga e non ci sono stati danni ma l’equipaggio è stato costretto a consegnare la tabella di marcia. Amareggiato, Girotto ha così commentato: “anche questa volta è andata buca. A quanto pare il guasto è imputabile al fusibile dalla pompa del vuoto del servofreno. In generale non mi sono divertito, due anni fa il percorso, a mio avviso, era migliore.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy