Un semiasse rovina la festa di Scorzè per Valerio Scettri

0
Download PDF

Il pilota di Este, in gara per il terzo compleanno di Irontech Motorsport, si vede costretto a parcheggiare la Renault Clio Williams, al termine della seconda prova speciale. Foto Fotosport

Ospedaletto Euganeo (PD), 05 Agosto 2019 – Il terzo anniversario di Irontech Motorsport si è chiuso con l’amaro in bocca per Valerio Scettri, in occasione del Rally Città di Scorzè che si è tenuto, nel cuore della campagna veneziana, nel recente fine settimana.

Il pilota di Este scendeva dalla pedana di partenza, Sabato nel tardo pomeriggio, alla guida dell’intramontabile Renault Clio Williams gruppo A, affiancato dall’esordiente Veronica Verona sul sedile di destra, per affrontare la prima prova speciale, la spettacolo “Base”.

Nonostante una piccola noia elettronica il pilota della francesina da rally si presentava al controllo stop con il terzo tempo, in classe A7, fiducioso per una Domenica in progressione.

Al via della prima prova speciale” – racconta Scettri – “abbiamo accusato un problema di natura elettronica. Un sensore motore dava una temperatura alta. Siamo quindi entrati in prova molto cauti, cercando di controllare la situazione. Inoltre era la prima speciale per Veronica e, come è normale che sia, doveva mettersi a suo agio. Essere usciti con il terzo tempo, su sette arrivati in classe, era comunque un buon auspicio per la Domenica. Purtroppo ci siamo illusi.”

Un avvio positivo che veniva presto cancellato dalla doccia fredda arrivata allo start del primo impegno domenicale, quello di “Resana”: allo scattare del semaforo verde, sulla Renault Clio Williams gruppo A, cedeva un semiasse e l’atestino, tenace nel portare la vettura fuori dal tratto cronometrato, non aveva altra scelta se non quella di incassare un amaro stop forzato.

Era tutto a posto alla Domenica mattina” – aggiunge Scettri – “e ci siamo avviati verso la prima prova speciale nella più totale tranquillità. Quando il semaforo è diventato verde e siamo partiti abbiamo accusato la rottura di un semiasse. Siamo riusciti, perdendo una vita, ad arrivare sino al fine prova ma, dovendone poi affrontare altre due prima della service area, non abbiamo avuto altra opzione se non quella di ritirarci. Un peccato perchè potevamo puntare al podio.”

Una delusione ed un grosso rammarico per Scettri, amplificato dall’impossibilità di far maturare esperienza alla nuova arrivata in abitacolo, Veronica Verona, in un contesto alquanto ideale.

Mi dispiace molto per Veronica” – sottolinea Scettri – “perchè Scorzè era una gara ottima, per lei, per iniziare a prendere confidenza con il ruolo del navigatore. Prove corte e semplici, dal suo punto di vista, sarebbero stato perfette per macinare un po’ di chilometri, dettando note.”

Una sfortuna che Scettri ha già metabolizzato e trasformato in determinazione per rilanciare la sfida, quanto prima, al prossimo appuntamento del calendario rallystico in Triveneto.

Cercheremo di rifarci il prima possibile” – conclude Scettri – “e stiamo già valutando quali gare potremo affrontare, da qui a fine anno, per riscattare il colpo gobbo che la sorte ci ha giocato.”

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy