X Race Sport “padrona” della Terra: Dalmazzini in allungo al “Nido dell’Aquila”

0
Download PDF

Con una perentoria vittoria, il  giovane driver modenese ha compiuto l’impresa nella difficile gara umbra, condizionata dalla pioggia.

Rimini, 11 settembre 2017 – La “X rossa” di XRACE SPORT  veleggia sul pennone più alto del Campionato Italiano Rally Terra. Ieri, al “Nido dell’Aquila” di Nocera Umbra (Perugia), il giovane modenese Andrea Dalmazzini e la Ford Fiesta R5 di GB Motors Racing, hanno vinto di forza allungando sulla concorrenza, quando mancano due gare al termine della serie. Insieme al copilota toscano Giacomo Ciucci, il driver modenese era arrivato alla gara con una situazione di classifica delicata, con tre piloti racchiuso in neppure due punti. La gara doveva perciò essere interpretata in solo modo, attaccando. Così ha fatto, Dalmazzini, che pur partendo per primo sulla strada e pur in condizioni meteorologiche difficili ha saputo trarre il massimo con una vittoria che lo ha fatto allungare sensibilmente dai più diretti rivali. La gara Dalmazzini e Ciucci se la sono lottata contro il giovanissimo sedicenne boliviano Bulacia (però trasparente ai fini della classifica) ed è stata comunque anche un capolavoro di strategia con le scelte degli pneumatici, senza mai andare oltre le classiche righe della prestazione, per non incappare in errori che avrebbero potuto condizionare gara e campionato.

Adesso “Dalma” comanda la classifica provvisoria con tre punti sul vicentino Costenaro e 12,75 sul sammarinese Ceccoli, ritiratosi certamente la prossima gara in Costa Smeralda ad inizio ottobre sarà vincolante per avviarsi al successo in campionato. “Gran bella gara – commenta Dalmazzini – vettura perfetta, scelte di gomme sempre azzeccate, le Pirelli ci hanno assecondati al meglio in una strada davvero ostica, dove era facile sbagliare. Comunque sia non sarà facile per le prossime due gare, il ritmo è alto, gli avversari non ci concedono nulla, sarà appassionante sino all’ultimo, questo campionato. Ed è bello così!”.

Download PDF
Condividi