15° Ronde del Canavese, Classe R1: Marco Petracca non lascia spazio

Il pilota di VM Motor al ritorno in gara vince come suo solito. Da dominatore. Di Tommaso M. Valinotti. Immagini Foto Magnano

RIVAROLO (TO), 28 febbraio – L’implacabile Marco Petracca. Affiancato da Stefano Bosco, torna in prova speciale dopo quasi due anni (Città di Torino 2019 la sua ultima apparizione) e si comporta come al solito, monopolizzando il risultato della prova speciale segnando il miglior tempo in tutti i passaggi. Senza tentennamenti con l’interessante Clio RS di Classe R1 che usa per la prima volta, centrando anche il 30° posto nella classifica assoluta. Alle sue spalle la vettura gemella di Giorgio Costa Salute, che per la seconda volta divide l’abitacolo con la figlia 23enne Giulia. “È un’emozione diversa avere la propria figlia a fianco e non ci sono santi, si mettono più riguardi nel pilotare”, commenta il pilota di Ceres (TO). Passando a esaminare la gara, il portacolori della Meteco Corse afferma: “Mi sono divertito molto e chiudere secondo dietro un fuoriclasse come Petracca è come una piccola vittoria

Terza piazza di categoria per Corrado Peloso e André Perrin, con una Suzuki Swift che in pratica è una Racing Start, usata in vista di futuri sviluppi e soprattutto per togliere las ruggine dell’inattività che dura da un anno e mezzo. Chiudono la classifica i francesi Jean Luc Morel e Mireille Toti su Citroën DS3 che precedono di 2” Andrea Racca e Paolo Carrucciu, anche loro su Suzuki Swift.

  • Iscritti 5, verificati 5, classificati 5, ritirati 0.
  • Vincitori Prove speciali: 4 Petracca-Bosco (1, 2, 3, 4)
  • Leader di classifica: 1-4 Petracca-Bosco