33° Rally Lana, Gruppo R: dominano le R5, ma che spettacolo fra le Due Ruote Motrici

Citroën C3, Volkswagen Polo e Škoda Fabia fanno valere la cavalleria e la trazione, ma è emozionante la sfida fra le tutto avanti con protagonisti Caffoni, Tondina e Quaderno. Di Tommaso M. Valinotti. Foto Elio Magnano

BIELLA, 12 luglio – Sono 39 gli iscritti e verificati in Gruppo R con la netta preponderanza delle R5 ed R2B con 16 equipaggi al via in ciascuna di queste due classi, seguiti da cinque in R1 e due in  R3C. per quanto riguarda la vittoria di Gruppo non c’è stata storia con Crugnola-Ometto che hanno concesso solo una prova a Ivan e Marina Carmellino. Ed anche per quanto riguarda i vertici della classifica c’è stata poca storia, con le R5 che hanno monopolizzato le posizioni in cima alla classifica in tutte le prove, occupando i primi dieci posti a Rosazza-1 e -2, con le eccezioni di Tracciolino-1 dove un incredibile Davide Caffoni ha siglato il quinto tempo di gruppo, mentre nel secondo passaggio sulla stessa prova è stato l’altrettanto aggressivo Riccardo Tondina a insinuarsi segnando il settimo tempo di categoria. La Curino domenicale ha visto nuovamente le R5 monopolizzare il vertice della categoria, nonostante cominciassero i ritiri, con nove classificati in testa al primo passaggio, dieci al secondo, e altrettanti in quello finale.

Se in cima la lotta per la vittoria non è stata avvincente, da cardiopalma è stata quella per il primato delle Due Ruote Motrici in Gruppo R con Gianluca Quaderno,  Clio R3C, che si impone sulla Rosazza-1, Davide Caffoni sulla Tracciolino-1, prendendo il comando delle operazioni. Quaderno si ripete a Rosazza, ma non riesce a scalzare Caffoni dal vertice e Tondina che fa suo il passaggio notturno su Tracciolino andando al riposo con 1”9 su Caffoni, mentre Quaderno è a 16”8.

Curino è terreno di sfida fra Caffoni e Tondina, ma ancora una volta nella prova iniziale è Quaderno a imporsi, con Caffoni che riprende il comando della classifica. A mezzogiorno è Tondina a far meglio di Caffoni per soli 5/10, fatto che non cambia le posizioni in classifica, e nell’ultimo passaggio Caffoni, nono di Gruppo R alla fine, restituisce i 5/10 andando a conquistare il platonico (e non premiato) titolo di più veloce di Gruppo R Due Ruote Motrici; con 7/10 su Tondina e 19”4 su Quaderno. Al termine di un “triello” che più avvincente non poteva essere.

  • Iscritti 39, verificati 39, classificati 32, ritirati 7.
  • Vincitori Prove speciali: 6 Crugnola-Ometto (1, 3, 4, 5, 6, 7); 1 Carmellino-Carmellino (2)
  • Leader di classifica: 1-7 Crugnola-Ometto