Buon compleanno Michèle

Michèle Mouton (Grasse Francia, 23 giugno 1951) è un’ex pilota rally e dirigente sportivo francese tra le poche donne ad avere vinto gare valide per competizioni di serie mondiali (quattro rally vinti, nove sul podio); dal 2009 è dirigente della Federazione Internazionale dell’Automobile.

Dopo aver debuttato come navigatrice, passo al volante di un’Alpine A110, quindi venne reclutata nella squadra ufficiale di Fiat France per guidare le 131 Abarth, per disputare il Campionato Europeo, vincendo, fra l’altro, il Tour de France. Nel 1975 ha partecipato alla 24 Ore di Le Mans in un team tutto femminile con Christine Dacremont e Marianne Hoepfner classificandosi 21ª a 67 giri di distacco dai vincitori conquistando la sua classe con una Moynet motorizzata Simca.

Nel 1981, in coppia con la sua navigatrice Fabrizia Pons, fu la prima donna a vincere un rally del Campionato del Mondo conquistando il Rallye Sanremo. Nel 1982 vinse tre gare del mondiale (Portogallo, Brasile e Acropoli) sempre alla guida di un’Audi quattro, chiudendo seconda nella classifica iridata, campionato perso a causa della rottura della trasmissione della sua vettura al Rally Costa d’Avorio, fatto che non le permise di vincere la gara e di conseguenza il titolo.

Nel 1984 e 1985 vinse con l’Audi Sport quattro la corsa in salita nel Colorado la Pikes Peak International Hill Climb, prima donna a riuscirvi stabilendo anche il record del tracciato.

Nel 1986 passò alla Peugeot Talbot Sport Deutschland, vincendo il campionato tedesco rally con la Peugeot 205 T16; corse inoltre alcune prove mondiali, di cui l’ultima fu il Tour de Corse 1986 nel quale si ritirò per problemi al cambio. In seguito all’abolizione delle vetture Gruppo B decise di ritirarsi dalle corse. Nel 1988 promosse, insieme a Fredrik Johnson, la Corsa dei Campioni in onore di Henri Toivonen. Nel 2008, a 22 anni di distanza dal suo ritiro, Michèle Mouton tornò al volante di una vettura da rally con Fabrizia Pons partecipando all’International Rally of Otago in Nuova Zelanda, chiudendo 34esima assoluta. Con Jutta Kleinschmidt, Danica Patrick e Lella Lombardi appartiene alla ristretta cerchia di donne vincitrici di gare valide per campionati mondiali. Dal 2009 presiede la commissione Donne negli Sport Motoristici della FIA.

In carriera ha disputato 135 rally di cui 50 di Campionato del Mondo, vincendone sedici in totale con quattro allori nel mondiale, risultando la più veloce in 162 prove speciali iridate segnando inoltre 229 punti nel Campionato. Nel suo palmares ci sono anche cinque gare come navigatrice, fra le quali il MonteCarlo del 1975 terminato con un’uscita di strada.