Casarotto, in Friuli, vuole tornare leader

Assente al Città di Scorzè, per impegni di lavoro, il pilota di Vicenza punterà a tornare al comando della Coppa Rally ACI Sport e della Michelin Zone Rally Cup, in zona quattro. Foto Mario Leonelli/Actualfoto

Vicenza, 16 Agosto 2021 – Due soltanto gli appuntamenti che mancano all’appello della quarta zona e l’assenza forzata di Scorzè, causa impegni di lavoro, costringe Andrea Casarotto ad uno sforzo ulteriore per riconquistare quella posizione di leader ottenuta al Valli della Carnia.

I prossimi 20 e 21 Agosto andrà in scena il Rally del Friuli Venezia Giulia e Alpi Orientali, appuntamento valido per una Coppa Rally ACI Sport che vede il pilota di Vicenza al secondo posto di classe S1600, accusando un ritardo di sole tre lunghezze dalla prima posizione.

Stessa situazione ma distacco diverso, nove i punti da recuperare dalla vetta, per quanto riguarda il raggruppamento di una Michelin Zone Rally Cup che vede al comando Rampazzo.

Dopo il Valli della Carnia eravamo passati primi” – racconta Casarotto – “ma l’aver saltato il Città di Scorzè, per motivi di lavoro, è stato penalizzante per noi. Non abbiamo perso molto terreno, siamo secondi sia in CRZ che nella serie Michelin, ma dovremo darci da fare, qui in Friuli, per ritornare al primo posto. Mancano soltanto due gare e non possiamo sbagliare.”

Un ritorno, quello del portacolori di Movisport al Friuli, a distanza di ben quattordici anni da un’ultima apparizione che portò in dote un buon sesto posto di classe A6, su Citroen C2.

L’ultima volta che abbiamo corso qui era il 2007” – sottolinea Casarotto – “ma conservo un bellissimo ricordo di quell’edizione. Questa regione ci ha sempre regalato grosse soddisfazioni e speriamo che continui così anche qui. Sarà un appuntamento chiave per la nostra stagione.”

Ad alzare l’asticella della difficoltà per Casarotto, oltre al coefficiente maggiorato a 1,5, ci sarà anche la concomitanza con il Campionato Italiano WRC, terzultimo atto della serie che porterà in campo gara altri protagonisti che potrebbero sottrarre punti preziosi ai protagonisti di zona.

Alla guida della Renault Clio Super 1600 di RService, affiancato nell’occasione da Stefano Costi, il vicentino sarà chiamato ad affrontare sei prove speciali, a partire dalla temuta “Mersino” (20,93 km) e proseguendo con la classica “Trivio – Prepotto” (14,83 km).

La fase centrale, della giornata di Sabato, si articolerà sulla speciale di “Drenchia” (13,31 km) e sulla ripetizione di “Mersino”, terminando con la ripetizione di “Trivio – Prepotto” e “Drenchia”.

La concomitanza con il CIWRC” – conclude Casarotto – “potrebbe portare in gara avversari che non fanno parte della CRZ o della Michelin Zone Rally Cup ma che sarebbero in grado di portare via punti a noi o ai nostri avversari. Il coefficiente maggiore è un’opportunità che non possiamo farci sfuggire perchè, ottenere un buon risultato qui, sarebbe importante per arrivare alla finale di Modena. Sono molto contento che ci siano delle prove con un chilometraggio molto lungo perchè mi permettono di mantenere alto il ritmo e la concentrazione. Questo è stato determinante per il buon risultato ottenuto in Carnia, grazie anche al buon feeling con Fabrizio Handel che, questa volta, alzerà bandiera bianca e lascerà il posto a Stefano Costi. Siamo consapevoli di quanto sia importante questo Rally del Friuli ma abbiamo tutte le carte in regola per fare bene. L’equipaggio è collaudato ed abbiamo visto che la vettura di RService è molto competitiva. Grazie di cuore a tutti i nostri partners ed alla scuderia Movisport. Sappiamo che credono in noi e non vogliamo deluderli. Il nostro obiettivo è uno solo, la finale di Modena.”