Due Gi Sport al 15° Rally di Alba

La quindicesima edizione del Rally di Alba ha aperto le porte lo scorso week end, con un palco partenti di oltre 180 piloti, tra cui tre portacolori della scuderia torinese DueGi Sport.

LOMONACO RALLY AL FULMICOTONE

Andrea Lomonaco con alle note Fabio Gulmini, ancora una volta non ha potuto correre serenamente. Dopo l’incidente al rally del Grappolo, ha dovuto risistemare completamente la Citroen C2 VTS. Una gara sul filo di lana, dall’inizio alla fine. La macchina, infatti, gli è stata consegnata solo mercoledì  pomeriggio, ma solo il telaio. Il pilota ha quindi dovuto rimontarla tutta, e visti i tempi strettissimi, l’ha finita in assistenza, poco  prima della partenza. Fortunatamente è riuscito a terminare in tempo per il giro di presentazione. Ma la sfortuna non lo ha certo abbandonato.

Domenica mattina, dopo appena quattro chilometri dallo start, la pompa della benzina ha iniziato a dare problemi. Pilota e navigatore hanno così provato a sistemarla e sono riusciti a ripartire, ma dopo circa venti minuti. Hanno così fatto un trasferimento al fulmicotone per arrivare in orario al timbro, tanto da essersi addirittura vestiti al tavolino, timbrando però con un minuto di ritardo, che gli è costato una penalità di dieci secondi. Ovviamente la partenza è stata al cardiopalma. Ma gli imprevisti non sono finiti. A metà prova speciale, nuovamente complicazioni, ma questa volta ai sensori di giri; hanno così corso tre speciali con la macchina mezzo servizio. Ma i duegini non si sono certo arresi, né persi d’animo. Arrivati in assistenza sono riusciti a sistemare tutto ma la C2 non andava, non rendeva, era lenta a prendere giri.  Infine, per completare in bellezza questo rally di Alba, sulla quinta speciale, hanno tagliato una gomma; si sono così dovuti fermare in prova per sostituirla, perdendo  altri cinque minuti. Grazie alla loro tenacia però sono riusciti a tagliare il traguardo, posizionandosi novantanovesimi assoluti, sedicesimi di gruppo e primi di classe. Le parole di Lomonaco: “sono davvero demoralizzato. Questa gara l’abbiamo vissuta malissimo, troppi imprevisti, troppe problematiche. E’ stata tutta una rincorsa, tanto che non è stato più un divertimento e sono arrivato al punto di odiare correre in macchina. Credo che mi prenderò un periodo sabbatico, perché ho bisogno di pensarci su un attimo. Così non è più un divertimento, non è più uno sfogo.”

GARA IMPEGNATIVA PER CRESTO

Alessandro Cresto navigato da Simone Sparvieri ha corso il Rally di Alba su Peugeot 208.

Una gara particolarmente impegnativa per il pilota che non aveva ancora corso su lunghe distanze e con così tante prove speciali. Una lotta contro il primo della sua classe, durata per tutta la giornata. Un piazzamento al primo posto nella ps quattro, Somano- Bonvicino, aveva fatto ben sperare il pilota della scuderia bianco-blu. Ma nei passaggi successivi, ha sempre mantenuto la seconda posizione in classe R2C, conservata fino alla fine. Ottimo il suo ventisettesimo assoluto. Cresto ha così commentato il rally di Alba: “è stato un rally molto impegnativo. Il caldo ha appesantito tutto quanto. E’ stato ben organizzato e molto divertente; è stato tutto perfetto. Le prove durante la giornata si sono sporcate tanto. Quando abbiamo vinto una prova ci siamo illusi per un attimo di poter rimontare su Santero, ma aveva un altro passo da noi. Per tutto il resto della gara non ci ha dato più un barlume di speranza di poterlo passare. E’ stata una bellissima esperienza. C’era tanto pubblico ed è stato molto piacevole vedere di nuovo il tifo a bordo speciale”.

VERNA SECONDO DI CLASSE

Alberto Verna e il suo copilota Ugo Montaldo, hanno disputato le speciali del rally di Alba su Subaru Impreza, classificandosi secondi di classe N4, quarti di gruppo  e ottantunesimi assoluti.