Hyundai e Healty Seas insieme per proteggere il mare di Lampedusa

Healthy Seas, con il supporto di Hyundai, ha lavorato con il noto esploratore marino Mario Arena per esplorare e proteggere il fondale marino di Lampedusa. Durante l’attività sono stati identificati diversi relitti diventati habitat ideali per la vita marina, al fine di proteggerli e di rimuovere le reti da pesca abbandonate. Il progetto è parte delle numerose attività per la conservazione dell’ambiente marino che Hyundai e Healthy Seas porteranno avanti attraverso la loro partnership. La pulizia e la prevenzione dell’inquinamento marino sono in linea con la strategia globale di Hyundai, all’avanguardia nelle soluzioni eco-sostenibili per una mobilità pulita

24 agosto 2021 – Nell’ambito della partnership con l’organizzazione per la conservazione dell’ambiente marino Healthy Seas, Hyundai ha supportato un’attività di esplorazione e conservazione dei fondali marini vicino a Lampedusa.

La collaborazione ha l’obiettivo di combattere l’inquinamento degli oceani, coltivare ecosistemi marini sostenibili e sostenere un’economia circolare, in linea con la strategia globale di Hyundai, all’avanguardia nelle soluzioni eco-sostenibili per una mobilità pulita.

Facendo squadra con Healthy Seas, il noto esploratore marino Mario Arena – che dal 1994 ispeziona i fondali di tutto il mondo alla ricerca di importati siti archeologici sommersi – e 14 volontari della Society for the Documentation of Submerged Sites (SDSS) hanno scandagliato l’area marina intorno a Lampedusa per circa un mese tra giugno e luglio 2021, per identificare e documentare diversi relitti derivanti dalla Battaglia del Mediterraneo, avvenuta tra il 1941 e il 1943 durante la Seconda Guerra Mondiale, con il fine ultimo di proteggerli.

I relitti forniscono infatti un habitat ottimale, agendo da barriera corallina e fornendo riparo a diverse specie marine. Allo stesso tempo, è proprio sui relitti che si incagliano spesso le reti da pesca abbandonate. Si stima che ogni anno oltre 640 mila tonnellate di chilogrammi di attrezzatura da pesca vengono abbandonate nell’oceano, portando a gravi conseguenze per la vita marina. Per mitigare l’impatto di questo inquinamento, oltre all’attività di ricerca, i team di Healthy Seas e Ghost Diving hanno recuperato le reti da pesca che ricoprivano due relitti durante le quattro settimane di permanenza.

Scendendo fino a 76 metri di profondità, a poco più di 30 chilometri dalla costa di Lampedusa, i subacquei hanno trovato una rete da traino recentemente persa sul relitto del piroscafo postale Egadi, e a causa delle sue grandi dimensioni è stato possibile rimuoverne solo la metà. La seconda rete è stata individuata a più di 60 chilometri da Lampedusa sul relitto Narval, un sottomarino francese affondato tre mesi dopo il primo varo nella Seconda Guerra Mondiale. Oltre a rimuovere la rete, liberando e salvando diversi animali marini in essa incastrati, il team ha anche installato una placca commemorativa in onore dei 50 membri dell’equipaggio.

“La rimozione delle reti è stata nella mia agenda per molti anni, principalmente perché interferiscono con i siti dei naufragi” afferma l’esploratore marino Mario Arena. “Attraverso la nostra collaborazione con Healthy Seas, siamo stati in grado di trasformare la nostra passione per i relitti storici in una soluzione ambientale positiva. Siamo anche grati a Ghost Diving per aver condiviso le loro conoscenze e procedure per la rimozione delle reti fantasma”.

Il progetto a Lampedusa ha inoltre contribuito agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU per le Città e le Comunità Sostenibili (11.4), rafforzando gli sforzi per proteggere e salvaguardare il patrimonio culturale e naturale del mondo.

Healthy Seas opera nell’ottica della creazione di un’economia circolare, per garantire una nuova vita ai materiali recuperati. Le reti da pesca in nylon, infatti, verranno prese in carico dall’organizzazione partner Aquafil, che si occuperà di pulirle, selezionarle e, insieme ad altri rifiuti di nylon, riciclarle producendo un nuovo materiale chiamato ECONYL®. Il filato ECONYL® può essere riciclato all’infinito e usato, ad esempio, per abbigliamento sportivo, costumi da bagno, tappeti e persino per i rivestimenti interni delle automobili come avviene su Nuova Hyundai IONIQ 5.

La partnership con Hyundai sta consentendo a Healthy Seas di espandere i suoi programmi in tutta Europa. La collaborazione è cominciata ad aprile 2021 con un’attività di pulizia a Itaca, in Grecia, raccontata da BBC Storyworks attraverso il breve documentario “Turning Tides”. Oltre a Grecia e Italia, seguiranno progetti in Norvegia, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Spagna e Francia, nonché nel Mare del Nord e nel Mar Mediterraneo.

Ristabilendo un sano rapporto con la natura, Hyundai intende migliorare il benessere delle persone, in sintonia con la sua visione di “Progress for Humanity”. Attraverso la collaborazione con Healthy Seas, Hyundai non solo punta a garantire un ambiente più pulito per le prossime generazioni, ma anche a dare forma a un futuro sostenibile per le comunità con cui lavora.