Il 2022 di Alessio Profeta e Sergio Raccuia parte dalla Ronde della Val Merula

Alessio Profeta “Iniziamo il nuovo anno con una prima gara test, importante per le regolazioni con le nuove gomme Michelin”

Il nuovo anno del pilota siciliano Alessio Profeta parte da una trasferta al nord. Questo fine sarà infatti impegnato in Liguria al via dell’ottava edizione della Ronde Val Merula,

Nuovo anno tra certezze passate e nuovi arrivi. A dettare le note, ci sarà il fidato navigatore Sergio Raccuia, che è ormai un habituè del sedile di destra di Alessio, così come la vettura che li porterà in giro per l’Italia, la Skoda Fabia Rally2 del Team PrOli equipaggiata con gomme Michelin, gestita sui campi di gara del Team Triko WRT. Nuove gomme e nuova scuderia per il binomio siciliano, che da quest’anno vestirà i colori della Ro Racing, la Scuderia presieduta da Rosario Montalbano, con la quale è stato siglato un accordo per tutta la stagione 2022.

Primo appuntamento su strade nuove per Alessio e Sergio, che hanno disputato questa gara nel 2019, quando erano agli inizi delle trasferte oltre stretto. Una gara test, che permetterà al duo palermitano di riprendere confidenza con la Skoda Fabia, dopo il finale di stagione dello scorso anno, in cui ha confermato l’ottimo passo gara e la sua costanza, con quindici partenze e due soli ritiri.

“C’è tanta voglia di ritornare in macchina – ha commentato entusiasta Alessio Profeta-. Da quest’anno saremo portacolori della Scuderia RoRacing, abbiamo firmato un accordo per tutta la stagione agonistica e siamo certi che potremo dire la nostra anche nel campionato sociale. Questa prima gara servirà a riprendere il giusto ritmo ed a testare le gomme Michelin in vista degli appuntamenti di campionato in cui saremo impegnati. Abbiamo quasi delineato il nostro ruolino di marcia e sarà, anche quest’anno, una stagione ricca di gare e si spera anche di successi.”

“Poco più di un mese di stop è stato necessario per ritrovarci in questo primo appuntamento concentrati sui nuovi obiettivi rallistici – ha dichiarato il navigatore Sergio Raccuia-. In queste settimane mi sono dedicato ai simulatori, nella guida virtuale riesco a divertirmi al volante, ma nella vita di tutti i giorni sono le note ed il sedile di destra a regalarmi fantastiche emozioni. In questa prima gara sarà importante riprendere il ritmo ed effettuare regolazioni, la nostra partita ce la giocheremo tra qualche settimana.”

Dopo la defezione del 2021, dovuta all’incertezza legata all’emergenza Covid-19, l’ottava Ronde della Val Merula si riproporrà nella sua usuale veste.  La gara, infatti, ricalcherà quella delle precedenti edizioni, con partenza ed arrivo ad Andora, e sarà articolata su un invariato percorso di 247,51 chilometri, 45 dei quali relativi alla prova speciale “Passo del Ginestro”, che verrà percorsa quattro volte.