Il 36° Sanremo Rally Storico accelera sulla rotta di avvicinamento alla partenza

Con l’apertura delle iscrizioni, avvenuta il 3 marzo, anche la gara storica marcia spedita verso il mattino del 9 aprile quando si accenderà il semaforo verde per i concorrenti. Sabato 10 aprile seconda tappa del rally che misura 448,90 chilometri, 135 dei quali di prove speciali. Arrivo (a porte chiuse) alle ore 15.10 di sabato nell’area della Vecchia Stazione. Immagine Archivio Magnano

SANREMO (IM), 22 marzo – La primavera si presenta con molti segnali. Uno dei più significativi nel mondo del rallismo storico è l’andare in scena del Sanremo Rally Storico, che fin dalla sua nascita nel lontano 1986 si è disputato fra marzo e aprile. Così sarà anche quest’anno con la gara storica della Città dei Fiori in programma fra mercoledì 7 e sabato 10 aprile. La marcia di avvicinamento all’accensione dei motori è iniziata martedì 2 marzo con l’apertura delle iscrizioni e avrà una significativa tappa alle ore 24 di martedì 23 marzo quando scadrà il tempo per inviare all’organizzazione le richieste di partecipazione (termine protratto di 24 ore per gli equipaggi italiani che non sono iscritti al Campionato Europeo). Da quel momento il tempo correrà decisamente più veloce. Sabato 3 aprile sarà il momento in cui sarà reso pubblico l’elenco iscritti ufficiale, mentre i giornalisti avranno tempo fino a lunedì 5 aprile per accreditarsi.

Si accendono i motori – La fase agonistica inizia mercoledì 7 aprile, giornata che i concorrenti dedicheranno alle ricognizioni del percorso. Giovedì 8 aprile propone un’ulteriore accelerazione con le verifiche tecniche dalle ore 9.30 alle 13.30 presso il Piazzale Adolfo Rava di Sanremo, e i motori delle auto da gara verranno accessi dalle ore 14.30 alle 18.30 per lo Shake Down sul classico asfalto di San Romolo.

Venerdì 8 aprile ad accendersi saranno anche i cronometri. Alle ore 9.30 il primo concorrente lascerà il parco assistenza alla Vecchia Stazione di Sanremo per affrontare la prima volta il trittico di prove speciali prima di tornare a Sanremo per il riordino e il parco assistenza. Sarà appena iniziato il pomeriggio quando i concorrenti torneranno a misurarsi sulle tre prove speciali già affrontate al mattino, prima di rientrare in parco assistenza alle 17.50 e iniziare il riordino notturno. Sabato 10 aprile si inizia presto per la seconda tappa, con l’uscita del primo concorrente dal Parco Assistenza alla Vecchia Stazione alle ore 7.00 e inanellare il primo giro sulle quattro prove che saranno ripetute nel pomeriggio. La gara si concluderà sul palco arrivi (non accessibile al pubblico) posto dentro la Vecchia Stazione alle ore 15.10. La 36esima edizione del Sanremo Rally Storico misura 448,90 km, di cui 135,10 di prove speciali.

Validità italiane e continentali – Il 36° Sanremo Rally Storico, è valido per il Campionato Europeo Rally piloti e navigatori di cui è la gara di apertura, come per il Trofeo FIA Team, e aprirà la stagione del Campionato Italiano Rally Auto Storiche, e della Michelin Historic Rally Cup, challenge riservato agli equipaggi calzati con i pneumatici della Casa francese.

Nella scorsa edizione del Sanremo Rally Storico si imposero “Lucky”-Fabrizia Pons, su Lancia Delta 16V, con 4”7 di vantaggio su Lucio Da Zanche-Daniele De Luis (Porsche 911 SC RS) e 3’25”7 su Davide Negri-Roberto Coppa (Porsche 911 RSR 3.0) vincitori del Secondo Raggruppamento.