Il respiro internazionale del Rally di Alba

Dopo aver confermato l’ingresso della gara nel Campionato Italiano Assoluto Rally-Sparco, (C.I.A.R.), del quale sarà la quarta prova, l’organizzazione annuncia che farà parte pure del Tour European Rally e per il Campionato Svizzero. L’evento, in programma per il 24 e 25 giugno, offre dunque stimoli in più per unire l’evento al territorio Langhe-Monferrato-Roero, patrimonio UNESCO.

Alba (Cuneo), 28 febbraio 2022 – Una delle grandi novità del Campionato Italiano Assoluto Rally-Sparco (C.I.A.R.) per il 2022, è l’aver visto inserito in calendario il 16° Rally di Alba-Trofeo Silvio Stroppiana. Un motivo di grande orgoglio, che premia la passione, il lavoro di un progetto partito da lontano da parte di Cinzano Rally Team, insieme all’Automobile Club Cuneo, che andrà a concretizzarsi il 24-25 giugno.

Della corsa tricolore, il Rally di Alba sarà la quarta prova in calendario ed oltre a questa “perla” sia sotto l’aspetto sportivo che anche di comunicazione del territorio, un’edizione importante, dato che andrà a confermare il ruolo fondamentale che il Rally di Alba svolge sia nel contesto delle corse su strada italiane che per il territorio, del quale è ideale ambasciatore nel motorsport.

Sarà un appuntamento di lega pregiata, il Rally di Alba 2022: oltre che alle sfide del Campionato Italiano (che avrà i chilometraggi allungati rispetto al 2020 e 2021, sino a 120 km di prove con la formula di 4 prove diverse per due volte più la “power stage”), anche dalla validità per la Coppa Rally di Zona (CRZ), il quale avrà una distanza ridotta, secondo i regolamenti vigenti.

Un appuntamento che si annuncia avvincente: il Rally di Alba arriverà a metà del cammino di Campionato, assegnerà punti “pesanti” sia per i Conduttori che per i Costruttori, quello Assoluto e Due Ruote Motrici, con quattro titoli distinti, per il Campionato Italiano Rally Promozione – Sparco, che prevede un titolo anche per le Due Ruote Motrici, per il Campionato Italiano R1, oltre ad annunciare le numerose Coppe ACI Sport.

UNA VISIONE INTERNAZIONALE

In pochi anni il Rally di Alba è diventato uno degli eventi più apprezzati in Italia, con forti interessi mostrati anche in ambito internazionale, e questo verrà ribadito con forza anche per l’edizione duemilaventidue con l’acquisizione di ben due titolarità che vanno oltre i confini: il Tour European Rally Series (TER) ed il Campionato Svizzero. Due blasoni dunque che elevano ancora di più il livello della competizione, da una parte il TER, che raccoglie alcune delle gare di rally più iconiche in ambito europeo, sette appuntamenti ed Alba sarà la quarta tappa, mentre il Campionato elvetico comprende sei appuntamenti e quello di Alba sarà il terzo, Per entrambe le assegnazioni Cinzano Rally Team si sente premiata dalla scelta e certamente orgogliosa, ribadendo il proprio ruolo di ambasciatore del territorio.

Luca Grilli, Organizzatore e Promotore del TER – Tour European Rally: “Il 2022 è il settimo anno per il Tour European Rally che compie un passo molto importante con l’ingresso nella serie del Rally di Alba, un’eccellenza per la nostra serie dal punto di vista sportivo e turistico. La serie TER ha nel 2022 ben 3 eventi con luoghi che fanno parte dell’Unesco World Heritage, lo Stato di Guanajuato in Messico (con il TER Promo Event “Rally of Nations Guanajuato – Mexico”), la Georgia con la cittadina di Mtskheta (sede della partenza del Rally Georgia valido per il TER e TER Historic) e Alba con il paesaggio vinicolo delle Langhe-Roero e del Monferrato in Piemonte. Personalmente sono molto soddisfatto del rapporto di collaborazione iniziato con gli organizzatori del Rally di Alba, è un grande piacere avere a fianco nel progetto TER uno staff preparato e con gli stessi obiettivi, con il valore aggiunto per il TER di avere un territorio favoloso come quello in cui Alba è situata e circondata”.

Max Beltrami, a nome del Campionato Rally Svizzero: “Sono felice di essere riuscito a riportare nel Campionato Svizzero una manche  italiana che mancava da tempo; la scelta del Rally di Alba e caratterizzata da molti fattori tra i quali la vicinanza al nostro territorio, all’organizzazione ineccepibile delle passate edizioni alle quali ho assistito e sicuramente all’amicizia

che mi lega da anni a Gil Calleri. Sono sicuro di aver scelto un’ottima gara per il nostro Campionato 2022!”

IL PENSIERO ED IL CUORE AL TERRITORIO

Passione, Internazionalità & Territorio, sono le parole chiave, il leit-motiv che per l’edizione 2022 ispirerà e farà muovere il Rally di Alba, non un evento sportivo fine a se stesso ma anche un importantissimo volàno per l’economia turistica e ricettiva dell’intero comprensorio Langhe-Monferrato-Roero, patrimonio Unesco. Nei due anni precedenti il Rally di Alba ha registrato un alto numero di iscritti, 162 nel 2020 e ben 189 nel 2021, costantemente con oltre dieci nazioni rappresentate. Solo questi dati fanno capire cosa la competizione ha mosso in termini di incoming con il turismo emozionale al seguito.

Parlando di territorio, è impagabile la vicinanza delle Amministrazioni, a partire dalla Regione Piemonte, proseguendo per la Provincia di Cuneo, per andare a toccare capillarmente il territorio. E’ il caso della Città di Alba, la quale sarà il cuore pulsante del Rally con la conferma del Quartier Generale della gara nel Palazzo Mostre e Congressi e con il ritorno di partenza, arrivo e cerimonia di premiazione in pieno centro storico. Con la validità CIAR – Sparco e per le serie internazionali, Alba, con le sue tante piazze offrirà spazi ampi e adeguati per il parco assistenza e per i riordini. Ed il territorio tutto è pronto ad offrire la sua bellezza, la sua ospitalità unica.