Il Team Bassano in evidenza al Vallate Aretine

Il Team sei volte Campione d’Italia inizia in modo convincente la nuova avventura nel Campionato Italiano Rally Auto Storiche e la rincorsa al titolo delle scuderie dove parte collezionando una nuova vittoria. Foto ACI Sport

Romano d’Ezzelino (VI), 14 marzo 2022 – È stato un Rally delle Vallate Aretine decisamente positivo per il Team Bassano, quello che si è corso nello scorso fine settimana ad Arezzo con ben ventisei equipaggi dall’ovale azzurro schierati al via della gara di apertura del CIR Auto Storiche e del Trofeo A112 Abarth Yokohama.

Dopo le otto impegnative prove con quasi 110 chilometri cronometrati, ad ottenere il miglior piazzamento a livello generale sono stati Tiziano Nerobutto e Giulia Zanchetta che hanno portato l’Opel Ascona 400 sul quinto gradino primeggiando nel 3° Raggruppamento e nella classe “oltre 2000”, risultati che portano il massimo dei punti in ottica campionato. Subito dietro, sesti assoluti, hanno chiuso Ermanno Sordi e Maurizio Barone che si sono aggiudicati anche la classe con la Porsche 911 SC/RS Gruppo B oltre al secondo posto di 4° Raggruppamento. Appena fuori dalla top ten, undicesimi, si piazzano Alessandro Mazzucato e Michele Orietti autori di una notevole prestazione con l’Opel Ascona SR che hanno portato al successo nella 2-2000 impreziosito dal terzo gradino del podio di 3° Raggruppamento e, due posizioni più in basso troviamo la Porsche 911 SC di Adriano Beschin navigato per la prima volta dal locale Adriano Giannini col quale condivide il terzo posto di classe. Prometteva scintille anche la classe 2-1600 del 3° Raggruppamento che vede sul secondo gradino l’Alfa Romeo Alfasud TI di Tommaso Fantei e Federico Riterini seguita dalla Volkswagen Golf Gti di Massimo Giudicelli, terzo assieme a Paola Ferrari. Ottimo il ritorno in gara dopo due anni di pausa per Damiano Zandonà che, navigato da Simone Stoppa, porta alla vittoria di classe la Renault 5 GT Turbo e un altro successo di categoria, nella classe 2-2000 del 2° Raggruppamento, arriva per mano di Luca Prina Mello e Simone Bottega con la BMW 2002 Ti, mentre per Nicola Tricomi ed Emanuele Nicosia è il secondo posto di classe che gratifica la loro buona prestazione con l’Opel Kadett GT/e. Si arriva poi al gradino 27 dell’assoluta dove si piazza la Porsche 911 S di Giuliano Palmieri e Lucia Zambiasi, secondi di 1° Raggruppamento e di classe con una vettura tutta nuova e molto differente da quelle guidate in precedenza dal pilota modenese. Obiettivo raggiunto anche per Enrico Canetti e Cristian Pollini al primo approccio con l’Opel Corsa GSI completamente rivista, con la quale si aggiudicano la classe e i primi punti preziosi in ottica tricolore; la classifica continua con la Lancia Fulvia HF 1.6 di Fabrizio Vaccani e Walter Rapetti, secondi di classe e si chiude con un’altra coupé di Chivasso, ma in versione 1.3S: quella di Elia Scotti e Francesco Donati secondi della loro classe. Quattro i ritirati: Giacomo Questi e Giovanni Morina con l’Opel Ascona SR, Fausto Fantei e Daniele Grechi con la nuova Alfetta GTV6, Alfredo Gippetto e Rosario Terranova su Volkswagen Golf Gti e Cristiano Guasti con Roberto Tesio su Opel Kadett GT/e.

Grazie alle brillanti prestazioni individuali, il Team Bassano si aggiudica anche la classifica delle scuderie ed incamera i primi importanti punti per una nuova rincorsa verso il titolo.

Nel Trofeo A112 Abarth Yokohama, la miglior prestazione è arrivata da Fabrizio Zanelli e Claudio Zanni, quarti assoluti seguiti da Cristian Benedetto e Simone Minuzzo, sesti e da Giuseppe Cazziolato con Karishma Rosa Bernardinis, ottavi; decima posizione per Denis Letey con Daniela Borella seguiti da Nicolò De Rosa e Fernando Carrugi, oltre ad Enrico Zuccarini con Giancarlo Nolfi alle note.