In chiusura le iscrizioni al Rally della Val d’Orcia

Ultimi giorni per poter aderire alle due manifestazioni entrambe valevoli per i rispettivi campionati: l’italiano terra e l’italiano terra storico.

Radicofani (SI), 7 marzo 2021. Siamo oramai nelle fasi finale delle iscrizioni della tredicesima edizione del  Rally della Val d’Orcia e della quarta edizione del Rally Storico della Val d’Orcia, il doppio appuntamento rallystico che coinvolgerà l’angolo senese della Val d’Orcia in programma il 19/20 marzo prossimi,

Infatti le iscrizioni chiuderanno mercoledì prossimo 9 marzo 2022 alle ore 24.00 ed, ad ora, sono numerosi ed importanti gli equipaggi che hanno aderito all’oramai classico appuntamento in terra senese su fondo sterrato organizzato dalla Radicofani Motorsport che ha lavorato e sta oramai definendo gli ultimi dettagli per questo appuntamento dalla doppia validità: nel Campionato Italiano  Rally Terra e nel Campionato Italiano Rally Terra Storici .

Infatti il Rally della Val d’Orcia sarà per la prima volta valevole per il Campionato Italiano Rally Terra che vede in calendario sei manifestazioni e che si concluderà sempre in terra toscana con il Liburna Terra che si effettuerà a novembre. Mentre la gara valevole per il Campionato Italiano Rally Terra Storico sarà il secondo dei cinque appuntamenti in calendario che si concluderà sempre in Toscana ma a dicembre con il Rally del Brunello.

Per questo importante salto di validità la Radicofani Motorsport ha predisposto un percorso articolato su sette prove speciali che raggiungono un chilometraggio di addirittura 83,66 Km. dividendo in due giornate l’effettuazione delle stesse.

Sabato 19 marzo previsto il doppio passaggio della rinnovata prova di San Casciano dei Bagni – Fighine di Km. 13,41 dove ritornerà dopo alcuni anni il passaggio dallo spettacolare bivio sulla SP 321 a San Casciasno dei Bagni.  Per domenica 20 marzo ritorna la classica prova di Radicofani di Km. 12,61 con lo spettacolare passaggio che sfiora il borgo senese che sarà ripetuta tre volte (con ultimo passaggio accorciato a Km. 9,52) e la doppia ripetizione dell’oramai consolidata ed apprezzata prova di Piancastagnaio di Km. 11,05.

La manifestazione quindi interesserà i tre comuni di Piancastagnaio, San Casciano dei Bagni e Radicofani ed è proprio a loro indirizzato il ringraziamento degli organizzatori per voce di Stefano Pascucci: “si ringrazia le amministrazioni per il loro sostegno, ma anche tutti coloro che contribuiscono alla effettiva organizzazione della manifestazione. Nonostante il difficile periodo in corso, sono tanti coloro che ci stanno sostenendo e lavorando per poter offrire al meglio la prossima edizione.”

Ritornando alle manifestazioni da rilevare che si entrerà nel vivo della manifestazione con la distribuzione del road book venerdì 18 marzo e nella stessa giornata saranno previste le ricognizioni delle tre prove speciali in programma. Le verifiche tecniche invece saranno in programma venerdì 18 marzo dalle ore 18.00 alle ore 21.30 per coloro iscritti allo shake down, mentre per coloro non iscritti allo shake down  sabato 19 marzo dalle ore 08.00 alle ore 10.30.  Sempre nella mattinata di 19 marzo dalle ore 07.30 alle ore 11.00 in programma lo shake down.

Lo scorso anno la gara titolata per le vetture moderne fù appannaggio del vicentino Costenaro affiancato da Bardin su Hyundai I20 che vinsedavanti a Campedelli-Rappa su Volkswagen Polo e a Battistolli-Scattolin invece su Skoda Fabia, quest’ultimo autore di una furiosa rimonta dopo essere rimasto attardato nella prova d’apertura per un testa coda passando dalla ventottesima posizione alla terza finale.

Mentre nella gara riservata alle Autostoriche, tra le Due Ruote Motrici prevalsero i sammarinesi Pelliccioni-Gabrielli su Ford Escort RS 2000, mentre nel Quattro Ruote Motrici“Lucky”-Pons su Lancia Delta Integrale a vincere gara e titolo