Michelin Historic Rally Cup 2021, l’annata comincia in riva al mare

Tocca alla gara del Ponente Ligure, valida per il Campionato Italiano Autostoriche e per il Campionato Europeo di specialità, dare il via alla stagione 2021 della Coppa Michelin nell’ambito dei rally storici.

CUNEO, 6 aprile – Sarà la 36esima edizione del Sanremo Rally Storico ad accendere il semaforo verde della Michelin Historic Rally Cup 2021, challenge promosso dalla Casa di Clermont Ferrand, sotto l’egida di Aci Sport, e gestito da Area Gomme di Mario Cravero.

Dieci iscritti sulle strade del Ponente Ligure. Saranno dieci- gli iscritti alla Michelin Historic Rally Cup che prenderanno parte alla gara ligure.  Nel Primo Raggruppamento troveremo Cesare Bianco-Stefano Casazza con la loro Porsche 911, un vero gioiello storico. Il Secondo Raggruppamento avrà fra i suoi protagonisti Bruno Graglia-Roberto Barbero, abituali frequentatori della coppa storica Michelin con la loro Fiat Abarth 124 Rally. Nel Terzo Raggruppamento si daranno battaglia Luigi Barera, che riprende in mano il volante dopo tre anni e affronterà per la prima volta il Sanremo, affiancato da un nuovo per lui navigatore, Adolfo Fornara, con una Opel Kadett GT/E che guida nei rally per la prima volta che dovrà innanzitutto vedersela Giacomo Questi e Giovanni Morina, lo scorso anno velocissimi ma non troppo fortunati nelle gare della Coppa Michelin. Non poteva certo mancare uno dei grandi protagonisti della Coppa francese, ovvero Luca Delle Coste, come sempre affiancato da Franca Regis Milano, che porterà per la seconda volta al Sanremo la sua Ritmo 75. Nelle posizioni che contano della classifica della Michelin Historic Rally Cup punteranno ad inserirsi i coniugi biellesi Luca Valle e Cristiana Bertoglio con la loro Porsche 911 SC. Tutta da seguire la battaglia fra le Volkswagen Golf GTI del toscano Massimo Giudicelli, con Paola Ferrari al quaderno delle note che sfideranno i canavesani Ettore Amione-Maurizio Rotundo.  Fra le piccoline grande attesa di vedere le prestazioni del mattatore della scorsa stagione nella propria categoria della Michelin Historic Rally Cup, Valtero Gandolfo affiancato Marco Torterolo con la Fiat 127. Infine il Quarto Raggruppamento, che vede riuniti tutti i partecipanti della Classe M5 della Michelin Historic Rally Cup, sarà terreno di conquista di Claudio Giuliano e Laura Di Michele, che porteranno a Sanremo la loro Renault 5 GT Turbo.

Iscritti della Michelin Historic Rally Cup al 36° Sanremo Rally Storico

1 Raggruppamento

54        Cesare Bianco- Stefano Casazza                   Porsche 911

2° Raggruppamento

46        Bruno Graglia-Roberto Barbero                    Fiat Abarth 124 Rally

3° Raggruppamento

31        Massimo Giudicelli-Paola Ferrari                  Volkswagen Golf GTI

39        Luca Delle Coste-Franca Regis Milano         Fiat Ritmo 75

47        Luca Valle-Cristiana Bertoglio                      Porsche 911 SC

50        Luigi Barera-Adolfo Fornara                        Opel Kadett GT/E

59        Ettore Amione-Maurizio Rotundo                Volkswagen Golf GTI

77        Valtero Gandolfo-Marco Torterolo               Fiat 127

79        Giacomo Questi-Giovanni Morina                Opel Ascona SR

4 Raggruppamento

87        Claudio Giuliano-Laura di Michele               Renault 5 GT Turbo

Due giorni di prove speciali. La fase agonistica inizia mercoledì 7 aprile, giornata che i concorrenti dedicheranno alle ricognizioni del percorso. Giovedì 8 aprile propone un’ulteriore accelerazione con le verifiche tecniche dalle ore 9.30 alle 13.30 presso il Piazzale Adolfo Rava di Sanremo, e i motori delle auto da gara verranno accessi dalle ore 14.30 alle 18.30 per lo Shake Down sul classico asfalto di San Romolo.  Venerdì 8 aprile ad accendersi saranno anche i cronometri. Alle ore 9.30 il primo concorrente lascerà il parco assistenza alla Vecchia Stazione di Sanremo per affrontare la prima volta il trittico di prove speciali prima di tornare a Sanremo per il riordino e il parco assistenza. Sarà appena iniziato il pomeriggio quando i concorrenti torneranno a misurarsi sulle tre prove speciali già affrontate al mattino, prima di rientrare in parco assistenza alle 17.50 e iniziare il riordino notturno. Sabato 10 aprile si inizia presto per la seconda tappa, con l’uscita del primo concorrente dal Parco Assistenza alla Vecchia Stazione alle ore 7.00 e inanellare il primo giro sulle quattro prove che saranno ripetute nel pomeriggio. La gara si concluderà sul palco arrivi (non accessibile al pubblico) posto dentro la Vecchia Stazione alle ore 15.10. La 36esima edizione del Sanremo Rally Storico misura 448,90 km, di cui 135,10 di prove speciali.

Iscrizioni gratuita e ricchi per premi in palio. Anche per il 2021 l’iscrizione alla Michelin Historic Rally Cup è gratuita e la partecipazione alla serie diventerà effettiva al momento dell’acquisto presso Area Gomme di quattro pneumatici Michelin a particolari condizioni di favore come previsto dall’allegato 3 del regolamento. Per tutta la durata della gara la vettura partecipante alla Michelin Historic Rally Cup dovrà calzare pneumatici Michelin e avere sulla carrozzeria i quattro adesivi Michelin evitando di promuovere aziende in concorrenza con il marchio Michelin. Gli iscritti alla Michelin Historic Rally Cup potranno usufruire dello sconto del 10% alle gare a calendario.

Dieci gare per una stagione emozionante. Nel 2021 le gare a calendario saranno dieci e saranno ritenuti validi sette risultati utili. In ogni gara sarà stilata una classifica assoluta, tre classifiche di raggruppamento e cinque classifiche delle classi, in cui sono state divise le vetture partecipanti, per rendere omogenee le prestazioni dei mezzi. A fine anno saranno distribuiti premi ai migliori classificati della classifica assoluta, dei tre raggruppamenti e delle cinque classi. A fine anno Area Gomme e Freem distribuiranno premi in denaro o in buoni sconto su coperture Michelin e materiale Freem, oltre a pneumatici Michelin TB per rally storici, orologi Michelin Chrono Motorsport, oltre a un ulteriore premio di classe alla Grande Corsa, finale annuale del Trofeo Rally di Zona

Gare valide

19-10 aprile36° Sanremo Rally StoricoSanremoIM
2* 23-24 aprile10° Valsugana Historic RallyBorgo ValsuganaTN
328-29 maggio16° Rally Storico CampagnoloIsola VicentinaVI
418-19 giugno10° Rally Lana StoricoBiellaBI
523-24 luglio11° Rally delle Vallate Aretine StoricoArezzoAR
620-21 agosto25 ° Rally Alpi Orientali HistoricUdineUD
723-24 settembre33° Rally Elba StoricoCapoliveriLI
829-30 ottobre4° Costa Smeralda StoricoPorto CervoSS
95-6 novembre2° Monti Savonesi StoricoAlbengaSV
1026-27 novembreLa Grande CorsaChieriTO

* Rinviato a data da destinarsi

Per tutte le informazioni sulla Michelin Historic Rally Cup 2021 vai al sito https://www.mcups.it/michelin-historic-rally

Michelin e Giacomo Costenaro vincenti sulla terra in Val d’Orcia

Gara test per l’equipaggio calzato Michelin, in vista della partecipazione al Campionato Italiano Rally Terra. Foto Massimo Bettiol

RADICOFANI (SI), 30 marzo – Parte con il piede giusto la stagione sulla terra di Giacomo Costenaro e Justin Bardini che con la loro Hyundai i20 calzata Michelin, curata da S.A. Motorsport per i colori di Hawk Racing Team, si impongono nel 12° Rally della Val d’Orcia.

Costenaro e Bardini hanno dimostrato una costanza di risultati e una capacità ammirevole di non commettere errori, al punto che hanno segnato per cinque volte il secondo miglior tempo assoluto. “Sono stato penalizzato dal numero 1 di partenza. Essere il primo a transitare sulle prove speciali non è mai favorevole perché si deve spazzare la ghiaia agli altri concorrenti che trovano un fondo più compatto e ne approfittano” sottolinea Costenaro.

Secondo tempo assoluto ad appena 1”1 sulla breve San Casciano dei Bagni, Costenaro ha pagato il fare da spazza-ghiaia soprattutto nella successiva Piancastagnaio di 11,05 km, dove ha concluso sesto assoluto con un ritardo di 11”8 che fanno precipitare il pilota di S.A. Motorsport in quarta posizione nella classifica assoluta. “La prova di Piancastagnaio, oltre a essere più lunga, era molto più tecnica della precedente e il fatto di passare per prima ha inciso maggiormente. Inoltre si è corsa in condizioni di umidità e nebbia che andava diradandosi favorendo i concorrenti che mi seguivano”.

Ma nulla era perduto perché sulla ripetizione di San Casciano Bagni Costenaro-Bardini, con il fondo più pulito, erano nuovamente secondi assoluti, prestazione che ripetevano nella successiva Piancastagnaio (e nel ripassaggio sulle due prove del terzo giro) fatto che permetteva all’equipaggio della Hyundai di salire al comando, mantenendolo sino al termine, chiudendo con un vantaggio di 5” sul più veloce degli avversari.

Erano quattro anni che non disputavo la gara di Radicofani. Siamo venuti qua per testare la Hyundai i20 di S.A. Motorsport in vista della mia partecipazione Campionato Italiano Rally Terra, che è il mio obiettivo stagionale e l’esperimento è stato favorevole. Per quanto riguarda i pneumatici Michelin sono quattro anni che li uso e li trovo performanti e vincenti. Si sono comportati perfettamente

Il primo appuntamento con il Campionato Italiano Rally Terra è per il Rally Adriatico di venerdì 23 e sabato 24 aprile a Cingoli (MC). Per tutti gli aggiornamenti sulle Coppe Michelin 2021 è attivo e costantemente aggiornato il sito www.mcups.it

Decolla da Tarzo il challenge LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021

Continua il successo dei test Michelin che, dopo la positiva esperienza piemontese di inizio marzo, replicano la buona riuscita nel trevigiano con 26 equipaggi presenti fra venerdì 26 e sabato 27 marzo. E ora non rimane che attendere il primo appuntamento della LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021, che si svolge all’interno del CIR-WRC, in programmi dal 15 al 17 aprile all’Isola d’Elba. Foto Max Carrer

TARZO (TV), 29 marzo – Ultima tappa di avvicinamento verso l’avvio della LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021, serie organizzata sotto l’egida di AciSport, che ha vissuto venerdì 26 e sabato 27 marzo un fine settimana di test al quale hanno preso parte 26 equipaggi (non necessariamente tutti calzati Michelin) per scaldare i muscoli e prepararsi alla stagione che sta per iniziare.

Siamo stati assistiti dal tempo con due belle giornate di sole che hanno permesso agli equipaggi di lavorare e divertirsi sul tratto di due chilometri chiuso al traffico” afferma Giacomo Fumei, di D-Events S.r.l, promoter che gestisce il challenge Michelin all’interno del Campionato Italiano Rally-WRC. “La presenza ufficiale di Michelin con il van di Bellotto, Fabrizio Cravero, manager di Michelin Competizione, i francesi Michel Ducher (tecnico della Casa) e Julien Vial (responsabile Motorsport per l’Europa) giunti appositamente da Clermont Ferrand per seguire l’evento ed essere di supporto per piloti e meccanici ha rappresentato una valenza in più per il test”. Particolarmente interessati a provare i nuovi pneumatici Michelin Pilot Sport A, la novità proposta dalla Casa di Clermont Ferrand per la stagione 2021, gli equipaggi hanno messo alla frusta le loro vetture fin dal primo mattino ricavandone indicazioni che saranno utili per la stagione che va a iniziare. “Sta procedendo a ritmo spedito la campagna iscrizione di LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021, che prenderà il via con il Rally Elba del 15-17 aprile o per la Coppa Michelin di Zona che scatta in Veneto con il Rally della Valpolicella dell’8-9 maggio” ha sottolineato ancora Fumei.

Fra i partecipanti al test saranno sicuramente protagonisti delle Coppe Michelin, in ambito zonale o di CIR-WRC Mattia Zanin affiancato da Fabio Pizzol, quest’anno presente nella Classe R1 con la sua Clio RSR Rally5 con la quale ha già disputato due gare nella stagione. Daniele Zamberlan ed Enrico Nicoletti invece si preparano a fare il salto dalla Clio S1600 e Subaru Impreza verso la Škoda Fabia R5 di Autosport 23, vettura con cui hanno già disputato il Rally Bellunese di due anni fa. Non potevano mancare al test di Tarzo alcuni piloti aficionados delle Coppe Michelin come Antonio Forato, fino a tre anni fa uno dei protagonisti del challenge della Casa di Clermont Ferrand tornato a Tarzo con Ivan Gasparotto sulla Peugeot 207 S2000 (di cui è stato grande interprete nel passato) per riscaldare i muscoli in vista dei prossimi impegni di campionato. Fra i presenti Giovanni De Menego con a fianco Christian Camazzola, ansioso di riportare in speciale la sua Peugeot 208 R2B che mette in moto dal Bassano 2020; e ancora un altro fedelissimo alla marca del Bibendum come Ivan Stival, con Roberto Pais de Libera sul sedile di destra, che ha testato la Renault Clio Racing Start Plus che va sostituire la Peugeot 106 Rallye di Classe A6, suo cavallo di battaglia per anni.  I test fanno anche venire l’acquolina in bocca a quei piloti che sono lontani da qualche (o forse troppi) anni dalle prove speciali. È il caso di Mike Pizzato, che accusa una lontananza quadriennale dai rally, che ha richiamato al suo fianco Davide Cortese e si è messo al volante della Škoda Fabia R5 che ora non vuole più lasciare, cominciando a confrontarsi nel CRZ.

Siamo molto soddisfatti per quello che ci hanno detto questi test, svolti sugli ultimi due chilometri della classica prova di Arfagna del Marca, ma affrontati al contrario. C’è molto interesse per il CIR-WRC e per LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021. Il poter testare sulle proprie vetture da gara i nuovi pneumatici

Michelin Pilot Sport A, è stato sicuramente uno stimolo a prendere parte a questo test, che ha goduto dell’appoggio dell’amministrazione comunale di Tarzo, composta da veri sportivi e appassionati di rally” conclude Giacomo Fumei, preparandosi alla trasferta elbana di metà aprile.  

Michelin e Giacomo Costenaro vincenti sulla terra in Val d’Orcia

Gara test per l’equipaggio calzato Michelin, in vista della partecipazione al Campionato Italiano Rally Terra. Foto Massimo Bettiol

RADICOFANI (SI), 30 marzo – Parte con il piede giusto la stagione sulla terra di Giacomo Costenaro e Justin Bardini che con la loro Hyundai i20 calzata Michelin, curata da S.A. Motorsport per i colori di Hawk Racing Team, si impongono nel 12° Rally della Val d’Orcia.

Costenaro e Bardini hanno dimostrato una costanza di risultati e una capacità ammirevole di non commettere errori, al punto che hanno segnato per cinque volte il secondo miglior tempo assoluto. “Sono stato penalizzato dal numero 1 di partenza. Essere il primo a transitare sulle prove speciali non è mai favorevole perché si deve spazzare la ghiaia agli altri concorrenti che trovano un fondo più compatto e ne approfittano” sottolinea Costenaro.

Secondo tempo assoluto ad appena 1”1 sulla breve San Casciano dei Bagni, Costenaro ha pagato il fare da spazza-ghiaia soprattutto nella successiva Piancastagnaio di 11,05 km, dove ha concluso sesto assoluto con un ritardo di 11”8 che fanno precipitare il pilota di S.A. Motorsport in quarta posizione nella classifica assoluta. “La prova di Piancastagnaio, oltre a essere più lunga, era molto più tecnica della precedente e il fatto di passare per prima ha inciso maggiormente. Inoltre si è corsa in condizioni di umidità e nebbia che andava diradandosi favorendo i concorrenti che mi seguivano”.

Ma nulla era perduto perché sulla ripetizione di San Casciano Bagni Costenaro-Bardini, con il fondo più pulito, erano nuovamente secondi assoluti, prestazione che ripetevano nella successiva Piancastagnaio (e nel ripassaggio sulle due prove del terzo giro) fatto che permetteva all’equipaggio della Hyundai di salire al comando, mantenendolo sino al termine, chiudendo con un vantaggio di 5” sul più veloce degli avversari.

Erano quattro anni che non disputavo la gara di Radicofani. Siamo venuti qua per testare la Hyundai i20 di S.A. Motorsport in vista della mia partecipazione Campionato Italiano Rally Terra, che è il mio obiettivo stagionale e l’esperimento è stato favorevole. Per quanto riguarda i pneumatici Michelin sono quattro anni che li uso e li trovo performanti e vincenti. Si sono comportati perfettamente

Il primo appuntamento con il Campionato Italiano Rally Terra è per il Rally Adriatico di venerdì 23 e sabato 24 aprile a Cingoli (MC). Per tutti gli aggiornamenti sulle Coppe Michelin 2021 è attivo e costantemente aggiornato il sito www.mcups.it

Decolla da Tarzo il challenge LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021

Continua il successo dei test Michelin che, dopo la positiva esperienza piemontese di inizio marzo, replicano la buona riuscita nel trevigiano con 26 equipaggi presenti fra venerdì 26 e sabato 27 marzo. E ora non rimane che attendere il primo appuntamento della LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021, che si svolge all’interno del CIR-WRC, in programmi dal 15 al 17 aprile all’Isola d’Elba. Foto Max Carrer

TARZO (TV), 29 marzo – Ultima tappa di avvicinamento verso l’avvio della LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021, serie organizzata sotto l’egida di AciSport, che ha vissuto venerdì 26 e sabato 27 marzo un fine settimana di test al quale hanno preso parte 26 equipaggi (non necessariamente tutti calzati Michelin) per scaldare i muscoli e prepararsi alla stagione che sta per iniziare.

Siamo stati assistiti dal tempo con due belle giornate di sole che hanno permesso agli equipaggi di lavorare e divertirsi sul tratto di due chilometri chiuso al traffico” afferma Giacomo Fumei, di D-Events S.r.l, promoter che gestisce il challenge Michelin all’interno del Campionato Italiano Rally-WRC. “La presenza ufficiale di Michelin con il van di Bellotto, Fabrizio Cravero, manager di Michelin Competizione, i francesi Michel Ducher (tecnico della Casa) e Julien Vial (responsabile Motorsport per l’Europa) giunti appositamente da Clermont Ferrand per seguire l’evento ed essere di supporto per piloti e meccanici ha rappresentato una valenza in più per il test”. Particolarmente interessati a provare i nuovi pneumatici Michelin Pilot Sport A, la novità proposta dalla Casa di Clermont Ferrand per la stagione 2021, gli equipaggi hanno messo alla frusta le loro vetture fin dal primo mattino ricavandone indicazioni che saranno utili per la stagione che va a iniziare. “Sta procedendo a ritmo spedito la campagna iscrizione di LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021, che prenderà il via con il Rally Elba del 15-17 aprile o per la Coppa Michelin di Zona che scatta in Veneto con il Rally della Valpolicella dell’8-9 maggio” ha sottolineato ancora Fumei.

Fra i partecipanti al test saranno sicuramente protagonisti delle Coppe Michelin, in ambito zonale o di CIR-WRC Mattia Zanin affiancato da Fabio Pizzol, quest’anno presente nella Classe R1 con la sua Clio RSR Rally5 con la quale ha già disputato due gare nella stagione. Daniele Zamberlan ed Enrico Nicoletti invece si preparano a fare il salto dalla Clio S1600 e Subaru Impreza verso la Škoda Fabia R5 di Autosport 23, vettura con cui hanno già disputato il Rally Bellunese di due anni fa. Non potevano mancare al test di Tarzo alcuni piloti aficionados delle Coppe Michelin come Antonio Forato, fino a tre anni fa uno dei protagonisti del challenge della Casa di Clermont Ferrand tornato a Tarzo con Ivan Gasparotto sulla Peugeot 207 S2000 (di cui è stato grande interprete nel passato) per riscaldare i muscoli in vista dei prossimi impegni di campionato. Fra i presenti Giovanni De Menego con a fianco Christian Camazzola, ansioso di riportare in speciale la sua Peugeot 208 R2B che mette in moto dal Bassano 2020; e ancora un altro fedelissimo alla marca del Bibendum come Ivan Stival, con Roberto Pais de Libera sul sedile di destra, che ha testato la Renault Clio Racing Start Plus che va sostituire la Peugeot 106 Rallye di Classe A6, suo cavallo di battaglia per anni.  I test fanno anche venire l’acquolina in bocca a quei piloti che sono lontani da qualche (o forse troppi) anni dalle prove speciali. È il caso di Mike Pizzato, che accusa una lontananza quadriennale dai rally, che ha richiamato al suo fianco Davide Cortese e si è messo al volante della Škoda Fabia R5 che ora non vuole più lasciare, cominciando a confrontarsi nel CRZ.

Siamo molto soddisfatti per quello che ci hanno detto questi test, svolti sugli ultimi due chilometri della classica prova di Arfagna del Marca, ma affrontati al contrario. C’è molto interesse per il CIR-WRC e per LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021. Il poter testare sulle proprie vetture da gara i nuovi pneumatici

Michelin Pilot Sport A, è stato sicuramente uno stimolo a prendere parte a questo test, che ha goduto dell’appoggio dell’amministrazione comunale di Tarzo, composta da veri sportivi e appassionati di rally” conclude Giacomo Fumei, preparandosi alla trasferta elbana di metà aprile.  

È scattato il semaforo verde per la Michelin Zone Rally Cup

La Casa di Clermont Ferrand continua il suo impegno non solo in campo nazionale, ma guarda con interesse i suoi clienti che partecipano alle gare della Coppa Rally di Zona, proponendo un challenge che distribuirà un ricco montepremi in occasione della finale di Modena. Foto archivio ACISPORT

CUNEO, 26 marzo – Confermato anche per la stagione 2021 il challenge indetto da Michelin Competizione nell’ambito della Rally Cup di Zona, che mantiene inalterate le caratteristiche che ne hanno decretato il successo nelle annate precedenti.

Iscrizione gratuita e semplici obblighi. Anche per il 2021 l’iscrizione alla Michelin Zone Rally Cup è totalmente gratuita. Gli unici obblighi previsti sono l’invio della scheda di iscrizione, reperibile nella pagina https://www.mcups.it/, all’indirizzo rs.prom@yahoo.it, tassativamente prima della gara, e che per tutta la durata della gara la vettura del concorrente alla Michelin Zone Rally Cup monti penumatici Michelin, marchiati “MICHELIN RALLY CUP”, che dovranno essere acquistati presso i rivenditori autorizzati, ovvero Bellotto S.p.A. oppure Lunigiana Gomme, presenti sui campi di gara fin dalle verifiche. Infine sulla vettura dovranno essere posizionati, come da regolamento, quattro adesivi Michelin e due adesivi FREEM, reperibili sui campi di gara presso i gommisti di riferimento.

Sei Raggruppamenti, per una più larga distribuzione dei premi. I concorrenti della Michelin Zone Rally Cup di Michelin sono suddivisi in sei raggruppamenti, in modo da rendere omogenee le prestazioni delle vetture (Primo Raggruppamento: R5 (RALLY2) / S2000/ R4 / R4KIT (RALLY2 KIT); 2 Raggruppamento: N5; 3 Raggruppamento: S1600/ A7/ Prod E7/ K10/ R3C/ R3T/ R3D/ RSTB 1.6 /RSTB1.6PLUS; 4 Raggruppamento: R2B R2C R2T (RALLY4)/ A6/ Prod E6/ K10/ RS 1.6 PLUS/ RSTB 1.0 PLUS / RSTB 1.4 PLUS; 5 Raggruppamento: N3/ Prod S3/ A5 (K9)/ ProdE5/ RS 2.0 / RS 1.4 PLUS /RS 2.0 PLUS e infine 6 Raggruppamento: N0/ Prod S0/ N1/ Prod S1/ N2/ Prod S2/ A0 (K0)/ Prod E0/ R1B- R1 B Naz./ R1 C Naz./ R1 T Naz/ R1 / R1A/ R1 A Naz) oltre ad avere una classifica Assoluta Femminile e una classifica Assoluta Under 25.

Montepremi ricco per rendere elettrizzanti le sfide. Nella nuova stagione la Michelin Zone Rally Cup distribuirà premi, solo per il Raggruppamento riservato alle R5 e Rally2, anche ai concorrenti di Zona, a patto che abbiano partecipato ad almeno quattro gare (tre se si disputeranno solo tre gare). Come sempre i premi più consistenti saranno distribuiti ai migliori classificati alla finale (Rally Città di Modena del 31 ottobre) cui potranno accedere i concorrenti che avranno disputato almeno quattro gare nella propria zona, oppure vinto il proprio raggiramento nella gara di Zona del CIR-WRC. Il montepremi è di 3000 € per i migliori del Raggruppamento R5 di ogni Zona, mentre arriva a sfiorare i 40.000 fra premi in denaro e voucher di acquisto di pneumatici Michelin, che saranno distribuiti dopo la finale modenese, oltre a premi offerti da FREEM in materiale dal catalogo dell’azienda.

Nella pagina della Michelin Zone Rally Cup (sul sito https://www.mcups.it) è reperibile il regolamento completo, il calendario delle gare e le schede di iscrizione.

È scattato il semaforo verde per la Michelin Zone Rally Cup

La Casa di Clermont Ferrand continua il suo impegno non solo in campo nazionale, ma guarda con interesse i suoi clienti che partecipano alle gare della Coppa Rally di Zona, proponendo un challenge che distribuirà un ricco montepremi in occasione della finale di Modena. Foto archivio ACISPORT

CUNEO, 26 marzo – Confermato anche per la stagione 2021 il challenge indetto da Michelin Competizione nell’ambito della Rally Cup di Zona, che mantiene inalterate le caratteristiche che ne hanno decretato il successo nelle annate precedenti.

Iscrizione gratuita e semplici obblighi. Anche per il 2021 l’iscrizione alla Michelin Zone Rally Cup è totalmente gratuita. Gli unici obblighi previsti sono l’invio della scheda di iscrizione, reperibile nella pagina https://www.mcups.it/, all’indirizzo rs.prom@yahoo.it, tassativamente prima della gara, e che per tutta la durata della gara la vettura del concorrente alla Michelin Zone Rally Cup monti penumatici Michelin, marchiati “MICHELIN RALLY CUP”, che dovranno essere acquistati presso i rivenditori autorizzati, ovvero Bellotto S.p.A. oppure Lunigiana Gomme, presenti sui campi di gara fin dalle verifiche. Infine sulla vettura dovranno essere posizionati, come da regolamento, quattro adesivi Michelin e due adesivi FREEM, reperibili sui campi di gara presso i gommisti di riferimento.

Sei Raggruppamenti, per una più larga distribuzione dei premi. I concorrenti della Michelin Zone Rally Cup di Michelin sono suddivisi in sei raggruppamenti, in modo da rendere omogenee le prestazioni delle vetture (Primo Raggruppamento: R5 (RALLY2) / S2000/ R4 / R4KIT (RALLY2 KIT); 2 Raggruppamento: N5; 3 Raggruppamento: S1600/ A7/ Prod E7/ K10/ R3C/ R3T/ R3D/ RSTB 1.6 /RSTB1.6PLUS; 4 Raggruppamento: R2B R2C R2T (RALLY4)/ A6/ Prod E6/ K10/ RS 1.6 PLUS/ RSTB 1.0 PLUS / RSTB 1.4 PLUS; 5 Raggruppamento: N3/ Prod S3/ A5 (K9)/ ProdE5/ RS 2.0 / RS 1.4 PLUS /RS 2.0 PLUS e infine 6 Raggruppamento: N0/ Prod S0/ N1/ Prod S1/ N2/ Prod S2/ A0 (K0)/ Prod E0/ R1B- R1 B Naz./ R1 C Naz./ R1 T Naz/ R1 / R1A/ R1 A Naz) oltre ad avere una classifica Assoluta Femminile e una classifica Assoluta Under 25.

Montepremi ricco per rendere elettrizzanti le sfide. Nella nuova stagione la Michelin Zone Rally Cup distribuirà premi, solo per il Raggruppamento riservato alle R5 e Rally2, anche ai concorrenti di Zona, a patto che abbiano partecipato ad almeno quattro gare (tre se si disputeranno solo tre gare). Come sempre i premi più consistenti saranno distribuiti ai migliori classificati alla finale (Rally Città di Modena del 31 ottobre) cui potranno accedere i concorrenti che avranno disputato almeno quattro gare nella propria zona, oppure vinto il proprio raggiramento nella gara di Zona del CIR-WRC. Il montepremi è di 3000 € per i migliori del Raggruppamento R5 di ogni Zona, mentre arriva a sfiorare i 40.000 fra premi in denaro e voucher di acquisto di pneumatici Michelin, che saranno distribuiti dopo la finale modenese, oltre a premi offerti da FREEM in materiale dal catalogo dell’azienda.

Nella pagina della Michelin Zone Rally Cup (sul sito https://www.mcups.it) è reperibile il regolamento completo, il calendario delle gare e le schede di iscrizione.

Calendario Michelin Zone Rally Cup 2021

Prima Zona (Piemonte)

16 maggio     Rally Grappolo (AT)

13 giugno      Rally Alba (CN)

11 luglio        Rally Lana (BI)

5 settembre   Rally Città di Torino (TO)

3 ottobre       Rally del Rubinetto (NO)

Seconda Zona (Lombardia-Liguria)

28 febbraio   Rally dei Laghi (VA)

11 aprile        Rally delle Palme (IM)

16 maggio     Camunia Rally (BS)

20 giugno      Rally della Lanterna (GE)

5 settembre   Rally Mille Miglia (BS)

26 settembre Coppa Valtellina (SO)

Terza Zona (Veneto-Trentino)

9 maggio       Rally della Valpollicella (VR)

11 giugno      Benacus Rally (VR)

11 luglio        Rally Marca Trevigiana (TV)

19 settembre Rally San Martino di Castrozza (TN)

10 ottobre     Rally Due Valli (VR)

Quarta Zona (Friuli Venezia Giulia e province di Belluno e Venezia)

18 aprile        Rally Bellunese (BL)

23 maggio     Dolomiti Rally (BL)

27 giugno      Rally Valli del Carnia (UD)

1 agosto        Rally di Scorzé (VE)

22 agosto      Rally Friuli Alpi Orientali (UD)

Quinta Zona (Emilia Romagna-Marche)

25 aprile        Rally Adriatico (AN)

1 agosto        Rally Salsomaggiore (PR)

26 settembre Rally Alto Appennino Bolognese (BO)

Sesta Zona   (Toscana-Umbria)

14 marzo       Rally del Ciocco (LU)

18 aprile        Rallye Elba (LI)

6 giugno        Rally degli Abeti (PT)

18 luglio        Coppa Città di Lucca (LU)

5 settembre   Rally di Reggello (FI)

3 ottobre       Rally Città di Pistoia (PT)

Settima Zona (Lazio-Abruzzo-Campania-Molise-Puglia-Calabria)

18 aprile        Rally Città di Casarano (LE)

16 maggio     Rally del Salento (LE)

13 giugno      Rally Terra di Argil (FR)

4 luglio          Rally del Matese (CE)

29 agosto      Rally del Molise (CB)

26 settembre Rally Lirenas-Pico (FR)

Ottava Zona (Sicilia)          

9 maggio       Targa Florio (PA)

13 giugno      Rally di Caltanissetta (CL)

11 luglio        Rally dei Nebrodi (ME)

8 agosto        Rally del Tirreno (ME)

12 settembre Rally Valli del Sosio (PA)

Nona Zona (Sardegna)

2 maggio       Rally Parco Geominerario (CA)

12 settembre Rally del Vermentino (OT)

3 ottobre       Terra Sarda (SS)

Finale

31 ottobre     Rally Città di Modena (MO)

Scatta da Tarzo il challenge LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021

Anche per la stagione che sta per iniziare, Michelin Competizione scende in prova speciale a fianco dei piloti che usano i pneumatici della Casa di Clermont Ferrand. E per dare loro il maggior sostegno possibile porta il montepremi a sfiorare i 200.000€ e sarà presente con i suoi tecnici alla giornata di test in programma in provincia di Treviso a fine mese. Fondamentale la partnership con D-Events s.r.l. promoter della serie

TARZO (TV), 19 marzo – Un po’ per scaldare i muscoli, un po’ per annusare il challenge, e perché no, per testare i nuovi pneumatici Michelin Pilot Sport A. questo il significato dei due giorni di test che si svolgeranno a Tarzo, 35 km a Nord-Est di Treviso, a dieci da Vittorio Veneto, nei giorni 26 e 27 marzo prossimi. In questa occasione i piloti e i team avranno l’occasione di testare i nuovi pneumatici da 18” Michelin Pilot Sport A (che si sono comportati egregiamente al recente Rally il Ciocco con Fabio Andolfi, Fabrizio Gasperetti e non solo), che rappresentano un ulteriore salto di qualità della gamma pneumatici della Casa di Clermont Ferrand rispetto al prodotto precedente. A tutti coloro che acquisteranno un treno di Michelin Pilot Sport A sarà offerto uno sconto di 300€, pari al valore del test.

LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021. Erede della tradizionale Michelin RallyCup, LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021 ne mantiene lo spirito e la tradizione. Nata dalla sinergia di Michelin Competizione con D-Events s.r.l. che ne curerà la logistica, provvederà alla stesura delle classifiche, sarà presente sui campi di gara a supporto di piloti e preparatori che aderiranno alla serie e distribuirà i premi a fine anno. E proprio sul fronte premi la serie ha compiuto un notevole salto di qualità arrivando a superare i 200.000€ di montepremi finale, compresa la possibilità di disputare un rally con una vettura di Classe R5 per il vincitore della neonata Classe R2C, oltre ai 30.000€ che andranno al vincitore della classifica assoluta. Oltre ai premi finali in denaro agli iscritti sono offerti premi per ogni singola gara, abbigliamento ufficiale, area dedicata nel sito ufficiale della Michelin RallyCup (www.mcups.it) post ad utilizzo esclusivo sul canale social della Michelin RallyCup 2021, oltre a sconti e voucher dei vari partner tecnici e commerciali.

Sei raggruppamenti per mettere tutti in condizioni di partecipare e vincere. LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021 assegnerà un premio ai primi quattro della classifica assoluta, e ai tre meglio classificati dei sei raggruppamenti. E a proposito di raggruppamenti la LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021 ha inserito due nuove classi particolarmente interessanti come le N5 e le R2C che sicuramente si faranno valere nel corso della stagione. Il costo dell’iscrizione alla LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021 varia da 800€ (più iva) per le vetture più piccole fino ai 1500 € per le top car della categoria WRC, R5, N5. Molto articolato e bilanciato il sistema di punteggio che consente a tutti i partecipanti di puntare a salire sul podio della propria categoria. LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021 si svolgerà su tutte le sette gare in calendario del CIR-WRC 2021, ma saranno presi in considerazione solo i migliori cinque risultati, lasciando la possibilità di due scarti. Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 31 maggio all’indirizzo rallycup@d-events.it tramite l’apposita scheda, unitamente alla contabile dell’avvenuto bonifico.

LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021 si svolgerà sui campi di gara con la collaborazione di Freem-Etabeta, Panta e Bellotto Racing Service.

Calendario della LogisticaUno RallyCup by Michelin 2021

18 aprileRally ElbaLI
23 maggioRally del SalentoLE
13 giugnoRally AlbaCN
11 luglioRally della MarcaTV
22 agostoRally del FriuliUD
19 settembreRallye San Martino di CastrozzaTN
24 ottobreTrofeo ACI ComoCO

Per informazioni, classifiche e notizie www.mcups.it

Doppio tricolore Michelin al Rally Il Ciocco

Inizio di stagione positivo per i pneumatici della Casa di Clermont Ferrand che sale sul podio del campionato assoluto con Fabio Andolfi e del campionato asfalto con lo stesso Andolfi e Michelini. Nella gara di Zona zampata finale di Fabrizio Gasperetti che va a vincere, mentre è en plein fra le Due Ruote Motrici. Foto Acisport

IL CIOCCO (LU), 14 marzo – Podio conquistato dagli equipaggi Michelin Competizione al Rally Il Ciocco e Valle del Serio, andato in scena sabato 13 e domenica 14 marzo.

Quarto assoluto e terzo classificato fra i concorrenti del Campionato Italiano Rally Fabio Andolfi, affiancato da Stefano Savoia, sulla Škoda Fabia R5 per i colori per i colori di M33, alla prima esperienza con i pneumatici Michelin. Dopo aver affrontato in modo prudente la cortissima prima prova speciale di sabato sera, all’interno della tenuta “Il Ciocco”, il savonese ha sfoderato il suo passo iridato, risalendo la classifica assoluta fino a concludere in modo da salire sul podio tricolore del CIR, centrando allo stesso tempo la seconda piazza del Campionato Italiano Rally Asfalto, ottimo risultato per l’inizio di stagione del nuovo pilota Michelin.

Immediatamente alle sua spalle si classifica il velocissimo gentleman driver toscano Rudy Michelini, storico pilota della Casa di Clermont Ferrand, affiancato da Michele Perna, con la Volkswagen Polo GTI R5, autore di una prestazione convincente lungo tutto l’arco della gara, rosicchiando posizioni su posizioni in classifica fino a chiudere con un risultato che gli permette di essere immediatamente fuori dal podio per il CIR e in terza piazza assoluta per il Campionato Italiano Rally Asfalto, lasciando così il Ciocco con il sorriso sul volto.

Meno facile la gara di Marco Signor, con Francesco Pezzoli a fianco della sua Volkswagen Polo GTI R5, reduce dal recente successo assoluto alla Ronde del Canavese. Il veneto ha chiuso ottavo assoluto conquistano la sesta piazza nel Campionato Italiano Rally e nel Campionato Italiano Rally Asfalto. “Una giornata discordante con tempi molto discontinui. Non sempre sono riuscito a trovare il feeling con il tipo di grip. Pur se i pneumatici Michelin e la Polo lavoravano al meglio i tempi, in alcune prove, non sono venuti, cercheremo di essere più costanti a Sanremo”.

Successo pieno nella gara valida per la Coppa Rally di Zona dell’equipaggio calzato Michelin formato da Federico Gasperetti e Federico Ferrari. Con la Škoda Fabia R5 curata da Gima Autosport l’equipaggio dell’Abetone ha dimostrato tutta la sua determinazione nell’inseguire il risultato pieno fino all’ultimo metro, ribaltando con un colpo di reni finale la situazione a loro favore, andando a vincere la gara, per loro quasi di casa.

Con i due portacolori della Pistoia Corse, sale sul podio un altro “aficionado” dei pneumatici Michelin, lo spezzino Claudio Arzà, affiancato da Massimo Moriconi, capace di rimanere per tutta la gara in zona podio con la sua Citroën C3 R5 di BB Competition.

Monopolio Michelin fra le Due Ruote Motrici con un tripletta che ha premiato Claudio Fanucchi-Tania Bernardi, quinti assoluti e primi di Classe R3C con la loro Renault Clio, che hanno preceduto di una posizione Gianandrea Pisani-Fabrizio Vecoli, a loro volta primatisti in Classe R2B con la loro Peugeot 208, e Federico Rossi-Cristian Panzani con la seconda Clio R3C. Insomma, fra le Due Ruote Motrici, un Bibendum avanti tutta.

Il prossimo appuntamento con il Campionato Italiano Rally è per il Rallye Sanremo di sabato 10 e domenica 11 aprile. Per tutti gli aggiornamenti sulle Coppe Michelin 2021 è attivo e costantemente aggiornato il sito www.mcups.it

Test Day nel Roero: prova la vettura e scopri il nuovo Michelin Pilot Sport A

Una giornata di sport, ma anche di intenso lavoro tecnico sulle vetture, con la possibilità di testare in anteprima la nuova gamma di pneumatici Michelin Pilot Sport da 18” e di confrontarsi con i tecnici Michelin Motorsport.

MONTEU ROERO (CN), 10 febbraio – Una giornata di test su una probante strada chiusa del Roero, con salite, discese, ripartenze e appoggi, è un’ottima occasione per affinare la preparazione della vettura in vista della stagione che va a incominciare.

Un lavoro di rifinitura che nella giornata di domenica 7 marzo toccherà tutte le componenti della vettura da rally: dal motore all’assetto, dai freni ai pneumatici. E proprio su questa ultima componente, spesso decisiva per il successo in gara, che interviene Michelin Motorsport che porterà a Monteu Roero la nuova gamma Pilot Sport A, nella misura di 18”, che rappresenta la grande novità della Casa francese per la stagione 2021,

Sarà l’occasione per presentare a piloti, preparatori e addetti ai lavori questo pneumatico che è il frutto di due anni di esperienze e ricerche da parte della sede centrale di Michelin Motorsport a Clermont Ferrand” sottolinea Fabrizio Cravero, responsabile di Michelin Motorsport per l’Italia. “Sarà una ghiotta occasione per confrontarsi con un tecnico francese di Michelin Motorsport che opera ai massimi livelli della competizione motoristica che sarà presente a Monteu Roero” precisa Cravero, che prosegue: “Poiché non c’è miglior esperienza che provare i pneumatici calzati alle ruote della propria vettura, per gli equipaggi sarà possibile effettuare una tornata sul percorso con un treno di Michelin Pilot Sport A montati sulla vettura”.

Infine Cravero illustra le caratteristiche del nuovo pneumatico di Michelin Motorsport. “Il nuovo Pilot Sport A da 18” sostituisce la vecchia gamma ed è stato sviluppato per garantire migliori performance e una più diretta sensazione di guida e si affianca al pneumatico MW1 da bagnato. Pilot Sport A è proposto in quattro tipi di mescola definite SS01, S10, M20 e H30 da impiegare a seconda delle temperature e delle condizioni del fondo stradale”

Il test potrà anche avere un positivo sviluppo economico per piloti e preparatori. “Come è tradizione dei nostri Test Day organizzati in collaborazione con lo Sport Rally Team di Piero Capello, a tutti coloro che acquisteranno in occasione del test un treno di penumatici Michelin Pilot Sport A da 18” Michelin sconterà 300 € sul prezzo di acquisto, cifra esattamente equivalente al costo di iscrizione al Test Day” sottolinea Cravero, che sarà presente con il suo staff e il tecnico di Clermont Ferrand in parco assistenza e disponibile per informazioni e delucidazioni tecniche.

La partecipazione al test è aperta a tutte le vetture da rally moderne equipaggiate con qualsiasi marca di pneumatici.

Per informazioni e iscrizioni info@sportrallyteam.it – 335 232.709 e sul sito www.sportrallyteam.it

I pneumatici Michelin Pilot Sport A possono essere ordinati a Lunigiana Gomme: lunigianagomme@libero.it

Test Day nel Roero: scopri il nuovo Michelin Pilot Sport A

Una giornata di sport, ma anche di intenso lavoro tecnico sulle vetture, con la possibilità di testare in anteprima la nuova gamma di pneumatici Michelin Pilot Sport da 18” e di confrontarsi con i tecnici Michelin Motorsport.

MONTEU ROERO (CN), 10 febbraio – Una giornata di test su una probante strada chiusa del Roero, con salite, discese, ripartenze e appoggi, è un’ottima occasione per affinare la preparazione della vettura in vista della stagione che va a incominciare.

Un lavoro di rifinitura che nella giornata di domenica 7 marzo toccherà tutte le componenti della vettura da rally: dal motore all’assetto, dai freni ai pneumatici. E proprio su questa ultima componente, spesso decisiva per il successo in gara, che interviene Michelin Motorsport che porterà a Monteu Roero la nuova gamma Pilot Sport A, nella misura di 18”, che rappresenta la grande novità della Casa francese per la stagione 2021,

Sarà l’occasione per presentare a piloti, preparatori e addetti ai lavori questo pneumatico che è il frutto di due anni di esperienze e ricerche da parte della sede centrale di Michelin Motorsport a Clermont Ferrand” sottolinea Fabrizio Cravero, responsabile di Michelin Motorsport per l’Italia. “Sarà una ghiotta occasione per confrontarsi con un tecnico francese di Michelin Motorsport che opera ai massimi livelli della competizione motoristica che sarà presente a Monteu Roero” precisa Cravero, che prosegue: “Poiché non c’è miglior esperienza che provare i pneumatici calzati alle ruote della propria vettura, per gli equipaggi sarà possibile effettuare una tornata sul percorso con un treno di Michelin Pilot Sport A montati sulla vettura”.

Infine Cravero illustra le caratteristiche del nuovo pneumatico di Michelin Motorsport. “Il nuovo Pilot Sport A da 18” sostituisce la vecchia gamma ed è stato sviluppato per garantire migliori performance e una più diretta sensazione di guida e si affianca al pneumatico MW1 da bagnato. Pilot Sport A è proposto in quattro tipi di mescola definite SS01, S10, M20 e H30 da impiegare a seconda delle temperature e delle condizioni del fondo stradale”

Il test potrà anche avere un positivo sviluppo economico per piloti e preparatori. “Come è tradizione dei nostri Test Day organizzati in collaborazione con lo Sport Rally Team di Piero Capello, a tutti coloro che acquisteranno in occasione del test un treno di penumatici Michelin Pilot Sport A da 18” Michelin sconterà 300 € sul prezzo di acquisto, cifra esattamente equivalente al costo di iscrizione al Test Day” sottolinea Cravero, che sarà presente con il suo staff e il tecnico di Clermont Ferrand in parco assistenza e disponibile per informazioni e delucidazioni tecniche.

La partecipazione al test è aperta a tutte le vetture da rally moderne equipaggiate con qualsiasi marca di pneumatici.

Per informazioni e iscrizioni info@sportrallyteam.it – 335 232.709 e sul sito www.sportrallyteam.it

I pneumatici Michelin Pilot Sport A possono essere ordinati a Lunigiana Gomme: lunigianagomme@libero.it

Michelin Competizioni torna con lo Sport Rally Team nel Roero per il Test Day

Tradizionale appuntamento di inizio stagione per domenica 7 marzo promosso da Michelin Competizioni in collaborazione con lo Sport Rally Team di Piero Capello, in programma nel Roero domenica 7 marzo. A seguito delle direttive per il contenimento COVID il test si svolgerà a porte  chiuse, senza la presenza di pubblico. Foto archivio Elio Magnano

MONTEU ROERO (CN), 3 febbraio – Dopo quattro anni il Test Day di Michelin Competizioni Italia torna nel Roero per una giornata di prove penumatici organizzata come sempre dallo Sport Rally Team di Piero Capello.

Dopo le edizioni del 2016 e 2017 nel Roero, lo scorso anno abbiamo voluto cambiare decisamente percorso e la giornata di prove si è svolta a Dronero verso Montemale” afferma Piero Capello dello Sport Rally Team che anche per l’edizione 2021 si occupa dell’organizzazione dell’evento. “Quest’anno torneremo a Monteu Roero, un comune che offre molte alternative di percorso e che ci ha accolto positivamente nel 2017. Inoltre il paese è facilmente raggiungibile dal casello autostradale di Carmagnola sull’autostrada Torino-Savona”.

Quest’edizione 2021 del Test Day Michelin per vetture da rally si svolgerà domenica 7 marzo con base a Monteu Roero dove in Piazza Roma, davanti al municipio, verrà allestito il parco assistenza, convenientemente recintato nel rispetto delle norme di contenimento del COVID. Il programma della giornata di test prevede la possibilità per i partecipanti di affrontare il percorso a partire dalle ore 9.00 del mattino fino alle ore 18.00. con una pausa pranzo di circa due ore.

In questa occasione Michelin presenterà il nuovo pneumatico da 18 pollici Pilot Sport A, messo a listino da inizio stagione e frutto di due anni di studi ed esperienze nel reparto ricerche competizioni della Casa di Clermont Ferrand. “Il nuovo Pilot Sport A da 18” sostituisce la vecchia gamma ed è stato sviluppato per garantire migliori performance e una più diretta sensazione di guida e si affianca al pneumatico MW1 da bagnato. Pilot Sport A è proposto in tre tipi di mescola definite S10, M20 e H30 da impiegare a seconda delle temperature e delle condizioni del fondo stradale” precisa Fabrizio Cravero di Michelin Competizioni Italia

Anche in questa occasione, come già accaduto nelle precedenti edizioni del Test Day a Monteu Roero sarà presente un tecnico di Michelin Competizioni proveniente dalla Casa madre di Clermont Ferrand che affiancherà i tecnici italiani, pronti a dare consulenza e assistenza a piloti e preparatori.

In ottemperanza alle direttive del DPCM il test si svolgerà a porte chiuse” ribadisce Piero Capello. “Pertanto non diffonderemo la cartina del percorso che verrà inviata ad personam ai partecipanti al test nei giorni immediatamente precedenti. Siamo però molto tranquilli che la strada scelta soddisferà le esigenze di piloti e preparatori di mettere alla frusta vetture e pneumatici che potranno effettuare tutti gli esperimenti necessari per presentarsi in piena forma alle gare che seguiranno quali il Rally del Ciocco della settimana successiva, gara di apertura del CIR 2021. Abbiamo sottoposto a uno dei piloti più competitivi della nostra zona varie opzioni di percorso per garantire a chi parteciperà al Test Day una giornata di lavoro produttivo e anche di divertimento” conclude l’organizzatore carmagnolese.

Il costo della partecipazione al Test Day è di 300 € + IVA, che sarà interamente rimborsata a chi acquisterà un treno di pneumatici Michelin Pilot Sport A. La partecipazione al test è aperta a tutte le vetture da rally moderne equipaggiate con qualsiasi marca di pneumatici.

Per informazioni e iscrizioni info@sportrallyteam.it – 335 232.709 e sul sito www.sportrallyteam.it

Michelin Historic Rally Cup 2020. Annullata la Grande Corsa 2020 si passa alla distribuzione dei premi

Sembrava essere una stagione intensa, con ben undici gare a calendario. La pandemia ha ridotto a quattro soli rally disputati nell’annata. Ora non resta che distribuire i premi e preparare la prossima stagione, sperando possa svolgersi completa e in serenità

CUNEO, 12 novembre – “Doveva essere la stagione più lunga, ricca, intensa della storia della Michelin Historic Rally Cup; invece ci siamo ridotti a soli quattro rally regolarmente disputati”. È dispiaciuto Mario Cravero di Area Gomme, l’azienda che gestisce la Serie rallistica sui campi di gara storici per conto di Michelin, oltre a distribuire i pneumatici racing per le auto storiche della Casa di Clermont Ferrand.

Infatti, delle undici gare (di cui cinque inserite per la prima volta) a calendario del Challenge storico riservato ai clienti Michelin (che doveva iniziare a inizio marzo con il Vallate Aretine Storico e chiudersi a novembre con la Grande Corsa), solo quattro eventi sono andati regolarmente in porto: l Historic Rally Vallate Aretine, posticipato a luglio, il Targa Florio Historic e l’Elba Storico di settembre e il Costa Smeralda Storico di ottobre. “Il prossimo passo sarà distribuire, con le tempistiche previste dal regolamento, i premi e iniziare a lavorare per il prossimo anno, con l’entusiasmo di sempre, confidando che la stagione si possa svolgere in serenità” afferma ottimista Mario Cravero, rammaricato anche dal fatto di non essere riuscito a mettere il casco in testa, disputando almeno una gara come era sua intenzione.

Nel frattempo sono stati resi noti i premiati della Michelin Historic Rally Cup 2020. Mattatore della stagione è Massimo Giudicelli, vincitore assoluto che pertanto si aggiudica quattro pneumatici Michelin TB e 2000 € in denaro. Il Primo Raggruppamento va al costante Cesare Bianco, mentre il secondo al britannico Trevor Smithson, e il terzo a Massimo Giudicelli, che riceveranno l’orologio Chrono Michelin  Motorsport. Passando alle Classi, la M1 riservata alle vetture più piccole, e molto pepate, va al ligure Valtero Gandolfo, che ha ottenuto due successi in stagione; nella M2 Fausto Fantei eredita il successo da Massimo Giudicelli (per la regola della non cumulabilità dei premi), mentre la M3 va al bergamasco Giacomo Questi uno dei piloti più veloci nel corso della stagione e la M5 a Michele Paoletti. A questi quattro piloti verranno inviati quattro pneumatici Michelin e l’orologio Chrono Michelin  Motorsport.

Sono molto dispiaciuto dal fatto che non si possano assegnare i premi della Classe M4, vinta sulla carta dal velocissimo Marco Savioli. Purtroppo il regolamento dice che per aver diritto ai premi occorre disputare almeno due gare, e il pilota siciliano è stato presente alla sola Targa Florio” precisa Cravero, che già si prepara ad affrontare la prossima stagione, sia come organizzatore della Michelin Historic Rally Cup.

Notizie, regolamenti, immagini e classifiche al sito: https://www.mcups.it/michelin-historic-rally

 

 

Michelin Zone Rally Cup: in ventitré all’assalto del Trofeo ACI Como

La finale di Como distribuirà in gara secca i premi della Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand nei rally di Zona. Una conclusione appassionante ed elettrizzante sulle impegnative prove speciali che guardano il lago manzoniano

CUNEO, 4 novembre – Sarà il 39° Trofeo ACI Como, in programma venerdì 6 e sabato 7 novembre, a distribuire il ricco montepremi della Michelin Zone Rally Cup che si è sviluppata nell’arco della stagione nelle nove zone dell’Italia rallistica.

Alla gara lariana si sono iscritti 23 concorrenti della Serie indetta dalla Casa di Clermont Ferrand che si sono qualificati alla finale attraverso le nove gare di zona. Saranno tre i piloti a giocarsi la vittoria nel Primo Raggruppamento a cominciare da Andrea Nucita, affiancato dal fratello Giuseppe, che scatterà con il numero 1 sulle portiere della sua Hyundai i20. A contrastare il passo ai fratelli siciliani ci proveranno l’enologo piemontese Massimo Marasso che avrà al suo fianco il figlio d’arte Tiziano Pieri e il ligure Alberto Biggi che sarà navigato dall’esperto Marco Nari. Entrambi questi equipaggi sono al via con una Škoda Fabia R5.

Nel Secondo Raggruppamento troviamo Francesco Aragno, che ha conquistato il diritto alla finale sia nella Prima, sia nella Seconda Zona della Michelin Zone Rally Cup; a dettargli le note sulla Clio S1600 ci sarà Andrea Segir. Il pilota savonese dovrà vedersela con gli esperti e velocissimi toscani Federico Gasperetti e Federico Ferrari, che avranno a disposizione una Clio R3C, Simone Di Giovanni e Doriano Maini, che hanno conquistato il diritto alla finale con la loro Clio R3C in Settima Zona. Nel Terzo Raggruppamento troviamo il cuneese Matteo Giordano, per l’occasione affiancato sulla Peugeot 208 R2B da Luca Verzino, che ha salvato la stagione poco fortunata grazie al successo di Raggruppamento ad Alba. Oltre alle vetture gemelle di Marco Ambrosio-Sara Castelli (qualificati in Sesta Zona) e Roberto Carminati-Bruno Gelmini vincitori di Raggruppamento in Liguria. Questi equipaggi dovranno vedersela con le più datate, ma non per questo meno competitive Peugeot 106 di Classe A6 condotte in gara da Nicola e Diego Bennati, che si sono conquistati il diritto alla finale nelle due gare di CIR-WRC di Terza Zona e Lorenzo Grani, con al fianco Chiara Lombardi, che non soddisfatto di aver vinto il titolo assoluto nella Michelin Rally Cup con la Škoda Fabia R5 si è anche imposto in Quinta Zona con la Peugeot 106, suo tradizionale cavallo di battaglia.

Sfida corpo a corpo nel Quarto Raggruppamento con le sei Clio RS di Classe N3 che partiranno in rapida sequenza una dietro l’altra. A scattare per primo sarà Giorgio Liguori, con Camilla Carini proveniente dalla Settima Zona; seguito immediatamente dopo dai liguri Alberto Verardo-Cristina Rinaldis; quindi scenderà l’ideale pedana Davide Scarso con Alberto Marconi che ha conquistato il diritto alla finale vincendo il Raggruppamento nelle due gare CIR-WRC di Terza Zona (San Martino di Castrozza e Due Valli), quindi Emanuele Corti-Arianna Catalano che hanno timbrato il passaporto per la finale in Sesta Zona e i piemontesi Alain Cittadino e Luca Santi. Tre macchine di respiro e poi ecco presentarsi al via la Clio RS di Davide Cagni-Stefano Costi, primattori in Quinta Zona.

Saranno ben sei i partecipanti alla Michelin Zone Rally Cup del Quinto Raggruppamento a sfidarsi sulle strade lariane. Il primo a prendere il via sarà Enrico Spreafico con Giovanni Frigerio a bordo della nuova Clio RS Line di Classe R1 vincitore fra le piccole in Quinta Zona. Poi troveremo le grintosissime quattro Peugeot 106 di Classe N2 che partiranno in stretta sequenza, ovvero Paolo Iraldi-Marco Amerio, qualificati in Prima Zona, Michele Spagnoli-Nicolò Michelotti che per essere sicuro di partecipare alla finale ha vinto il proprio Raggruppamento sia nelle gare CIR-WRC di Terza Zona, sia in quelle di Sesta; Giordano Formolli-Debora Duico, qualificati in Liguria e Marco Palombi-Fabrizio Malozzi che si sono imposti in Settima Zona. Chiude l’elenco dei partecipanti alla finale della Michelin Zone Rally Cup Gabriele Catalini affiancato da Maicol Rossi che ha portato alla vittoria di Quinto Raggruppamento la sua Renault Twingo R1 in Sesta Zona.

Il 39° Trofeo ACI Como dà appuntamento ai concorrenti per le verifiche tecniche al Lario Tir Parking (dove è situato anche il Parco Assistenza) giovedì sera, 5 novembre, dalle 20.00 alle 23.00 e venerdì mattina, 6 novembre, dalle 8.00 alle 12.30. Sempre venerdì i concorrenti potranno testare le vetture allo Shake Down di San Fermo della Battaglia dalle 9.00 alle 14.30. Venerdì sera, alle 17.01, il rally scatta ufficialmente dal parco assistenza per andare a disputare alla luce dei fari la prima prova speciale Alpe Grande a Cerano, di 8,86 km, per poi tornare al Lario Tir Parking per il riposo notturno. Particolarmente piena la giornata di sabato, 7 novembre, con partenza alle ore 6,51 del mattino, due passaggi sulle speciali di Sormano (15,00 km) e Bellagio (11,45) e un altro sulla Cerano, quindi tornare a Como per l’arrivo finale alle 18.10. Il 39° Trofeo ACI Como si sviluppa su 384,75 di percorso, 70,62 di prove speciali.

Michelin Historic Rally Cup 2020 indossa la corona Tricolore

Vittorie e successi in molte categorie, rendono stellare la stagione dei piloti storici calzati con i pneumatici di Clermont Ferrand. A svettare in modo particolare è Massimo Giudicelli, ma si fanno onore anche Valtero Gandolfo e gli ambasciatori Michelin nel Quarto Raggruppamento Fiorenza Soave e Matteo Luise

PORTO CERVO (SS), 17 ottobre – C’è l’anno del gatto, come dice una celebre canzone degli anni Settanta e l’anno di Massimo Giudicelli e della sua Volkswagen Golf GTI. Questo è senza dubbio l’anno del pilota dell’Isola d’Elba che non solo ha fatto man bassa di trofei nella Michelin Historic Rally Cup (imponendosi nella classifica assoluta, in quella di Terzo Raggruppamento e nella combattuta Classe M2), ma ha anche conquistato il successo nel Terzo Raggruppamento del Campionato Italiano Rally Auto Storiche, che ha visto ben 35 partecipanti e ha chiuso al terzo posto nella classifica assoluta, preceduto solo da una Delta HF Integrale e da una Porsche. E se vogliamo ha anche conquistato il secondo posto fra gli Over 60, riconoscimento che forse il dinamico portacolori del Team Bassano mette meno in evidenza, ma che lo premia comunque. Già con gli altri diplomi, però, ha di che riempire uno scaffale nella sua bacheca.

Da segnalare anche l’ottimo risultato ottenuto dal ligure Valtero Gandolfo che con la piccola 127 Gruppo 2 di Terzo Raggruppamento è riuscito a inserirsi al quinto posto della classifica assoluta del Campionato Italiano Rally Auto Storiche, grazie a una costanza di risultati impressionante. Fra i primi dieci della classifica assoluta rientrano anche i due ambasciatori Michelin nel Campionato Italiano Rally Auto Storiche, entrambi su Ritmo Abarth 130 TC, la regolarissima Fiorenza Soave, nona assoluta, e Matteo Luise, che dopo due gare sfortunate al Vallate Aretine e all’Elba si riscatta con una prestazione stratosferica in Sardegna e riesce a conquistare il decimo posto assoluto.

Passando a esaminare la classifica dei raggruppamenti, monopolio dei partecipanti della Michelin Historic Rally Cup che conquistano tutte le prime cinque posizioni nel Terzo Raggruppamento del CIRAS con Massimo Giudicelli, seguito da Valtero Gandolfo, Giacomo Questi, Nicola Tricomi e Franco Grassi in sequenza. Insomma, in questo raggruppamento si è parlato solo la lingua di Clermont Ferrand. Nel Primo Raggruppamento Cesare Bianco è salito sul secondo gradino del podio con la sua Lotus Elan, mentre nel Secondo non ci sono rappresentanti Michelin classificati. Fiorenza Soave è terza di Quarto Raggruppamento e precede di una posizione Matteo Luise,

Andando a vedere le classifiche del Campionato Italiano Rally Auto Storiche ordinate in base a quelli che erano i vecchi Gruppi, il solito Giudicelli fa suo il Gruppo 2, precedendo l’altro uomo Michelin Valtero Gandolfo. Fiorenza Soave e Matteo Luise sono terza e quarto del Gruppo A.

Concludendo con le classi costituite Valtero Gandolfo è il primatista nella 3 TC2 1150; Giudicelli nella 3 TC2 1600 davanti a Franco Grassi; ancora doppietta nella 3 TC 2000 con Giacomo Questi che precede Nicola Tricomi, e infine Fiorenza Soave e Matteo Luise sono i migliori nella Classe 4 J2 A 2000. Come dire una vera messe di coppe titoli per i pilota del Bibendum.

La Michelin Zone Rally Cup prepara la carica dei trentasette per il Trofeo ACI Como

Con il Rally del Rubinetto si è chiusa la Serie indetta dalla Casa di Clermont Ferrand, sviluppatasi sulle 23 gare che si sono svolte da metà luglio a fine ottobre. Foto Magnano e AciSport

CUNEO, 2 novembre – Il 27° Rally del Rubinetto, andato in scena sabato scorso, 31 ottobre, a San Maurizio d’Opaglio (NO), ha chiuso la stagione della Michelin Zone Rally Cup che si è sviluppata su 23 gare a partire dal Rally Lana di Biella del 15 luglio scorso al rally novarese appena concluso. Una stagione compatta ma intensa che ha dato il passaporto per la grande finale di Como a 37 piloti che hanno vinto il Raggruppamento della Michelin Zone Rally Cup nelle gare delle aeree di appartenenza o si sono imposti nel Raggruppamento Michelin nella gara CIR-WRC di casa loro. Andiamo a scoprire che sono

Nella Prima Zona (Piemonte e Valle d’Aosta), vissuta su quattro gare, sono otto i piloti che hanno conquistato il diritto ad accedere all’olimpo di Como: Massimo Menegaldo (Škoda R5), Francesco Aragno (Clio S1600), Pierluigi Maurino (Peugeot 208 R2B), Alain Cittadino (Clio RS N3) e Paolo Iraldi (Peugeot 106 N2) ai quali si aggiungono i vincitori di Raggruppamento al Rally Alba: Massimo Marasso (Škoda Fabia R5), Matteo Giordano (Peugeot 208 R2B) e Massimiliano Botto (Panda Kit A5). La Seconda Zona ha visto svolgersi il solo Rally della Lanterna e da questa gara sono risultati qualificati Alberto Biggi (Škoda Fabia R5) ancora Francesco Aragno, Roberto Carminati (Peugeot 208 R2B), Alberto Verardo (Clio RS N3) e Giordano Formolli (Peugeot 106 N2)

La Terza Zona si è giocata sul San Martino di Castrozza e Due Valli ed ha visto qualificarsi direttamente il solo Michele Rebonato (Peugeot 106 A5), ma passano alla finale anche i sei vincitori di Raggruppamento delle due gare CIR-WRC del Nord Est: Andrea Zenoni (Škoda Fabia R5), Andrea Nucita (Hyundai i20 R5), Manuel Orler (Clio Williams A7), Nicola Bennati (Peugeot 106 A6), Davide Scarso (Clio RS N3) e Michele Spagnoli (Peugeot 106 N2). Alex Pagnan (Peugeot 208 R2B) è il solo qualificato della Zona 4 che abbracciava il Friuli e le province venete di Belluno e Venezia. I qualificati dalle tre gare di Quinta Zona (Emilia Romagna, Marche e San Marino) sono Gianfranco Fallabrino (Škoda Fabia R5), Alessio Bellan (Clio R3C), Lorenzo Grani (Peugeot 106 A6), Davide Cagni (Clio RS N3) ed Enrico Spreafico (Clio Rally 5)

La Sesta Zona (Toscana e Umbria) si è animata su quattro gare (Città di Lucca, Il Ciocco, Città di Pistoia ed Elba) ha qualificato Luca Artino (Volkswagen Polo R5), Federico Gasperetti (Clio R3C), Marco Ambrosio (Peugeot 208 R2B), Emanuele Corti (Clio RS N3), e Gabriele Catalini (Renault Twingo R1); cui vanno ad aggiungersi i due vincitori di Raggruppamento nella gara tricolore Luca Bazzano (Clio RS N3) e Michele Spagnoli (Peugeot 106 N2) che ha conquistato la qualificazione anche in Terza Zona. La Settimana Zona che ha compreso tutta l’Italia Meridionale dal Lazio alla Calabria ha visto disputarsi tre gare: Roma Capitale, Rally del Gargano e Rally del Molise. E tre sono i qualificati alla finale lariana: Simone Di Giovanni (Clio R3C) Giorgio Liguori (Clio RS N3) e Marco Palombi (Peugeot 106 N2). Mentre in Ottava Zona, che si è svolta sulle tre gare siciliane Rally del Tirreno, Targa Florio e Valli del Sosio ha promosso verso Como Totò Riolo (Peugeot 205 R5), Maurizio Terracchio (Peugeot 106 A6) e Franco Alibrando (Clio RS N3). Infine non risultano qualificati dalla Nona Zona la Sardegna.

Michelin Rally Cup. Lorenzo Grani vince il 2Valli e conquista la Coppa in volata

L’ultima gara della stagione della Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand vede capovolgersi la classifica a favore del giovane modenese, già protagonista della Michelin Rally Cup fra gli Under 25 negli anni passati. Grani vince la gara e conquista il titolo. Appuntamento veronese particolarmente sfortunato per Rudy Andriolo che vede la sua cavalcata compromessa da un’uscita di strada, che non ha provocato danni alla sua Škoda Fabia R5, ma fa perdere sette minuti al pilota veneto. La classifica assoluta del Rally 2Valli è terreno di conquista per i piloti Michelin che ottengono le prime due posizioni con i finlandesi Huttunen-Lukka davanti a Scandola-D’Amore, entrambi su Hyundai i20 R5. Foto Acisport

VERONA, 24 ottobre – Nebbia, pioggia, fango e strade impossibili non spaventano Lorenzo Grani, affiancato eccezionalmente da Denis Piceno (con cui non correva dal Colline di Romagna 2019) che, con una prestazione maiuscola, per la seconda volta consecutiva si conferma il migliore in classifica fra i partecipanti alla Michelin Rally Cup. Con questo risultato Grani fa sua la Coppa indetta dalla Casa francese all’interno del CIR-WRC. Un successo ancor più significativo se si considera che il giovane modenese era alla sua terza gara con la Škoda Fabia R5 curata da Riccardo Miele, dopo aver militato per anni nella classi minori (sempre con grandi prestazioni al volante della Peugeot 106 A6). E lo riconcilia con la sorte, dopo aver perso lo scorso anno la classifica Under 25 della Michelin Rally Cup per un triplo zero in casella che gli aveva lasciato l’amaro in bocca. La gara del ventiseienne portacolori della Maranello Corse è stata regolarissima, con tempi molto costanti, chiudendo alla fine dodicesimo assoluto in una classifica che assommava i piloti del CIR-WRC e del Campionato Italiano Rally, oltre a essere quarto fra quelli del CIR-WRC.

Seconda piazza in gara CIR-WRC fra i piloti iscritti alla Coppa e nella classifica finale della Michelin Rally Cup per Stefano Liburdi, Škoda Fabia R5, che ha affrontato il rally con Andrea Colapietro al quaderno delle note. Liburdi è uno dei quattro piloti della Coppa che ha disputato tutte e quattro le gare del CIR-WRC 2020. Anche a Verona il laziale è riuscito a salire sul podio fra i partecipanti alla Serie indetta dalla Casa di Clermont Ferrand, ma nel corso della stagione non è mai riuscito a ottenere una vittoria. Nella volata finale ha bruciato per meno di un punto Rudy Andriolo, al volante di una Škoda Fabia R5, che ha percorso l’asfalto veronese con Massimo Menegon. Andriolo è stato vittima di un’uscita di strada sul ripassaggio della Cà del Diaolo costato al concittadino di Giandomenico Basso quasi otto minuti. “Purtroppo abbiamo pagato molto caro un piccolo errore sulla quarta prova. Siamo usciti in un tornante” afferma il portacolori della Scuderia La Superbae siamo rimasti piantati lì. Le condizioni meteorologiche e il Covid hanno fatto sì che non ci fosse quasi pubblico sulle prove, e prima che arrivassero degli spettatori a darci una spinta la nostra gara era definitivamente compromessa. Anche se la nostra Škoda Fabia era intatta”. A dimostrazione di ciò sono i tempi realizzati da Andriolo che lo collocano nella maggior parte delle prove ai vertici della classifica del gara del CIR-WRC. “Il campionato però non lo abbiamo perso a Verona, ma non partecipando al Rally dell’Elba. Nel corso di una stagione un errore ci sta e dopo i due successi di Alba e San Martino di Castrozza abbiamo scelto di non partecipare alla gara dell’isola napoleonica. Sono molto contento della mia stagione e anche qui a Verona mi sono divertito perché quando entro in prova speciale mi diverto sempre. E sono anche soddisfatto dei pneumatici Michelin MW1 le intermedie che si sono comportate egregiamente anche nelle condizioni impossibili del 2Valli”.

Terza piazza al 2Valli fra gli iscritti alla Michelin Rally Cup per i fratelli corsi Thierry e Didier Agostini con la loro Citroën DS3 di Classe R3T, altro equipaggio sempre presente a tutte le gare della stagione, che con questo risultato consolidano il quarto posto nella Coppa che già avevano ipotecato all’Isola d’Elba. Alle loro spalle Giovanni Cocco con Matteo Valerio, Clio S1600, che grazie alle ottime prestazioni nelle due gare disputate (San Martino di Castrozza e 2Valli) sale al quinto posto anche della classifica assoluta, precedendo Ivan Stival, con Roberto Pais de Libera sul sedile del navigatore della sua Peugeot 106 di Classe A6 che viene superato da Cocco nella classifica assoluta della Coppa per soli 16/100 di punto. Una vera inezia.

È inoltre da segnalare il successo dei piloti calzati Michelin che hanno ottenuto la prima e la seconda piazza assoluta in gara grazie al successo assoluto dell’equipaggio finlandese Jari Huttunen-Mikko Lukka che hanno preceduto la Hyundai i20 R5 gemella del veronese Umberto Scandola affiancato da Guido D’Amore.

Per proclamare il vincitore del Primo Raggruppamento, che mette a confronto le vetture di Classe R5, N4, S2000, è stato necessario ricorrere all’analisi dei piazzamenti nelle singole gare della stagione, visto che sia Lorenzo Grani, sia Rudy Andriolo vantano due vittorie e un terzo posto nella Michelin Rally Cup nei rally disputati. Alla fine l’ha spuntata Grani, grazie al piazzamento assoluto del modenese all’Elba (nono assoluto), mentre il bellunese ha ottenuto il suo miglior risultato a San Martino di Castrozza dove ha concluso decimo. In raggruppamento, a Verona, si è nuovamente imposto Lorenzo Grani con autorevolezza su Stefano Liburdi e Andrea Colapietro, Škoda Fabia R5, con Lorenzo Fabiani-Monica Chiacchiera che si prendono la soddisfazione di vincere la Classe N4 nel CIR-WRC al 2Valli e chiudere quarti di Raggruppamento con la loro Subaru Impreza. Nel Secondo Raggruppamento (R3, S1600 e A7) sfida a due fra i fratelli Agostini e Giovanni Cocco che si risolve a favore dell’equipaggio proveniente dalla Corsica, che ufficializza così la vittoria di Raggruppamento, seriamente ipotecata già nel precedente San Martino di Castrozza, mentre il pilota di Arzignano, con i punti conquistati nelle valli veronesi, supera l’assente Bondioni e fa sua la seconda piazza finale di raggruppamento.

Nel popoloso raggruppamento successivo (R2, A6, N3), il successo in gara va a Graziano Nember-Morgan Polonioli con la loro Citroën C2 R2, per la prima volta a punteggio pieno in questa stagione, e terzi nella classifica finale. A gioire maggiormente, però, è Ivan Stival, Peugeot 106 A6, con la seconda piazza di categoria, andando a chiudere definitivamente la sfida di categoria, su cui aveva già messo le mani nel precedente San Martino di Castrozza. Il terzo posto in gara al 2Valli consente a Simone Giovanelli, che divideva la Peugeot 208 R2B con Erika Viappiani, di salvare la seconda piazza di raggruppamento anche se con un solo punti di vantaggio su Graziano Nember. Fermi in gara anzi tempo Gianluca Micheloni, con Roberta Antonelli a condividere l’abitacolo della Peugeot 106 Rallye, passo falso che non compromette il quarto posto di Terzo Raggruppamento per il pilota della Millenium Sport Promotion; mentre Sara Micheletti, navigata da Erika Badinelli è costretta nuovamente alla resa con la sua Peugeot 208 R2B come già era successo ad Alba, ma si consola con il successo nella classifica femminile della Michelin Rally Cup.

Infine nel Quarto Raggruppamento che vedeva sfidarsi le vetture di Classe N2, R1 e Racing Start, primo successo del giovanissimo Alex Lorenzato, che ottiene anche il primato nella Classe N2 della gara (ed è la prima volta nella sua breve carriera di appena sei gare) con la sua Citroën Saxo sulla quale dettava il ritmo Carlo Guadagnin. Grazie a questo risultato e al contemporaneo ritiro di Michele Spagnoli, precedente il leader di categoria, il giovane pilota di Bassano del Grappa conquista la vittoria di raggruppamento nella Michelin Rally Cup, bissando il successo già matematicamente ottenuto al San Martino di Castrozza fra gli Under 25. La seconda piazza in gara di Enrico Spreafico, che ha corso con la Renault Clio Rally 5 insieme a Giovanni Frigerio, consente al pilota comasco di salire sul terzo gradino del podio di raggruppamento, scavalcando gli assenti Paolo Iraldi e Mattia La Pertosa.

 

La galleria fotografica della Michelin Rally Cup al 2Valli e nelle immagini AciSport

L’ultima gara della stagione della Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand vede capovolgersi la classifica a favore del giovane modenese, già protagonista della Michelin Rally Cup fra gli Under 25 negli anni passati. Grani vince la gara e conquista il titolo. Appuntamento veronese particolarmente sfortunato per Rudy Andriolo che vede la sua cavalcata compromessa da un’uscita di strada, che non ha provocato danni alla sua Škoda Fabia R5, ma fa perdere sette minuti al pilota veneto. La classifica assoluta del Rally 2Valli è terreno di conquista per i piloti Michelin che ottengono le prime due posizioni con i finlandesi Huttunen-Lukka davanti a Scandola-D’Amore, entrambi su Hyundai i20 R5

 

Michelin Historic Rally Cup 2020. Tricomi si riscatta, Giudicelli si veste di Tricolore e conquista la Coppa

Successo liberatorio per il pilota siciliano che cancella le amarezze delle due precedenti gare, mentre il podio conquistato dal pilota dell’isola d’Elba gli regala il titolo italiano di categoria e la vittoria nella Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand. Sfortunata gara conclusa con un ritiro per Giacomo Questi, unica alternativa sulle prove a Tricomi. Fantastica prestazione dell’ambasciatore Michelin Matteo Luise, sesto assoluto

PORTO CERVO (SS), 17 ottobre – “Finalmente”.  Questo è stato il pensiero di Nicola Tricomi all’arrivo del 3° Rally Costa Smeralda Storico gara in cui il pilota della Opel Kadett GT/E del Team Bassano, affiancato da Roberto Consiglio, ha visto il primo traguardo stagionale. L’equipaggio siciliano ha conquistato il dodicesimo posto assoluto, il primato di Classe 2000 Gruppo 2 e soprattutto è risultato il migliore fra gli iscritti alla Michelin Historic Rally Cup, risultato che lo consola dalle disavventure patite nel corso della stagione caratterizzata dal ritiro al Vallate Aretine e dalla mancata partenza all’Elba.  Tricomi ha preso il comando fin dall’inizio imponendosi in cinque delle otto prove speciali in programma, senza mai essere avvicinato dagli avversari.

Torna dalla Sardegna con il sorriso a tutto tondo Massimo Giudicelli, secondo fra i partecipanti alla Coppa , che grazie al risultato conquistato in prova speciale a Porto Cervo indossa la corona di Campione Italiano Rally Auto Storici di Terzo Raggruppamento, oltre a far man bassa di titoli nella Michelin Historic Rally Cup di cui è matematico vincitore assoluto, vincitore del Terzo Raggruppamento e vincitore della Classe M2. Un vero en-plein per il portacolori del Team Bassano, che ha vinto tutte le categorie in cui si è impegnato in questa stagione. Un vero monopolizzatore di premi.

Terza piazza in gara fra i partecipanti alla Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand e gestita sui campi di gara da Area Gomme di Mario Cravero per la piccola Fiat 127 Gruppo 2 di Valtero Gandolfo ed Enrico Bogliaccino che, dopo un avvio prudente, già sulla terza prova del venerdì, staccavano il secondo tempo fra i partecipanti alla Coppa, iniziando a risalire la classifica. Sulle prove di sabato viaggiavano costantemente a podio della Michelin Historic Rally Cup, legittimando così la loro terza posizione finale, risultato che li proietta anche al vertice della Classe M1 della Coppa.

Da segnalare le grandi prestazioni dei due ambasciatori Michelin nel Quarto Raggruppamento. Matteo Luise, affiancato dalla moglie Melissa Ferro, ha chiuso sesto assoluto con la Ritmo Abarth 130 TC preceduto solo da mostri di potenza decisamente superiore, mentre Fiorenza Soave, con Sara Gallu sul sedile di destra, al volante di Ritmo 130 Gruppo A simile a quella di Luise è stata brava a entrare fra i migliori venti della classifica assoluta.

Il Primo Raggruppamento ha visto il solo partecipante alla Michelin Historic Rally Cup nella Lotus Elan portata in gara da Cesare Bianco e Stefano Casazza, che conquistano la seconda piazza di Raggruppamento in gara, dietro a una Porsche di cilindrata e potenza maggiore. Con questo risultato il pilota piemontese allunga nella classifica di Primo Raggruppamento della Michelin Historic Rally Cup. Non essendoci nessun iscritto di Secondo Raggruppamento nella Coppa, la classifica rimane ferma al Rally dell’Elba con Trevor Smithson (Alpine) che conduce con un punto di vantaggio su Marco Savioli (BMW) che si giocheranno il successo finale alla Grande Corsa di Chieri.

Per quanto riguarda il Terzo Raggruppamento, il successo di Nicola Tricomi lo fa risalire al quinto posto in classifica di Raggruppamento, ma il colpo grosso lo fa Massimo Giudicelli che chiude i giochi nella classifica della Michelin Historic Rally Cup sia assoluta, sia di Terzo Raggruppamento sia di Classe M3. Il terzo posto fra i piloti gommati Michelin dà a Valtero Gandolfo una spinta nelle tre classifiche della Coppa andando al vertice della Classe M1 (ma si giocherà tutto alla Grande Corsa) e al secondo posto dietro a Giudicelli sia nel Terzo Raggruppamento sia nella classifica assoluta. Quarta piazza della Michelin Historic Rally Cup per Peter ed Elke Göckel, al loro esordio stagionale nella Coppa Michelin che si sono ben comportati con la loro Opel Kadett D 1.3 SR, solo lontana parente in potenza e prestazioni delle muscolose GT/E, bravi a ottenere tempi molto costanti e nell’ultima prova speciale a mettere dietro tutti gli avversari della Coppa Michelin, salvo Tricomi.

Ritirati gli altri tre piloti iscritti alla Michelin Historic Rally Cup di questo raggruppamento. Sfortunato Giacomo Questi affiancato da Giovanni Morina, unico in grado di contrastare Nicola Tricomi e vincitore delle sole tre prove sfuggite al mattatore della gara. Il veronese è uscito di strada con la sua Opel Ascona 2.0 SR nel corso della seconda prova del sabato. “Posso dire di essere vittima del Covid. Sono finito in un fossetto poco profondo da cui non sono riuscito a uscire. In quel punto non c’era pubblico, come previsto dalle norme anti assembramento, e il commissario non è riuscito a spingerci fuori dalla canalina. Quando è arrivato il carroattrezzi per soccorrerci l’autista non ci ha nemmeno agganciato, ma ha provveduto a darci una vigorosa spinta rimettendoci su strada, facendoci tornare in parco assistenza con i nostri mezzi senza danni”. Per Questi rimane la soddisfazione di essere rimasto al comando della Classe M4 della Michelin Historic Rally Cup; ma con il successo di Porto Cervo Nicola Tricomi si è portato a soli tre punti dal pilota dell’Ascona, preparandosi a un finale incandescente alla Grande Corsa di novembre. Più dura l’uscita di strada della Ritmo 75 di Franco Grassi e Giovanni Figoni che hanno aperto una ruota nel corso della prima prova speciale del sabato; mentre il motore della Golf GTI di Ettore Amione, affiancato da Erik Macori, ha lasciato a piedi il canavesano nel corso della quarta prova speciale, ultima di venerdì sera.

Gara solitaria in Classe M5 della Michelin Historic Rally Cup per Michele Paoletti, con Rossano Mannari sul sedile di destra della sua Renault 5 GT Turbo Gruppo N che con questo risultato chiudono praticamente i giochi di categoria.

Il prossimo appuntamento della Michelin Historic Rally Cup è la Grande Corsa di Chieri (TO) del 26-27 novembre

Michelin Historic Rally Cup 2020 all’assalto del Costa Smeralda Storico

Prima esperienza sarda per i piloti iscritti al Challenge indetto dalla Casa di Clermont Ferrand e gestito sulle prove speciali da Area Gomme di Mario Cravero, gara che vedrà l’ambasciatore Michelin Matteo Luise scattare per primo sulle prove

MARINA DI PORTO CERVO (SS), 15 ottobre – Per la prima volta nella sua storia decennale la Michelin Historic Rally Cup approda in Sardegna e per la prima volta i suoi concorrenti si affronteranno queste prove. D’altro canto il Rally Costa Smeralda dal 1978 a oggi ha visto i suoi concorrenti affrontarsi sempre sulle splendide prove speciali della Gallura. Fino al 2017 con le vetture “moderne” e dall’anno successive con le storiche.

E quest’anno la gara storica che fa base a Porto Cervo, perla della Costa Smeralda è valida per la prima volta per il Campionato Italiano Rally Autostoriche e per il Challenge indetto dalla Casa di Clermont Ferrand. Che avrà pure la soddisfazione di veder scattare con il numero 1 sulle fiancate il suo ambasciatore storico, Matteo Luise, in questa edizione affiancato dalla moglie Melissa Ferro, al volante della sua Ritmo Abarth 130 Gruppo A, vincitore della scorsa edizione.

A contendersi però i punti importanti della gara saranno però altri nove concorrenti, il primo dei quali è Giacomo Questi, affiancato da Giovanni Morina, su Opel Ascona SR con il numero 21, che dopo il passo falso dell’Isola d’Elba è seriamente intenzionato a risalire la classifica di Terzo Raggruppamento e rafforzare la sua leadership di Classe M3. Immediatamente dopo scatterà Massimo Giudicelli, con Paola Ferrari al suo fianco sulla sua Golf GTI numero 22, uno dei sei piloti (e unico della Michelin Historic Rally Cup) ad aver preso parte a tutte le edizioni della gara sarda. Il pilota toscano, dopo le ottime prestazioni al Vallate Aretine e all’Elba, deve conquistare anche in terra sarda punti pesanti per mantenere la leadership sia del Terzo Raggruppamento, sia della Classe M2. Ancora una vettura ed ecco al via Nicola Tricomi, con Roberto Consiglio a dettare il ritmo sulla Opel Kadett GT/E numero 23, chiamato a riscattare le sfortunate prove del Vallate Aretine, concluso con un ritiro ed Elba, dove non è riuscito a prendere il via.

Con il numero 28 sulle portiere della sua Fiat Ritmo 75 prenderà il via Francesco Grassi, con Giovanni Maria Figoni a dettargli il ritmo, miglior classificato della Michelin Historic Rally Cup ad Arezzo e fermo prima del termine a Capoliveri e attualmente sul terzo gradino del podio sia di raggruppamento sia di Classe M3. Prima apparizione stagionale nella Coppa per il canavesano Ettore Amione, affiancato Eric Macori che affronterà le strade sarde con il numero 31 sulle portiere della sua Volkswagen Golf GTI. Ritorno nella Michelin Historic Rally Cup per i tedeschi Peter ed Elke Goekel che avranno a disposizione l’Opel Kadett numero 37 già vista in gara nella Coppa la scorsa stagione. Infine ultimo di Terzo Raggruppamento a lasciare l’ideale pedana di Porto Cervo è il ligure Valtero Gandolfo, con il corregionale Enrico Bogliaccino a indicargli le note, che punteranno a ribaltare a loro favore la classifica Classe M1 della Michelin Historic Rally Cup, dopo il successo di categoria all’Elba.

Oltre a questi sette concorrenti di Terzo Raggruppamento in Costa Smeralda saranno della partita Michele Paoletti e Rossano Mannari che cercheranno di prendere il largo in Classe M5 con la loro Renault 5 GT Turbo e Cesare Bianco-Stefano Casazza, unici iscritti della Michelin Historic Rally Cup di Primo Raggruppamento con la loro Lotus Elan, con la quale cercheranno di conquistare il primato di categoria.

Il 3° Rally Costa Smeralda Storico entrerà nel vivo venerdì 16 ottobre quando al Molo Vecchio a Marina di Porto Cervo, dove è posizionato il parco assistenza, si svolgeranno le operazioni di verifiche tecniche delle vetture dalle ore 8.00 alle 11.30. Cui farà seguito la partenza alle 14.00 per andare ad affrontare il doppio passaggio sulle prove speciali San Pasquale (km 13.64) e la corta San Pantaleo (3,94) e concludere la prima giornata alle ore 19.00. Sabato 17 ottobre seconda giornata di gara, con partenza alle ore 9.00 e altro doppio passaggio sulle speciali di Lo Sfossato (11,83 km) e Aglientu (18,70 km) prima della chiusura al Molo Vecchio della Marina di Porto Cervo alle ore 16.30, dopo aver percorso 452,36 km di cui 96,22 di prove speciali, tutte su fondo asfalto.

Per tutti gli aggiornamenti sulle Coppe Michelin 2020 è attivo e costantemente aggiornato il sito www.mcups.it