Winners Rally Team, tre moschettieri sulle porte

Dopo la trasferta ligure in ottica tricolore la scuderia torinese torna alle porte di casa per il rally di Settimo Torinese nel quale schiera il locale Davide Porta, il valdostano Alessandro Milliery e lo storico Alfredo Formosa. Foto Elio Magnano

SETTIMO TORINESE (TO) 14 aprile – Chi per smaltire la rabbia, chi per divertirsi sulle prove speciali. Questo lo spirito con cui i tre alfieri di Winners Rally Team affronteranno il 47° Rally Team ‘971, gara in programma nel prossimo fine settimana che si sviluppa su entrambe le sponde del Po appena fuori Torino.

Sicuramente ha tanta rabbia in circolo Davide Porta, che per la prima volta affronterà la gara che scatta a poche centinaia di metri da casa sua. Il giovanissimo pilota portacolori di Winners Rally Team è reduce da un Sanremo che gli ha riservato un ritiro alla quarta prova speciale, dopo aver staccato un fantastico tempo nella prova di apertura della gara, trasmessa in diretta televisiva, che lo aveva messo in vetta alla classifica fra gli Junior del Campionato Italiano Rally. Noie alla frizione alla sua Fiesta Rally4 hanno fatto sì che il torinese tornasse a casa prima del tempo senza punti in campionato. Ora una rally, nuovamente al volante della Fiesta Rally4, per rilassare i nervi e tonificare i muscoli in vista del prossimo impegno al Targa Florio, come sempre affiancato da Andrea Segir che lo segue da due anni.

A volte ritornano. È proprio il caso di dirlo. Un ritorno quello del valdostano Alessandro Milliery che cancella cinque anni di lontananza dai rally (ultima uscita in terra svizzera al Valais 2016) per riassaporare il gusto delle prove speciali. Al suo fianco Andre Perrin, reduce dal recente Rallye Sanremo e per loro la piccola, ma divertente Clio Rally5 di Classe R1. Presenza fra le storiche di Alfredo Formosa che, dopo una fuga nel moderno, un paio di anni fa, è tornato nel 2019 alla sua amatissima Fulvia HF 1.3 che condivide con Simona Gazzo, per divertirsi sulle prove del Team ‘971

Mezzo secolo di corsa. Il Rally Team ‘971, giunto alla 47esima edizione, festeggia quest’anno il mezzo secolo di vita, dando appuntamento ai concorrenti sabato 17 aprile dalle 9.00 alle 17.30 nel Parco Assistenza di Piazza Freidano di Settimo Torinese per le verifiche tecniche. Dalle 15.00 alle 19.00 sulla strada di Pavarolo si svolgerà lo Shake Down. Domenica 18 aprile alle ore 8.16 dal parco assistenza di Piazza Freidano  scatterà il primo concorrente per farvi ritorno per l’arrivo alle ore 17.39 dopo aver effettuato un doppio giro sulle tre prove speciali di Albugnano, Moransengo e Robella. La gara misura 257,28 km di cui 57.00 di tratti cronometrati.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Winners Rally Team, un fine settimana in riva al mare

Fine settimana impegnativo per la scuderia torinese che si trova ad affrontare i tre eventi del Rallye Sanremo con dieci equipaggi, e la gara siciliana con un altro equipaggio. A Sanremo si registra il ritorno di Brazzoli fra le storiche con Zivian che punterà a un risultato di prestigio, mentre nella gara moderna Ivan Paire fa il ritorno nelle gare di alto livello. Nel Rally delle Palme è Jordan Brocchi a tenere alta la bandiera di Winners Rally Team. Foto Elio Magnano

SANREMO (IM) 6 aprile – Dalle spiagge del Mar Ligure della Riviera di Ponente a quelle palermitane del Mar Tirreno. Questo il duplice impegno di Winners Rally Team per il prossimo fine settimana che vedrà schierati dieci equipaggi nella gara ligure e uno sui monti siciliani. Nel 36° Sanremo Rally Storico si registra il rientro, una tantum in una gara per le vetture d’epoca, dopo sette stagioni di impegno nel mondiale di Enrico Brazzoli, affiancato da Maurizio Barone, che avrà il numero 9 sulle portiere della sua Porsche 911 SC RS di Quarto Raggruppamento. Per il pilota saluzzese si tratta di un ritorno sulle strade storiche del Ponente Ligure, sulle quali ha già corso altre 11 volte, l’ultima delle quali nel 2014 quando chiuse secondo assoluto. Sempre nel 36° Sanremo Rally Storico sarà della partita Andrea “Zippo” Zivian, con Denis Piceno al quaderno delle note, che scatterà con il numero 4 sulle fiancate della sua Audi quattro, con la quale chiuse sesto assoluto nell’ultima edizione disputata due anni fa. 

Passando alla gara moderna, il 68° Rallye Sanremo, saranno tre gli equipaggi portacolori di Winners Rally Team in campo. Il primo a lasciare il parco assistenza sabato sera, 10 aprile, per la partenza sarà quello formato da Ivan Paire e Marco Pollicino con la Clio R3T della Gima, con la quale lo scorso anno il pilota pinerolese ha affrontato due gare. Per Paire si tratta di un ritorno al Sanremo dopo 14 anni, quando chiuse quarto di Classe S1600 con la Clio. Il torinese Davide Porta (#87) inizia dal Sanremo la sua avventura nel Campionato Italiano Rally Junior che vedrà le giovani promesse dell’automobilismo nazionale confrontarsi tutti quanti al volante delle Ford Fiesta R1. A fianco di del diciannovenne pilota di Settimo Torinese ci sarà Andrea Segir, che lo accompagna nel suo percorso di crescita dal marzo 2019. Per Portasi tratta della prima esperienza sulle strade del Sanremo. Vorranno riscattare la delusione del ritiro del Ciocco Nicola Schileo e Flavio Garella (#153) che si presenteranno al via della gara ligure con una Suzuki Swift di Classe RSTB 1.0 con la quale tenteranno di risalire la classifica del trofeo della Casa di Hamamatsu. Anche per Schileo si tratta dell’esordio sulle strade del Sanremo.  Chiude la lista degli equipaggi di Winners Rally Team al 68° Rallye Sanremo quello formato da Antonio Numeroso-Matteo Canobbio (#158) che tomano sulle strade del Ponente Ligure con la stessa Opel Corsa con la quale salirono sul podio di Classe RS 1.6 due anni fa.

Corollario alle due gare principali nel pomeriggio si sabato 10 aprile si svolgerà la 22esima edizione del Rally delle Palme che ha ritrovato il suo punto di partenza e arrivo a Bordighera. Nel Palme troveremo Jordan Brocchi-Alessia Muffolinicon il numero 306 sulla loro Škoda Fabia R5, che vorranno cancellare la delusione per il recente ritiro alla Ronde del Canavese. Con il numero 319 saranno in gara Loris Battistelli-Manuel Del Santo con la loro Clio R3C, che dopo il podio di categoria al Rally dei Laghi del mese scorso cercheranno di incrementare il loro bottino di punti nella Coppa Italia Rally di Seconda Zona. Numero 352 per Angelo Filiberto e Marco Trapani che riprendono la loro Peugeot 106 Rallye di Classe A6 dopo un anno e mezzo, dal settembre 2019, quando vinsero la loro categoria nel francese Rallye Régional de la Vésubie. Con il 363 sulle porte, infine, Mirko Morettiaffronterà la gara ligure sulla Peugeot 106 di Classe Produzione S affiancato da Lorenzo Brovero che torna a dettagli le note dopo 8 anni. Per Moretti è la prima volta sulle strade del Sanremo, mentre Lorenzo Brovero disputò il Sanremo Leggenda nel 2014. 

Con un balzo dalle Alpi Marittime alle Madonie troveremo con i colori Winners Rally Team Antonio Pizzo e Saro Ciolino, equipaggio che fa coppia fissa ormai da dieci stagioni, che sarà della partita nella quarta edizione del Rally di Cefalù in programma nel prossimo fine settimana con centro nella cittadina balneare palermitana, a bordo della loro Clio RS di Classe A7 ferma ormai dal Rally della Valle del Sosio del 2018 

Il 68° Rallye Sanremo si svolgerà nella Citta dei Fiori da giovedì 8 a domenica 11 aprile, richiamando i concorrenti l’8 aprile per le verifiche sportive e le ricognizioni e l’apertura del parco assistenza a partire dalle ore 16.00 del pomeriggio. La giornata di venerdì 9 aprile sarà dedicata alle verifiche tecniche, fra le ore 16.00 e le ore 20.00, con un’appendice per i piloti non prioritari la mattina successiva. Sabato 10 aprile sarà la giornata in cui i motori delle auto da rally si accenderanno, a cominciare dallo Shake Down a San Romolo fra le 8.00 e le 12.30. Fatti gli ultimi ritocchi prima della gara, alle ore 16.15 si accenderanno anche i cronometri, con la partenza ufficiale del rally dal parco assistenza presso la Vecchia Stazione. Alle ore 17.00 il primo concorrente scatterà sulla prima speciale la Power Stage televisiva di Bajardo di due chilometri, per poi tornare a Sanremo in Parco Assistenza per il riposo notturno. Domenica 11 aprile seconda parte di gara, decisamente più lunga con le sue sette prove speciali, sul doppio passaggio San Bartolomeo, Colle d’Oggia e Vignai, e gran finale con la speciale più lunga, la Cesio-Carpasio di 20,75 km, prima di chiudere la gara alla Vecchia Stazione di Sanremo alle ore 18.30 con l’arrivo e le premiazioni. Il 68° Rallye Sanremo, le cui iscrizioni chiuderanno martedì 23 marzo, misura 437,34 km di cui 90,93 di tratti cronometrati suddivisi in otto prove speciali.

La fase agonistica del 36° Sanremo Rally Storico inizia mercoledì 7 aprile, giornata che i concorrenti dedicheranno alle ricognizioni del percorso. Giovedì 8 aprile propone un’ulteriore accelerazione con le verifiche tecniche dalle ore 9.30 alle 13.30 presso il Piazzale Adolfo Rava di Sanremo, e i motori delle auto da gara verranno accessi dalle ore 14.30 alle 18.30 per lo Shake Down sul classico asfalto di San Romolo.  Venerdì 8 aprile ad accendersi saranno anche i cronometri. Alle ore 9.30 il primo concorrente lascerà il parco assistenza alla Vecchia Stazione di Sanremo per affrontare la prima volta il trittico di prove speciali prima di tornare a Sanremo per il riordino e il parco assistenza. Sarà appena iniziato il pomeriggio quando i concorrenti torneranno a misurarsi sulle tre prove speciali già affrontate al mattino, prima di rientrare in parco assistenza alle 17.50 e iniziare il riordino notturno. Sabato 10 aprile si inizia presto per la seconda tappa, con l’uscita del primo concorrente dal Parco Assistenza alla Vecchia Stazione alle ore 7.00 e inanellare il primo giro sulle quattro prove che saranno ripetute nel pomeriggio. La gara si concluderà sul palco arrivi (non accessibile al pubblico) posto dentro la Vecchia Stazione alle ore 15.10. La 36esima edizione del Sanremo Rally Storico misura 448,90 km, di cui 135,10 di prove speciali.

La gara entrerà nel vivo con le verifiche tecniche antegara nella giornata di venerdì 9 aprile dalle ore 14.00 alle ore 18.00 presso il parco assistenza di Piazzale Adolfo Rava a Sanremo, proseguendo il giorno successivo, sabato 10 dalle ore 8.30 alle 12.30. Nel frattempo in località San Romolo si svolgerà lo Shake Down che impegnerà i concorrenti dalle 10.30 alle 12.30. Poi tutti a Bordighera dove alle 14.00 si accenderà il semaforo verde per i concorrenti che chiuderanno le loro fatiche, sempre a Capo Ampelio di Bordighera alle ore 20.05 dopo aver percorso 179 km di strada dei quali 59,06 sulle prove speciali di Vignai, Ghimbegna e Perinaldo affrontate due volte.

Il 4° Rally di Cefalù inizierà con le verifiche tecniche a Cefalù nella giornata di sabato 10 aprile dalle ore 11.45 alle 18.15, cui farà seguito la partenza da Lungomare Giuseppe  Giardina di Cefalù nella mattinata di domenica, 11 aprile, alle ore 8.30. L’arrivo della gara è previsto, sempre a Cefalù alle ore 17.45, dopo che i concorrenti avranno affrontato 200,24 km di percorso suddiviso in due prove speciali da ripetere tre volte, pari a 39,60 km di tratti cronometrati.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Winners Rally Team, un fine settimana fra tricolore e autodromo

Con l’inizio del Campionato Italiano Rally prende l’avvio la Suzuki Rally Cup, che vedrà impegnato Nicola Schileo a difendere i colori della squadra torinese. Nell’autodromo di Castelletto di Branduzzo tradizionale rally in pista con protagonisti due piloti Winners Rally Team: Claudio Lavazza e Mauro Piana. Foto Elio Magnano

CASTELNUOVO GARFAGNANA (LU), 9 marzo – Finalmente si comincia. Con il prossimo fine settimana il Campionato Italiano Rally accende il semaforo verde e scatta sulle prove speciali del Rally del Ciocco. Alla gara tricolore toscana Winners Rally Team si presenterà con Nicola Schileo per la prima volta affiancato dal valdostano Flavio Garella al volante della Suzuki Swift R1 con la quale darà l’assalto alla Suzuki Rally Cup, challenge che lo vide concludere al secondo posto nella gara della scorsa stagione. Per il pilota trentino è la seconda esperienza in Garfagnana, dopo quella dello scorso anno quando concluse quarto di Classe R1 e sesto fra i trofeisti Suzuki.

Il 44° Rally del Ciocco e Valle del Serchio, aprirà la stagione 2021 del Campionato Italiano Rally. L’appuntamento per i concorrenti è per mercoledì 10 marzo presso la tenuta “Il Ciocco” a Castelnuovo Garfagnana (LU) con la consegna dei road-book, operazione che proseguirà anche giovedì 11 marzo, giornata dedicata alle ricognizioni autorizzate e alle verifiche tecniche nella serata dalle 20.00 alle 23.00 presso Il Ciocco-Stadio. Le verifiche tecniche continueranno dalle 8.00 alle 11.00 venerdì mattina, 12 marzo, mentre sulla prova College dalle 8.00 alle 12.30 si svolgerà lo Shake Down. I cronometri si metteranno in movimento venerdì pomeriggio alle ore 16.20, quando i concorrenti lasceranno Il Ciocco Pattinaggio per andare a disputare la corta prova “Il Ciocco” di 1,98 km, Power Stage della gara trasmessa in diretta televisiva su RAI Sport. Sabato 13 marzo la seconda frazione di gara con il triplice passaggio sulle classiche “Massa-Sassorosso”, “Careggine e “Molazzana” prima di tornare a “Il Ciocco” dopo aver percorso 302,51 km, di cui 93,42, suddivisi in dieci prove speciali, per festeggiare alle ore 18.00 il vincitore di questa 44esima edizione della gara toscana.

Risalendo la Penisola sino a Castelletto di Branduzzo dove sul circuito pavese domenica 14 marzo si svolgerà il Motor Rally Show Pavia 2021 con due equipaggi griffati Winners Rally Team al via. Per la prima volta alla guida di una Hyundai i20 R5 sarà della partita l’elvetico Claudio Lavazza, che avrà al suo fianco la canavesana Silvia Bianco Francesetti con cui condivide l’abitacolo dal 2019 e con la quale ha disputato il recente Adria Rally Show. Per Claudio Lavazza sarà la seconda esperienza sull’autodromo pavese, dopo quella del 2018, mentre per la navigatrice sarà la prima volta dentro i cancelli dell’impianto lombardo. Sempre per i colori di Winners Rally Team saranno impegnati a Castelletto di Branduzzo Mauro Piana e Marco Di Corso con la loro Citroën Saxo di Classe N2 al loro esordio stagionale. Per Mauro Piana si stratta della prima gara al di fuori dei confini del natio Piemonte.

Il Motor Rally Show Pavia 2021 prenderà l’avvio sabato 13 marzo con le verifiche tecniche in circuito dalle ore 8.30 alle 11.00. Immediatamente dopo, dalle ore 11.30 alle 13.30, i concorrenti effettueranno le ricognizioni del percorso con le vetture stradali, mentre dalle 14.00 alle 17.00 si svolgerà lo Shake Down con le vetture da gara. Il rally scatterà alle ore 18.30 di sabato sera per effettuare le prime due prove speciali. Domenica 14 febbraio si svolgeranno le altre quattro prove speciali prima di chiudere la manifestazione alle ore 14.24, dopo che i concorrenti avranno percorso 53,90 chilometri di cui 52,70 cronometrati suddivisi in sei prove speciali

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Winners Rally Team batte cinque alla Ronde del Canavese

Gara di casa per la scuderia con sede a Torino che presenterà un pokerissimo di equipaggi, che puntano a conquistare posizioni di prestigio in classifica o portare al traguardo la figlia Tiziana esordiente. Immagine Foto Magnano

RIVAROLO (TO), 22 febbraio – Aumenta di ritmo l’impegno agonistico di Winners Rally Team che nel prossimo fine settimana affronterà la quindicesima edizione della Ronde del Canavese con cinque equipaggi.

Il primo a scendere in campo sulla prova di Prascorsano sarà Enrico Tortone che affronterà la gara affiancato da Erika Zoanni sulla Škoda Fabia R5 Rally 2 ultima berlinetta boema arrivata in Italia gestita da Trico World. Per il pilota di Chieri sarà l’occasione del riscatto, dopo che nel 2019 chiuse 29° assoluto con una Fiesta RS WRC. “Stavano lottando per il podio assoluto quando nella seconda prova sono finito in un fosso perdendo cinque minuti. Dopo di che ho recuperato oltre trenta posizione, ma sono finito comunque nelle retrovie”. Per Enrico Tortone si tratta della quarta esperienza sulla Prascorsano, mentre per la sua navigatrice, con cui ha corso a Rally Legend dello scorso anno, si tratta dell’esordio su queste strade.

Škoda Fabia R5, in questo caso seguita da by Bianchi, anche per il milanese Jordan Brocchi, che dopo tre anni torna sulle strade canavesane, con a fianco la giovane navigatrice Alessia Muffolini con la quale ha già corso al Valli Ossolane del dicembre scorso. Peugeot 208 R2 di Roger Tuning per Davide Porta e Andrea Segir, equipaggio fisso e collaudato, che iniziano la loro stagione 2021 sulle strade canavesane in proiezione di una partecipazione al Campionato Europeo. “Per me è la prima volta al Canavese, anche se possiamo dire che è la gara di casa” commenta il diciannovenne pilota di Settimo Torinese. “Era già in programma lo scorso anno, ma l’emergenza Covid cancellò il rally. Come lo scorso anno questa sarà una gara test in vista dei futuri impegni stagionali, in questo caso il campionato europeo che sarà il mio terreno di gara nel 2021”.

Clio Williams di Classe A7 di LPS Competition per Alberto Gianoglio e Vilma Grosso, che tornano in speciale dopo la non fortunata presenza al Rally Alba 2020. Per il pilota torinese e la navigatrice saluzzese, alla loro 32esima gara insieme, l’obiettivo è replicare la grande gara disputata sulla Prascorsano nel 2019, quando chiusero noni assoluti e a podio di classe. Chiude la striscia degli equipaggi Winners Rally Team il locale Fabio Giaj Gianetto, che porterà all’esordio la figlia Tiziana, schierandosi al via con una Renault Clio di Classe N3. Per il pilota si tratta della quarta partecipazione alla gara canavesana. Cercando di riscattare il doppio ritiro delle ultime due edizioni.

La 15esima Ronde del Canavese si svolgerà sabato 27 e domenica 28 febbraio con centro a Rivarolo Canavese (TO), dove sabato 27 sarà distribuito il radar ai concorrenti che testeranno le vetture da gara sul percorso dello Shake Down dalle 10.30 alle 14.30 a Canischio, e nel pomeriggio potranno effettuare le ricognizioni del percorso. Alle 19.31 di sabato ci sarà la passerella presso l’Urban Center di Rivarolo Canavese, per poi scattare per la parte agonistica domenica 28 febbraio alle ore 8.01 prima di tornare all’Urban Center alle 17.54 di sera per l’arrivo, dopo aver percorso quattro volte la classica prova di Prascorsano, per un totale di 44,40 km cronometrati su un percorso di 148.33, ed effettuato quattro riordini e parchi assistenza a Cuorgné.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Winners Rally Team, tutti in pista fra Adria e Pragelato

Doppio appuntamento in circuito per i piloti Winners Rally Team che si presenteranno sull’asfalto di Adria con Lavazza-Bianco e sul ghiaccio di Pragelato con Alberto Gianoglio

ADRIA (RO), 9 febbraio – La propensione rallistica di Winners Rally Team non viene certo smentita nel prossimo fine settimana, quando i suoi alfieri saranno impegnati in una duplice sfida che mantiene inalterato il sapore del controsterzo.

All’Adria International Raceway saranno della partita l’equipaggio elvetico-canavesano formato da Claudio Lavazza e Silvia Bianco che avranno a disposizione una Citroën C3 di Classe R5, equipaggio alla loro quarta gara insieme, dopo la Ronde del Ticino e il Franciacorta Rally Show del 2019 e la scorsa edizione della gara polesana affrontata con una Ford Fiesta R5.

Risalendo tutto il corso del Po si arriva (quasi) a Pragelato nell’Alta Val Chisone, dove domenica è in programma il terzo appuntamento di The Ice Challenge 2021 che vedrà impegnato il torinese Alberto Gianoglio, che avrà nuovamente a disposizione la Subaru Impreza di Classe N4 con la quale ha ottenuto il secondo posto di categoria tre settimane fa.

L’Adria Rally Show entrerà nel vivo venerdì 12 febbraio con le ricognizioni delle prove in autodromo dalle 11.30 alle 14.00 quasi in concomitanza con le verifiche tecniche (ore 11.45-16.00) e lo Shake Down dalle ore 14.45 alle 17.35. Partenza in notturna alle ore 20.00 di venerdì cui segue cinque minuti dopo la Qualifing Stage. La gara si concluderà domenica 14 febbraio alle 13.36.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Alberto Gianoglio, torna al volante a Pragelato

Il pilota torinese all’esordio stagionale con la Subaru Impreza di LPS Competition per i colori di Winners Rally Team, Foto Elio Magnano

PRAGELATO (TO), 24 gennaio – L’occasione della gara su ghiaccio a Pragelato di domenica scorsa ha visto il ritorno di Alberto Gianoglio al volante di una vettura da corsa. Il pilota torinese, portacolori di Winners Rally Team era lontano dalle gare dal Rally di Alba del luglio scorso, gara che aveva terminato prima del limite con la Clio Williams mentre era al comando della Classe A7, e non guidava una vettura da ghiaccio dalle sfide di Pragelato dell’inverno 2020.

Correre su ghiaccio mi piace proprio tanto e non vedevo l’ora di tornare a confrontarmi in pista” commenta il pilota torinese che nella gara di domenica scorsa chiude 19° assoluto e secondo di Classe 3 che mette a confronto le vetture 4×4 di Gruppo A ed N con la Subaru Impreza di Classe N4 della LPS Competition di Settimo Torinese.

È la stessa Impreza che ho usato lo scorso anno nell’Ice Challenge. Ho dovuto riabituarmi, soprattutto perché durante l’annata trascorsa hanno spostato il freno a mano al centro e nella prima manche ho avuto problemi a trovarlo e quindi a fare i tornanti stretti. Nelle manche successive sono riuscito a migliorare le prestazioni e il risultato finale è stato soddisfacente. Ora mi preparo alla gara del 14 febbraio che affronterò nuovamente con l’Impreza della LPS Competition per i colori di Winners Rally Team”.

Winners Rally Team, Cittadino di Montecarlo

Tradizionale inizio di stagione per la scuderia torinese nella gara iridata monegasca con il cuneese Alain Cittadino affiancato da Luca Santi a bordo della Peugeot 208 VTI di Classe RC4. Foto Elio Magnano

GAP (Francia), 18 gennaio – È ormai una tradizione che la stagione di Winners Rally Team inizi con il Rallye Monte-Carlo, che quest’anno festeggia i 110 anni dalla nascita. Alla 89° edizione della gara culto del rallismo mondiale la scuderia torinese vedrà i suoi colori difesi da Alain Cittadino e dal navigatore Luca Santi, con la Peugeot 208 iscritta in Classe RC4 curata da Riccardo Miele.

Fino a ieri ero molto tranquillo sulla gara” commenta il 31enne pilota cuneese mentre affronta la prima giornata di ricognizioni nella zona di Gap. “Oggi ho scoperto che qui il ghiaccio c’è e c’è davvero”. Alla sua prima uscita fuori dai confini nazionali (“finora fuori dal Piemonte ho disputato solo il Rally di Como, il Rally dei Laghi a Varese e il Sanremo Leggenda, che non è nemmeno tanto lontano da casa mia, visto che si svolge appena al di là delle montagne”) i portacolori di Winners Rally Team si trovano ad affrontare situazioni decisamente nuove che stimolano la loro voglia di fare bene. “Dopo il Rally di Como ci venne la voglia di correre il Monza iridato, ma non riuscimmo a concretizzare in tempo il programma, perciò abbiamo dirottato questa prima uscita mondiale al Monte-Carlo”.

Saremo in diciassette in classe e non sarà facile. Se fossimo in una gara italiana sarei tranquillo di poter lottare per la vittoria di categoria (nel corso della sua carriera su 33 gare ha vinto dieci volte la classe), ma in questa situazione sarò già soddisfatto se vedrò l’arrivo di Monte-Carlo. La gara è molto lunga, non tanto nella singola prova speciale (la più lunga è la Montauban sur le Ouvèze di 22,24 chilometri di poco superiore della Valmala di 19,54 km affrontata da Cittadino al Valli Cuneesi nel 2018), ma per la lunghezza del rally con quasi 280 chilometri di prove cronometrate. Qui dovremo vedercela con gli equipaggi francesi, ma non credo che essere di casa dia un vantaggio così determinante, visto che per fare le ricognizioni sulle prime due prove abbiamo fatto duecento chilometri”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il navigatore ventottenne Luca Santi alla sua 69esima gara. “È la mia seconda gara all’estero, avendo disputato il Var 2017 con Michele Tassone. Nessuna delle prove della gara camarghese sarà percorsa dal Monte-Carlo, perciò, anche per me sarà un’avventura assolutamente nuova, ma quella esperienza è sicuramente utile per affrontare questo rally. Nei giorni scorsi ho dovuto seguire con molta attenzione l’evolversi della situazione. Due giorni fa ho dovuto cambiare il piano ricognizioni, perché gli organizzatori hanno dovuto cambiare all’ultimo il format della gara”.

Se per entrambi i portacolori di Winners Rally Team sarà la prima edizione come concorrenti, sia Cittadino, sia Santi hanno già vissuto l’avventura del “Monte” come spettatori. “Qualche anno fa con degli amici siamo andati a vedere lo shake down di Gap e quello è stato il mio unico punto di contatto con la gara monegasca” afferma Alain Cittadino, mentre Luca Santi ha qualche esperienza in più: “La prima volta fu appena presa la patente una decina di anni fa. Con un gruppo di amici andammo a vedere il passaggio sul Turini. Dovemmo fare più chilometri a piedi che in macchina, con un fredde polare, ma fu un’esperienza fantastica che mi convinse a tornare al Monte-Carlo altre volte”.

Nel 2021 Alain Cittadino e Luca Santi saranno fra i protagonisti del rally con la loro Peugeot 208 curata da Riccardo Miele per i colori di Winners Rally Team. E anche se non potranno godere del tifo del pubblico sulle prove speciali, sarà un’esperienza chi si scolpirà indelebilmente nella loro memoria.

L’89° Rallye Montecarlo, che festeggia i 110 anni di età ha fatto accendere i motori ai concorrenti lunedì 18 gennaio con le ricognizioni con le vetture stradali delle prove speciali; ricognizioni che proseguono anche martedì 19 e mercoledì 20, giorno in cui a Gap avranno inizio le verifiche tecniche. Giovedì 21 si accendono i cronometri e i motori delle auto da corsa con la partenza alle ore 13.10 e la disputa delle prime due prove speciali per un totale di 41,36 km cronometrati. Venerdì 22 doppio passaggio sulle tre prove speciali di giornata pari a 126,94 km cronometrati. Sabato 23 gennaio tre prove non ripetute per 57,10 km di prove speciali e domenica 24 gennaio il finale con due prove ripetute per altri 54,48 km di sfida e arrivo alle ore 14.18 a Monte-Carlo, per un totale di 279,88 di prove cronometrate suddivise in 15 frazioni.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

L’atmosfera natalizia contagia Winners Rally Team a “Il Ciocchetto Event”

Finisce la stagione rallistica italiana con la classica gara natalizia nella tenuta de “Il Ciocco”. La scuderia piemontese sarà presente al rally salotto toscano con due equipaggi che si sfideranno fra loro in Classe K10. Foto Elio Magnano

CASTELNUOVO GARFAGNANA (LU), 15 dicembre – La Garfagnana come la Lapponia. Castelnuovo Garfagnana come Rovaniemi, il paese di Babbo Natale. Perché quello è lo spirito che pervade “Il Ciocchetto” rally che da 29 anni chiude la stagione agonistica italiana, in programma nel prossimo fine settimana nella tenuta “Il Ciocco” sulle montagne della provincia di Lucca.

A un simile evento non poteva mancare anche la scuderia torinese Winners Rally Team che sarà protagonista di una bella lotta in famiglia con due Peugeot 106 di Classe K10. Sulla prima delle berlinette francesi ci sarà Marino Gessa, alla sua seconda gara stagionale, che torna al Ciocchetto (gara che ha già disputato cinque volte) dopo sei anni, quando vinse la Classe A6 con la Peugeot 106. Al suo fianco ci sarà per la prima volta il corregionale Marco Demontis. Altro equipaggio di origini sarde sulla Peugeot 106 K10 sfidante con al volante Francesco Fois, alla prima esperienza in Garfagnana, che avrà al suo fianco Nicola Demontis.

Molto concentrato nel suo svolgimento, il “29 Ciocchetto Event-Memorial Maurizio Perissinot” 2020 muoverà le mosse venerdì 18 dicembre in serata con le verifiche sportive e tecniche allo Stadio del Ciocco dalle ore 19.00 alle 21.30. Verifiche che proseguiranno anche nella mattinata successiva dalle 7.00 alle 12.30, quasi in contemporanea con la ricognizione delle prove speciali che si concluderanno alle ore 13.00. Alle ore 15.00 di sabato 19 dicembre scatterà la prima tappa dallo Stadio de Il Ciocco che si chiuderà alle ore 21.45 con l’ingresso nel parco riordino notturno, dopo aver disputato sette prove speciali: College (2,54 km) e Laghetto (2,46 km) ripetute tre volte e La Croce (4,52 km) al termine della giornata. Domenica 20 dicembre alle ore 9.30 ripartenza per la seconda e definitiva tappa con la tripla ripetizione delle prove speciali Stadio (2.60 km) e Noi TV (2,06 km) fino alle ore 13.50 quando con l’arrivo verrà proclamato il vincitore di questa edizione. In totale il rally misura 77,68 km di cui 33,50 cronometrati.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Winners Rally Team dà spettacolo con Jordan Brocchi e spegne le candeline con Alessia Muffolini sulle strade ossolane

Finisce la stagione rallistica piemontese e la scuderia torinese non poteva mancare a una delle classiche regionali. Lo farà con Jordan Brocchi, affiancato dalla navigatrice Alessia Muffolini, che avrà a disposizione la Škoda Fabia R5 curata da Fabrizio Bianchi.  Foto archivio Elio Magnano

DOMODOSSOLA (VCO), 9 dicembre – Si chiude fra le montagne ossolane la stagione rallistica piemontese con la 56esima edizione del Rally Valli Ossolane, in programma nel prossimo fine settimana e Winners Rally Team non poteva mancare schierando al via il milanese Jordan Brocchi, affiancato per la prima volta dalla navigatrice bresciana Alessia Muffolini, che festeggerà il suo compleanno sulle prove speciali ossolane domenica 13 dicembre.

Per lo spettacolare pilota milanese si tratterà della seconda gara dell’annata, dopo essersi esibito sulla terra di Rallylegend con la Nissan 350Z, puledro bizzarro a trazione posteriore, e sarà la prima della stagione con la Škoda Fabia R5 by Bianchi, vettura usata da Brocchi dall’inizio dell’annata 2019. Sia per Brocchi, sia per la Muffolini si tratta della prima volta sulle strade del Valli Ossolane.

Quest’anno già riuscire a partecipare alle gare è un’impresa” commenta Brocchi.Ero iscritto a due rally che sono stati annullati e finalmente posso fare una gara prima che l’annata finisca. Non ho mai visto queste prove speciali, ma non importa perché ho tantissima voglia di correre. Come sempre il mio obiettivo principale è divertirmi e dare spettacolo in prova speciale. E riuscire a entrare fra i migliori dieci della classifica assoluta, cosa non facile visto che l’elenco iscritti presenta fior fior di piloti, fra i quali molti locali, per i quali il Valli Ossolane è la gara della vita. Le condizioni meteo potrebbero essere difficili, anche se al momento attuale non sono previste precipitazioni. Se ci sarà pioggia o neve, ci ispireremo al Monte Carlo e chiameremo la gara MonteOssola”.

Il 56° Rally Valli Ossolane entrerà nel vivo venerdì 11 dicembre con le ricognizioni del percorso da parte degli equipaggi, alla guida di auto stradali seguendo rigorosamente il codice della strada. Sabato 12 dicembre fra le ore 9.00 e le 12.00 si svolgeranno le verifiche tecniche nel parco assistenza della Zona Industriale Nosere di Domodossola, quasi in contemporanea con lo Shake Down fra le 9.30 e le 12.30. La gara scatterà da Domodossola alle ore 14.31 di sabato per concludersi il giorno dopo, domenica 13 dicembre, alle 17.05 a Malesco. La gara si sviluppa su un percorso di 305,72 km di cui 57,30 km cronometrati suddivisi in cinque prove speciali: un passaggio sulla Crodo-Mozio (9,50 km) il sabato e altri due la domenica e un doppio passaggio domenicale sulla classica Cannobina di 14,40 km.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Strade iridate per Winners Rally con Enrico Brazzoli all’ACI Rally Monza

Secondo appuntamento in ottica mondiale per la scuderia torinese che sarà a fianco di Enrico Brazzoli nella sfida lombarda in programma nel prossimo fine settimana. Foto Elio Magnano

MONZA (SI), 21 novembre – Una sola gara nel curriculum mondiale della stagione 2020 di Winners Rally Team non era sufficiente. Ed ecco allora la scuderia torinese affiancare Enrico Brazzoli (che negli anni passati ha regalato al team piemontese due titoli iridati) nella gara conclusiva della stagione WRC, in programma nel fine settimana fra l’autodromo di Monza e le montagne bergamasche.

Dopo la positiva partecipazione al Rally MonteCarlo di gennaio, suo esordio con la Škoda Fabia R5 di PA Racing, Enrico Brazzoli si presenterà all’ACI Rally Monza con a fianco Maurizio Barone (suo storico navigatore e ancora con lui da inizio anno) nuovamente al volante della vettura boema con la quale ha ottenuto la sesta piazza fra gli iscritti alla categoria WRC3 alla gara monegasca.

Essere al via dell’ACI Rally Monza è per me motivo di orgoglio, visto che la gara si svolge in parte all’interno dell’autodromo. Non sarà una gara facile. Le condizioni meteo non sono buone, con previsione di pioggia nell’arco dei tre giorni di gara. In autodromo troveremo asfalto viscido, mentre nelle montagne della Val Seriana le strade saranno coperte di fango. Ma ciò assolutamente non mi spaventa, in quanto in carriera mi sono trovato più volte in situazioni simili e ciò fa parte della sfida. Gestiremo la gara con la massima attenzione, aumentando il ritmo strada facendo. Arrivare al traguardo in buona posizione al Rally di Monza sarà sicuramente per me motivo di grande soddisfazione” commenta Brazzoli prima di iniziare la trasferta monzese

ACI Rally Monza 2020, erede iridato del Rally Autodromo di Monza, spettacolare gara di fine anno andata in scena dal 1978 al 2000, rinominato poi Monza Rally Show, è diventato quest’anno la settima e ultima gara del Campionato Mondiale Rally. Il rally acquista vivacità dinamica martedì 1 dicembre con le ricognizioni da parte dei concorrenti delle prove speciali del primo giorno che proseguono anche il giorno successivo. Mercoledì 2 dicembre è anche il giorno in cui iniziano le verifiche tecniche, a partire dalle ore 16.00 presso l’Autodromo di Monza. Giovedì aumenta l’adrenalina con le ricognizioni del percorso del terzo giorno in mattinata, lo Shake Down dalle ore 10.01 alle 13.30 su un percorso di 4.64 km all’interno dell’autodromo.

Alle 13.55 di giovedì 3 dicembre il via ufficiale della gara e immediatamente dopo la prima prova speciale, sempre in autodromo della lunghezza di 4,33 km, prima del rientro in riordino nei box della pista. Venerdì 4 dicembre la gara scatta alle 7.55 per disputare cinque prove speciali (l’ultima alla luce dei fari) all’interno dell’autodromo, per un totale di 69,61 chilometri cronometrati. Sabato 5 dicembre partenza alle 6.30, ben prima del sorgere del sole per dirigersi verso le colline bergamasche dove i concorrenti affronteranno le sei prove speciali fuori dalle mura del circuito, fra le quali il doppio passaggio sulla Selvino, la più lunga del rally con i suoi 26,05 chilometri. Prima di tornare all’autodromo di Monza per confrontarsi sull’ultima prova speciale di giornata, la Grand Prix di 10.31 chilometri, ancora una volta percorsa dopo il tramonto del sole. La giornata di sabato vivrà su 126, 95 chilometri di prova speciale. Domenica 5 dicembre gran finale fra le ore 7.15 e le 14.00 con tre prove speciali per un totale di 40.25 km di prove speciali (e appena 4,34 di trasferimento) all’interno dell’autodromo che segneranno la fine della gara. In totale l’ACI Rally Monza 2020 misura 513,90 chilometri di percorso, di cui 241,14 suddivisi in 16 prove cronometrate.

Winners Rally Team si veste di tricolore con Davide Porta

Continua la striscia positiva della scuderia torinese che conquista un doppio titolo in stagione con il millenial Davide Porta che fa suo il Campionato Italiano Rally Classe R1 e Campionato Italiano Rally Classe R1 Under 25. Successo che dimostra quanto la scuderia Winners Rally Team sia impegnata a promuovere il valore dei giovani piloti

CASTELNUOVO BERARDEGNA SCALO (SI), 21 novembre – Per il terzo anno consecutivo Winners Rally Team mette in bacheca un titolo ufficiale: il quarto, anzi il quarto e il quinto. Dopo le vittorie iridate di Enrico Brazzoli (2018 e 2019) il titolo tricolore con Patrizia Perosino lo scorso anno, arriva il doppio titolo italiano R1 con il “millenialDavide Porta che al Tuscan Rewind conquista il Campionato Italino Rally Classe R1, dopo aver già fatto suo il Campionato Italino Rally Classe R1 Under 25 al Rally Due Valli.

Il nostro motto è corriamo per passione. E ora possiamo aggiungere crediamo nei giovani e lo abbiamo dimostrato” afferma Carlo Valinotti, pilota e amministratore delegato di Winners Rally Team. “Abbiamo creduto nel potenziale e nel talento di Davide Porta fin dall’inizio e siamo felici che le nostre intuizioni siano state confermate dai risultati in gara”.

Alla sua prima stagione nei rally “su strada” (in precedenza aveva disputato solo quattro rally in circuito) il pilota di Settimo Torinese, nato l’8 settembre 2001, ha dimostrato di avere ottime doti velocistiche, nervi saldi e soprattutto ben chiaro l’obiettivo da raggiungere: la vittoria nel campionato R1 del CIR.

Quando abbiamo pianificato la stagione, mi sono posto l’obiettivo di vincere questo campionato. Se non ti prefiggi obiettivi ambiziosi non vai da nessuna parte. Anche se sapevo che sarebbe stato difficile e con avversari forti. Questo dà maggior valore al successo” commenta il baby portacolori di Winners Rally Team che nel corso della stagione ha disputato sei gare, tre con la Fiesta R1 T19 e altrettante con la nuova Clio RSR Rally 5; collezionando un solo ritiro per guasto meccanico al Ciocco, salendo regolarmente sul podio di categoria nelle altre gare.

Il Tuscan Rewind è stata una gara difficile e impegnativa. Inoltre era la prima esperienza sulla terra. Ero però ottimista, perché fin dallo Shake Down i tempi erano incoraggianti e sentivo di avere bene in mano la Clio. Alla partenza della gara Andrea Segir, il mio navigatore, mi ha detto: “Pensiamo al campionato. Siamo al comando. Sono gli altri che devono attaccare. Non montiamoci la testa e corriamo con intelligenza”.

Davide Porta e Andrea Segir hanno vissuto il rally toscano marcando stretto per tutta la gara gli avversari, il principale dei quali Simone Goldoni. Senza perdere il sangue freddo quando il valdostano inizia una rimonta che lo ha portato a risalire nelle posizioni di vertice di categoria. “Ho guidato sempre senza commettere errori badando a ottenere il miglior risultato possibile senza incorrere in errori” racconta il diciannovenne torinese, che immediatamente dopo sottolinea: “Però mi sono anche divertito. Nei tre passaggi sulla prova denominata La Sesta ho spinto a fondo, perché è una prova velocissima con dei dossi che hanno proiettato la Clio verso il cielo”. E infatti i tempi registrati da Porta-Segir in questo tratto cronometrato confermano l’empatia dei portacolori Winners Rally Team che su questi sette chilometri ottengono le loro migliori prestazioni, segnando addirittura il miglior tempo di categoria nell’ultimo passaggio.

Questa è stata una stagione impegnativa con alcuni momenti difficili come il ritiro al Ciocco, o il Rally Due Valli, disputato in condizioni proibitive su prove sporche, sotto la pioggia, immerse nella nebbia che impediva di capire dove fosse il punto di staccata. Però mi sono divertito anche alla gara veronese. Credo che la prova speciale Cà del Diaolo sia la più bella su cui ho corso nella stagione. Velocissima, con i suoi tornanti in discesa dove dare spettacolo. Della stagione non mi è piaciuto correre a porte chiuse. Non avere amici e tifosi che ti incoraggiano in prova speciale, non condividere al traguardo i risultati positivi con le persone che ti sono vicine è frustrante. Ma è già stato positivo riuscire a correre”.

Ora per Davide Porta si apre un periodo di riposo e di preparazione della prossima stagione. “Ovviamente non abbiamo ancora pensato a nulla. Attendiamo di vedere come saranno i campionati del prossimo anno. Ora mi godo questo successo che dedico a mio padre Paolo, a Winners Rally Team e agli sponsor che mi sono stati vicini e mi hanno aiutato in questa stagione vittoriosa”.

Per il giovane tifoso di Sébastien Loeb la strada verso i vertici del rallismo è appena iniziata. Ma, come dice il proverbio, “chi ben comincia è a metà dell’opera”.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito

Winners Rally Team, doppio impegno fra i vigneti del Tuscan Rewind

Ultima gara titolata della stagione sulla terra toscana, alla quale la scuderia torinese partecipa con due equipaggi. Brazzoli-Barone, Škoda Fabia R5, che si confrontano con l’élite del rallismo italiano e Porta-Segir, a caccia del titolo tricolore di Classe R1. Foto Elio Magnano

CASTELNUOVO BERARDEGNA SCALO (SI), 18 novembre – E siamo arrivati all’epilogo. L’11esima edizione del Tuscan Rewind, in programma nelle colline senesi, fra i vigneti che regalano un vino prelibato come il Brunello di Montalcino, metterà la parola fine allo strano Campionato Italiano Rally 2020, condensato in cinque gare, programmate nell’arco di soli quattro mesi.

Winners Rally Team non poteva mancare sugli sterrati toscani, resi celebri dal Sanremo iridato degli anni d’oro, e si presenterà al via con due equipaggi. Il primo a prendere il via sarà quello formato da Enrico Brazzoli-Maurizio Barone (#6), che tornano in gara dopo quattro mesi, dal Rally di Roma Capitale, presentandosi al volante della Škoda Fabia R5 che hanno usato al Montecarlo di gennaio. Per il pilota saluzzese doppiamente iridato si tratta della prima esperienza sulle strade del Chianti, mentre il navigatore ligure disputò questa gara già nel 2012.

Occhi puntati sull’altro equipaggio con le insegne Winners Rally Team, quello formato da Davide Porta-Andrea Segir che affronteranno gli sterrati con la loro Renault Clio Rally 5 di Classe R1 (#103). Il giovanissimo pilota torinese si presenta al Tuscan al comando della classifica della categoria R1 del Campionato Italiano Rally, e l’impegno di onorare il titolo di campione Under 25 di Classe R1 già conquistato al precedente Due Valli.

L’11° Tuscan Rewind entrerà nel vivo venerdì 20 novembre (dalle 8.00 alle 13.00) con le verifiche tecniche presso il parco assistenza ospitato nel kartodromo di Castelnuovo Berardegna Scalo, cui farà seguito lo Shake Down dalle ore 13.00 alle ore 17.00. La gara sarà tutta concentrata sabato 21 novembre con partenza alle ore 7.01 e triplice passaggio sulle tre prove speciali Castiglion del Bosco (9.14 km) La Sesta (7.18 km) e Torrenieri-Badia Ardenga (14.39 km) per un totale di 92,13 km cronometrati su un percorso di 216,60 km prima di chiudere la gara e proclamare i campioni italiani alle ore 16.00.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Winners Rally Team cala il poker in pista e un asso ai cronometri

Un fine settimana senza rally per la scuderia torinese, ma i motori non si spengono. Quattro piloti al via della gara di campionato italiano di Formula Challenge sulla pista pavese e un equipaggio nella gara di regolarità più rallistica al mondo sono gli impegni di Winners Rally team per sabato e domenica prossima.

CASTELLETTO DI BRANDUZZO (PV), 12 novembre – Si chiama 2° Challenge Valpolcevera-10° Challenge del Lupo, ma il luogo di svolgimento non sarà nelle montagne genovesi, ma oltre l’Appennino Ligure sulla pista di Castelletto di Branduzzo in provincia di Pavia, 1900 metri di sviluppo reso impegnativo da sedici curve, per una gara organizzata dalla Scuderia Valpolcevera che il mese scorso ha messo in scena lo Slalom Mignanego-Giovi. La gara, valida come terza delle sei prove del Campionato Italiano Formula Challenge, si svolgerà sabato 14 novembre (verifiche) e domenica prossima (gara a partire dalle ore 9.00) e vedrà schierati quattro portacolori di Winners Rally Team.

A caccia del gradino più alto del podio ci sarà il torinese Andrea Grammatico, con la Radical SR4, galvanizzato dal recente successo alla Mignanego-Giovi, gara nella quale si è ben comportato anche Giuseppe Scozzafava, anche lui al volante di una Radical, che ha chiuso settimo assoluto dello slalom ligure. Vettura più impegnativa, in quanto a dimensioni, ma sicuramente efficace sarà la Škoda Fabia R5 che tornerà nelle mani del genovese Roberto Malvasio, brillante vincitore del Gruppo A nonché decimo assoluto (dopo nove prototipi) alla Mignanego-Giovi. Non poteva mancare alla gara di casa Riccardo Canzian, velocissimo e giovane pilota pavese, che si schiererà al via con un Proto Kart.

Tornando sulle emozioni rallistiche Winners Rally Team sarà al via a Grezzana (VR) della 18esima edizione del Revival Valpantena, gara di regolarità particolarmente amata dai rallisti per la bellezza delle strade da percorrere. La scuderia torinese sarà rappresentata da Paolo e Aurelio Corbellini chi si presenteranno al via con la loro Sierra Cosworth Gruppo 4. Il Revival Valpantena, in osservanza alle norme Covid, si svilupperà in formato più ridotto, tutto concentrato nella giornata di sabato 14 novembre, con partenza alle ore 8.31 e arrivo alle ore 17.16 a Grezzana, dopo aver affrontato 201 km di percorso (di cui 51,8 suddivisi in prove speciali) che ha il profumo dei rally di altri tempi.

Notizie, comunicati e curiosità sulla scuderia Winners Rally Team nelle pagine del sito www.winnersrallyteam.com e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/wrt.europe/

Coppe e trofei nel mirino di Winners Rally Team nel fine settimana  

Foto Magnano_Fine settimana titolato per la scuderia torinese che affronta con due equipaggi la Finale di Coppa Italia a Como e con uno la prova ungherese del Campionato Europeo Rally

COMO, 3 novembre – Fine settimana ricco di impegni importanti per Winners Rally Team, che schiera tre suoi equipaggi in due rally che valgono la stagione. Al 39° Trofeo ACI Como saranno della partita Alain Cittadino e Luca Santi con la loro Clio RS, e Nicola Schileo con la sua Suzuki Swift; nel frattempo in Ungheria, a Nyíregyháza, andrà in scena il Rally Hungary 2020 che avrà come protagonisti Roberto Gobbin e Alessandro Cervi con la loro 124 Abarth Rally.

Il Trofeo ACI Como è per il secondo anno la finale di Coppa Italia e vede riuniti sulle prove lariane tutti i piloti che si sono distinti nelle nove zone in cui è divisa l’Italia rallistica. Fra questi troviamo l’equipaggio saluzzese formato da Alain Cittadino e Luca Santi, che hanno ottenuto l’accesso alla finale grazie a due successi di Classe N3 (Lana e Torino) e il recente secondo posto al Rubinetto che ha confermato il primato ottenuto nelle precedenti gare. Alain Cittadino aveva già partecipato al Trofeo ACI Como dello scorso anno chiudendo 17° fra gli iscritti alla Coppa Italia e quarto di Classe N3.

Gara della massima importanza per Nicola Schileo, con Gianguido Furnari al quaderno delle note, attualmente secondo nel Suzuki Rally Trophy, dopo aver conquistato il primato al Targa Florio, leadership persa con il ritiro del Due Valli. Schileo è alla terza partecipazione alla gara lariana, sempre affiancato da Gianguido Furnari, avendo ottenuto un quarto e un quinto posto nelle due precedenti edizioni fra i partecipanti al Trofeo Suzuki.

Il 39° Trofeo ACI Como dà appuntamento ai concorrenti per le verifiche tecniche al Lario Tir Parking (dove è situato anche il Parco Assistenza) giovedì sera, 5 novembre, dalle 20.00 alle 23.00 e venerdì mattina, 6 novembre, dalle 8.00 alle 12.30. Sempre venerdì i concorrenti potranno testare le vetture allo Shake Down di San Fermo della Battaglia dalle 9.00 alle 14.30. Venerdì sera, alle 17.01, il rally scatta ufficialmente dal parco assistenza per andare a disputare alla luce dei fari la prima prova speciale Alpe Grande a Cerano, di 8,86 km, per poi tornare al Lario Tir Parking per il riposo notturno. Particolarmente piena la giornata di sabato, 7 novembre, con partenza alle ore 6,51 del mattino, due passaggi sulle speciali di Sormano (15,00 km) e Bellagio (11,45) e un altro sulla Cerano, quindi tornare a Como per l’arrivo finale alle 18.10. Il 39° Trofeo ACI Como si sviluppa su 384,75 di percorso, 70,62 di prove speciali.

Trasferta ungherese per Roberto Gobbin, affiancato dal genovese Alessandro Cervi, impegnato con la sua 124 Abarth Rally a incrementare il bottino di punti conquistati al Rally Roma Capitale e al Fafe Montelongo Rally in Portogallo, che hanno proiettato il pilota pinerolese al secondo posto dell’Abarth Rally Cup e al quinto di ERC2. Una gara impegnativa quella ungherese che presenta anche una prova speciale sterrata in un crossdromo il venerdì sera, con prove veloci e probabilmente umide e sporche nel sottobosco.

La seconda edizione del Rally di Ungheria, valido come quarta prova del Campionato Europeo Rally (ERC) e Abarth Rally Cup, entrerà nel vivo mercoledì 4 novembre, con le verifiche amministrative e la distribuzione del road-book (ore 18.00-22.00) a Miskolc, la quarta città ungherese per popolazione. Il giorno successivo, giovedì 5 novembre, tutto lo staff del rally si trasferirà a Nyíregyháza per le verifiche tecniche (ore 13.00-22.00) e completare quelle amministrative (ore 18.00-22) e la ricognizione delle speciali della prima tappa (8.00-22.00). Venerdì 6 novembre proseguono le ricognizioni sulle prove della seconda tappa (8.00-16.00). Alle 17.55 il rally entra ufficialmente nel vivo con la partenza dal Nyíregyháza Center e il trasferimento al Rabócsiring, una pista permanentante di RallyCross. Qui, alla luce dei fari, si svolgerà la prima ed emozionante prova speciale di 2,4 km, con gli equipaggi che si affronteranno fianco a fianco, uno contro l’altro. La giornata termina con il parco chiuso di Nyíregyháza. Per ripartire il mattino successivo, sabato 7 novembre, alle 8,15 per completare la prima e più lunga tappa del rally che comprende in totale nove prove speciali, per 118,78 km cronometrati e chiudere le fatiche alle ore 19.14. Domenica 8 novembre tappa finale a partire dalle 7.35, su sette prove speciali (69,88 km cronometrati) e conclusione a Nyíregyháza alle 16.30, dopo aver percorso, in totale 956,01 km suddivisi in 16 prove speciali per 191,06 km complessivi a fare classifica.

Winners Rally Team, “Rubinetto” aperto per Alain Cittadino e Luca Santi

La gara novarese, ultimo appuntamento del CRZ di Prima Zona è il trampolino di lancio verso la finale di Como per l’equipaggio saluzzese, attualmente in testa alla classifica di Classe N3. Foto Elio Magnano

SAN MAURIZIO D’OPAGLIO (NO), 28 ottobre – Ultima gara di Coppa Italia Rally di Zona (e non solo di Prima Zona, ma dell’intera penisola) il 27° Rally del Rubinetto rappresenta l’ultima spiaggia per arrivare alla finale di Como, che riunirà tutti i migliori equipaggi delle nove zone d’Italia.

Grandi speranze e ottime possibilità di accedere alla finale lariana per l’equipaggio portacolori Winners Rally Team, formato da Alain Cittadino e Luca Santi, che attualmente conduce la classifica della Classe N3 di Prima Zona grazie al successo nelle due gare stagionali cui ha partecipato, ovvero il Rally Alba e Rally Città di Torino, accumulando dieci punti di vantaggio sul più vicino inseguitore. Tanti ma non sufficienti a prendere con leggerezza la gara del Lago d’Orta. Al Rubinetto l’equipaggio saluzzese della Clio RS dovrà confrontarsi con altri 11 equipaggi di Classe N3 per assicurarsi il passaporto per Como della prossima settimana. Alain Cittadino e Luca Santi sono alla seconda esperienza al Rally del Rubinetto: lo scorso anno i due portacolori di Winners Rally Team hanno concluso vincendo la Classe N3 e chiudendo al 29° posto assoluto.

I concorrenti del Rally Rubinetto sono convocati a partire dalle ore 9.30 di venerdì 30 ottobre per le verifiche tecniche che si protrarranno fino alle ore 14.30 presso la direzione gara di San Maurizio d’Opaglio. Sempre venerdì, dalle 14.00 alle 17.00 si svolgerà lo Shake Down a Valduggia (VC). Sabato 31 ottobre la gara scatterà alle ore 7.31 da San Maurizio d’Opaglio e si concluderà alle 19.25 a Borgosesia dopo un triplo passaggio sulle prove speciali Città di Borgosesia (7,50 km) e la classica Mottarone (9.20 km) per un totale di 50,10 km cronometrati su un percorso di 316,18 km.

Winners Rally Team, scavalca le Due Valli, cavalca la Maremma

Impegno tricolore in Veneto per la scuderia torinese con due equipaggi a caccia del primato nella Suzuki Rally Cup (Schileo) e Under 25 (Porta). Trasferta continentale in Toscana per l’equipaggio sardo Fois-Figoni con la Mini Cooper S. Foto Elio Magnano

VERONA, 21 ottobre – Riparte con il Rally Due Valli di Verona la Suzuki Rally Cup e Winners Rally Team vedrà il suo alfiere Nicola Schileo impegnato a difendere la leadership guadagnata alla Targa Florio, che tiene in pugno con tre punti di vantaggio sul più vicino degli inseguitori. Il pilota della Suzuki Swift sarà inoltre impegnato a rimontare la classifica di Classe R1 del CIR nella quale attualmente occupa la quarta posizione, a due punti dalla zona podio. Schileo, che scatterà con il numero 101 sulle portiere, sarà il primo a scendere dalla pedana fra i concorrenti del Trofeo Suzuki. Come navigatore ci sarà Gianguido Furnari, che torna al suo fianco dopo un’assenza che dura dal Rally di Como dello scorso anno.  Per Schileo questa è la seconda partecipazione alla gara scaligera, dopo quella non fortunata del 2017, sempre navigato da Furnari, conclusa con un ritiro. Numero 113 invece per il secondo portacolori di Winners Rally Team, Davide Porta, che avrà per le mani il volante della Ford Fiesta sempre di Classe R1 con la quale occupa attualmente la seconda piazza della Classe R1 del CIR, a soli tre punti dalla vetta, mentre è il leader della classifica di Seconda Divisione della categoria, guidando inoltre con autorevolezza quella riservata ai conduttori Under 25. Essendo alla sua prima stagione rallistica out-door, il pilota torinese è alla sua prima esperienza nella gara veronese, come pure è all’esordio su queste strade anche il suo pur esperto navigatore, Andrea Segir.

Il 38° Rally Due Valli, valido per il Campionato Italiano Rally e Campionato Italiano Rally-WRC, entrerà nel vivo con le verifiche tecniche che occuperanno l’intera giornata di venerdì 23 ottobre dalle ore 11.00 alle ore 19.00 nel Parco Assistenza presso lo stadio di Verona. Nel pomeriggio, dalle ore 14.00 alle 20, a Grezzana si svolgerà lo Shake Down. Come da regolamento, la parte agonistica è concentrata tutta nella giornata di sabato 24 ottobre, con partenza alle ore 7.01 per affrontare tre volte il trittico delle classicissime prove speciali Ca del Diaolo (14,31 km), Santissima Trinità (9,66 km) e Porcara (4,19) che portano a 88,48 km di prove cronometrate su un percorso di 329,58 km totali. L’arrivo della prima vettura è previsto per le ore 21.45 allo stadio di Verona.

A Follonica Winners Rally Team è rappresentata da Francesco Fois, che per la prima volta avrà al suo fianco sulla Mini Cooper S di categoria Racing Start Giovanni Figoni. Per Fois, che ha concentrato gran parte della sua attività rallistica in Sardegna, si tratta della prima trasferta in Maremma e il ritorno alle gare dopo ben sedici mesi di inattività, dallo Shardana Rally della scorsa stagione, gara in cui conquistò la nona piazza assoluta.

Il 44° Trofeo Maremma si animerà sabato 24 ottobre quando le vetture dei concorrenti saranno sottoposte alle verifiche tecniche dalle ore 10.30 alle 17.30 da parte dei commissari presso il Palagolfo di Follonica (GR) dove è situato il parco assistenza. Nella stessa giornata, nella vicina Scarlino è previsto lo Shake Down dalle ore 14.00 alle 18.00. Il Palagolfo è anche il punto di partenza della gara che si snoderà su un percorso di 241, 80 km di prove, suddiviso in nove speciali (tre da ripetere tre volte) per un totale di 63,00 km cronometrati. L’arrivo è previsto alle ore 16.38 di domenica, nell’area del Palagolfo di Follonica.

Roberto Malvasio soffia sulle trenta candeline alla Mignanego-Giovi

Il portacolori di Winners Rally Team esordì qui nel 1990. Dopo aver disputato una ventina di edizioni torna quest’anno con la stessa Škoda Fabia con la quale lo scorso anno segno il miglior tempo sotto la pioggia nella prima manche. Di Tommaso M. Valinotti

MIGNANEGO (GE), 14 ottobre – “No, non confondetevi. Di anni ne ho qualcuno di più, ma lo slalom Mignanego-Giovi è la prima gara che ho disputato nel lontano 1990” afferma sorridente Roberto Malvasio, gran specialista degli slalom e da un decennio delle salite che è nato, cresciuto e tuttora vive nella vallata di fianco alla Val Polcevera dove si svolge questo slalom. “La prima esperienza fu avventurosa. Avevo 23 anni e tanta voglia di correre; alla prima occasione salii sulla 126 prototipo del concittadino Gaetano Balbi, meccanico e padre di un mio amico di infanzia, affrontando con entusiasmo le birillate della gara del primo maggio”. Il risultato non è all’altezza delle aspettative, il prototipo artigianale ha qualche problema di sviluppo e dopo la prima manche dice basta, ma almeno il ghiaccio è rotto.

Dopo quella prima edizione di Mignanego-Giovi ne ho fatti una ventina, conquistando il terzo posto assoluto nel 2013 con una Radical. Quest’anno torno al via con una Škoda Fabia R5 di Pool Racing, come nella scorsa edizione, quando chiusi nono assoluto, vincendo la mia categoria e risultando il migliore dopo otto prototipi sicuramente favoriti fra i birilli. E prendendomi la soddisfazione di segnare il miglior tempo assoluto nella prima manche, sotto la pioggia. Nelle successive è uscito il sole e così sono stato risucchiato in classifica dalle vetture più adatte a questa specialità” commenta il portacolori di Winners Rally Team, che sicuramente penserà maggiormente a spingere al massimo la Škoda fra i birilli, che a soffiare sulle candeline. Sempre che qualcuno gli prepari la torta.

Winners Rally Team. Fine settimana fra birilli e Merende

Doppio impegno sui due versanti delle Alpi Liguri per la scuderia torinese che schiera i suoi alfieri allo Slalom Mignanego-Giovi, in provincia di Genova, e al Trofeo delle Merende a Santo Stefano Belbo in provincia di Cuneo

MIGNANEGO (GE), ottobre – Meno di cento chilometri dividono Mignanego, ridente comune arrampicato a 137 metri sul livello del mare nell’entroterra genovese sulla strada che porta al passo dei Giovi, da Santo Stefano Belbo, in provincia di Cuneo, dove si possono ritrovare rimembranze di tracce pavesiane in ogni angolo.

Winners Rally Team si presenterà al via con notevoli ambizioni di classifica alla gara della Valpolcevera. A cominciare dal suo pilota in questo caso di punta, Andrea Grammatico, reduce da un doppio secondo posto nelle annate 2018 e 2019 con la sua Radical SR4 con la quale punterà al successo in questa edizione. Radical SR4 anche per il calabrese Giuseppe Scozzafava, che punterà alle posizioni nobili della classifica dopo il buon 15° posto della scorsa stagione. Si presenterà in versione rallistica il locale Andrea Malvasio che affronterà la statale del Passo dei Giovi, gara in cui ha esordito trent’anni fa, con la stessa Škoda Fabia R5 di Pool Racing con cui lo scorso anno stabilì il miglior tempo assoluto sotto la pioggia nella prima manche, per poi venire risucchiato nell’ultima quando il terreno si fece asciutto, terminando ottimo nono assoluto dietro a otto prototipi. A chiudere il pacchetto Winners Rally Team ci penserà Michele Di Marco con la sua storica 127 Gruppo 2.

Un balzo sopra le Alpi Liguri e si atterra a Santo Stefano Belbo dove Ivan Paire continua la sua marcia di avvicinamento verso il Monte Carlo 2021 con la Clio R3T curata dalla Gima Autosport, marcia iniziata a inizio settembre con il francese Rallye Mont Blanc. Al Rally Trofeo Merende Ivan Paire ritroverà il savonese Fulvio Florean, con cui aveva disputato la sua ultima stagione completa nel lontano 2008 e anche l’ultima gara italiana il Rally Team 971 dello stesso concluso al terzo posto assoluto. Al via della gara cuneese anche Mauro Piana che condividerà come già aveva fatto al Rally Alba la sua Citroën Saxo VTS con Marco Di Corso.

Giunta alla trentottesima edizione e valida per l’assegnazione del 3° trofeo “Bruno Polini”, lo slalom Mignanego-Giovi, la più longeva gara nazionale tra i “birilli” sarà articolata su due giornate, la prima delle quali, sabato 17 ottobre, prevede, dalle ore 16:00 alle 19:00, in Piazza Colombo, a Busalla, le operazioni di accredito e controllo dei documenti. Domenica, dopo un supplemento di operazioni preliminari al Passo dei Giovi dalle ore 07:00 alle 08:00, la gara entrerà nel vivo alle ore 10:00 con la salita di ricognizione a cui faranno seguito – rispettivamente alle ore 11:45, 13:45 e 15:45 – le tre manche su cui è articolata la sfida. La premiazione finale è prevista alle 17:30 al Passo dei Giovi. La gara si sviluppa su un tracciato di 3200 metri inframmezzato da 14 birillate.
Il 2° Rally Trofeo delle Merende richiamerà i concorrenti a Santo Stefano Belbo, presso l’hospitality Peletto, sabato 17 ottobre, dalle 8.00 alle 20.00 per la distribuzione targhe, numeri e pass, mentre dalle 8.30 alle 14.00 si svolgeranno le verifiche sportive e tecniche. Sabato è anche la giornata dello Shake Down, in programma dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00 su un tratto di 2,65 km in località Santa Libera. Domenica si corre, con partenza dal parco assistenza di Piazza Unità d’Italia alle ore 8.01 per farvi ritorno per i due riordini-parco assistenza e l’arrivo finale delle ore 16.27. dopo aver percorso 177,34 km di gara, di cui 53,34 di prove speciali sul triplice passaggio delle prove Consorzio dell’Asti di 9.30 km e Santero 958 di 8,48 km.

Andrea Grammatico, un “sole vincente” nel firmamento di Winners Rally Team

A settembre il pilota torinese, uno dei portacolori del team piemontese fra i birilli, ha conquistato una splendida vittoria, la sesta in carriera, nella gara trentina della Val di Sole al suo esordio stagionale. E nel prossimo fine settimana sarà protagonista con la sua Suzuki Hayabusa alla Mignanego-Giovi, gara che nelle ultime due edizioni lo ha visto salire sul secondo gradino del podio. Ma mai vincere

TORINO, ottobre – La passione per i motori parte da lontano. Addirittura dal padre Gianni che quando Andrea Grammatico era bambino si dilettava fra i birilli delle gimkane, nei piazzali delle cittadine che praticamente ogni domenica ospitavano una gara. Mentre per Gianni la voglia di sfogare la passione motoristica erano le quattro ruote, il piccolo Andrea si cimentava sulle due ruote (si può iniziare a gareggiare molto prima) per volare in cielo sui salti da cavalletta delle piste sterrate.

Ma si sa, la terra delle piste da motocross è molto dura e le cadute sono frequenti. Così Andrea Grammatico, classe 1994, dopo qualche infortunio di troppo, ha abbandonato a malincuore la sua moto da cross, per passare alle auto da slalom.

Lo slalom mi ha sempre affascinato, anche se prima di iniziare a correre ne ho visti pochi dal vivo, perché nei fine settimana ero impegnato nelle gare come pilota nel motocross”, afferma il pilota torinese che prosegue: “Se non mi era possibile assistere fisicamente sui tornati e nelle birillate, mi rifacevo guardando tutti i filmati possibili e immaginabili per capire i segreti del successo nelle gare di slalom”.

Che il portacolori di Winners Rally Team così riassume:

Gli slalom sono una specialità completa nella quale occorre tecnica di guida sopraffina, senso delle traiettorie e predisposizione a velocità elevate”. Attitudini che Andrea Grammatico scopre fin dalla sua prima esperienza, quando affronta la sua gara d’esordio fra i birilli, la classica Somano-Bossolasco del 2013 con una 127 Gruppo Speciale, conquistando subito la vittoria di classe. Ma si sa che l’appetito vien mangiando e la sete di velocità soddisfatto unicamente dall’andare sempre più forte, nel veder sfilare tornanti e birilli sempre più veloci e sempre più vicini alla carrozzeria e nel salire sempre più in alto nella classifica assoluta.

La 127 Gruppo Speciale andava forte e permetteva degli ottimi risultati, ma per essere più competitivo occorreva trovare qualcosa di meglio” ricorda ancora Andrea Grammatico. Che individua il suo successivo cavallo di battaglia nel Kalì Kart, una piccola formula agile e leggera con la quale si toglie numerose soddisfazioni, iniziando a diventare un inquilino stabile del podio della classifica generale, a cominciare dalla Romagnano-Azzago, in provincia di Verona, di inizio giungo del 2017 dove è terzo assoluto. Per conquistare due settimane dopo il gradino più alto del podio alla Susa-Moncenisio, che per un pilota torinese vale quanto un titolo mondiale. L’annata prosegue con ottimi risultati, cogliendo due secondi posti assoluti alla Bubbio-Cassinasco e alla successiva Garessio-San Bernardo. Auto vincente non si cambia e la stagione 2018 inizia con il Kalì Kart nel tradizionale appuntamento genovese del primo maggio della Mignanego-Giovi, e ancora una volta Andrea Grammatico è secondo; ma a giugno si ritorna sui tornanti della Susa-Moncenisio, curve nelle quali il torinese è insuperabile, bissando il successo dell’anno precedente. Prima di abbandonare il Kalì Kart l’alfiere di Winners Rally Team sale sul podio della Bubbio-Cassinasco ottenendo il terzo posto assoluto.

Gli amori finiscono, anche se non si dimenticano e il 2018 è l’anno buono per compiere il salto verso la Radical SR4, una biposto corsa (che in Inghilterra omologano anche per uso stradale) spinta da motori motociclistici (nel caso della Radical di Andrea Grammatico si tratta di un Suzuki Hayabusa) in grado di erogare potenze che raggiungono anche i 260 cavalli.

Una vera bomba.

Con la Radical non si lotta più per la classe, ma solo per l’assoluta” afferma convinto Andrea Grammatico e la sfida per l’assoluta nel 2019 lo vede costante protagonista con i tre secondi posti consecutivi alla Mignanego-Giovi, e alla Susa-Moncenisio e alla Bubbio-Cassinasco che chiude una primavera fantastica. Seguito dallo splendido successo fra le moderne alla Cesana-Sestriere di luglio, una cronoscalata classica fra le classiche, di dieci chilometri da percorrere tutti d’un fiato alla media di oltre 128 km/h che significa velocità di punta che superano i 200 all’ora, senza birilli di rallentamento e con dossi che sembrano far volare il cuore in cielo. Da quel momento Andrea Grammatico non abbandona più il gradino più alto del podio: primo assoluto alla Garessio San-Bernardo del settembre 2019, due settimane dopo ancora primo assoluto allo slalom Città d’Este (in provincia di Padova) che chiude la stagione. Poi la lunga pausa, che ha bloccato le gare per oltre sei mesi fino allo slalom Val di Sole Dimaro-Folgaria (in provincia di Trento) che vede ancora il portacolori di Winners Rally Team conquistare la vetta della classifica.

La Radical è una vettura fenomenale che mi ha regalato moltissime soddisfazioni. Ad esempio vincere uno slalom di Campionato Italiano come quello di Este, in provincia di Padova, è una soddisfazione indescrivibile. Purtroppo per motivi di lavoro non riesco a seguire un programma tricolore, ho un’officina da gestire e non posso permettermi di assentarmi per lungo tempo. Ma sapere di essere competitivo anche fra i big del campionato mi riempie di soddisfazione. Un altro risultato che mi riempito di orgoglio è il successo alla Garessio-San Bernardo del 2019, slalom in cui sono stato al comando dall’inizio alla fine, siglando il miglior tempo in tutte e tre le manche, sia sul fondo asciutto sia sotto la pioggia. Anche la recente gara trentina del 12 settembre scorso è stata molto bella, caratterizzata da un elenco partenti con i fiocchi. E quando si vince contro avversari di valore si ha più soddisfazione” afferma convinto Andrea Grammatico, spesso accompagnato sui campi di gara dalla fidanzata Giovanna, quando anche lei riesce a liberarsi dagli impegni di lavoro.

Come tutti gli sportivi Andrea Grammatico ha un sogno nel cassetto che spera di realizzare quanto prima. “Gareggiare nel campionato italiano e, soprattutto, passare alle corse in salita dove le velocità sono decisamente maggiori e le scariche di adrenalina in proporzione. Con la Radical SR4 non sarei competitivo per l’assoluta, troppo divario di potenza con le vetture di Formula 3000, ma sarebbe bello poter iniziare a confrontarsi”.

E poi chissà arrivare a una di quelle biposto corsa, che sprigionano potenze uguali a quelle delle Formula 1 di qualche decennio fa, che arrampicano le cronoscalate come missili. Nel frattempo, però, bisogna pensare al prossimo impegno, alla Mignanego-Giovi di sabato e domenica prossima, una gara che negli ultimi due anni ha regalato al portacolori di Winners Rally Team due secondi posti assoluti, ma mai una vittoria. La prossima sarà la volta buona?

 

Winners Rally Team naviga fra le isole: torna all’Isola d’Elba e approda nella Valle del Sosio

I mari di Toscana e Sicilia circondano le gare che nel prossimo fine settimana vedranno protagonisti tre equipaggi della scuderia torinese.

PORTOFERRAIO (LI) 6 ottobre – Sono passate appena tre settimane e le auto da rally tornano sull’isola d’Elba per affrontare il terzo e penultimo appuntamento del Campionato Italiano Rally WRC. Winners Rally Team sarà presente alla gara napoleonica con due equipaggi. Non poteva certo mancare al rally di casa l’isolano Francesco Bettini, affiancato da Luca Acri, che dopo aver conquistato il quinto posto assoluto e vinto la propria classe nello storico di settembre con una Porsche 911, affronterà le prove “moderne” dell’isola tirrenica con una Škoda Fabia R5 cercando di migliorare il sesto posto assoluto conquistato nel 2019. Ritorno in gara dopo il Rally di Alba per Nicolas Parolaro, che ha richiamato al suo fianco Silvia Mazzetti, con la quale aveva disputato la scorsa stagione, al via con la Ford Fiesta R1. Sia per Nicolas Parolaro, sia per Susanna Mazzetti questa è la prima esperienza al Rally Elba.

Percorrendo tutto il Mar Tirreno, Winners Rally Team arriva a Chiusa Sclafani, in provincia di Palermo, dove i colori della scuderia torinese saranno difesi da Antonino Pizzo e Saro Ciolino, all’esordio con la Clio RS di Classe N3, alla loro seconda esperienza nella Valle del Sosio, dopo l’ottimo risultato conquistato nella scorsa edizione quando chiusero 17esimi assoluti e primi di Classe N2 con la loro Peugeot 106 Rallye

Il 53° Rally Elba, valido per il Campionato Italiano Rally WRC, entrerà nel vivo venerdì 9 ottobre dalle ore 8.00 alle 13.00 con le verifiche tecniche presso il parco assistenza di Portoferraio, cui farà seguito lo Shake Down di 2,74 km sulla strada del Volterraio dalle ore 9.00 alle 14.00. La gara scatterà alle ore 17.00 di venerdì 9 ottobre da Portoferraio per affrontare immediatamente il passaggio sulle tre classiche prove di Volterraio-Cavo, lunga ben 27,07 km, quindi Nisportino-Cavo, 14,19 km e infine la Volterraio, 5,69 km, prima di tornare a Portoferraio per il riposo notturno. Sabato 10 ottobre seconda parte di gara con le altre tre classiche prove dell’isola napoleonica, ovvero la Due Mari, 22,43 km seguita dalla Lavacchio-San Piero di 14,22 km e la conclusiva Monte Perone di 9,26 km, prima di tornare a Portoferraio alle 16.30 per i saluti finali. Il 53° Rally Elba misura 317,32 km di cui 92,86 cronometrati suddivisi in sei prove speciali.

La tredicesima edizione del Rally Valle del Sosio ha il suo cuore pulsante a Chiusa Sclafani (PA), dove i concorrenti convergeranno sabato 10 ottobre per le verifiche tecniche dalle ore 8.00 alle ore 11.00 nel parco assistenza presso la vicina cittadina di Burgio. A seguire, dalle 11.30 alle 16.00, sui 2,7 km della SS 188 si svolgerà lo Shake Down che concluderà la giornata di aprrtura. Domenica 11 ottobre la gara scatterà alle ore 8.00 per concludersi alle 18.30 dopo il doppio passaggio sulle tre prove speciali (per un totale di 61,74 km cronometrati) su un percorso totale di 226,05 km.