La storia degli autocarri Opel. Tempi moderni: i furgoni diventano camion

Opel Lieferwagen System Darracq

RÜSSELSHEIM (Germania), 13 maggio. I pionieri dei veicoli per trasporti furono rapidamente seguiti da pratici furgoni per consegne: con il “System Darracq” (dal 1902), Opel aveva già progettato la disposizione del motore anteriore, del cambio, dell’albero di trasmissione e della trazione posteriore che è ancora oggi utilizzata. Su questa base, fino agli anni ’20 furono prodotti furgoni chiusi per consegne con carrozzerie dotate di insegne pubblicitarie, principalmente come unità singole su specifiche del cliente. Nel 1924, Opel fu il primo produttore tedesco ad iniziare la produzione con catena di montaggio – si entrava nell’era moderna con nuovi modelli da 4 CV di Rüsselsheim. Tra il maggio 1924 e il giugno 1931 furono prodotte in totale 119.484 unità del leggendario “Laubfrosch” (Raganella). Forse il primo veicolo commerciale veramente leggero secondo i concetti moderni fu l’Opel “Dienstwagen” (auto aziendale) prodotto nel 1931. Il furgone con capacità di carico di 500 chilogrammi ebbe un enorme successo nella sua classe e raggiunse una quota di mercato dell’80%. Opel costruì 22.000 unità della “Dienstwagen” da 23 CV. Un altro successo fu l’Opel Blitz “Eintonner” del 1934, sia come piattaforma per allestimenti che come furgone. Il piccolo Blitz rappresentava la variante del modello entry-level del famoso camion della Opel.