MARCEL PORLIOD AL VIA DEL CIR JUNIOR

Per il giovane alfiere della Sport Forever una opportunità da cogliere al volo. Foto Magnano

Non vede l’ora di iniziare Marcel Porliod. La stagione 2021 potrebbe davvero significare per il giovane valdostano il punto di partenza per la definitiva consacrazione. Il Campionato Junior legato al Cir è senza dubbio una vetrina importante e per Marcel una opportunità che non poteva lasciarsi sfuggire. “E’ iniziato tutto lo scorso anno quando ho ricevuto l’invito da parte di Aci team Italia a valutare un mio impegno in una serie fra le più ideali per potersi mettere in luce e raggiungere una maturità importante. La situazione che si è creata a causa della pandemia ha fatto che si che tutto venisse rinviato a questa stagione”.  Una opportunità molto gratificante sotto l’aspetto professionale. “Direi proprio di si. Anche sotto l’aspetto economico è senza dubbio una soluzione valida. Tieni presente che hai la possibilità di misurarti con i migliori della specialità in un contesto di altissimo livello. Quella messa in campo da Aci Team Italia in collaborazione con Pirelli è senza dubbio una bella iniziativa che da la possibilità a molti giovani di mettersi in luce con un bugget non sproporzionato”. Tu hai già avuto modo di effettuare dei test con la vettura.?. “Si. Proprio in questi giorni abbiamo avuto l’opportunità di provare la Fiesta R4 in occasione dei test organizzati dalla Motorsport Italia, una struttura molto professionale che mi ha subito messo a mio agio. La Fiesta  l’avevamo già usata lo scorso anno al Lanterna e a Como. Devo dire che la vettura mi è subito piaciuta molto. Veloce, divertente, sono soddisfatto”. Ad affiancarti anche in questa stagione ci sarà Andrè Perrin. “Si con Andrè mi trovo molto bene, siamo molto complementari e tu sai quanto sia importante l’affiatamento in macchina”. La tua stagione è seguita dalla Sport Forever e dalla Meteco. “La Sport Forever è’ una piccola realtà ma capace di esprimere una grande professionalità oltre che una passione smisurata. La Meteco è un team con grandi potenzialità. Entrambi sono sono strutture importanti che mi stanno aiutando molto.” Una stagione dove  gioco forza sarà importante far combaciare gli impegni sportivi con quelli di lavoro. “Ho la fortuna di lavorare nell’azienda di famiglia e per questo li devo ringraziare perchè quando devo assentarmi per gli impegni rallistici sono loro che pensano a mandare avanti l’attività”.