Moscato Rally, gli iscritti al Campionato Piemonte Valle d’Aosta Rallies sfoderano i grandi numeri, monopolizzano entrambi i podi e fanno poker

Podio delle moderne e delle astoriche monopolizzato dagli iscritti al Campionato che grazie ai nuovi iscritti nel paese natale di Cesare Pavese arrivano a quota 291. Marco Strata-Ylenia Garbero fra le moderne e Daniele Ferron-Matteo Noro fra le storiche salgono sul gradino più alto del podio, ma a fare gran bottino di punti sono Emanuele Morganti, Michele Trimigno, Andrea Castagna e Nicolò Cottellero. Foto Elio Magnano, Stefano Romeo, Valter Toso e Tommaso Valinotti

1_gino_dsc 105 (Custom)SANTO STEFANO BELBO (CN) – Continua il successo dei concorrenti iscritti al Campionato Piemonte Valle d’Aosta Rallies (che hanno raggiunto quota 291), protagonisti nelle varie classifiche anche al Moscato Rally che si è disputato a Santo Stefano Belbo, sabato 27 e domenica 28 giugno. L’intero podio è stato conquistato dagli equipaggi con i “bolloni” a cominciare dai vincitori della gara Marco Strata-Ylenia Garbero, Mitsubishi Lancer EVO, che superano sul traguardo la Mini WRC di Alessandro Gino-Marco Ravera, e Gianfranco Vedelago-Dario Araldo, con la seconda Mitsubishi Lancer R4. Ma non basta in quarta posizione si classificano Massimo Marasso-Marco Canuto, con la Fiesta R5, che completa così il poker dei protagonisti del Campionato Piemonte Valle d’Aosta Rallies in cima alla classifica assoluta della gara della Valle Belbo; e non basta: piazzano anche il pilota Luca Arione, Clio S1600 in quinta posizione ed il navigatore Gian Paolo Francalanci, settimo Mitsubishi Lancer Evo di Classe N4, fra i primi dieci.

10_Strata_N30_7900 (Custom)Il successo di Strata-Garbero è il sesto stagionale dei portacolori del campionato che vantano le vittorie di Omar Bergo-Alberto Brusati alla Ronde Lana di inizio stagione, quindi gli stessi Strata-Garbero al Colli del Monferrato, poi Gianfranco Vedelago e Corrado Courthoud si sono imposti al Ronde del Canavese. Davide Caffoni e Massimo Minazzi hanno fatto loro il Rally Due Laghi, con l’ossolano che fa sua la gara di casa, il Rally Valli Ossolane, questa volta in compagnia di Mauro Grossi

11_Vedelago_2SR_9509 (Custom)Per quanto risultato in gara, en plein in Classe R4 con Marco Strata-Ylenia Garbero che precedono Gianfranco Vedelago-Dario Araldo. Nelle varie classi successo dell’intero equipaggio in S2000 con Alessandro Gino-Marco Ravera (Mini WRC), in Classe N2 di Andrea Castagna e Sara Farinella (Peugeot 106 S16) ed in R5 con Massimo Marasso-Marco Canuto (Fiesta), ed ancora in Racing Start 2000 per Claudio Pistone ed il giovane Riccardo Barbero (Peugeot 306) per concludere con Maurizio Valfré-Dario Barbin (Mini Cooper S) nella Racing Start Turbo. In S1600 successo del pilota Luca Arione (Clio), ed in R3T di Danilo Baravalle (Peugeot 207 RC) mentre in Classe N4 a prevalere è il navigatore Gian Paolo Francalanci (Mitsubishi Lancer). Le Classi più numerose sono state la Classe A5 con 5 piloti e 4 navigatori, nella hanno fatto bottino pieno Emanuele Morganti e Michele Trimigno; grande messe di punti fra i piloti di Classe N2 con Andrea Castagna che raccoglie ben 15 punti come il navigatore Nicolò Cottellero primo fra gli iscritti in Classe A7.

127_Ferron_DSC_2612 (Custom)Fra le storiche dominio assoluto dei paladini del Campionato Piemonte Valle d’Aosta Rallies-Trofeo Automotoracing. Anche in questo caso il podio è interamente occupato dai “bolloni” del campionato con funambolici Under 23 Daniele Ferron-Matteo Noro (Opel Kadett GT/E) sul gradino più alto davanti a Roberto e Monica Mosso (Opel Ascona 400) e Leo Argentieri-Ilario Pellegrino (BMW 2002 Tii) che fanno loro il Secondo Raggruppamento

Questi risultati sono stati possibili grazie al fatto che al Moscato Rally erano ben 71 i protagonisti del Campionato, ovvero 62 (32 piloti e 30 navigatori) fra le moderne e 9 (sei piloti e tre navigatori fra le storiche).

I protagonisti del CPVDAO al Moscato visti da Stefano Romeo

I protagonisti del CPVDAO al Moscato visti da Walter Toso

I protagonisti del CPVDAO al Moscato visti da Tommaso M. Valinotti