Motori accesi con lo shakedown del Rally Alpi Orientali Historic

Il test cronometrato per le vetture dello storico si è tenuto dalle 17 alle 18. Domani lo start ufficiale da Cividale del Friuli della venticinquesima edizione della gara friulana.

Fase di riscaldamento per qualche protagonista del 25°Rally Alpi Orientali Historic per lo shakedown in località Cialla, lo stesso delle vetture moderne del 56.Rally del Friuli Venezia Giulia che scatterà alle 20.00 di questa sera. Per le vetture del rally storico bisognerà attendere ancora la giornata di domani per poi vederli in azione in sei prove la domenica 22 agosto. 

Sullo shakedown sono passate le Porsche 911 di Negri – Coppa, Pasutti – Campeis e Guerra- Ratnayake, la Giulia Gtam dell’ungherese Magoss e la Peugeot 309 di Zavagno-Mirolo. La corsa vera e propria del rally storico si disputerà tutta nella giornata di domenica 22, con sei prove speciali su tre diversi tratti cronometrati “Mersino” (20,93km), “Trivio-Prepotto” (14,83km) e “Drenchia” (13,31km).

Centro nevralgico del rally storico sarà tutto a San Pietro al Natisone si svolgeranno le verifiche tecniche dalle ore 9.30 alle ore 13.30, preludio alla partenza ufficiale della gara che si svolgerà a Cividale del Friuli alle ore 16.30 di sera per tornare quindi a San Pietro al Natisone per il riposo notturno. I cronometri inizieranno a correre domenica 22 agosto alle ore 8.15 per portare i concorrenti ad affrontare il triplo passaggio sulle speciali Mersino (20,93 km), Trivio (14,83 km) e Drenchia (13,31 km) che porteranno a un totale di 98,14 km cronometrati all’interno di un percorso di 245,03 km, al termine dei quali i piloti saliranno sulla pedana di arrivo di Cividale del Friuli alle ore 16.33.